CoronaVirus BIO-ARMA – 5. IL CARDINALE ACCUSA: «Un paese ricco ha seminato questo veleno. Onu indaghi»

CoronaVirus BIO-ARMA – 5. IL CARDINALE ACCUSA: «Un paese ricco ha seminato questo veleno. Onu indaghi»
Pubblicità

6.072 Views
Monsignor Malcom Ranjith
Arcivescovo di Colombo (Sri Lanka)
nei giorni scorsi aveva anche chiesto
«Verità sulle stragi di Pasqua 2019»

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

ENGLISH VERSION HERE

«Questi tipi di ricerche non si realizzano per persone nei paesi poveri ma in laboratori di paesi ricchi. Produrre queste cose è un crimine molto serio per l’umanità. Chiedo al Signore di arrivare a rivelare chi ha seminato questo veleno. Penso che le Nazioni Unite debbano attivarsi per capire come è nato tutto questo incidente e castigare i reponsabili. Queste ricerche dovrebbero essere proibite».

Ad accreditare la teoria che il CoronaVirus sia un’arma batteriologica come sostenuto da Gospa News fin dal 4 febbraio è un cardinale srilankese, l’arcivescovo di Colombo, Malcom Ranjith.

CORONAVIRUS – 10. IL COMPLOTTO IN 100 RIGHE: DALLE BIO-ARMI CIA AL NUOVO ORDINE MONDIALE

Dopo l’ex presidente iraniano è ora un esponente della Chiesa Cattolica Romana a chiedere l’intervento delle Nazioni Unite per avviare un’indagine sulla pandemia: Le parole dell’alto prelato cristiano avvalorano i molteplici sospetti evidenziati nei nostri reportages con centinaia di dettagliati indizi.

La lettera inviata al Segretario generale dell’ONU, Antonio Guterres, da Mahmoud Ahmadinejad, già alla guida dell Repubblica Islamica dell’Iran era stata ignorata da quasi tutti i media: in Occidente perché è stata scritta da un musulmano Sciita, in Medio Oriente perché a Teheran l’ex leader dei Conservatori nel 2018 era finito addirittura agli arresti domiciliari in quanto ritenuto colpevole di aver fomentato proteste contro il governo dal suo successore Hassan Rohuani.

L’inquietante missiva circostanziata di Ahmadinejad è stata pertanto pubblicata da Gospa News nell’ultimo reportage a supporto della tesi sulla guerra biologica insieme ai sospetti che portano negli Usa ma soprattutto a Langley, in Virginia, sede della Central Intelligence Agency.

PANDEMIA DA BIO-ARMA – 9. IL SUPERVIRUS CREATO DAGLI USA DI OBAMA: altri 89 ceppi CoVid nei test Top Secret CIA

Ora invece quasi molti quotidiani italiani ed occidentali, fino a ieri timidi, contrari o sarcastici di fronte all’ipotesi di una pandemia pianificata, che nel mondo ha già contagiato più di 218mila persone uccidendone circa 10mila, rilanciano il grido di accusa del cardinale srilankese, arcivescovo di Colombo, Malcom Ranjith.

CoronaVirus toll on March, 19

Il virus recentemente identificato, che causa una malattia respiratoria nota come COVID-19, ha ucciso almeno 161 persone negli Stati Uniti. Il numero di infezioni ha raggiunto le 11.329 persone in tutti i 50 stati. Questo ultimo aggiornamento rende gli Stati Uniti l’ottavo paese per i casi a livello globale, ma i numeri stanno crescendo rapidamente…

I funzionari sanitari in Italia hanno confermato altri 427 decessi per Covid-19, portando il bilancio complessivo delle vittime del Paese a 3.405. La cifra supera il numero di morti totali in Cina, 3.245 dallo scoppio dell’epidemia.

 

L’APPELLO ANCHE SULLE STRAGI DI PASQUA NELLO SRI LANKA

A squarciare il silenzio pavido dei media, stavolta non solo di mainstream ma anche molti di contro-informazione, non è un religioso qualunque.

E’ il presule cristiano che poco meno di un anno fa si ritrovò a piangere le 258 vittime, tra cui 45 bambini, degli attentati esplosivi compiuti la Domenica di Pasqua nell’isola, sterminando in maggioranza i fedeli cattolici ed evangelici durante le funzioni nella chiesa di Sant’Antonio nel quartiere Kotahena di Colombo, la chiesa di San Sebastiano a Negombo e la chiesa di Sion a Batticaloa, oltre ad alcuni turisti occidentali in due alberghi di lusso.

Il cardinale Malcom Ranjith, Arcivescovo di Colombo, capitale dello Sri Lanka

«Questo è un momento in cui i nostri cuori sono messi alla prova dalla grande distruzione avvenuta domenica scorsa. Questo è un momento in cui domande come “Dio ci ama veramente”, “Ha compassione verso di noi”, possono sorgere nei cuori umani» disse allora il cardinale terribilmente addolorato nella settimana successiva alla strage.

Ma nei giorni scorsi l’Arcivescovo di Colombo è intervenuto pubblicamente per ricordare alle istituzioni l’impegno urgente per capire «come siano avvenuti gli attentati il ​​21 aprile 2019 e chi abbia aiutato gli aggressori».

Il riferimento è ai nove attentatori suicidi appartenenti al gruppo estremista islamista locale “National Thawheed Jamaat” (NTJ) legato all’ISIS

Il personale di sicurezza cammina tra detriti e cadaveri coperti con qualche telo nel Santuario di Sant’Antonio a Colombo

«Non esiteremo a scendere in strada per salvaguardare i diritti della nostra gente» ha detto il cardinale parlando a Ragama, nel nord di Colombo.

Nonostante l’indagine avviata da Maithripala Sirisena, predecessore dell’attuale presidente Gotabaya Rajapaksa, «il procedimento appare ora privo di trasparenza. Alcuni elementi che devono emergere vengono nascosti: chi era responsabile? chi ha aiutati i terroristi e che ha mantenuto i contatti con loro?» ha notato monsignor Ranjith.

A febbraio, il governo dello Sri Lanka ha nominato uno speciale team di sei membri per aiutare la polizia a raccogliere informazioni sul devastante attacco. Il presidente Rajapaksa ha annunciato di «accelerare le indagini in corso sull’attacco» presentandosi come  «leader capace di fermare il terrorismo» durante la campagna elettorale del novembre scorso.

Questo lo ha aiutato ha vincere le elezioni, trionfando sul suo rivale Sajith Premadasa con un margine di oltre 1,3 milioni di voti (il 52,25% dei voti contro il 41,99% del rivale più vicino).

Allora come oggi Gospa News mise in luce le trame di una cospirazione che andava ben oltre l’imam musulmano Sunnita radicale che organizzò l’eccidio con la sua squadra di altri kamikaze, tra cui i figli di un facoltoso imprenditore finanziatore e già militante del partito comunista nazionale.

SRI LANKA: JIHADISTI NASCOSTI E INTRIGHI DELL’AFFARISTA ISLAMICO

Fin dalle prime indagini affiorarono le relazioni pericolose tra estremisti, politici islamici e governanti che ignorarono l’allerta dell’intelligence indiana RAW. Per questo il presidente di allora Sirisena fu duramente incolpato da politici e media srilankesi.

Tra i legami sospetti dei governanti che non presero sul serio l’allarme emersero anche quelli con un tycoon musulmano di Londra ritenuto tra i finanziatori di un ex premier britannico ma anche di alcune fondazioni islamiche a loro volta di supporto ad organizzazioni terroristiche.

JIHAD SAUDITA, TOP SECRET FILES: DAI DETENUTI INVIATI IN SIRIA ALLE BOMBE IN SRI LANKA

 

Alcuni mesi dopo, insieme all’arresto di alcuni complici del terrorista di nazionalità saudita, si coprirono documenti inquietanti che confermarono come Riad, storico alleato di guerra di Washington, fosse perfettamente a conoscenza dell’attentato ed avesse allarmato l’ambasciata di Colombo affinchè avvisasse i suoi connazionali di tenersi lontani dai luoghi religiosi cristiani nel giorno di Pasqua.

Ecco perché non è un caso che a rompere il muro della menzogna sul CoronaVirus sia proprio un cardinale che ha vissuto in prima persona il dolore delle sanguinarie conseguenze dei complotti internazionali finalizzati a nuovi scenari geopolitici e militari con il conseguente arricchimento, qualunque sia la degenerazione dei conflitti, della Lobby delle Armi.

LOBBY ARMI – 1: BLACKROCK E GLI ALTRI AFFARISTI DELLE GUERRE USA

Come evidenziato in una delle nostre ultime inchieste gli stessi signori della guerra che speculano sulle maggiori corporations della difesa, tacitamente autorizzate anche a fabbricare bombe nei paesi sotto embargo come lo Yemen in violazione ad ogni risoluzione Onu grazie all’egida della NATO, sono gli stessi che hanno investito sulle multinazionali dei vaccini.

 

IL CARDINALE: «BASTA SPERIMENTAZIONI CONTRO L’UMANITA’»

Ecco perché il cardinale Ranjith non sembra avere dubbi sul fatto che la pandemia da CoVid-19 sia il frutto «di sperimentazioni da parte di una nazione ricca e potente. Alcuni virus di cui parliamo in questi giorni sono il prodotto di sperimentazioni senza scrupoli. Dobbiamo mettere al bando questo tipo di sperimentazioni che portano al risultato della perdita di vita e causano dolore e sofferenze a tutta la umanità».

I commenti del cardinale sono arrivati ​​in seguito alla cancellazione da parte della Chiesa dello Sri Lanka delle Messe altri servizi in tutte le parrocchie, a causa di un rapido aumento dei casi di coronavirus nel paese.

Il 15 marzo, ha annunciato che tutti i servizi religiosi sono stati sospesi fino alla fine del mese dopo che il Ministro della Pubblica Istruzione aveva ordinato la chiusura di tutte le scuole, anche cattoliche, fino al 20 aprile, mentre il Governo ha imposto la quarantena a tutti i viaggiatori provenienti dall’Europa vietando gli arrivi da 8 paesi tra cui Italia, Regno Unito, Belgio e Norvegia.

In Sri Kanka al momento sono stati confermati solo 28 casi di positività, la maggior parte frutto di contagi da parte di turisti provenienti dall’Italia.

CoronaVirus BIO-ARMA – 3. VACCINO D’ORO GSK. Big Pharma partner di Bill Gates, Pentagono e Lobby Sionista Usa

 

«Quando l’uomo cerca di cambiare le leggi allora ciò che accade è un tipo grottesco di risultato. E sappiamo che in diverse aree di questo mondo, ricercatori di ogni tipo, per vari motivi, si stanno impegnando nella ricerca che distruggerà la vita umana» ha sentenziato durante la conferenza stampa l’Arcivescovo di Colombo.

Prima il Partito Comunista Cinese, forte dei pareri degli scienziati sul modellamento della proteina S-Spike e sui due genotipi differenti del virus isolati a Wuhan, di cui uno assai più aggressivo e letale, poi il comandante delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche dell’Iran, hanno sostenuto quanto oggi dichiara l’arcivescovo di Colombo, convinto che il Covid-19 sia un virus creato dall’uomo in laboratorio e non tanto un virus che è entrato in circolazione per contatto animale-uomo.

Per questo, riferisce l’agenzia asiatica per le notizie cattoliche Ucan, le Nazioni Unite dovrebbero aprire le indagini e di portare i «responsabili a processo per genocidio».

CoronaVirus – 1. “E’ BIO-ARMA”. Esperto USA accusa la Cina ma il Pentagono ha 25 Laboratori Segreti per “Attacchi Etnici”

 

L’intervento di monsignor Ranjith contiene ovviamente anche una preghiera a Dio: «Chiedo al Signore di arrivare a rivelare chi ha seminato questo veleno». Gospa News, webmedia di informazione giornalistica cristiana, sta portando avanti la propria missione in questo senso.

CoronaVirus – 2. ARMA BIO-GENETICA. Gli 007: «Diffusa coi nano-droni CIA» e Cyber-libellule. Strage in Iran. SOS Italia

In questi giorni abbiamo raccolto nuove importanti preziose tessere per ricomporre il folle ed osceno mosaico di questa guerra biologica e stiamo preparando il più completo reportage che sarà la sintesi dei tre dossier pubblicati finora con nomi di enti e persone coinvolte.

UKRAINEGATE, COMPLOTTO DEEP STATE CONTRO TRUMP: tra i due informatori CIA spunta anche Renzi

A breve svelereremo gli altri anelli del tremendo complotto che ha colpito soprattutto la Cina, l’Iran, l’Italia e gli Usa non a caso per un preciso piano del Deep International State di cui abbiamo già inviduato qualche attore protagonista, di cui delineeremo ogni traccia, forse già domani…

Fabio Giuseppe Carlo Carisio
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione

 


GOSPA NEWS – INCHIESTE CORONA VIRUS

(Visited 2.401 times, 469 visits today)
Pubblicità

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

4 pensieri su “CoronaVirus BIO-ARMA – 5. IL CARDINALE ACCUSA: «Un paese ricco ha seminato questo veleno. Onu indaghi»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *