VENTI DI GUERRA TRA ISRAELE E LIBANO. GLI USA ROMPONO LA TREGUA RUSSA IN SIRIA

VENTI DI GUERRA TRA ISRAELE E LIBANO. GLI USA ROMPONO LA TREGUA RUSSA IN SIRIA
Pubblicità
2.036 Views
ATTACCHI AMERICANI UCCIDONO 40 JIHADISTI
VIOLANDO L’ACCORDO SU IDLIB TRA PUTIN ED ERDOGAN
DURANTE LA TREGUA L’ESERCITO TURCO SI RAFFORZA
INTANTO GLI HEZBOLLAH RISPONDONO AGLI ISRAELIANI
DOPO IL LANCIO DI BOMBE INCENDIARIE COI DRONI

___di Fabio Giuseppe Carlo Carisio ___

ENGLISH VERSION HERE

L’Arabia Saudita scatena l’inferno nello Yemen con una raffica missili sulla cittàdi Dhamar uccidendo 60 persone e ferendone 100. La coalizione guidata dai sauditi ha affermato in una dichiarazione domenica che i suoi attacchi aerei avevano preso di mira un sito militare appartenente al movimento Ansarullah. Ha anche sostenuto che i separatisti sciiti Houthi avevano immagazzinato droni e sistemi di difesa aerea sul sito e ha affermato che gli attacchi erano “conformi al diritto internazionale umanitario”.

Poche ore prima nella roccaforte dei jihadisti di Idlib gli Usa avevano colpito vari bersagli rompendo la tregua faticosamente raggiunta in un accordo tra Russia e Turchia. Nel pomeriggio di domenica le milizie del partito libanese sciita Hezbollah hanno iniziato una battaglia sul confine tra Libano ed Israele dopo l’ennesimo attacco di un drone israeliano.

L’esplosione di bombe incediarie lanciate da un drone israeliano alle prime luci dell’alba di sabato 31 agosto – foto Al Manar

Troppe coincidenze perché non ci sia una precisa strategia di guerra concordata tra il presidente americano Donald Trump, l’alleato premier israeliano Benjamin Nethaniahu e i partner di entrambi del Regno Saudita. Ma cominciamo dall’ultima notizia che pare l’inizio della Terza Guerra tra Israele e Libano, come preannunciato nel precedente reportage di Gospa News.

 

LO SCONTRO TRA HEZBOLLAH E ISRAELI DEFENSE FORCES

Hezbollah ha annunciato domenica che l’unità di Hasan Zbeeb e Yasser Daher ha preso di mira un veicolo militare israeliano vicino al confine con i territori palestinesi occupati, uccidendo e ferendo tutte le forze di occupazione a bordo. Riferisce Al Manar tv. Successivamente la stessa televisione ha confermato soltanto il ferimento di alcuni soldati, mostrando anche le foto dei soccorsi, nonostante  Israele abbia negato anche questa circostanza (ulteriori aggiornamenti qui).

“Alle 16.15 (Beirut Time) di domenica 1 settembre 2019, l’unità dei martiri Hassan Zbib e Yasser Daher ha distrutto un veicolo militare israeliano sulla strada alla base di Avivim, uccidendo e ferendo tutte le forze a bordo”, l’Islam La resistenza ha annunciato in una dichiarazione rilasciata domenica pomeriggio. A seguito dell’attacco, l’esercito israeliano ha confermato che un veicolo militare è stato preso di mira al confine con missili anticarro, affermando che “colpi multipli” sono stati segnati sulla “base dell’esercito”.

Le esplosioni per gli scontri a fuoco tra Hezbollah e Idf sulla Blue Line al confine tra Libano e Israele

I siti web israeliani affermano che gli elicotteri stavano trasferendo vittime all’ospedale Zif di Safed (Zfat), sottolineando che uno stato di paura e panico ha prevalso tra i coloni nel nord della Palestina occupata a cui è stato detto di andare ai rifugi. Come riportato da Russia Today l’esercito israeliano ha confermato i combattimenti in uno scontro a fuoco transfrontaliero, dopo che un missile anticarro – che si dice provenisse dal Libano – è atterrato vicino a una città di confine israeliana, nei territori occupati delle fattorie.

“Numerosi missili anticarro sono stati lanciati dal Libano verso una base delle forze di difesa israeliane e veicoli militari. Sono stati confermati numerosi colpi “, ha detto l’IDF in una dichiarazione, aggiungendo che l’esercito israeliano sta” rispondendo con il fuoco verso le fonti di fuoco e gli obiettivi nel sud del Libano “.

RAZZI SIONISTI SUL LIBANO. A RISCHIO 1.100 CASCHI BLU ITALIANI

Le tensioni tra Israele e Libano sono aumentate, a seguito di una serie di incursioni di droni israeliani nel territorio libanese. Domenica, i militari libanesi hanno riferito che un drone israeliano ha violato lo spazio aereo del Libano e lasciato cadere materiale incendiario, provocando un incendio in una pineta vicino al confine. Alla fine di agosto, l’esercito libanese ha affermato di aver aperto il fuoco sui droni israeliani che hanno “violato” il suo spazio aereo vicino al confine meridionale. Hezbollah aveva promesso di vendicarsi, dicendo che tali attacchi “non saranno tollerati” e che “Israele deve pagare un prezzo”.

IL GANGSTER SIONISTA NETANYAHU ATTACCA LA SIRIA PER SCATENARE L’INFERNO

Il premier Benjamin Netanyahu che ha scatenato queste provocazioni la scorsa settimana attaccando gli Hezbollah in Siria e lanciando droni su Beirut ha già fatto un appello a Usa e Francia per intervenire a riportare la calma: ovvero aiutarlo nell’ormai imminente guerra con il Libano che potrebbe giustificare l’annullamento delle elezioni fissate per il 17 di settembre e la proroga del suo mandato di primo ministro.

ATTACCO USA SULLA SIRIA ROMPE LA TREGUA RUSSA

Il presidente russo Vladimir Putin e quello turco Recep Erdogan avevano raggiunto un accordo per un cessate il fuoco ad Idlib, dopo che i turchi mostrato a viso aperto il loro sostegno ai jihadisti di Hayat Tahrir al-Sham, il gruppo terroristico HTS già noto come Al Nusra (affiliato Al Qaeda) che controlla ancora parte della provincia della Siria nordoccidentale. Ma il presidente americano Donald Trump ha pensato bene di approfittare di essa per colpire un gruppo di comandanti terroristi islamici riunitisi nell’area tra Kfarya e Ma’arrat Mesrin a est di Idlib,

Un caccia americano F 22 Raptor stealth (invisibile ai radar) in un’azione di bombardamento sulla Siria

La tregua è avvenuta per evitare un’escalation del conflitto dopo che i Su-35 dell’aviazione russa avevano intercettato e respinto l’invasione dello spazio aereo siriano da parte di jet militari turchi e successivamente al bombardamento dell’esercito siriano SAA di un convoglio inviato da Ankara a portare rifornimenti di armi e munizioni ai terroristi islamici.

MUORE JIHADISTA ANTI-CRISTIANI: PIANTO COME EROE DA TURCHI E MEDIA ITALIANI

Dalle 6 del mattino di sabato 31 agosto è quindi scattato il cessato il fuoco, senza un intesa specifica con le milizie jihadiste, di cui ha approfittato l’esercito turco per portare un convoglio militare di rinforzo ai suoi punti di osservazioni, legittimati dall’accordo di Sochi del 17 settembre 2018 mai rispettato dalla Turchia: prevedeva infatti la libera fuoriuscita dei qaedisti di Al Nusra dalla Siria ed il loro rifugio nel territorio turco.

 

L’ESERCITO TURCO SI RAFFORZA DURANTE LA TREGUA

E ‘stato il Syrian Observatory for Human Rights (SOHR) a monitorare per primo il «rinforzi militari portati dalle forze del regime verso la periferia occidentale e sud-occidentale della città di Aleppo, dove sono state viste colonne militari di veicoli pesanti e soldati nell’area di Menyan, 1070-Appartamenti e sobborgo di Alassad ». Il SOHR aveva anche riferito alcune ore prima «l’ingresso di una colonna militare appartiene alle forze turche sabato mattina nel territorio siriano, attraverso Kafrluseen che attraversa a nord di Idlib al confine con Iskenderun, ed è costituito da veicoli blindati e veicoli militari visti sull’autostrada internazionale di Aleppo – Damasco. La colonna fu divisa in due parti. Uno è andato a Maarhtat dove le forze turche sono state di stanza da quando il regime ha preso il controllo di Khan Shaykhun, mentre l’altra parte è andata a Al-Sarman, a est di Idlib».

Mezzi pesanti dell’esercito della Turchia in azione in Siria

Come evidenziato in un precedente reportage sul Medio Oriente dopo la conquista dell’importante città di Khan Shaikoun da parte dell’esercito di Bashar Al Assad, appoggiato dal cielo dall’aviazione russa e in terra da crontractors di agenzie private russe, il punto di osservazione turco n. 9 di Morek era infatti rimasto completamente circondato dalle forze governative.

In considerazione del fatto che Ankara ha raggiunto l’accordo con Washington per una zona cuscinetto al confine tra la Turchia ed il Rojava controllato dalle milizie SDF , a maggioranza curda ed alleate degli americani, diventa davvero sospetta questa doppia azione militare con l’arrivo dei rinforzi turchi e lo sterminio di un gruppo di jihadisti in un attacco della Coalition against Daesh guidata dagli Usa destinato ad infiammare gli animi dei terroristi HTS.

Dura è stata la reazione del Cremlino che, continuando a dare fiducia alle trattative con Erdogan come col premier israeliano Netanyahu, sta coprendo di ridicolo l’arcigno presidente Putin.

 

I MOTIVI DEGLI ATTACCHI AMERICANI

«Gli Stati Uniti hanno confermato che è stato condotto un attacco contro il gruppo terroristico di al-Qaeda (fuorilegge in Russia) fuori dalla città siriana di Idlib sabato – riferisce l’agenzia russa Tass – “Questa operazione ha preso di mira i leader di Al Qaeda responsabili degli attacchi che minacciano cittadini statunitensi, i nostri partner e civili innocenti”, ha detto al tenente colonnello Earl Brown, un portavoce del Comando centrale americano (CENTCOM)».

CALIFFATO D’EUROPA: LA JIHAD IN BOSNIA ARMATA DA SAUDITI E CIA

Secondo Brown, l’attacco ha colpito una struttura situata a nord di Idlib”. Inoltre, l’eliminazione di questa postazione diminuirà ulteriormente la loro capacità di condurre attacchi futuri e destabilizzare la regione”, ha detto all’agenzia russa. Ha sottolineato che “la Siria nordoccidentale rimane un rifugio sicuro in cui i miliziani coordinano attivamente le attività terroristiche in tutta la regione e in Occidente. Con i nostri alleati e partner, continueremo a prendere di mira gli estremisti violenti per impedire loro di usare la Siria come rifugio sicuro”. Peccato che ci sono molteplici prove del doppio gioco fatto dagli Usa tanto con l’Isis, liberando capi dalle prigioni in cambio di oro, quanto con Al Qaeda nel passato.

AL BAGHDADI, IL CALIFFO ISIS E AGENTE CIA NASCOSTO DAGLI USA

 

MOSCA ACCUSA WASHINGTON PER LA TREGUA VIOLATA

All’inizio della giornata, il canale televisivo Al Mayadeen ha riferito che la coalizione guidata dagli Stati Uniti ha sparato missili contro il quartier generale del gruppo estremista Hurras al-Din situato fuori Idlib. Il canale ha affermato che più di 40 militanti e comandanti sul campo sono stati uccisi nello sciopero, durante una riunione della sala operatoria “Wa Harred al-Mu’min” di cui Hurras al-Dien è il suo pilastro in aggiunta ad altri gruppi jihadisti. Dobbiamo ricordare che Hurras al-Dien era uno dei rivali di Hayat Tahrir al-Sham nella lotta interna per la leadership in Idlib tra le due fazioni di terroristi qaedisti.

«Il ministero della Difesa russo ha successivamente affermato che Washington non aveva comunicato a Mosca in anticipo gli attacchi, che hanno causato vittime e messo in pericolo un cessate il fuoco lì», riferisce Al Manar Tv, media partner di Hezbollah – la Russia ha aiutato i militari siriani contro i terroristi su richiesta di Damasco dal 2015. Gli Stati Uniti hanno iniziato a guidare una coalizione illegale dei suoi alleati nel presunto sforzo contro il gruppo terroristico Takfiri di Daesh nel paese arabo. Quella presenza è durata anche se Damasco e i suoi alleati hanno sradicato il gruppo due anni fa. Il ministero della Difesa russo ha affermato che gli attacchi aerei statunitensi avevano violato accordi precedenti. Washington e Mosca in passato hanno preso accordi volti, tra l’altro, a evitare la collisione aerea nello spazio aereo siriano. Gli attacchi degli Stati Uniti sono arrivati il giorno in cui i militari siriani avevano programmato di ritirarsi dalla zona di de-escalation monitorata da Mosca a Idlib per aiutare l’allentamento del conflitto».

 

IL SANGUE SPARSO DA ERDOGAN AD IDLIB

Dopo l’entrata in vigore del cessate il fuoco a Idlib alle sei del mattino di sabato, il comando dell’esercito siriano ha avvertito che manteneva il diritto di ritorsioni per qualsiasi violazione della tregua da parte dei terroristi. Le forze armate della repubblica avevano smesso di combattere unilateralmente a Idlib il 2 agosto. Tuttavia, dopo che i militanti avevano violato il cessate il fuoco, le truppe avevano ripreso le ostilità il 5 agosto.

Il presidente turco Recep Erdogan che finanzia ed arma i terroristi jihadisti di Al Nusra-Al Qaeda in Siria

Bouthaina Shaaban, consigliere senior del presidente siriano Bashar al-Assad, ha affermato che il cessate il fuoco è temporaneo e serve alla strategia di Damasco “per liberare ogni centimetro. Erdogan sarà costretto a lasciare la terra siriana… Questa avverrà per la nostra decisione, non per sua scelta”, ha detto ad al-Mayadeen TV in un’intervista sabato pomeriggio. Secondo Reuters, il ministro degli Esteri turco ha detto venerdì che i militari sarebbero partiti solo una volta che ci fosse stata una soluzione politica, che rimane inafferrabile dopo più di otto anni di guerra e diversi cicli di falliti colloqui di pace delle Nazioni Unite.

STRAGE DI BAMBINI CRISTIANI SEPOLTA DALLE FAKE NEWS

Il SOHR ricorda che «è salito ad almeno 4101, il numero di persone che sono state uccise dal 30 aprile 2019 (1045 civili di cui 260 bambini)» nel bombardamento di Idlib da parte di attacchi aerei siriano-russi, in cui i civili sono usati come scudi umani, e nei lanci razzo dei terroristi. Tra le vittime ci sono anche «1087 jihadisti e 1391 membri delle forze del regime colpite dai gruppi terroristi». Tutto questo sangue che si diffonde in Idlib è soprattutto nell’anima di Erdogan.

SIRIA: TERRORISTI RECLUTATI DAGLI USA PER CONTRABBANDO DI PETROLIO

Come le altre vittime in Siria sono la conseguenza della volontà di Obama e Trump che hanno finanziato ed armato prima Al Qaeda e poi l’Isis al fine di creare l’inferno in Medio Oriente, incrementare le lobby delle armi e poter così poi rubare le materie prima tra cui petrolio, gas e oro. Ma anche per sostenere il criminale progetto sionista-massonico della Grande Israele che vuole espandere i confini a qualsiasi costo, come ha fatto al confine col Libano e nelle Alture del Golan.

Fabio Giuseppe Carlo Carisio
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione

SOURCES

JIHADISTI ISLAMICI – TERRORISTI – STRAGI

MEDIORIENTE E TERRE DI GUERRE

LOBBY ARMI – 3: TYCOON SIONISTA DEI DRONI SPIA-KILLER PREMIATO DAI MASSONI USA E DALLA REGINA UK

http://www.syriahr.com/en/?p=139240

https://tass.com/world/1075892

https://www.reuters.com/article/us-syria-security-russia-usa/russia-says-u-s-strikes-syrias-idlib-puts-ceasefire-at-risk-reports-idUSKCN1VM125

http://english.almanar.com.lb/817632

(Visited 284 times, 1 visits today)
Pubblicità

Redazione Gospa News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *