GUERRA SIRIANA – DIARIO MILITARE – breaking news

GUERRA SIRIANA – DIARIO MILITARE – breaking news
Pubblicità
1.582 Views

ENGLISH VERSION HERE

SIRIA, TUTTI I REPORTAGE DI GOSPA NEWS

AGENDA MILITARE 17 OTTOBRE 2019
aggiornamento ore 1 del 18-10-19

Scontri sporadici e bombardamenti di artiglieria sono in corso lungo il confine nel nordest della Siria nell’area di Ras al-Ain, nonostante l’accordo sul cessate il fuoco concordato tra Usa e Turchia con i miliziani SDF per consentire il ritiro dei Curdi dalla gigantesca zona di sicurezza voluta da Recep Tayyip Erdogan nel Rojava di 32 km di profondità dal confine turco e 460 km di lunghezza.

Un accordo che non è stato sottoscritto però dalla Siria, protetta dalla Russia, che non è disposta a cedere i suoi territori nè all’Amministrazione Autonoma dei Curdi nè ad Ankara come dichiarato a Sputnik International dal portavoce del presidente siriano Bashar Al Assad.

CENTRO DI INFORMAZIONE ROJAVA – (amministrazione autonoma curda)

LA DICHIARAZIONE DEL COMANDANTE SDF MAZLUM ABDI SULLA TREGUA

Innanzitutto esprimiamo il nostro rispetto per tutti i nostri spettatori. È vero, è stato istituito un cessate il fuoco tra gli occupanti turchi e le nostre forze. È vero, questo argomento è stato elaborato negli ultimi tre giorni. Come sapete, il presidente americano Trump ha lavorato lui stesso su questo. Mandò una lettera a Erdogan e alla fine il vicepresidente americano andò a incontrarli. Abbiamo partecipato a tutto questo processo e possiamo dire che eravamo collegati alla delegazione americana che ha viaggiato in Turchia. Il risultato furono questi negoziati e proprio ora fu annunciato un cessate il fuoco. 

Questo è quello che voglio dire e ciò che la nostra gente deve sapere: questo cessate il fuoco che è stato creato. Questo cessate il fuoco e questo accordo sono stati creati per quelle regioni in cui ora c’è la guerra, cioè la regione tra Sere Kaniye e Gire Spi [Tel Abyad]. Come sapete, negli ultimi nove giorni c’è stata un’amara guerra. Molti dei nostri civili hanno perso la vita e migliaia di persone sono state scacciate come rifugiati. Il cessate il fuoco è per questa regione e lo accettiamo in questo senso. Qualsiasi cosa possiamo fare come SDF per far funzionare questo cessate il fuoco, lo faremo. L’America ha guidato [mediato] questo cessate il fuoco ed è responsabile di assicurarne la corretta esecuzione. Ci sono problemi in questa regione. Il cambiamento demografico non deve essere effettuato. Le persone di questa regione devono tornare alle proprie case e terre. Gli obiettivi degli attaccanti non devono essere realizzati. Nulla è stato discusso per le altre regioni. Le nostre forze rimangono lì. Forse ci saranno discussioni su queste altre regioni in futuro. Questo accordo è per quella regione.

Quello che voglio dire è che questo cessate il fuoco è stato il risultato di una lotta eroica da parte dei soldati di SDF, curdi, arabi, cristiani assiri e altri, condotti insieme. E il risultato del sostegno di tutte le forze del mondo, delle persone e degli stati, che tutte le forze del mondo hanno mostrato all’SDF Tutti, tutti gli stati, a parte gli stati clienti della Turchia, a parte tutti gli stati del mondo ha creato pressioni sulla Turchia affinché questo cessate il fuoco possa essere istituito. Come risultato di questa grande pressione e della lotta della nostra gente e dei nostri soldati, questo cessate il fuoco fu raggiunto. Ciò che mi viene in mente sono tutti quelli che ci hanno sostenuto, tutti quelli che hanno creato pressioni sulla Turchia per porre fine alla sua occupazione e agli attacchi, e tutto il nostro popolo e in particolare i nostri eroici soldati che oggi a Sere Kaniye e in altre aree svolgono una resistenza storica. Li ringraziamo e li salutiamo. Possiamo dire che è l’inizio. L’occupazione turca non continuerà nel modo attuale. Come risultato di una grande resistenza, è stato arrestato. Il nostro popolo e le nostre forze politiche devono, al suo posto, aumentare la loro unità e aumentare la loro lotta, in particolare le nostre forze politiche curde che devono superare le differenze tra loro e creare una grande unità. In modo che la fase davanti a noi avrà successo. Grazie.

ULTIMO RAPPORTO SULLE VITTIME DELLA MEZZALUNA ROSSA CURDA

– 6 pazienti che soffrono di ustioni sospette, al momento non possono confermare l’uso di armi chimiche, lavorando su questo con partner internazionali [alcuni illustrati nella relazione]

– Il governo siriano ha alzato bandiera in alcune scuole che ospitano sfollati interni, il che significa ONG internazionali non possono lavorare lì

– 25 minori non accompagnati di Ayn Issa sono stati evacuati a Raqqa il 14 ottobre

– La maggior parte degli sfollati interni del campo di Ayn Issa si è trasferita a Mahmodly (nuovo campo vicino a Tabqa) il 15 ottobre

– Documenta i nomi di 44 morti civili finora in soli due ospedali, osserva che il conteggio reale è molto più elevato, ad es. solo 6 di 11 morti civili certificati in raid aereo sul convoglio è stato possibile verificare

La mappa del Rpjava con l’area di sicurezza proposta dagli Usa e quella che vuole conquistare con la forza la Turchia
AGENDA MILITARE 16 OTTOBRE 2019
aggiornamento ore 1 del 17-10-19

SOMMARIO: Sono tre le notizie principali della giornata attinte dalle agenzie d’informazione SANA e Rojava Information Center. La prima riguarda i voli di pattugliamento aere condotti da velivoli degli eserciti di Russia e Siria che hanno impedito l’accesso agli aerei turchi nel Rojava, la zona controllata dalle milizie curde SDF invasa dalle forze armate della Turchia nell’operazione Peace Spring per creare illegalmente una zona cuscinetto di 32 km di profondità e 460 km di lunghezza sul confine.  L’intervento dei potenti cacciambomardieri russi dimostra che Mosca è pronta a tutto pur di difendere la sovranità nazionale degli alleati di Damasco. In una settimana, dall’inizio dell’aggressione mercoledì 9 ottobre, i Turchi, nonostante la superiorità militare sulle Forze Democratiche Siriane (SDF) hanno conquistato circa 1.200 km quadrati contro i 13.800 che sono nei loro obiettivi. L’accordo tra SDF e le forze armate SAA di Bashar Al Assad definito domenica ha consentito un’ulteriore pronta controffensiva.

TUTTI UNITI CON L’ESERCITO DI ASSAD: Ma la guerra siriana dipende solo dai Su-57 di Putin

La seconda notizia riguarda l’ingresso dell’esercito governativo siriano nella città di Kobane. La terza, al momento solo frutto di indiscrezioni non confermate, si riferisce ll’uso dei micidiali proiettili (da mortaio) al fosforo bianco nella città in parte occupata dalla Turchia di Rai Al Ain, quel tipo di munizioni proibite a livello internazionale creano gravissime ustioni a chi viene a contatto con la polvere bianco provocando ferite spesso letali.

CENTRO DI INFORMAZIONE ROJAVA – (amministrazione autonoma curda)

L’esercito arabo siriano (SAA) ha lasciato Manbji dopo alcune operazioni fotografiche nel centro della città, al momento non ci sono russi o regime in nessuna città. Tuttavia SAA e SDF (Consiglio militare di Manbij) sono in posizioni insieme in prima linea fuori città.


La situazione nel campo di Ain Issa non si è ulteriormente sviluppata oggi. Ma oggi in città se ain issa si sono verificati scontri tra SDF ed esercito siriano e forze turche per procura

I bombardamenti dell’artiglieria turca sono ricominciati nei pressi di Derik (villaggio di Ain Diwar). Questo segna il primo impegno turco lungo la linea Derik-Qamishlo da quando è stato raggiunto l’accordo regime-SDF. Si sono impegnati a fianco di SDF fuori da Manbij e anche tra Ain Issa e Til Temir. Non si sono mossi verso nord per impegnarsi in Sere Kaniye per esempio.


Stanno parlando del fosforo bianco ma non possiamo confermarlo. stanno parlando di Ras-al-ain.


Giornalista locale negli aggiornamenti di Ayn Issa: – Vi sono pesanti combattimenti intorno alla campagna di Ayn Issa e Tel Abyad – Questo è andato avanti per tre giorni e particolarmente intenso da quando il regime è arrivato – Il regime gioca un ruolo attivo ma le truppe in prima linea sono SDF

– La Turchia punta a tagliare la strada tra Celebya e Ain Issa per isolare completamente Ain Issa da Kobane – Fino a 50 civili sono stati feriti nei combattimenti e uno ucciso 

Ieri sera fino ad oggi, al mattino presto, pesanti scontri attorno al campo di Ain Issa tra SDF / SAA e forze turche, infine le forze turche sono state respinte

Gli aerei russi e siriani sono in volo, non colpiscono le forze turche ma dal loro arrivo non c’è stata presenza aerea turca nella regione – Le forze del regime sono arrivate a Kobane questa sera – Si sono divisi in due forze, una andando a Shexler sulle rive dell’Eufrate di fronte a Jarabalus (detenuto dalla Turchia e dai suoi delegati), l’altra che si spostava al confine con la Turchia stessa

– Ribadisce che l’amministrazione civile rimane presso l’Amministrazione autonoma e che l’ASA non ha il diritto di rimanere nella città di Kobane – “Vogliamo un sistema federale decentralizzato. In un tale sistema, la protezione delle frontiere è opera del centro, cioè del governo siriano, e non di noi “. – Shahin Najid Ali del consiglio legislativo di Kobane.


Il documento prodotto dalla Mezzaluna rossa curda che descrive in dettaglio le esecuzioni sul campo di Ahrar-al-Sharqiya, riassume le prove disponibili. Da quando è stato rilasciato questo video è apparso il video che mostra i due operatori sanitari più le guardie del corpo della signora Khalef vivi nella prigionia di Ahrar-al-Sharqiya. Il documento prodotto dalla Mezzaluna rossa curda che descrive in dettaglio le esecuzioni sul campo di Ahrar-al-Sharqiya, riassume le prove disponibili. Da quando è stato rilasciato questo video è apparso il video che mostra i due operatori sanitari più le guardie del corpo della signora Khalef vivi nella prigionia di Ahrar-al-Sharqiya.

SANA – SYRIAN ARAB NEW AGENCY (agenzia filo-governativa)

Hasaka – Le forze di aggressioneturche hanno preso di mira mercoledì il villaggio di Qasr Deib a nord di Malikyah con un numero di proiettili. Il reporter della SANA ad Hasaka ha affermato che gruppi terroristici di Erdogan hanno sparato contro le famiglie del villaggio di Rihanyah nella campagna meridionale di Ras al-Ayn, ferendo tre donne. Nel frattempo, l’illegittima coalizione americana ha distrutto la base del Kharab Ishq nella campagna nord-orientale di Aleppo dopo il suo ritiro dalla base. (Mazen)


Aleppo, Hasaka – L’esercito arabo siriano (SAA) mercoledì è entrato nella città di confine di Ayn al-Arab nella più lontana campagna nord-orientale di Aleppo. Nel frattempo, le famiglie hanno accolto con favore l’esercito. In precedenza, unità dell’esercito hanno ampliato il loro spiegamento nei villaggi e nelle città di Tal Tamer nella campagna nord-occidentale di Hasaka come parte dei loro doveri nella difesa della Patria contro l’aggressione turca e i suoi terroristi mercenari. Il reporter della SANA ha affermato che le unità dell’esercito sono entrate in diversi nuovi villaggi nella città di Tal Tamer e hanno ampliato lo spiegamento a una distanza di 15 km nei villaggi di al-Arbae’en, Lylan, al-Ameriyah, al-Tawilah raggiungendo al-Ahras e al-Manajir a nord-ovest della città. Il reporter ha aggiunto che le unità dell’esercito stanno continuando il loro spiegamento nei restanti villaggi e città di Tal Tamer, a circa 40 km a nord-ovest della città di Hasaka.

AGENDA MILITARE 15 OTTOBRE 2019
aggiornamento ore 22 del 15-10-19

SANA – SYRIAN ARAB NEW AGENCY (agenzia filo-governativa)

Aleppo – Le unità dell’esercito arabo siriano hanno completato il loro spiegamento nella città di Manbej e nei suoi dintorni nella campagna nord-orientale della provincia di Aleppo, dove sono stati accolti dalla gente del posto. Il corrispondente di SANA ha detto che i locali si sono radunati nel centro della città, portando bandiere siriane e tifando per l’esercito che è venuto a difendere la città e la sua gente dall’aggressione turca, ma i militanti del QSD (SDF) hanno aperto il fuoco sulla gente del posto per disperderli. Più tardi, unità dell’esercito entrarono nei villaggi di al-Aghibish, Lylan e Tawilah nella campagna nord-occidentale della città di Tal Tamer nella campagna nord di Hasaka. Il giornalista della SANA ha affermato che le famiglie dei tre villaggi hanno espresso gioia per l’arrivo dell’esercito per proteggerli e difendere la Patria dalle truppe del regime turco e dai loro strumenti di terroristi. (Hazem Sabbagh / Mazen)

Hasaka, Raqqa – Due civili sono stati martirizzati per aver preso di mira la loro auto dalle forze turche nel villaggio di Abu Surra, a nord di Ayn Issa, nella campagna settentrionale di Raqqa, ha riferito il giornalista della SANA. Il giornalista ha aggiunto che le forze di occupazione turche hanno bruciato le case di numerosi cittadini dopo averle rubate nei villaggi di Tal Tamr e Ras al-Ayn, nella campagna settentrionale di Hasaka. Il reporter ha sottolineato che le forze di occupazione statunitensi hanno trasferito 250 donne mogli di terroristi stranieri di Daesh dal campo di al-Houl alla base illegale di al-Shaddadi. (Gh.A.Hassoun).

CENTRO DI INFORMAZIONE ROJAVA – (amministrazione autonoma curda)

Giornalista locale sulla situazione di Khereb Eshk: “Due ore fa, 6 veicoli militari turchi sono entrati nei villaggi vicino alla base della coalizione. C’erano anche forze SDF lì. Poiché questi veicoli turchi sembrano veicoli americani, nessuno pensava che fossero turchi. Perché non stavano battendo bandiere. Le forze SDF si sono impegnate con i veicoli e gli americani non hanno fatto nulla, sono fuggiti in elicottero. Perché i turchi erano vicini al loro posto. L’SDF ha reagito e distrutto 2 loro veicoli e il raid è stato respinto. ”

– Oggi gli sfollati interni sono fuggiti fino a Temir, dove ci sono stati droni sopra la testa e scontri nei villaggi vicini – Tutte le ONG internazionali hanno lasciato la città, compresi i medici del CICR senza frontiere e il Corpo di misericordia [anche se alcuni di questi si sono trasferiti altrove nel NE Siria] – Le famiglie dormono sul pavimento delle scuole senza coperte o materassi – Mancanza di cibo, in particolare pane, latte materno, acqua potabile e stazioni di igiene – Il forno della città non può alimentare l’afflusso di rifugiati, quindi i forni del villaggio vengono utilizzati per distribuire il pane alle scuole – I villaggi a nord di Til Temir verso Sere Kaniye e ad ovest verso Ayn ​​Issa lungo la strada M4 restano sotto il controllo turco. Alcuni villaggi sono stati riconquistati.

AGENDA MILITARE 14 OTTOBRE 2019
aggiornamento ore 10 del 15-10-19

ALMENO 41 CIVILI MORTI TRA CUI 2 GIORNALISTI SIRIANI

Il bilancio delle vittime civili si fa sempre più drammaticon con ben 41 morti causati dai bombardamenti dell’esercito turco dalle mattanze dei gruppi terroristici filo-turchi. Tra loro anche 2 giornalisti siriani morti per i razzi lanciati dai turchi che hanno colpito un convoglio civile ferendo altri 8 reporter, come comunica il Rojava Information Center.

È salito a 595 il numero dei “terroristi neutralizzati” (cioè uccisi, feriti o catturati) dall’inizio dell’operazione militare della Turchia nel nord-est della Siria. Lo rende noto la Difesa di Ankara, aggiornando la cifra precedente di 560 diffusa ieri sera riferita ai militari curdi SDF-YPG che hanno liberato la Siria dall’ISIS ma sono ritenuti (forse proprio per questo) un’organizzazione terroristica dai Turchi. Il presidente Recep Tayyip Erdogan aveva precisato ieri che almeno 500 di questi combattenti sono stati uccisi.

JIHADISTI ARMATI DAI TURCHI FUCILANO LA GIOVANE POLITICA. Erdogan bombarda anche le ambulanze

Tra gli obiettivi neutrealizzati per la dittatura turca sostenuta dagli estremisti Sunniti dei Fratelli Musulmani c’è anche Hevrin Khalaf, il segretario generale del Future Syria Party, attivista dei diritti umani e delle donne, alleata dei Curdi e barbaramente uccisa a colpi di fucile in un agguato dai jihadisti mercenari protetti ed armati da Erdogan.

SANA – SYRIAN ARAB NEW AGENCY (agenzia filo-governativa)

L’ARRIVO TRIONFALE A MANBIJ E TABQA

La grande accoglienza riservata all’Esercito Arabo Siriano dalla popolazione curda del Rojava all’arrivo alle porte della città di Al Taqba, vicino a Raqqa

Raqqa – Unità dell’esercito sono entrate lunedì sera nella città di Manbij nella campagna nord-orientale di Aleppo. In precedenza, l’esercito arabo siriano è entrato in un gran numero di villaggi e città nella campagna meridionale, sud-occidentale e settentrionale di Raqqa, la città di al-Tabqa e la sua campagna e l’aeroporto militare di al-Tabqa, ha detto il giornalista della SANA.

Unità dell’esercito entrarono anche nella città di Tal Tamr, nel nord-ovest di Hasaka, per affrontare l’aggressione turca in mezzo al benvenuto della gente. Il giornalista ha aggiunto che all’arrivo delle unità dell’esercito ad Ayn Issa nella campagna settentrionale di Raqqa, le persone si sono radunate all’ingresso della città per accoglierle. La bandiera nazionale siriana è stata issata su un certo numero di istituzioni statali, tra cui scuole nelle città di Hasaka e Qamishli.


Hasaka – Le forze del regime turco hanno continuato la loro aggressione sul territorio siriano per il sesto giorno consecutivo.

Lunedì le forze turche hanno lanciato un’offensiva di artiglieria nella città di al-Darbasiyah e nel villaggio di al-Qurmania nella campagna di Hasaka, ha riferito il giornalista della SANA.

Il reporter ha riferito che circa 150 truppe delle forze di occupazione statunitensi e delle forze straniere hanno lasciato il territorio siriano dall’aeroporto illegale di Rhaiba nella campagna di al-Malikiyah in Iraq.

Gh.A.Hassoun


Il segretario generale delle Nazioni Unite, SANA-ONU, Antonio Guterres, ha affermato che l’aggressione turca nei territori siriani ha costretto quasi 160 mila cittadini a lasciare la casa.

“L’aggressione turca nei territori siriani ha portato allo sfollamento di 160 mila persone”, ha detto Guterres in una nota lunedì, chiedendo “una riduzione immediata dell’escalation” e consentendo la consegna di aiuti umanitari senza ostacoli. Ha espresso profonda preoccupazione per l’escalation della situazione nel nord della Siria, temendo la fuga dei terroristi dall’organizzazione di Daesh.

 

CENTRO DI INFORMAZIONE ROJAVA – (amministrazione autonoma curda)

BASHAR E’ MEGLIO DI ERDOGAN

Fonte militare a Celebe: ci sono scontri ad Ayn Issa, il regime siriano ha attraversato il luogo in cui si stanno verificando gli scontri e si sta impegnando, gruppi sostenuti dalla Turchia hanno tagliato la strada da Celebe ad Ayn Issa.

Sulla zona di non volo l’ufficiale dice;

– Sarà chiaro nelle prossime 24 ore – Attività aeree con attacchi turchi sono proseguiti durante la notte

– L’America trascina i piedi ma rifiuta di andarsene – L’amministrazione autonoma ha chiesto loro di partire per spianare la strada ai russi per assumere il controllo dello spazio aereo

– Se lo spazio aereo è controllato, sono fiduciosi di poter rimuovere le forze sostenute dalla Turchia da tutto il territorio che controllano in Siria


19:15 – AN ISSA “Le forze armate siriane sono in città. All’interno del campo c’era una volta un grande caos e combattimenti pesanti, senza armi (non ne hanno), ma con pugni e pietre, era davvero un grande caos. A parte questo ci sono forze di procura turche fuori da un lato della città, è pericoloso, hanno carri armati e altre attrezzature. La strada per Ain Issa è controllata da SDF, ma poiché le forze di procura turche sono vicine, nessuno può vieni, perché li colpiscono con i loro carri armati ” giornalista locale all’interno di Ain Issa.


Ecco il rapporto della Mezzaluna Rossa curda per il 9 ° -14 °. Dimostrando che il numero di vittime che il KRC ha affrontato è: 165 civili gravemente feriti e 41 civili uccisi.

Il giornalista locale a Kobane afferma che le colonne del regime sono ancora posizionate fuori città: “La situazione a Kobane era stabile oggi. Intorno a mezzogiorno gli aerei sono decollati tre volte. Tutta la gente qui diceva che il regime stava arrivando, ma c’erano 7 veicoli americani in arrivo Kobane a Manbij: il regime è sulla strada in quella direzione, si sono fermati lì e non sono arrivati ​​a Kobane. Kobane in precedenza aveva sofferto molto per mano del regime. Tuttavia, il regime è preferibile alla Turchia e alle loro fazioni jihadiste. Almeno non ci uccideranno, non ci taglieranno la testa. Questo è ciò che pensa la gente. Né sono buoni, ma Bashar è meglio di Erdogan. Ora, la situazione è stabile a Kobane: ora sono a Kobane e non c’è attività. Ma ovviamente la gente ha paura che i jihadisti arrivino all’improvviso qui e li massacrino “.

La mappa dell’attacco in Siria disegnata dal sito specializzato di geopolitica e zone di guerra INSIDE OVER – clicca per leggere i reportages

SIRIA, TUTTI I REPORTAGE DI GOSPA NEWS

(Visited 275 times, 8 visits today)
Pubblicità

Redazione Gospa News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *