CRISI KABUL: COME PREVISTO DA GOSPA NEWS IL CASO PASSA ALLA CIA. Incontro Segreto col Leader dei Talebani

CRISI KABUL: COME PREVISTO DA GOSPA NEWS IL CASO PASSA ALLA CIA. Incontro Segreto col Leader dei Talebani

5.528 Views
William Burns, direttore della Central Intelligence Agency,
ha incontrato il cofondatore dei Talebani Abdul Ghani Baradar,
già detenuto per terrorismo di matrice islamica estremista

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

ENGLISH VERSION HERE

Come ho scritto nell’articolo precedente, il ritiro dell’esercito americano dall’Afghanistan ha lasciato spazio all’azione losca dell’intelligence. L’analisi geopolitica espressa nei miei reportage su Gospa News, Database Italia e Veterans Today è ora confermata dalle reali operazioni sul Paese asiatico condotte dalla Central Intelligence Agency come evidenziato prima dal Washington Post poi da NBC News.

«Di fronte a crescenti pressioni sulla sua imminente scadenza per lasciare l’Afghanistan, il presidente Joe Biden ha inviato il suo capo della spia per incontrare il leader de facto dei talebani, secondo un alto diplomatico della regione e un’altra fonte a conoscenza della questione. Il direttore della CIA William Burns ha tenuto un incontro segreto con il cofondatore e leader politico talebano Abdul Ghani Baradar lunedì, hanno detto le fonti. L’incontro è stato riportato per la prima volta dal Washington Post», ha riferito oggi la NBC.

Secondo il network americano, la CIA ha rifiutato di commentare l’incontro, citando la politica dell’agenzia di non discutere mai i viaggi e gli incontri del suo direttore. Nuovi aggiornamenti qui. Segue sotto l’articolo completo della NBC.

ESODO DEL TERRORISMO ISLAMICO SOTTO IL NASO DELLA CIA. “Isis e Al Qaeda tra Migranti Afghani”. Allarme di Putin confermato dagli Usa in Qatar

PROFILI DEI DUE LEADER DELL’INCONTRO AI VERTICI CIA-TALEBANI

Abdul Ghani Baradar (Pashto/Dari: عبدالغنی برادراخوند‎; nato intorno al 1968) è un militante afghano che è stato uno dei fondatori dei talebani in Afghanistan e vice del suo primo leader, Mohammed Omar. È conosciuto con il titolo onorifico Mullah e Omar lo ha soprannominato “Baradar”, che significa “fratello”,[6] o Mullah Brother.[7] Baradar è stato arrestato in Pakistan dai servizi segreti pakistani all’inizio del 2010 ed è stato rilasciato il 24 ottobre 2018 su richiesta degli Stati Uniti. Dal suo rilascio ha svolto un ruolo sempre più influente all’interno del movimento talebano afghano.

Baradar è nato intorno al 1968 nel villaggio di Weetmak nel distretto di Deh Rahwod nella provincia di Uruzgan in Afghanistan. È un Durrani Pashtun della tribù Sadozai che è sotto-tribù di Popalzai. Lui e Mohammed Omar sono diventati amici quando erano adolescenti.

Ha combattuto durante gli anni ’80 nella guerra sovietico-afgana a Kandahar (principalmente nell’area di Panjwayi), servendo come vice di Omar in un gruppo di mujahideen afgani contro il governo afghano sostenuto dai sovietici. Omar gli diede il nome di battaglia “Baradar”, che significa “fratello”, a causa della loro stretta amicizia. In seguito ha gestito una madrassa a Maiwand, nella provincia di Kandahar, insieme a Omar. Secondo i media occidentali, Omar e Baradar potrebbero essere cognati grazie al matrimonio con due sorelle. Nel 1994 era uno dei quattro uomini, tra cui Omar, che fondarono i talebani nel sud dell’Afghanistan.

Il leader talebano Abdul Ghani Baradar

Durante il dominio talebano (1996-2001), Baradar ha ricoperto diversi incarichi. Secondo quanto riferito, era governatore delle province di Herat e Nimruz e/o comandante del corpo per l’Afghanistan occidentale. Un documento non classificato del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti lo elenca come l’ex vice capo di stato maggiore dell’esercito e comandante del corpo centrale dell’esercito, Kabul, mentre l’Interpol afferma che era vice ministro della difesa dei talebani.

Baradar è stato arrestato dall’Inter-Services Intelligence (ISI) del Pakistan alla fine di gennaio o all’inizio di febbraio 2010 a Karachi. Il Pakistan ha confermato l’arresto solo una settimana dopo e il ministro degli Interni pakistano Rehman Malik ha smentito le notizie secondo cui agenti statunitensi erano stati coinvolti nell’arresto. Secondo il New York Times, subito dopo l’arresto, le agenzie di intelligence americane avevano informato gli agenti antiterrorismo pakistani di un incontro di militanti con un possibile legame con Baradar, ma che solo dopo che diversi uomini erano stati arrestati si erano resi conto che uno era Baradar stesso.

Il 25 ottobre 2018, i talebani hanno confermato che il Pakistan aveva rilasciato Baradar. Successivamente è stato nominato capo dell’ufficio diplomatico dei talebani a Doha, in Qatar. L’inviato speciale di Washington Zalmay Khalilzad ha affermato che Baradar è stato rilasciato su richiesta degli Stati Uniti.

Nel febbraio 2020, Baradar ha firmato l’accordo di Doha sul ritiro delle forze statunitensi dall’Afghanistan per conto dei talebani. Il 17 agosto 2021, Baradar è tornato in Afghanistan per la prima volta dalla caduta del governo talebano originale nel 2001.  Si diceva che Baradar sarebbe diventato il presidente dell’Afghanistan dopo il rovesciamento del governo di Ashraf Ghani da parte dei talebani nell’agosto 2021 .

CIA & MOSSAD NEL NUOVO EMIRATO DEL TERRORISMO ISLAMICO. A Kabul Allarme Alleanze tra Talebani, Al Qaida, ISIS e Jihadisti dei Fratelli Musulmani

William Joseph Burns (nato il 4 aprile 1956) è un diplomatico americano e ambasciatore di carriera che serve come direttore della Central Intelligence Agency dal 19 marzo 2021. In precedenza è stato vice segretario di Stato degli Stati Uniti dal 2011 al 2014. Si è ritirato dal servizio estero degli Stati Uniti nel 2014 dopo una carriera diplomatica di 33 anni. Dal 2014 al 2021 è stato presidente del Carnegie Endowment for International Peace.

Burns è stato in precedenza ambasciatore degli Stati Uniti in Giordania dal 1998 al 2001, vicesegretario di Stato per gli affari del Vicino Oriente dal 2001 al 2005, ambasciatore degli Stati Uniti presso la Federazione russa dal 2005 al 2008 e sottosegretario di Stato per le politiche Affari dal 2008 al 2011.

Nel gennaio 2021, il presidente Joe Biden ha nominato Burns direttore della Central Intelligence Agency. È stato confermato all’unanimità con voto vocale il 18 marzo 2021, ha prestato giuramento ufficialmente come direttore il 19 marzo 2021 e cerimonialmente ha prestato giuramento dal vicepresidente Kamala Harris il 23 marzo 2021.

Quando nell’aprile 2021, Biden annunciò la sua intenzione di ritirare tutte le truppe regolari statunitensi dall’Afghanistan entro settembre 2021, Burns disse al Comitato di intelligence del Senato degli Stati Uniti il ​​14 aprile 2021 che “[l]e qui è un rischio significativo una volta che l’esercito americano e la coalizione le forze armate si ritirano”, ma ha aggiunto che gli Stati Uniti manterranno “una serie di capacità”.

Il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha incontrato mercoledì 11 agosto il capo della CIA in visita William Burns per colloqui sulla situazione in Medio Oriente

L’11 agosto 2021, quattro giorni prima della caduta di Kabul nelle mani dei talebani, il primo ministro Naftali Bennett ha incontrato mercoledì il capo della CIA in visita William Burns per colloqui sulla situazione in Medio Oriente e in particolare in Iran, ha detto l’ufficio del primo ministro. in una dichiarazione. Secondo Time of Israel, i due hanno discusso dei modi per ampliare e approfondire la cooperazione tra Israele e gli Stati Uniti nella regione, afferma la dichiarazione.

All’incontro si sono uniti il ​​capo dell’agenzia di controspionaggio del Mossad David Barnea, il capo entrante del Consiglio di sicurezza nazionale Eyal Hulata, il segretario militare del primo ministro, il generale Avi Gil, e il consigliere diplomatico di Bennett, Shimrit Meir.


Il capo della CIA ha incontrato segretamente il leader dei talebani mentre Biden affronta pressioni sulla scadenza dell’evacuazione afghana

Pubblicato su NBC News il 24 agosto 2021, 12:12 CEST / Aggiornato 24 agosto 2021, 13:57 CEST

di Yuliya Talmazan, Ken Dilanian, Richard Engel e Courtney Kube

Di fronte a crescenti pressioni per la sua imminente scadenza per lasciare l’Afghanistan, il presidente Joe Biden ha inviato il suo capo delle spie per incontrare il leader de facto dei talebani, secondo un alto diplomatico della regione e un’altra fonte a conoscenza della questione.

Il direttore della CIA William Burns ha tenuto un incontro segreto con il cofondatore e leader politico talebano Abdul Ghani Baradar lunedì, hanno detto le fonti. L’incontro è stato riportato per la prima volta dal Washington Post. La CIA ha rifiutato di commentare l’incontro, citando la politica dell’agenzia di non discutere mai i viaggi e gli incontri del suo direttore.

La notizia arriva mentre Biden è pronto a decidere se prolungare la scadenza per il ritiro delle truppe statunitensi dal paese, sotto la crescente pressione in vista di un vertice di crisi con i leader dei principali alleati.AUG. 24, 202104:21

Secondo due funzionari statunitensi, Biden dovrebbe prendere la decisione se posticipare la scadenza del 31 agosto martedì, con solo una settimana alla fine e migliaia di persone che attendono disperatamente l’evacuazione sulla scia della rapida acquisizione del paese da parte del gruppo militante.

Il presidente sta affrontando critiche sia in patria che all’estero, oltre a crescenti appelli per ritardare il ritiro fino a quando più americani, afgani e altri che cercano di fuggire dal gruppo militante potranno essere trasportati in aereo.

Biden terrà un incontro virtuale di emergenza con i suoi omologhi del Gruppo dei Sette martedì mattina, dove probabilmente dovrà affrontare ulteriori pressioni per estendere lo sforzo di evacuazione.

Ma i talebani hanno avvertito che qualsiasi ritardo avrebbe attraversato una “linea rossa” e minacciato conseguenze per gli Stati Uniti. I militanti controllano l’esterno dell’aeroporto di Kabul e hanno usato la forza per controllare le folle caotiche mentre migliaia di persone si precipitano per sfuggire al loro dominio.

Fall of another Super Power in Afghanistan. Where Died in a Mysterious Crash Plane the CIA Director for Middle East

C’è preoccupazione che se Washington cerca di cambiare la scadenza, i talebani si scaglieranno contro gli americani e altri cittadini stranieri ancora in Afghanistan, secondo i due funzionari statunitensi.

L’esercito americano ha informato la Casa Bianca che ci vorranno dai 3 ai 4 giorni per far uscire i circa 6.000 soldati e il piccolo numero di ambasciate e personale consolare, hanno detto i funzionari. Ciò significa che devono iniziare a spostare i militari entro la fine di questa settimana se intendono attenersi alla data limite di Biden per il ritiro delle forze statunitensi dal paese. Man mano che altre truppe statunitensi se ne andranno, le evacuazioni probabilmente rallenteranno, hanno detto i funzionari. Per ora il ritmo è accelerato.

Nelle 24 ore tra il 23 e il 24 agosto, circa 21.600 persone sono state evacuate da Kabul, secondo un funzionario della Casa Bianca: 12.700 sfollati sono partiti su 37 voli militari statunitensi, mentre altre 8.900 persone sono state evacuate su 57 voli della coalizione. Da quando il ponte aereo è iniziato il 14 agosto, gli Stati Uniti hanno evacuato circa 58.700 persone, ha detto il funzionario.

