Appello al Papa per Huma Younas, la 14enne cristiana sequestrata e forzata all’Islam per sposare il rapitore

Appello al Papa per Huma Younas, la 14enne cristiana sequestrata e forzata all’Islam per sposare il rapitore
Pubblicità

2.875 Views

ENGLISH VERSION HERE

I genitori si appellano a Papa Francesco perchè intervenga ad aiutarli a riportare a casa la loro figlia 14enne cristiana rapita da un musulmano e forxatamente convertita all’Islam per avere la motivazione legale con cui sposarla. Ma siccome ciò sta accadendo in Pakistan, dove ha vissuto la sua lunga prigionia Asia Bibi, ora arrivano le minacce dell’islamico.

«Se non smettete di cercare vostra figlia, vi accuseremo di blasfemia». Queste le minacce del musulmano Abdul Jabbar ai genitori e all’avvocato di Huma Younas. A riferirlo ad Aiuto alla Chiesa che Soffre è l’avvocato della famiglia, Tabassum Yousaf.

È l’ultimo sviluppo della drammatica vicenda della quattordicenne cristiana rapita a Karachi in Pakistan il 10 ottobre scorso, convertita con la forza e costretta a sposare il proprio sequestratore, il musulmano Jabbar.

La 14enne cristiana Huma Younas rapita in ottobre in Pakistan da un islamico

«Accade spesso che i rapitori minaccino i familiari di accusarli di blasfemia – spiega l’avvocatessa cattolica – un’accusa che in Pakistan comporta la condanna a morte». Come ha rischiato proprio Asia Bibi, la contadina madre di cinque figli, solo per aver difeso la sua fede in Cristo.

ASSOLTA LA CRISTIANA ASIA BIBI

In casi come quello di Huma è molto difficile per le famiglie ottenere giustizia. «I cristiani sono poco istruiti e non conoscono i propri diritti – continua la Yousaf – e sono troppo poveri per sostenere le spese legali necessarie per portare il caso in tribunale. Così i rapitori hanno la meglio, spesso grazie anche agli stessi agenti di polizia che oltre a scoraggiare i genitori, indicano ai sequestratori le scappatoie legali di cui servirsi».

L’avvocato pakistano cristiano Tabassum Yousaf

È purtroppo un drammatico schema che si ripete ogni volta che una ragazza cristiana – pur minorenne come nel caso di Huma – viene rapita, violentata, costretta alla conversione e a sposare il proprio aguzzino.

«Di fronte al dramma di questa adolescente e dei suoi genitori, Aiuto alla Chiesa che Soffre non è rimasta indifferente – afferma Alessandro Monteduro, direttore di ACS-Italia – Sosterremo tutte le spese legali della famiglia. Così che per una volta i cristiani del Pakistan possano avere giustizia. La nostra speranza è inoltre che un eventuale esito favorevole della vicenda possa scoraggiare nuove conversioni forzate di giovani cristiane».

In un video registrato in Pakistan e diffuso ai media internazionali, i genitori si sono rivolti anche “al santo Padre Francesco, alla comunità internazionale, al politico pakistano Bilawal Bhutto Zardari, figlio della scomparsa ex premier Benazir Bhutto, al premier del Paese, al presidente della Corte suprema, al capo delle forze armate. Chiedono loro un intervento urgente”, sottolinea l’avvocato, anche lei cristiana.

FANCIULLE SCHIAVE DEGLI ORCHI JIHADISTI

L’avvocato Yousaf ha presentato istanza all’Alta Corte del Sindh, la provincia di Karachi, denunciando Adbul Jabbar di rapimento, conversione forzata e matrimonio forzato. Nonostante la famiglia abbia presentato i certificati di nascita e di battesimo della ragazza, sui quali si attesta che Huma ha 14 anni, il suo rapitore sostiene che la giovane abbia in realtà 18 anni.

Probabilmente aiutato da agenti della polizia locale l’uomo ha presentato a sua volta istanza contro i genitori di Huma. «Purtroppo in Pakistan anche se si è nel giusto non è così facile ottenere giustizia», spiega Tabassum Yousaf.

CRISTIANI PERSEGUITATI – Massacri jihadisti in Africa: 16 morti, 21 bimbi rapiti. Natale a Betlemme vietato agli ortodossi di Gaza

Fondamentale ora sarà anche il coinvolgimento di politici e mezzi di comunicazione locali, rimasti ancora silenti nonostante l’interessamento dei media internazionali alla vicenda. Ecco perché stamattina, alle 10 ora italiana (14 locali), l’avvocato e i genitori hanno dimostrato pubblicamente di fronte al Press Club di Karachi. «Se nessuno interverrà a livello locale – aggiunge l’avvocato – il rischio è che Huma non possa più tornare a casa».

REDAZIONE GOSPA NEWS

AIUTO ALLA CHIESA CHE SOFFRE – INFO

GOSPA NEWS – REPORTAGE CRISTIANI PERSEGUITATI

GOSPA NEWS – INCHIESTE SUI JIHADISTI

CRISTIANI PERSEGUITATI: ASIA LIBERA, CAMILLE UCCISA

STUPRI MUSULMANI E PARTIGIANI

 

(Visited 383 times, 1 visits today)
Pubblicità

Redazione Gospa News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *