SRI LANKA: 290 MORTI. OLOCAUSTO DI CRISTIANI. ARRESTATI 24 ISLAMISTI

Pubblicità
Pubblicità
3.190 Views

IL CARDINALE DI COLOMBO: “ATTACCHI BESTIALI”
PASQUA DI SANGUE NELL’ISOLA CINGALESE

PER LE 9 ESPLOSIONI IN VARI HOTEL E CHIESE
UTILIZZATI ANCHE 7 KAMIMAZE JIHADISTI
FERMATI TERRORISTI ESTREMISTI RELIGIOSI
CIRCA 500 I FERITI NEGLI ATTENTATI

___di Fabio Giuseppe Carlo Carisio ___

Un olocausto di cristiani: è questo l’orrendo esito degli attentati in Sir Lanka. Uno dei più gravi attentati del dopoguerra. Ma proprio perché ha colpito principalmente la comunità dei devoti a Cristo in un paese esotico il massacro ha trovato tiepida attenzione da parte dei media e dell’opinione pubblica: sicuramente molto meno del tetto bruciato di Notre Dame. Senza nulla togliere alla gravità dei danni alla secolare cattedrale di Parigi le vittime così lontane hanno fatto meno rumore e destato purtroppo minore commozione anche tra gli stessi cristiani d’occidente. Soprattutto perché tutti hanno voluto evitare che una Pasqua di Sangue potesse rovinare la loro festività commerciale e turistica. Soprattutto perché non si vuole demonizzare il terrorismo islamico che pare essere all’origine del massacro, some sospettato fin da subito ed ora confermato dagli arresti. Aggiornamenti qui.

SRI LANKA: STRAGE DI 27 BAMBINI. MISTERI SULL’IMAM ISIS

L’UNITA’ DI CRISI DELLA FARNESINA

AGGIORNAMENTO ORE 9 ITALIA – 22 aprile 2019

Al momento non si hanno notizie di vittime italiane ma la Farnesina ha confermato in un tweet che l’unità di crisi è al lavoro, insieme all’Ambasciata d’Italia “per effettuare verifiche”. Nel tweet è indicato anche un numero di telefono a cui rivolgersi per eventuali segnalazioni: 00390636225.

IL NUMERO DEI MORTI AUMENTA OGNI ORA

AGGIORNAMENTO ORE ORE 8 ITALIA – 22 aprile 2019

A distanza di 24 ore dal tremendo attacco terroristico condotto con nove esplosioni a distanza di pochi minuti in tre chiese, quattro alberghi di lusso, in un centro commerciale e una casa privata, il bilancio delle vittime continua ad aggravarsi. L’ultima nota delle agenzie porta a 290 il numero dei morti tra cui 27 turisti: cittadini americani, britannici, olandesi e indiani, un cinese, un giapponese e un portoghese. I feriti sono però circa 500 tra cui molti gravi e pertanto il conteggio definitivo delle vittime potrebbe essere ancora più tragico.

Il personale di sicurezza cammina tra detriti e cadaveri coperti con qualche telo nel Santuario di Sant’Antonio dopo un’esplosione nella chiesa di Kochchikade a Colombo – ISHARA S. KODIKARA : AFP

Insieme a questi aggiornamenti arriva anche la notizia che la polizia ha individuato e arrestato 24 sospetti grazie ad un furgoncino visto da alcuni testimoni sui luoghi delle stragi. Ma è emerso anche che gli attacchi sarebbero stati preceduti da alcune segnalazioni delle intelligence non tenute in debito conto dal governo cingalese. A riferirlo è il corrispondente della BBC a Colombo. «Non è chiaro chi fosse dietro gli attacchi, ma 24 arresti sono stati fatti dalla polizia. Il governo ha affermato di ritenere che le bombe di alcuni kamikaze siano state utilizzate in alcuni dei siti – scrive il network inglese rilanciando le informazioni del reporter Azzam Ameen – secondo le autorità, si ritiene che gli aggressori facciano parte di un “gruppo estremista islamista”». Gli attentati accuratamente pianificati e coordinati sarebbero stati effettuati in alcuni degli obiettivi da ben 7 kamikaze jihadisti.

La chiesa di Colombo devastata dall’attentato

Durante una conferenza stampa di domenica sera, il primo ministro Ranil Wickremesing ha parlato delle voci secondo cui i funzionari avevano avuto informazioni preliminari sui futuri attacchi. «Dobbiamo capire perché non sono state prese precauzioni adeguate, né io né i ministri siamo stati informati» ha affermato. La notizia degli arresti porta immediatamente il pensiero alle Tigri Tamil, la milizia guerrigliera marxista-comunista di lingua Tamil che è parlata dalla quasi totalità dei musulmani in prevalenza sunniti delo paese: una minoranza in forte crescita ma sempre più temibile per le radicalizzazioni jihadiste. Come riferisce AsiaNews il cardinale Malcolm Ranjith, arcivescovo di Colombo, ha bollato come “un atto bestiale e non umano” quanto avvenuto e ha espresso le sue condoglianze e partecipazione verso le famiglie dei morti e dei feriti. Egli ha anche invitato tutti i dottori e il personale sanitario a fare il possibile per salvare le vittime innocenti di questi atti crudeli. Anche Papa Francesco durante la benedizione pasquale Urbi et Orbi ha espresso turbamento e vivo profondo cordoglio per il massacro.

 

AGGIORNAMENTO ORE 9 ITALIA – 21 APRILE 2019

La disperazione di una madre che ha perso i figli durante la strage in una chiesa dello Sri Lanka

Si aggrava di minuto il minuto il bilancio delle stragi in Sri Lanka trasformando un massacro in un tremendo olocausto. Sono già più di 100 i morti accertati. Sembra addirittura 138 ma gli oltre 400 feriti rendono purtroppo provvisorio questo rapporto in quanto i soccorsi stanno lavorando da ore per portare le vittime negli ospedali ormai al collasso e per estrarre i corpi dalle macerie di chiese e alberghi. Questa Pasqua di sangue pare destinata a divenire una delle più gravi della storia. Ed avviene a pochi giorni dall’incendio della Cattedrale Notre Dame di Parigi. Due eventi che scuotono la Cristianità sempre più emarginata dalle persecuzioni in molti paesi del mondo ma anche dall’antieticità politica mondialista, massonica ed ateista di tanti governi occidentali. Il demonio libero dalle catene fomenta sempre più collasso morale, odio e violenza perché sa che ci stiamo avvicinando davvero agli ultimi tempi ed al momento della sua definitiva condanna. Soltanto una visione spirituale e soprannaturale può infatti dare spiegazione a tanta bestiale malvagità assassina che si scatena proprio nel giorno della vittoria di Cristo sulla morte: unica ancora di salvezza dinanzi alla fragilità umana. Nel giorno in cui come cristiano mi ero alzato colmo di giubilo mi tocca piangere i fratelli morti solo perché accorsi nelle chiese a cantare lodi a Gesù Risorto. Vite spezzate in un martirio contemporaneo ancor più feroce di quello dei primi imperatori romani perché subdolo e improvviso anche in quelle nazioni dove sembra regnare la pace.

 

AGGIORNAMENTO ORE 8,45 ITALIA

Francescani in lacrime davanti ad una chiesa colpita

Un attacco pianificato nei minimi dettagli alla Cristianità ed in generale a quell’occidente che pur rinnegandola ne è culla in molti paesi e cuorI. Esattamente come avvenuto lo scorso 27 gennaio nelle Filippine un massacro premeditato colpisce lo Sri Lanka dove i cristiani sono soltanto il 7,5 % della popolazione, in maggioranza buddista ma con molti induisti. Nell’eccidio si contano finora più di 50 morti ma il bilancio è purtroppo destinato a salire essendoci quassi 300 feriti alcuni dei quali gravi come confermato dalle autorità locali.

Una statua della Madonna distrutta in una delle chiese colpite dagli attentati esplosivi

Sei esplosioni hanno colpito chiese cattoliche nello Sri Lanka proprio mentre i cristiani avevano appena iniziato le celebrazioni della domenica di Pasqua. Le deflagrazioni si sono verificate intorno alle 8:45 ora locale (tre ore e mezza in avanti rispetto all’Italia) nella chiesa di Sant’Antonio a Colombo e nella chiesa di San Sebastiano a Negombo, una città a maggioranza cattolica al di fuori della capitale. Anche la Chiesa di Sion a Batticaloa sulla costa orientale è stata presa di mira.

La chiesa di Colombo dove è avvenuta l’esplosione presidiata dai soldati – CLICCA PER VEDERE UN VIDEO

Più o meno nello stesso momento, anche gli hotel a cinque stelle Shangri-La, Cinnamon Grand e Kingsbury sono stati colpiti, ha confermato la polizia. Tutti gli attacchi sembrano essere stati coordinati. Almeno 52 persone, secondo Russia Today e BBc, sono state uccise, secondo quanto riferito dai media locali che hanno citato polizia. Ma il numero delle vittime di questo orrendo massacro è ancora provvisorio perché ci sarebbero circa 280 feriti.

La devastazione in uno degli edifici colpiti

Una Pasqua di sangue riporta la drammaticità delle persecuzioni cristiane nel mondo in un paese come lo Sri Lanka dove il fenomeno non era stato mai registrato con gravità. Non figura infatti nella lista dei paesi a rischio stilata dalle organizzazioni cristiane Aiuto alla Chiesa che Soffre e Open Doors ma è pur sempre prossimo all’India dove invece i drammi delle violenze contro i seguaci di Gesù sono purtroppo quotidiane. Nel continente indiano proprio nei giorni scorsi le associazioni cattoliche avevano festeggiato il ripristino della festività del Venerdì Santo inizialmente soppressa da un provvedimento governativo. Solo alcune settimane fa, invece, un indiano era stato decapitato da fanatici induisti solo per essersi convertito al Cristianesimo.

Al momento sono ancora ignoti gli autori del gesto che ripropone anche lo spettro dei terroristi delle Tigri Tamil, la formazione comunista e marxista che si arrese solo nel 2009 dopo 26 anni di guerra civile e lo stato di emergenza nell’isola cingalese, in prevalenza di fede musulmana. Sotto il profilo religioso il buddhismo Theravada (70,2%) e l’induismo (12,6%) sono le religioni predominanti, seguite per diffusione dall’islam (9,4%) (dei quali la maggioranza parla tamil, in maggioranza sunniti, 7%) e Cristianesimo (7,8%) di cui 6,8% Cattolici e 1% Protestanti. Le minoranze etniche comprendono i Burgher (1%), di discendenza mista asiatico-europea, e i Wanniyala-Aetto o Veddah, i pochi discendenti dei primi abitanti dell’isola. Nell’isola vi è anche una piccola minoranza zoroastriana, originaria dell’India (parsi) e giunta in Sri Lanka durante il periodo britannico.

Fabio Giuseppe Carlo Carisio
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione

SRI LANKA: JIHADISTI NASCOSTI E INTRIGHI DELL’AFFARISTA ISLAMICO

CRISTIANI PERSEGUITATI

FILIPPINE: STRAGE DI CRISTIANI. L’ISIS RIVENDICA, IL PAPA CONDANNA

CRISTIANI MASSACRATI: 4MILA VITTIME, 40 MISSIONARI

(Visited 1.305 times, 1 visits today)
Pubblicità

Un pensiero riguardo “SRI LANKA: 290 MORTI. OLOCAUSTO DI CRISTIANI. ARRESTATI 24 ISLAMISTI

  1. Caro Gesù vivo e risorto aumenta la nostra fede in Te davanti a questo tuo inspiegabile silenzio di migliaia di martiri che ti hanno voluto bene. Vieni presto a liberarci in onore del Cuore Immacolato della Vergine Maria.

Lascia un commento