Capo CIA in Medio Oriente ucciso nell’aereo Usa caduto in Afghanistan

Tuttavia, altre migliaia cercano disperatamente di imbarcarsi su voli e lasciare il paese mentre i talebani continuano a consolidare il loro potere, con i primi rapporti di violenza e la repressione della nascente resistenza che instillano paura in coloro che sono rimasti indietro.

Molti afghani temono rappresaglie e un ritorno a una versione dura della legge islamica che i talebani hanno imposto mentre erano al potere dal 1996 al 2001, in particolare la repressione delle donne e la libertà di parola.

Biden ha detto ai giornalisti domenica che stava considerando di estendere la scadenza del 31 agosto, ma sperava che non sarebbe dovuto arrivare a questo. Ha fissato la scadenza all’inizio di luglio prima che il blitz militare dei talebani li vedesse spazzare via il paese e prendere il controllo.

Gli Stati Uniti dovranno ora fare i conti con Baradar e altri alti leader talebani, che sono in procinto di scegliere un nuovo governo che Baradar dovrebbe guidare, ha detto a NBC News un comandante del gruppo militante. Baradar è stato arrestato più di dieci anni fa in un’operazione congiunta tra Stati Uniti e Pakistan e tenuto per otto anni in Pakistan.

È stato scarcerato nel 2018 e ha prestato servizio come capo negoziatore dei talebani nei colloqui di pace in Qatar che hanno prodotto un accordo con l’amministrazione dell’ex presidente Donald Trump per il ritiro del personale militare statunitense entro il 1° maggio di quest’anno. Dopo essere stato inaugurato, Biden ha affermato che il ritiro sarebbe stato completato entro il 20° anniversario degli attacchi terroristici dell’11 settembre.

DELITTO KHASHOGGI: “SAPEVA TROPPI SEGRETI SAUDITI SULL’11 SETTEMBRE”. La pista celata dall’intelligence USA mentre accusa il principe ereditario Mohammed bin Salman

Ha poi spostato la cosa in avanti al 31 agosto, ma ora sta affrontando pressioni da parte degli alleati internazionali per ritardare al fine di consentire ulteriori evacuazioni.

Il segretario alla Difesa del Regno Unito, Ben Wallace, ha avvertito lunedì che c’erano solo “ore, non settimane” per evacuare gli afgani vulnerabili. Ma martedì ha detto a Sky News del Regno Unito che era dubbioso che ci sarebbe stata una proroga, definendola “improbabile”. “Vale sicuramente la pena di provarci tutti, e lo faremo”, ha detto Wallace.

Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha dichiarato lunedì che la Francia è “preoccupata” per la scadenza del 31 agosto, aggiungendo che “è necessario più tempo per completare le operazioni in corso”, secondo l’Agence France-Presse.

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha anche affermato lunedì che i leader del G-7 dovevano decidere se rimanere oltre il 31 agosto. “Stiamo lavorando su come far uscire le persone dal paese oltre la fine dell’operazione di evacuazione militare”, è stato Maas. citato come detto dal Ministero degli Esteri tedesco su Twitter. “Per quanto sia amaro, dobbiamo parlare con i talebani. L’alternativa sarebbe abbandonare queste persone. E non siamo disposti a farlo”.

Biden sta subendo pressioni anche in casa. Il presidente della Camera Intel, rappresentante Adam Schiff, D-Calif., ha detto ai giornalisti dopo un briefing lunedì che non credeva che l’evacuazione potesse essere completata negli otto giorni rimanenti.

“Penso che sia possibile, ma penso che sia molto improbabile dato il numero di americani che devono ancora essere evacuati”, ha detto Schiff, secondo Reuters.

Un sondaggio di NBC News pubblicato domenica ha mostrato che solo il 25% degli intervistati ha approvato la gestione dell’Afghanistan da parte del presidente, mentre il 60% ha disapprovato.

Pubblicato da NBC News il 24 agosto 2021, 12:12 CEST / Aggiornato 24 agosto 2021, 13:57 CEST

(Visited 711 times, 6 visits today)

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Un pensiero su “CRISI KABUL: COME PREVISTO DA GOSPA NEWS IL CASO PASSA ALLA CIA. Incontro Segreto col Leader dei Talebani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *