BIMBI IN CARCERE SOLO PERCHE’ FIGLI DI JIHADISTI

Pubblicità
Pubblicità
1.012 Views

STRAORDINARIA INIZIATIVA UMANITARIA
DELLA RUSSIA DI VLADIMIR PUTIN:
LIBERATI DALLE PRIGIONI IRACHENE
I PRIMI TRENTA FANCIULLI DETENUTI

Ennesimo impegno umanitario della Russia di Vladimir Putin che cerca di porre rimedio ai danni collaterali procurati dai giovani ”foreign – fighters” russi. Sono gli abitanti che provengono principalmente da quelle repubbliche dove il fondamentalismo islamico è molto diffuso come Cecenia e Daghestan e che decisero di arruolarsi nelle fila dell’Isis in Iraq e in Siria per combattere a favore dello Stato Islamico portando però con sè i propri figli. Catturati dagli eserciti regolari di tali nazioni durante il conflitto sono stati incarcerati con i bambini più piccoli che ancora sono detenuti in gran numero nelle prigioni irachene. Ora il governo di Mosca si sta adoperando per liberare i fanciulli e portarli ai parenti residenti in Russia anche grazie all’aiuto della televisione Russia Today che ha lanciato una campagna con ripetuti appelli, soprattutto per facilitare il riconoscimento di quei bambini rimasti orfani a causa dell’uccisione dei genitori durante i combattimenti. Hanno vissuto la loro infanzia quali innocenti spettatori del teatro dell’orrore e alcuni si sono trovati pure nella drammatica condizione di non saper parlare né la lingua madre né quella del luogo. L’operazione ha potuto andare in porto anche al precedente lavoro diplomatico del Ministero degli Esteri russo che aveva ottenuto il trasferimento di 25 connazionali jihadiste coi loro figli dal carcere militare di Mosul a quello internazionale di Baghdad (vedi link a fondo pagina). Ecco il commovente reportage integrale nell’articolo di RT tradotto da Gospa News.
Fabio Giuseppe Carlo Carisio

 


TRENTA BAMBINI DA BAGHDAD A MOSCA
AIUTI UMANITARI PER CHI RESTA IN CARCERE

Ecco il momento dell’imbarco dei figli dei jihadisti russi liberati da carceri e orfanotrofi iracheni

Un aereo che trasportava 30 bambini russi, alcuni di appena tre anni, che erano detenuti in una prigione di Baghdad insieme alle loro madri legate allo stato islamico, è sbarcato a Mosca. Volando da Baghdad a Mosca c’erano 16 ragazze e 14 fanciulli, che ora sono sottoposti a controlli medici presso il Centro per la salute dei bambini di Mosca. Ventiquattro di questi bambini provengono dalla Repubblica del Daghestan e tre dalla Repubblica Cecena, come ha scritto il leader ceceno Ramzan Kadyrov sul suo canale di Telegram. Gli altri tre minori provengono dalla regione di Penza e da Mosca. L’operazione di alto profilo umanitario è una svolta nella drammatica storia dei bambini di cittadini russi che si sono recati in Iraq e in Siria per entrare nei ranghi dei terroristi dello Stato Islamico (IS, ex ISIS / ISIL). RT ha innanzitutto messo il caso sotto i riflettori avviando la campagna Bring The Home, che ha aiutato i parenti dei bambini tenuti in un orfanotrofio a Baghdad a riconoscerli dalle riprese e poi a consegnarli in sicurezza alle loro case.

ALTRI 120 BAMBINI RUSSI ANCORA IN CARCERE

Anna Kuznetsova, il difensore civico russo per i diritti umani dei bambini che ha gestito tutte le operazioni diplomatiche e logistiche per il rimpatrio dei bambini russi

Oltre 120 bambini di questo tipo sono ancora tenuti in una prigione irachena con le loro madri e farli uscire non è un compito facile. Ci sono voluti gli sforzi di diversi ministeri, tra cui il ministero degli Esteri russo e una commissione speciale supervisionata dal difensore civico per i diritti dei bambini, Anna Kuznetsova, per risolvere l’impasse e trovare i mezzi legali per riunire i minori con i loro parenti in Russia, con l’aiuto degli iracheni autorità. Kuznetsova è volato a Bagdad con medici, ufficiali di emergenza e psicologi per incontrare il primo gruppo di bambini, di età compresa tra tre e 15 anni. Ha dato a ciascuno un giocattolo e li ha accompagnati nel loro volo per Mosca. Il difensore civico aveva già incontrato il primo ministro iracheno Adel Abdul-Mahdi e lo ha ringraziato per aver contribuito a organizzare l’operazione. «La prima operazione di rimpatrio dei bambini da una prigione di Baghdad. I primi 30 bambini» ha scritto Kuznetsova sulla sua pagina Vkontakte, prima della missione. L’aereo ha anche portato aiuti umanitari, vestiti caldi, giocattoli e 70 kg di caramelle per quei bambini e le loro madri che rimangono in prigione.

INNOCENTI SPETTATORI DELLA GUERRA

La foto scattata il 19 febbraio 2018 mostra il dramma dei bimbi in carcere. Nell’immagine è ripresa la jihadista francese Melina Boughedir mentre sta entrando nel Tribunale di Baghdad col suo figlio più piccolo. La donna venne arrestata in un gruppo dello Stato Islamico a Mosul con i quattro figli: tre di loro sono stati rimpatriati in Francia. / AFP PHOTO / STRINGER

Si stima che 700 bambini minorenni siano stati portati dai loro genitori jihadisti nelle zone di conflitto del Medio Oriente dalla Russia. Centinaia di bambini hanno subito il destino di diventare vittime innocenti della guerra, quando i loro genitori jihadisti sono arrivati in Medio Oriente per unirsi ai ranghi dei terroristi. Dopo che i loro padri o intere famiglie erano state uccise, decine di minorenni – alcuni incapaci di parlare la loro lingua madre – sono finiti in prigioni o in case per bambini. Nell’agosto 2017, una troupe di RT ha girato un video di un orfanotrofio di Baghdad sui bambini di lingua russa che sono tenuti lì. La redattore capo di RT Margarita Simonyan ha sollevato la coscienza del problema, invitando le persone a mandare un’email a children@rttv.ru se avessero riconosciuto uno dei bambini. La sua chiamata è stata ripresa da Kadyrov, che ha pubblicato il metraggio RT sul suo account Instagram. Il canale ha ricevuto decine di chiamate da persone che affermano di aver riconosciuto i bambini e molte famiglie dei bambini sono state presto individuate. Le persone condividevano storie strazianti sui loro figli, figlIe, fratelli e sorelle che erano stati attirati in terre lontane per unirsi allo Stato islamico. La campagna originaria di RT ha portato almeno 11 bambini a tornare alle loro comunità di origine in Russia e, secondo quanto si riferisce, con altre diverse dozzine riportati da allora con differenti impegni. I parenti hanno detto a RT che alcuni dei bambini sono ancora traumatizzati dagli orrori della guerra che hanno vissuto mentre vivevano nella zona di conflitto.

testo di Russia Today
traduzione di Gospa News

L’ARTICOLO ORIGINALE IN INGLESE COL VIDEO DELL’ARRIVO

LA CAMPAGNA TV DI RUSSIA TODAY ”BRING THEH HOME”

REPORTAGE SULLE MADRI RUSSE IN CARCERE

JIHADISTI ISIS “EUROPEI” IN UCRAINA

 

(Visited 47 times, 1 visits today)
Pubblicità

Lascia un commento