JIHADISTI: IL DOSSIER DEGLI 007

UCCISO IL KILLER DI STRASBURGO
MA IN EUROPA SONO 100MILA I SORVEGLIATI
PER ESTREMISMO ISLAMICO RADICALE.
DAI SERVIZI SEGRETI ALLARME LUPI SOLITARI:
“TERRORISTI PIU’ PER ODIO CHE PER ALLAH”

___di Fabio Giuseppe Carlo Carisio ___

Il killer di Strasburgo è stato ucciso dalla Polizia ma la strage da lui compiuta, con due vittime sul colpo e tre decedute in ospedale, riporta tremendamente di attualità il pericolo degli islamici radicali in Europa perchè i sorvegliati speciali come Cherif Chekatt sono un vero e proprio esercito che si può stimare in 100mila uomini (Turchia e Russia escluse) che risulta pertanto impossibile da monitorare quotidianamente per le forze dell’ordine, basti pensare che nella sola città alsaziana dell’attentato sono ben 400, come evidenziato dal vicesindaco Robert Hermann. Ma soprattutto diventano difficili da contenere perché il confine tra integralismo radicale, manifestato solo con pratiche religiose e rigorosa adesione alla sharia, ed estremismo terrorista è assai nebuloso e non facile da delineare finchè non viene oltrepassato con un gesto violento. Il fenomeno è così confuso e sfugge ad un reale controllo che gli stessi numeri che ne sanciscono l’entità e gravità sono aleatori: basti pensare che nelle statistiche sul sito del Ministero dell’Interno esistono riferimenti a dati sulle espulsioni per terrorismo in Italia (nel 2016 e 2017) ma non sul numero dei musulmani attenzionati. Da alcune stime nei paesi europei più colpiti da attentati, ovvero Francia, Germania, Gran Bretagna e Belgio, risulterebbe di circa 75mila persone monitorate per sospetti di fanatismo religioso, ovvero più del doppio dei 30mila risultanti da un’analisi ufficiale del Parlamento Europeo. Inoltre, come emerge dall’allarmato rapporto dei servizi segreti italiani dell’Aisi, il profilo del jihadista millenials è sempre più quello di un lupo solitario che agisce senza grandi mezzi e premeditazioni istigato dall’odio verso l’occidente e gli “infedeli” più per vendetta sociale che per indottrinamento religioso: una figura esattamente analoga a quella dell’attentatore di Strasburgo. Un fenomeno che a detta degli 007 diviene così «multiforme, atomizzato e sfuggente».

UCCISO L’ATTENTATORE, ISIS RIVENDICA LA STRAGE

Il “wanted” diffuso dalla Gendarmerie francese mentre dava la caccia all’attentatore

Il ministro dell’Interno francese Christophe Castaner è giunto al mercatino di Natale nel centro storico di Strasburgo, riaperto  dopo la strage di martedì sera. Imponente lo schieramento delle forze dell’ordine, moltissimi i turisti. Fra i presenti la reazione più diffusa è di “grande sollievo” dopo la cattura e l’uccisione del killer Cherif Chekatt, francese di etnia magrebina e orientamento musulmano salafita, in un blitz della Polizia. “Grazie a voi”, ha ribadito Castaner rivolgendosi alle forze di sicurezza. La caccia all’uomo è durata 48 ore. Poi, a qualche centinaia di metri dal luogo in cui fece perdere le sue tracce dopo aver fatto strage al mercato di Natale, Cherif Chekatt è stato localizzato e ‘neutralizzato’. La fuga del terrorista è finita a rue Lazaret, dove i passanti, dietro le transenne, applaudono – a più riprese e lungamente – i poliziotti impegnati nel blitz decisivo. Neppure un’ora dopo la sua morte l’Amaq, l’agenzia dello stato Islamico, ha battuto la rivendicazione dell’Isis: “Chekatt era un nostro soldato” ed ha “portato avanti l’operazione per vendicare i civili uccisi dalla coalizione internazionale”.

I DATI AMBIGUI E ALLARMANTI SUI GUERRIERI DI ALLAH

La bandiera di Ansar al-Sharia, un gruppo terroristico tunisino tra i più vicini all’Isis, sequestrata nei mesi scorsi dalla Polizia di Roma durante le indagini su islamisti radicali

«Ho appena comunicato all’Aula di Strasburgo che le competenti autorità francesi hanno ufficialmente reso noto che il terrorista ricercato, già da loro individuato, era schedato con la ‘fiche’ che caratterizzava i terroristi islamici – ha dichiarato l’europarlamentare Mario Borghezio della Lega – Nel mio intervento ho richiamato la Commissione Europea, facendo seguito al mio intervento di poche ore fa sul terrorismo, a emanare finalmente un quadro completo e severo di misure atte a stroncare il terrorismo islamista che può contare, come affermato dalla Relazione sul Terrorismo, sulla presenza di in Europa di 30.000 “guerrieri di Allah” che ci minacciano nelle nostre città anche nelle celebrazioni delle feste di Natale». Borghezio non fa riferimento alla data di aggiornamento della relazione che pare ormai desueta posto che l’agenzia di stampa Reuters, citando fonti del Ministero dell’Interno francese, ha riferito di 26mila sorvegliati speciali come Cherif nella sola Francia, di cui 10mila radicalizzati in carcere. Un numero che da solo confuta quelli europei poiché è impensabile che siano solo 4mila negli altri stati. Ed infatti altri media riferiscono dati altrettanto allarmanti per il Regno Unito dove l’intelligence MI6 ha identificato 25 mila estremisti islamici residenti in Gran Bretagna come potenziali terroristi. A costoro vanno ad aggiungersi altri criminali ricertati dalla Nca (National Crime Agency) che stanno seminando il terrore in nome di Allah: orde di stupratori seriali pakistani, 151 sospetti finora, interpretando in modo anacronistico la concessione a ridurre in schiavitù le donne infedeli (Sura 24 del Corano), hanno commesso più di 1500 violenze sessuali su minorenne in quanto considerate “impure” e perciò indegne di qualsivoglia rispetto. Va inoltre rilevato che mentre la Francia fa registrare 26mila islamisti radicali attenzionati dalla Polizia con 5,7 milioni di musulmani, perlopiù sunniti, pari al 9 % della popolazione, le statistiche britanniche denunciano una presenza di musulmani integralisti e pericolosi numericamente analoga pur in presenza di un numero decisamente più basso di devoti all’Islam: ovvero 3,1 milioni.

IN BELGIO UN ESTREMISTA A RISCHIO OGNI 2 POLIZIOTTI

In Belgio, la lista dei musulmani schedatei dai servizi antiterrorismo è in notevole aumento passando da 1.875 sospetti nel 2010 a 18.884 nel 2017. A Molenbeek, noto nido jihadista di Bruxelles, la capitale dell’Unione Europea, i servizi di intelligence tengono sotto sorveglianza 6.168 islamisti. Ma è un altro dato a far comprendere la vastità e pericolosità del fenomeno sempre più difficile da monitorare: ci sono 18.884 jihadisti belgi rispetto a 30.174 soldati belgi in servizio attivo. Un incremento dei soggetti radicalizzati si è registrato anche in Germania dove il numero dei potenziali jihadisti è esploso da 3.800 nel 2011 a 10 mila, secondo Hans-Georg Maassen, direttore dell’Ufficio per la protezione della Costituzione (l’agenzia di intelligence interna della Germania).

I NUMERI SCONOSCIUTI IN ITALIA E L’ALLARME DEGLI 007

Nel 2017 impennata nelle espulsioni di estremisti islamici

Se è possibile sapere quanti sono gli estremisti sorvegliati nei paesi europei più colpiti dagli attentati, con 372 morti tra il 2015 ed il 2017, non è dato conoscere il numero degli integralisti radicali a rischio in Italia. Si può quindi soltanto ipotizzare una stima in relazione ai circa 2,5 milioni di musulmani residenti ed alla incidenza del fenomeno in Germania, dove gli islamici sono pochi di più (circa 3milioni) e con una minore percentuale di fondamentalisti rispetto a Regno Unito e Francia, società mutietniche per tradizione coloniale. Ecco quindi che se ipotizziamo 7-8mila radicalizzati anche in Italia e percentuali simili in Spagna e negli altri paesi – tra cui Bosnia e Kossovo si evidenziano per la presenza di estremisti di etnia slava e non araba – non si fatica a raggiungere la cifra complessiva di 100mila musulmani integralisti e quindi potenziali jihadisti, senza considerare quelli residenti in Turchia e Russia europea dove abita il maggior numero di devoti ad Allah del Vecchio Continente. Di certo si sa soltanto che la Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione (ex Ucigos) sotto il coordinamento del Casa (Comitato di Analisi Strategica Antiterrorismo) lavora in stretta sinergia con i servizi segreti italiani dell’Aisi (Agenzia informazioni e sicurezza interna, ex Sisde) e sta effettuando ripetute operazioni investigative preventive che hanno portato all’espulsione di Imam o islamisti radicali impegnati a fare proselitismo. Nel 2017 sono state ben 105 gli immigrati colpiti da un decreto di espulsione perché sospettati di terrorismo di matrice musulmana, quasi il doppio rispetto a 2015 e 2016. « I dati delle persone espulse o arrestate nel 2017, in conseguenza di un’attività intensa e sinergica di Servizi e Forze di polizia sul versante del controterrorismo, rappresentano solo l’“epifenomeno” di una minaccia che si presenta come multiforme, atomizzata e sfuggente. E che chiama il nostro dispositivo di prevenzione, a partire proprio dall’intelligence, ad uno sforzo, ad una costanza di impegno e ad una flessibilità operativa e di metodo senza precedenti – ad ammettere queste difficoltà sono gli stessi vertici dell’Aisi nel capitolo “Terrorismo jihadista” della loro Relazione sulla Politica dell’Informazione per la Sicurezza 2017 al Parlamento Italiano (testo integrale nelle fonti a fondo pagina) – La sfida principale è allora quella di intercettare processi di radicalizzazione individuali prima che suggestioni attinte dal web e altre forme di influenza o di etero-direzione possano agire da innesco per il passaggio ad opzioni offensive».

IL FRONTE SLAVO ACCANTO A QUELLO ARABO

Lo stemma dell’Aisi

«Si tratta di un campo d’azione vastissimo considerando non solo la transnazionalità del fenomeno, ma anche l’ampiezza dei contatti e il dinamismo dei soggetti di diversa nazionalità, collocazione geografica, condizione e rango nelle “gerarchie” jihadiste – rileva ancora l’Aisi – In questa cornice si collocano i 105 provvedimenti di espulsione adottati nel 2017 nei confronti di altrettanti stranieri, per la maggior parte nordafricani, tra i quali si citano in particolare, perché per certi versi emblematici delle diverse declinazioni del fenomeno in ambito nazionale: un imam radicale marocchino che a Perugia istigava i fedeli contro i non musulmani; una cittadina egiziana radicalizzata on-line intenzionata a raggiungere il quadrante siro-iracheno per sostenere DAESH; un algerino già espulso dal Belgio giunto fortunosamente sulle coste della Sardegna; infine, un detenuto kosovaro impegnato in attività di proselitismo radicale. Allo stesso modo, significativi ed illustrativi della connotazione composita della presenza dell’Islam radicale nel nostro Paese risultano alcuni arresti eseguiti nel corso dell’anno: il 30 marzo, a Venezia, di tre giovani kosovari regolarmente residenti in Italia, i quali manifestavano il proposito di colpire il Ponte del Rialto; il 5 luglio a Foggia, nell’ambito dell’Operazione Caucaso Connection, di un russo-ceceno – veterano del teatro siriano, custode e saltuariamente anche imam del locale centro di aggregazione – per attività di istigazione al jihad armato e proselitismo nei confronti di giovani frequentatori albanesi e, in precedenza, tunisini, nonché verso la moglie connazionale; il 7 ottobre a Ferrara, di un tunisino, fratello dell’autore dell’omicidio di due donne a Marsiglia il 1° ottobre e a sua volta con trascorsi nel nostro Paese; il 19 dicembre a Genova, ove era già detenuto per lesioni e maltrattamenti nei confronti dell’ex compagna, di un cittadino marocchino ritenuto un militante di DAESH; il 23 dicembre a Milano-Malpensa, di un’italo-marocchina – espulsa dalla Turchia – che, in marzo, era partita dalla Francia (insieme ai tre figli minori) per raggiungere in Siria un combattente con il quale aveva intrattenuto rapporti via chat. Quest’ultimo caso rientra nel fenomeno delle cosiddette spose jihadiste, fenomeno cui viene dedicata particolare attenzione informativa per le implicazioni di sicurezza, specie se associato alla presenza di bambini». Sempre nel 2017 l’allora Ucigos della Polizia di Stato (ora Dcpp) mise a segno un importante colpo con l’operazione Mosaico che consentì l’arresto dei cinque componenti della rete di collegamenti creata dal giovane tunisino Anis Amri, ritenuto l’autore della strage dei mercatini di Natale del dicembre 2016 e ucciso durante un conflitto a fuoco con i poliziotti di una Squadra Volante.

I LUPI SOLITARI PIU’ PERICOLOSI DELLE CELLULE DORMIENTI

Anis Amri, l’attentatore tunisino della strage di Berlino del 2016

Se la transazione verso il terzo millennio sul fronte della lotta al terrorismo islamico si aprì con l’attenzione alle cellule dormienti, ovvero integralisti islamici perfettamente integrati nei tessuti sociali dei paesi di residenza ma pronti all’azione a comando come nel caso dell’olocausto dellle Twin Towers dell’11 settembre 2001, ormai da qualche anno l’attenzione degli investigatori si è spostata sui singoli individui. «Gli attentati di matrice jihadista effettuati nel 2017 hanno confermato l’elevato livello della minaccia in direzione dell’Europa – evidenziano gli 007 dell’Aisi – Numerosi Paesi sono stati colpiti in stretta successione da attacchi contro obiettivi civili ed istituzionali, che hanno mostrato quanto insidiosi fossero i reiterati appelli all’azione rivolti a “lupi solitari” e simpatizzanti di varia estrazione. Nella quasi totalità dei casi, infatti, le azioni sono state condotte da self-starters che hanno operato con modalità (veicoli lanciati contro pedoni inermi, assalti con armi bianche e da fuoco, deflagrazioni di ordigni esplosivi artigianali) capaci di coniugare imprevedibilità ed economicità, facilità di esecuzione e alta probabilità di successo». Per questi motivi l’allarme dell’intelligence resta altissima: «Per l’Italia la minaccia terroristica resta attuale e concreta, non solo in ragione del ruolo di rilievo che il nostro Paese da sempre occupa nell’immaginario e nella narrativa jihadista, ma anche per la presenza sul territorio nazionale di soggetti radicalizzati o comunque esposti a processi di radicalizzazione. Decisamente emblematici della forza persuasiva della propaganda jihadista, in grado di innescare derive violente in persone apparentemente integrate ma in realtà preda di instabilità emotiva e dissociazione identitaria o religiosa, due casi in particolare: quello dell’italo-marocchino membro del commando responsabile degli attacchi di Londra del 3 giugno (il quale si spostava frequentemente tra il Marocco e il Regno Unito con saltuari viaggi nel nostro Paese, dove vive la madre italiana); quello dell’italo-tunisino artefice, il 18 maggio, di un’aggressione armata ai danni di un poliziotto alla Stazione Centrale di Milano. Il profilo dei due attentatori mostra alcuni tratti comuni: giovane età, condizione di naturalizzato, difficile vissuto familiare».

DAGLI ISLAMONAUTI DEL WEB AI RADICALIZZATI IN CARCERE

«Il nostro Paese è investito dall’attività propagandistica ostile di DAESH, organizzazione che appare determinata ad alimentare il fenomeno della radicalizzazione on-line anche in Italia, ricorrendo in molti casi alla divulgazione di messaggi tradotti o sottotitolati nella nostra lingua – si legge nella relazione dell’Aisi – Una pressione di natura istigatoria, questa, che ha continuato a coniugarsicon l’attivismo di “islamonauti” italofoni e di italiani radicalizzati impegnati a diversi livelli: dal proselitismo di base a più significativi contatti con omologhi e militanti attivi all’estero, compresi foreign fighters e soggetti espulsi dall’Italia per motivi di sicurezza. Risultanze dell’attività informativa, sviluppi investigativi, provvedimenti di espulsione ed arresti concorrono a delineare i tratti di una realtà radicalizzata etnicamente e geograficamente trasversale. Essa trova alimento, oltre che negli ambienti virtuali del web e nel contesto di circuiti parentali/relazionali di difficile penetrazione, anche in centri di aggregazione – grazie all’ascendente di alcuni imam di orientamento estremista, itineranti ostanziali, capaci di stimolare pulsioni anti-occidentali – e negli istituti carcerari, fertile terreno di coltura per il “virus” jihadista, diffuso da estremisti in stato di detenzione». Quindi a far paura non sono soltanto le oltre cento moschee italiani, luoghi di radicalizzazione per antonomasia, ma molteplici altri luoghi come nel caso di Cherif: a differenza del fratello non frequentava il luogo di culto salafita ma fomeentato dalla conversione all’estremismo in carcere è passato all’azione violenta all’improvviso.

JIHADISTI PER VENDETTA SOCIALE PIU’ CHE PER IL CORANO

«Il recepimento del messaggio jihadista di giovani europei, principalmente musulmani di seconda e terza generazione, ma anche di giovani convertiti e immigrati qui residenti, non rappresenta una novità, ma i caratteri specifici delle nuove modalità di assunzione certamente sì» scrive l’analista di fenomeni terroristici Andrea Sperini sull’ultimo numero di Gnosis, la rivista ufficiale dell’Aisi, in un articolo dal titolo ”Manifestazioni del Jihad in Europa: contenuti e rimodulazione dei caratteri in chiave antisistema”. «Islamic State e la sua propaganda, attraverso la chiave di lettura dell’esaltazione dell’individuo, hanno in qualche modo dato il via a un processo di adesione ‘qualunquista’, rendendo l’esperienza del jihad accessibile a tutti e definendo tale pratica come un modello vincente di opposizione, prima che come religioso esercizio del ‘dovere dimenticato’, come lo definiva Sayyd Qutb1 reinterpretando la dottrina dello ‘sforzo’ in chiave moderna – spiega lo studioso che analizzando i più recenti attentati traccia l’identikit dei nuovi terroristi millenials – I giovani autori, nella quasi totalità dei casi, non presentavano un profilo da jihadista ‘strutturato’ e hanno intrapreso un processo di radicalizzazione particolarmente veloce, che pone seri dubbi sulla reale portata ideologica e sulla possibilità di definirlo come un percorso introspettivo, consapevole e indotto dai canoni dottrinari della lotta armata nel nome di Dio. Ciò che però è di tutta evidenza è che il fattore generazionale, unitamente a uno spiccato individualismo, risulta essere l’elemento ricorrente di questa ondata di violenza jihadista; detti aspetti delineano le figure dei giovani terroristi ‘made in Europe’, la cui azione è caratterizzata da un atteggiamento irriverente e violento, testimonianza di una rivolta comportamentale e generazionale»

A giudizio di Sperini «appare evidente come l’elemento fondante di queste dinamiche sia rappresentato da una netta scollatura identitaria tra l’individuo e il sistema sociale nel quale vive. È proprio da questa divergenza sociale che occorre partire per comprendere che l’azione violenta dei terroristi europei, pur veicolata attraverso il proclama del jihad, sembra essere sempre più priva di significati religiosi, realmente e coscientemente interiorizzati, e sempre maggiormente riferibile a un ben più complesso atteggiamento antisistema». Un movente generico che «non fa altro che elevare il grado di rischio di queste manifestazioni violente; infatti, la non esclusività dell’azione terroristica, prima riservata a chi avesse assunto intenzionalmente e ‘seriamente’ quei caratteri individuali propri del ‘vero jihad’, non fa altro che offrire un’opportunità di adesione e azione a chi, per una moltitudine di motivi, pur non introdotto nel contesto dell’estremismo, intenda veicolare il proprio odio verso il sistema socio-culturale di cui è in qualche modo parte».

I FINANZIAMENTI AI GIOVANI JIHADISTI

Non ha tutti i torti Papa Francesco I quando asserisce che l’affiliazione alle organizzazioni terroristiche della Jihad (dall’Isis ad Al Nusra, erede di Al Qaeda) rappresentano una seria opportunità di lavoro per le popolazioni arabe di quelle nazioni mediorientali stremate dalle guerre, dall’esasperato sfruttamento ancora in essere soprattutto nei territori coloniali francesi e quindi dalla povertà e dalla fame. E ciò che vale per il Medioriente, come evidenziato in un precedente articolo sui premi per i jihadisti (vedi link fondo pagina), vale in minor misura anche in Europa dove i migliori giovani estremisti vengono esportati con viaggi gratis di ricompensa al loro impegno in guerra e dove vengono aiutati da finanziamenti vari come evidenziato sempre dall’Aisi: «L’attività condotta su questo versante specifico ha continuato ad evidenziare, nel caso dei gruppi jihadisti, la riconducibilità frequente dei flussi destinati a sostenerne l’operatività a donazioni private. Come pure ad associazioni caritatevoli che, nei Paesi caratterizzati da pronunciata instabilità socio-economica, affiancano alle iniziative di natura benefica, di sostegno alle popolazioni locali, attività di finanziamento, reclutamento e supporto logistico alle organizzazioni terroristiche, delle quali sono talora diretta emanazione». E’ forse un caso che tutti i migranti, nella stragrande maggioranza di religione musulmana, hanno carte telefoniche Lycamobile, operatore di telefonia virtuale di proprietà di un anglo-cingalese islamico che finanzia anche Muslim Aid, una delle fondazioni umanitarie islamiche più attive nel mondo e spesso finita al centro di inchieste per correlazioni con organizzazioni terroristiche? Leggete il precedente articolo sull’argomento per capirlo…

Fabio Giuseppe Carlo Carisio
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione

IL KIT PER TERRORISTI FANTASMA

I PREMI AI COMBATTENTI ISIS

FRANCIA: CULLA DI JIHADISTI

FONTI

LA RELAZIONE AISI 2017 SUL TERROSIMO

Borghezio: in Europa di 30.000 ‘guerrieri di Allah’ che ci minacciano

L’esercito di 75mila estremisti islamici nel cuore d’Europa

http://gnosis.aisi.gov.it/Gnosis/Rivista57.nsf/ServNavig/57-27.pdf/$File/57-27.pdf?openElement

FRANCIA: CULLA DI JIHADISTI

Lascia un commento