USA: STUPRATORI SAUDITI EVASI GRAZIE AL CONSOLATO

Pubblicità
Pubblicità
434 Views

OMICIDA STRADALE, PEDOFILO E VIOLENTATORI:
5 STUDENTI ISLAMICI ARRESTATI DALLA POLIZIA
SCARCERATI SU CAUZIONI PAGATE DA RIAD
SVANITI NEL NULLA PER RIAPPARIRE IN ARABIA
TRUCCO RODATO PER SFUGGIRE A SEVERE PENE

In considerazione della gravità dei fatti denunciati che coinvolgono un consolato straniero ci limitiamo a riportare integralmente l’articolo pubblicato sull’edizione online inglese di Russia Today che prende spunto da un dossier del The Oregonian e dalla recente vicenda del saudita fuggito dagli Usa dopo l’omicidio colposo di una minorenne investita a folle velocità (80-100 km orari) mentre attraversava la strada in città. La cronaca della vicenda in un altro articolo del Daily Mail sotto.

Testo da Russia Today
Traduzione Gospa News

Sembra che l’Arabia Saudita abbia sistematicamente aiutato i suoi cittadini statunitensi a eludere la giustizia americana per gravi crimini, anche fornendo passaporti falsi e aerei privati. Alla fine dello scorso anno, l’Oregonian (un giornale – ndr) ha denunciato cinque casi di sospetti che erano sfuggiti con successo alle accuse nello stato dell’Oregon, dove sono ospitati periodicamente circa 1.000 studenti dall’Arabia Saudita. Ma la stessa fonte di notizie ha ora scoperto un totale di 17 casi in otto stati e persino in Canada, ipotizzando che lo stratagemma è una pratica consolidata. La maggior parte dei casi riguarda uno scenario simile: dopo un arresto, il consolato saudita assume una squadra legale ed eventualmente concede la cauzione, che in due casi ammontava ad 1 milione e 500mila dollari. Una volta che il sospetto è stato rilasciato, anche se ha dovuto consegnare il passaporto internazionale di viaggio, in qualche modo riesce a lasciare il paese, per poi apparire di nuovo in Arabia Saudita. Abdulrahman Sameer Noorah aveva accelerato il suo rilascio in sospeso nel 2016 dopo che aveva investito e ucciso una ragazza di 15 anni. Due settimane prima del processo a giugno 2017, un SUV nero si fermò davanti a casa sua e lo portò in un luogo appartato dove la sua cavigliera elettronica di controllo fu tagliata. A quel punto, come afferma la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, probabilmente avrebbe ricevuto una falsa identità e avrebbe lasciato il paese su un aereo privato.

Altri casi includono uno stupro presumibilmente commesso dopo che uno studente aveva offerto ad un compagna di classe droghe e alcol, un’intossicazione con sostanze illegali, e uno accusato per computer portatile contenente una massiccia biblioteca di pedopornografia. Ciò che sembra più scioccante non è solo la portata del crimine, ma che, nell’attuale atmosfera di sospetto di ingerenza straniera, un altro paese sia stato in grado di violare palesemente e liberamente decine di leggi americane. Ciò ha umiliato il sistema giudiziario statunitense senza riprovazioni: e gli stessi schemi potrebbero essere utilizzati per trasportare un terrorista o un’altra minaccia alla sicurezza dentro e fuori dal paese.

A gennaio due senatori dell’Oregon hanno proposto una legge che vorrebbe sanzionare le persone scoperte ad organizzare queste evasioni e punire collettivamente il regime saudita, del quale, secondo loro, sarebbero stati usati i suoi privilegi diplomatici per eseguire i piani. «La sfacciata mancanza di rispetto per le norme internazionali dell’Arabia Saudita non può essere tollerata. Dovremmo essere tutti essere capaci di convenire sul fatto che qualsiasi nazione che aiuti i loro cittadini a fuggire dalla legge debba essere ritenuta pienamente responsabile» ha affermato il senatore Jeff Merkley. Ma finora, la storia ha ricevuto solo l’attenzione di un emittente, mentre i giornalisti dell’Oregonian ritengono che sia stata condotta solo una rapida ricerca di casi simili: ma questo potrebbe rappresentare solo la punta dell’iceberg.

Testo da Russia Today

THE ORIGINAL VERSION

 


I CINQUE CASI ECLATANTI IN SINTESI

Testo di The Oregonians/OregonLive

Abdulrahman Semeer Noorah e la quindicenne vittima Fallon Smart

Abdulrahman Sameer Noorah è stato accusato nel 2016 di un fatale incidente di un adolescente di Portland. È scomparso due settimane prima del processo per omicidio colposo. Le forze dell’ordine federali ritengono che il governo saudita l’abbia aiutato a fuggire.

Abdulaziz Al Duways accusato di stupro

Una compagna di classe della Western Oregon University ha accusato Abdulaziz Al Duways, di averla violentata nel 2014. È svanito dopo che il Consolato saudita a Los Angeles lo ha fatto rilasciare dal carcere.

Waleed Ali Alharthi arrestato per detenzione di materiale pedopornografico

Waleed Ali Alharthi, uno studente dell’Oregon State University accusato di possedere pedopornografia sul suo computer, è scomparso nel marzo 2015.

Suliman Ali Algwaiz accusato di guida in stato di ebbrezza

Suliman Ali Algwaiz, uno studente della Portland State University, non ha contestato l’accusa di terzo grado per guida in stato di ebbrezza dopo il test etilometrico DUI (Driving under the influence) e l’incapacità di riavere la licenza di guida nell’agosto del 2016. È stato condannato a 90 giorni di prigione, ma è scomparso prima di completare la sua condanna.

Ali Houssein Alhamaoud arrestato per stupro

Ali Hussain Alhamoud, che ha frequentato le lezioni alla Oregon State University, è stato accusato di aver violentato una giovane donna nel giorno di San Valentino 2012. Ha lasciato gli Stati Uniti lo stesso giorno in cui il governo saudita lo ha fatto rilasciare dal carcere su cauzione.

THE OREGONIAN original version

 


LA MISTERIOSA FUGA DI SEMEER NOORAH

Semeer Noorah e il suv che l’avrebbe aiutato a fuggire

I funzionari dicono che stanno facendo tutto il possibile per riportare un sospettato di omicidio saudita negli Stati Uniti dopo che è fuggito a bordo di un jet privato con l’aiuto del consolato del suo paese. Gli investigatori ritengono che Abdulrahman Semeer Noorah abbia usato un passaporto illecito per fuggire dal paese dopo aver tagliato la sua cavigliera elettronica messa polizia evitando così la sua cauzione da 1 milione di dollari. Noorah aveva respinto l’accusa di omicidio colposo di Fallon Smart, 15 anni, che nell’agosto 2016 a Portland (Oregon) era stata investita dalla sua Lexus dorata quando aveva illecitamente scartato il traffico fermatosi per lasciare che l’adolescente attraversasse la strada. L’uomo del Portland Community College è scomparso il 10 giugno 2017 – solo due settimane prima di essere processato – e il governo saudita ha confermato alla Us Marshals) agenzia federale di polizia penitenziaria) degli Stati Uniti nel luglio scorso luglio che Noorah era tornato in Arabia Saudita sette giorni dopo la sua scomparsa. KSA (Regno di Arabia Saudita) non ha accordi di estradizione con gli Stati Uniti. «Stiamo facendo tutto il possibile per riportarlo indietro» ha detto a Oregon Live Eric Wahlstrom, un vice supervisore penitenziario degli Stati Uniti in Oregon. Noorah aveva evitato la cauzione a Portland, in Oregon, dopo che il consolato saudita aveva emesso un’obbligazione da 100mila dollari nel 2016.

Recenti affermazioni dicono che il cittadino saudita, che allora aveva 21 anni, ha fatto i bagagli, è stato prelevato da un’auto nera GMC Yukon XL che lo ha portato a due miglia da un deposito di sabbia e ghiaia, poi ha tagliato il dispositivo di localizzazione sulla caviglia prima di inizare il suo viaggio di ritorno a casa. A Noorah era stato dato il permesso da Kolberg (supervisore – ndr), di studiare al college quel pomeriggio, ma non dove il SUV lo aveva preso. Eppure, nonostante il suo lussuoso trasporto a casa e il generoso legame mostrato dal suo consolato, non sembra che i genitori di Noorah siano influenti. Sua madre è una maestra d’asilo e suo padre possiede un’attività di autosoccorso, secondo un rapporto del suo supervisore del rilascio su cauzione, il vice Kari Kolberg, come riferito da Willamette Week. Tuttavia, l’Arabia Saudita spesso invia cauzioni per i suoi cittadini arrestati negli Stati Uniti, inclusi i 2 milioni di dollari per Ziyad Abid, uno studente saudita accusato di aver ucciso un barista nel Missouri nel 2013, e successivamente nello stesso anno, pagarono 5 milioni di dollari di cauzione per una principessa saudita accusata di traffico di esseri umani. Kolberg seppe della sua scomparsa solo dopo essere tornato da un viaggio del week-end in cui non aveva il servizio di telefonia cellulare e dopo aver contattato il pubblico ministero, Overstreet, poiché c’erano timori che Noorah si fosse tolto la vita. Sono stati usati cani da fiuto per cercare in un parco vicino alla posizione in cui è stata poi trovata la sua cavigliera elettronica. Quindi un filmato di sorveglianza del veicolo su cui si ritiene sia sfuggito ha corroborare la ricostruzione secondo i rilievi GPS.

La polizia ha trovato una borsa piena di vestiti, un telefono cellulare e un computer a casa sua. Non è chiaro il motivo per cui li abbia lasciati. Nessuno è risultato imbarcato su un volo attraverso gli Stati Uniti o il Canada con il suo nome: ciò indusse gli investigatori a credere che l’Arabia Saudita gli avesse dato un passaporto con un nome diverso per attraversare un confine. I consolati di Los Angeles e Washington non hanno voluto commentare Oregon Live su Noorah. La cauzione di Noorah era stata aumentata da 280mila a 1 milione di dollari poiché era stato considerato a rischio di fuga. Ma ciò non gli ha impedito di eludere la legge in quanto il consolato aveva depositato solo 100mila dollari, il 10% necessario per il suo rilascio. Poiché il denaro fu consegnato direttamente a lui, significava che il governo KSA non era responsabile per l’intero importo dovuto. Le autorità non riescono tuttavia a trovare l’individuo per riscuotere comunque. Secondo alcune testimonianze, il paese ha lavorato con investigatori privati per gestire il suo caso prima che svanisse. Ha dovuto consegnare il suo passaporto quando ha pagato l’importo l’11 settembre 2016 ed è rimasto agli arresti domiciliari nella casa del suo ospitante americano Terri Stanford mentre continuava i suoi studi con una borsa di studio: l’ambasciata saudita ha sostenuto finanziariamente Noorah con pagamenti mensili di circa 1.800 dollari. La sua ospite – che ha visto molti studenti alternatisi uscire dalla sua porta – lo ha descritto come “uno dei ragazzi più gentili che abbia mai incontrato”. Due anni fa aveva detto di essere preoccupata per la sua “stabilità mentale” e “declino della salute” quando aveva smesso di mangiare, dormire ed essere socievole prima di essere processato. “Soffre immensamente del rimorso e degli effetti del suo trauma”, ha scritto in una lettera al suo avvocato. Stanford ha detto che Noorah ha iniziato a prendere medicine da prescrizione e fu ricoverato in più di un’occasione. Alla fine affermò che “non poteva funzionare” e lei credeva “non aveva modo di sopravvivere alla prigione”. Ciò avvenne dopo che sua nonna è morta, sua madre si era ammalata e la sua pressione era aumentata negli esami fatti una settimana prima della data di inizio del processe. Due dei suoi avvocati non hanno voluto parlare con Oregon Live. Il procuratore della contea di Multnomah, Shawn Overstreet, ha convenuto che “non stava andando bene” in quel momento.

Abdulrahman Semeer Noorah a colloquio col suo avvocato

Quando Smart fu uccisa, Noorah stava guidando per circa 50/60 miglia orarie con una licenza sospesa. La famiglia di Fallon è indignata dal fatto che sia fuggito dopo le loro richieste per negargli la libertà su cauzione. Lo zio ha scritto su Facebook l’anno scorso: «Mi sembra che, sulla base di fatti precedenti e strane occorrenze, ci siano state una serie di cose provocate per questo uomo. Non sto facendo accuse, ma sto semplicemente dichiarando i fatti, e ciò che si potrebbe ipotizzare in base a tali fatti». Nel 2012 il governo saudita ha pagato la cauzione per il sospetto di stupro di primo grado dell’Oregon Ali Hussain Alhamoud, anch’egli accusato di altri crimini sessuali: lo stesso giorno tornò in volo nel suo paese. Nel 2015 KSA pagò 100mila dollari per un uomo accusato di stupro nello Utah. In seguito, Monsey Alshammari fu rintracciato nel tentativo di fuggire al confine tra Stati Uniti e Messico. L’Arabia Saudita è inoltre sospettata di aver avuto una squadra di 15 uomini che avrebbe lasciato il paese su un jet privato lo stesso giorno in cui il giornalista Jamal Khashoggi venne assassinato al Consolato di Istanbul in ottobre.

Testo by The Daily Mail Online
Traduzione Gospa News

THE ORIGINAL ENGLISH VERSION

 

ORDA MUSULMANA PER 1500 STUPRI

STUPRI MUSULMANI E PARTIGIANI

 

(Visited 36 times, 1 visits today)
Pubblicità

Lascia un commento