ESENZIONE PER MOTIVI RELIGIOSI DALL’OBBLIGO DI VACCINI COVID. Strategia dei Militari USA. Il 37 % rifiuta Terapie mRNA perché “non Sicure”

ESENZIONE PER MOTIVI RELIGIOSI DALL’OBBLIGO DI VACCINI COVID. Strategia dei Militari USA. Il 37 % rifiuta Terapie mRNA perché “non Sicure”

2.918 Views

Il segretario alla Difesa Lloyd Austin, in una nota del 25 agosto, ha ordinato vaccinazioni obbligatorie per la maggior parte delle forze armate americane e ha ordinato ai segretari di servizio “di imporre scadenze ambiziose per l’attuazione e di riferire regolarmente sul completamento della vaccinazione utilizzando sistemi stabiliti per altre segnalazioni obbligatorie sui vaccini”. Da quel momento i militari Usa che non vogliono vaccinarsi hanno intrapreso differenti strategie. La più diffusa sembra essere quella di ricorrere ad una richiesta di esenzione per motivi religiosi. 

La questione è ben spiegata da un interessante articolo che pubblichiamo tradotto in Italiano scritto da Pam Long su The Defender, il sito dell’associazione Chilndren’s Health Defense di cui è presidente l’avvocato Robert F. Kennedy. Pam Long si è laureata all’USMA a West Point ed è un veterano dell’esercito del Medical Service Corps.

«Attualmente il 37% dei membri del servizio ha rifiutato il vaccino COVID e ha sopportato mesi di coercizione e minacce da una strategia esclusivamente vaccinale che espone incautamente l’intera forza a un farmaco sperimentale senza dati sufficienti sulla sicurezza a lungo termine» rimarca l’articolo.


di Pam Long
Pubblicato su The Defender il 9 settembre 2021

Con un numero senza precedenti di membri del servizio militare in tutti i rami che cercano esenzioni religiose dall’obbligo di un vaccino COVID sviluppato rapidamente utilizzando la controversa tecnologia mRNA su cui mancano dati sulla sicurezza a lungo termine, è giudizioso per i membri del servizio e i loro consulenti legali, cappellani e comandanti comprendere i precedenti legali nelle decisioni di orientamento religioso nelle forze armate statunitensi.

Come riportato in precedenza su The Defender, i militari hanno il diritto di perseguire una sistemazione religiosa per un vaccino attraverso un processo che include il contributo del loro comandante, cappellano, fornitore medico e consulenti legali. Questo articolo riassume i dettagli di come le esenzioni religiose sono determinate per essere sincere e approvate.

Salvo collegamento ipertestuale, tutte le citazioni in questo articolo sono citate da “Over Your Dead Body: An Analysis on Requests for Religious Accommodations for Immunizations and Vaccinations in the United States Air Force” del tenente colonnello Christopher J. Baker, pubblicato su La revisione della legge sull’aeronautica, vol. 81, 2020, pp. 1-74.

Legge statunitense a tutela della libertà religiosa

I membri del servizio non rinunciano a tutti i diritti del Primo Emendamento quando si arruolano nell’esercito, nonostante l’insulso input di “avvocati di caserma” o amici non di supporto che affermano che i membri del servizio non hanno diritti e sono proprietà del governo.

Le tutele contenute nel Religious Freedom Restoration Act (RFRA) del 1993 hanno assicurato che i servizi consentiranno sistemazioni religiose che non abbiano alcun impatto negativo sulla prontezza militare, letalità, coesione dell’unità e buon ordine e disciplina, in modo che le persone di fede possano scegliere di arruolarsi.

“STUDI CLINICI MINORI E INCOMPLETI SUI VACCINI ANTI-COVID”. L’EMA smentisce l’Agenzia Italiana del Farmaco. Ma propone la Terza Dose per i più Fragili

I riferimenti legali riguardanti l’orientamento religioso che precedono il 1993 potrebbero non essere in accordo con le tutele religiose complete della legge. Ad esempio, una citazione per Jacobson v. Massachusetts del 1905 come precedente per multare le persone per rifiuto del vaccino non è più rilevante perché non include le protezioni religiose della RFRA 1993, né il diritto di rifiutare le cure mediche nel Codice di Norimberga del 1947 e l’etica medica nella Dichiarazione di Helsinki del 1964.

Nonostante questi diritti medici universali, il Congresso e i tribunali statunitensi aderiscono a una tradizione di deferenza giudiziaria per le autorità militari per emanare una definizione più ristretta di convinzione religiosa, collegata solo alla divinità, mentre i civili hanno protezioni più ampie che includono convinzioni personali, credenze filosofiche e credi. Questa differenza esiste per sostenere l’ordine e la disciplina rigorosi richiesti nelle missioni militari.

L’Istruzione del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DoDI) 1300.17, “Libertà religiosa nei servizi militari”, utilizza il quadro RFRA per la legalità di qualsiasi mandato sanitario o igienico. I comandanti devono dimostrare un interesse governativo irresistibile e applicarlo nel modo meno restrittivo se grava su un sincero esercizio della religione (p. 8):

“La RFRA offre agli individui una migliore capacità di praticare la propria religione quando le leggi neutrali del governo federale glielo impediscono. Ai sensi della RFRA, l’individuo che contesta uno statuto ha l’onere di dimostrare che la politica del governo “implica il suo esercizio religioso” – cioè, che “l’esercizio rilevante della religione è fondato su un credo religioso sinceramente tenuto” – e la politica del governo grava sostanzialmente su tale esercizio della religione.

PROTESTA DEI MILITARI CONTRO LA “DISCRIMINAZIONE GREEN-PASS”! Lettera al Presidente Mattarella del Sindacato dell’Esercito

L’onere si sposta quindi sul governo per dimostrare che la politica “(1) è a favore di un interesse governativo irresistibile; e (2) è il mezzo meno restrittivo per promuovere tale imperativo interesse governativo.’ La RFRA fornisce sia un’ampia protezione del diritto di libero esercizio sia un ampio diritto di azione per il ricorso giurisdizionale” (il corsivo è mio).

In risposta all’attuale coercizione al vaccino COVID nelle forze armate, come la sospensione dei congedi da parte dei comandanti, la negazione dei luoghi di cambio di servizio, le disapprovazioni per le scuole richieste per la promozione, la rimozione dalle posizioni di comando e le bandiere come non schierabili, il DoDI è chiaro che coloro azioni sono illegali per i membri del servizio che sono richiedenti nel processo di orientamento religioso:

“Significativamente, oltre a utilizzare il quadro RFRA, il DoDI afferma anche che ‘[a] l’espressione di tali convinzioni da parte di un membro del servizio non può, per quanto possibile, essere utilizzata come base di qualsiasi azione avversa del personale, discriminazione o rifiuto di promozione, istruzione, formazione o assegnazione» (p. 10). “… se un richiedente dispone di un orientamento approvato, sarebbe codificato come soggetto a un’esenzione amministrativa dal requisito e non sarebbe considerato ‘non distribuibile'” (p. 13).

Se un orientamento religioso non è approvato, il membro del servizio può appellarsi al Surgeon General del ramo di servizio appropriato. Se il ricorso viene negato, il membro del servizio può richiedere la separazione non punitiva dai militari sulla base dell’incapacità dei militari di accogliere le proprie convinzioni religiose.

Come vengono definite le credenze religiose? Che cos’è una credenza religiosa nell’esercito?

“Ai fini della RFRA, non importa se una credenza religiosa stessa è centrale per la religione, ma solo che ‘l’aderente ha un’onesta convinzione che la pratica è importante per il suo libero esercizio della religione’. La RFRA definisce ‘religioso esercizio” come “qualsiasi esercizio di religione, obbligato o meno da, o centrale rispetto a, un sistema di credenze religiose”. atti fisici” che sono “commessi per motivi religiosi”.’ detenuti dal ricorrente” (pp. 13-14).

LE CAUSE VINTE PER VACCINI PERICOLOSI

La giurisprudenza ha stabilito che le autorità non possono mettere in discussione la centralità delle credenze o delle pratiche di fede e l’indagine è limitata al fatto che una persona abbia un credo sinceramente e se il credo sia di natura religiosa. I tribunali hanno stabilito che le credenze religiose non sono limitate alle religioni stabilite o riconosciute. In United States v. Meyers (1996), la corte ha adottato i seguenti fattori da considerare nel determinare se una credenza è religiosa e non laica:
Idee ultime (come la vita, lo scopo, la morte),  Credenze metafisiche (come spiriti, anime, forze, divinità), Sistema morale o etico (come il bene e il male), Comprensione delle credenze (come una vasta raccolta di insegnamenti e non un singolo insegnamento), Insegnamenti di religione (come un insegnante o un profeta, scritti sacri, luoghi di ritrovo, cerimonie, clero o ministri, organizzazione, vacanze, dieta o digiuno, aspetto e abbigliamento e discepolato.

In Friedman v. Southern California Permanente Medical Group (2002), la corte ha applicato queste linee guida per distinguere tra credenza religiosa e filosofia e ha stabilito che un datore di lavoro medico non ha discriminato in base alla religione licenziando un dipendente che era vegano con una filosofia filosofica. convinzione contro gli embrioni di pollo nel vaccino morbillo-parotite-rosolia e che ha rifiutato il vaccino.

In Galinsky v. Board of Education di New York (2000), i tribunali hanno distinto tra credenze religiose e paure personali di reazioni avverse e hanno ordinato ai genitori di vaccinare il loro bambino nonostante le obiezioni dei genitori. Sebbene si tratti di casi legali civili, questi precedenti indicano gli standard applicati per convalidare le credenze religiose e suggeriscono che evitare reazioni avverse che potrebbero portare alla morte o alla disabilità potrebbe non essere considerato un credo religioso credibile.

VARIANTE DELTA, DATI SHOCK DALL’INGHILTERRA: Vaccinati Morti di Covid quasi il doppio dei Non Vaccinati.

Una sorprendente scoperta nella lettura della giurisprudenza è che i vaccini sono comunemente indicati come sicuri, efficaci e più vantaggiosi dei trattamenti profilattici. Questo è un pregiudizio giudiziario con una posizione di farmaco infallibile per tutte le persone derivante dall’immunità di responsabilità civile e dalla protezione dalla scoperta legale che i produttori di vaccini hanno fatto pressioni per avere in vigore dal National Childhood Vaccine Injury Act del 1986.

Il vaccino contro l’antrace ha danneggiato migliaia di membri del servizio, ma non vi è alcuna indicazione o misura di ciò nella giurisprudenza. L’entità del danno è nascosta nei rapporti di supervisione del Congresso e nei compensi non pubblicizzati dell’Amministrazione dei veterani. Di conseguenza, il rischio del vaccino è considerato trascurabile in un tribunale, nonostante le prove contrarie nel sistema di sorveglianza degli infortuni da vaccino gestito dal governo degli Stati Uniti, il database Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

GLI INSEGNAMENTI DI BIBBIA E CORANO

Sia la Bibbia che il Corano includono scritture che si oppongono a molti ingredienti impuri, non kosher e non halal nei vaccini: cellule umane da feti abortiti; cellule animali, inclusi maiali, cani, polli, mucche; sostanze chimiche tossiche, tra cui formaldeide, polisorbato-80, glicole polietilenico; e metalli pesanti neurotossici tra cui mercurio e alluminio.

Cristiani, ebrei e musulmani hanno tutti un credo religioso valido contro questi ingredienti, nonostante alcuni leader religiosi sostengano l’uso di vaccini con questi ingredienti.

La Bibbia insegna che il corpo è il tempio di Dio abitato dallo Spirito Santo e sacro, e la vita di ogni creatura è nel suo sangue e il sangue è vita e sacro. Il Corano insegna che solo Allah rimuove le afflizioni. I cristiani che si oppongono all’aborto sarebbero complici dell’aborto se utilizzassero prodotti con cellule fetali abortite.
Inoltre, RFRA non limita l’esercizio della religione a una religione tradizionale o “sistema di credenze”. I membri del servizio hanno solo l’onere di dimostrare che la loro fede è sinceramente sostenuta e sostanzialmente gravata.

Determinare le credenze sinceramente sostenute

“Le domande sulla sincerità religiosa sono un'”indagine intensamente basata sui fatti”. Non spetta ai tribunali dire che le proprie convinzioni religiose sono errate o inconsistenti. Tuttavia, “[n]o il governo né la corte devono accettare la semplice affermazione dell’imputato”. è in gran parte una questione di credibilità individuale.” “Ripetutamente e in molti contesti diversi, [la Corte Suprema] ha avvertito che i tribunali non devono presumere di determinare… la plausibilità di un’affermazione religiosa.” “Certo, nel valutare la sincerità un tribunale non può mettere in dubbio “se l’attore … ha percepito correttamente i comandi della [sua] fede.”‘ Né un tribunale “differenzia tra le fedi in buona fede”. la linea tracciata riflette “un’onesta convinzione” (p. 25).

IL DIO VACCINO E I NUOVI COMANDAMENTI DI CONTE. La piaggeria dei Vescovi verso il Governo

La convinzione di un aderente non sarebbe sincera se agisce in modo incoerente con la convinzione, o se guadagna descrivendo in modo fraudolento le credenze secolari come credenze religiose. Tuttavia, i tribunali non richiedono credenze religiose che siano perfette nell’osservanza. Una persona che richiede una sistemazione religiosa può avere convinzioni sincere, anche quando ha partecipato in precedenza a un atto per cui successivamente cerca una sistemazione.

Un richiedente può richiedere un’esenzione dal vaccino COVID, anche se ha acconsentito ad altri vaccini o altri farmaci. Una persona può opporsi ai farmaci iniettati nel sangue, mentre accetta farmaci o integratori ingeriti. Una persona può diventare religiosa in qualsiasi momento della sua vita: la pratica religiosa può diventare più importante per una persona con nuove esperienze di vita. Una persona che si allontana dall’osservanza coerente di restrizioni o festività non stabilisce insincerità, né quella persona perde i suoi diritti religiosi.

Questi diritti sono importanti da comprendere nel contesto di un numero crescente di inquisizioni religiose inappropriate riguardo alle esenzioni dai vaccini. La pagina 27 di “Over Your Dead Body” afferma questo: “La corte ha dichiarato: ‘[t] sebbene l’indagine sulla sincerità sia importante, deve essere gestita con un tocco leggero, o timidezza giudiziaria.'” Ai tribunali è vietato impegnarsi in attività religiose nell’indagine, o nell’esigere che le persone dimostrino la loro religione, perché la fede crede ciò che non può provare.

I requisiti per la verifica delle credenze religiose da parte del clero sono stati eliminati dai tribunali. I comandanti determinano la sincerità valutando l’onestà e la credibilità. Il richiedente fa una richiesta impertinente? O il richiedente è stato fermo di fronte alla disciplina? Il richiedente ha dimostrato un’intensa attività di studio e riflessione sull’argomento? Il richiedente ha sostenitori credibili che sostanziano il credo religioso?

Il comandante, il cappellano e il medico non sono tenuti a concordare con le convinzioni del richiedente. Sono tenuti solo a consigliare il richiedente delle conseguenze sanitarie e di carriera dell’alloggio religioso.

LE CONDIZIONI PER LE ESENZIONI

Quando una legge è “sostanzialmente gravosa?”

“Una legge è sostanzialmente gravosa quando esercita una “pressione significativa” su un aderente affinché agisca contrariamente alle sue convinzioni religiose, il che significa che “costringe direttamente” l’aderente religioso a conformarsi… al suo comportamento. Pertanto, il governo impone un onere sostanziale quando esercita «pressioni che tendono a costringere gli aderenti a rinunciare ai precetti religiosi» (p. 29, nota in calce).

Le forze armate sono attivamente impegnate in una coercizione diffusa con il vaccino COVID, con gli unici vaccini disponibili sotto autorizzazione volontaria per l’uso di emergenza mentre vengono descritti come approvati dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti. (Pfizer è stato approvato definitivamente ma tra le polemiche per la mancata discussione pubblica sui dati clinici – nota Gospa News)

KENNEDY CONTRO L’OK FDA AL VACCINO PFIZER: “Abolito il Processo Pubblico, Svelata la Corruzione”

Ci sono segnalazioni di comandanti che minacciano i membri del servizio di separazione come presunti “estremisti religiosi” per aver rifiutato un farmaco sperimentale.
“Un aviatore che chiede di non ricevere vaccini per motivi religiosi ha due opzioni: (1) sottoporsi alla vaccinazione, in contraddizione con le sue convinzioni religiose; o (2) richiedere un’esenzione temporanea. Se la richiesta viene respinta, quell’Aviatore si trova poi in una situazione ancora più precaria per scegliere tra (1) sottoporsi alla vaccinazione, sempre in contraddizione con le proprie convinzioni religiose; o (2) disobbedire a un ordine e rendersi suscettibile di azioni amministrative, disciplina e separazione. In tali casi, il governo porrà un onere sostanziale su un tale aviatore per ricevere un vaccino in violazione delle sue convinzioni religiose” (p. 31).

Che cos’è il test dell'”interesse convincente”?

“Se il richiedente soddisfa i requisiti per dimostrare che c’è un onere sostanziale sul suo credo religioso sincero, questo onere deve superare il test dell’interesse convincente. Per soddisfare il requisito dell’interesse cogente, il governo deve fare di più che identificare “interessi ampiamente formulati che giustifichino l’applicabilità generale dei mandati del governo”.” (pagina 31)

L’esercito ha un interesse irresistibile nell’impedire ai suoi membri di contrarre o diffondere malattie sia per il rapido spiegamento che per le operazioni quotidiane. Tuttavia, il governo deve dimostrare di avere un interesse irresistibile a imporre un vaccino che non ha dimostrato la prevenzione o la trasmissione di un virus.
Inoltre, il governo deve dimostrare che il mandato del vaccino non metterà a rischio la salute e l’idoneità della forza. Il direttore dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie ha dichiarato pubblicamente che l’immunità di gregge non può essere raggiunta con il vaccino COVID, pertanto l’immunità naturale deve essere considerata equivalente, essendo situata allo stesso modo.

VACCINATI M-RNA COME CAVIE UMANE! Persino lo “Studio Ogata” pagato da Gates conferma Reazioni Ignote e Pericolose. Rischi di Tempesta di Citochine già segnalati da Ricerca Cinese

Il targeting dei gruppi a rischio per la prevenzione delle malattie con terapie profilattiche efficaci e consolidate deve essere applicato nella politica, che delegittima un mandato vaccinale a livello di forza.

Mentre altri vaccini di vecchia data possono essere visti dai tribunali come presunti efficaci nella prevenzione delle malattie, non ci sono prove sufficienti che i vaccini COVID accelerati con la nuova tecnologia dell’mRNA abbiano dimostrato un’efficacia o una sicurezza a lungo termine superiori o equivalenti rispetto ad altre terapie.

Se l’intera forza è ora a rischio di potenziamento dipendente dall’anticorpo associato alla sperimentazione animale del vaccino mRNA, allora i tribunali potrebbero determinare che la sicurezza della nazione è più convincente dell’obbligo del vaccino.

In Singh v. McHugh (2015), la corte si è pronunciata a favore di una sistemazione religiosa per un sikh osservante che ha cercato di aderire a un programma ROTC che non si tagliava barba o capelli e indossava un turbante. L’esercito ha negato la sistemazione religiosa, citando la necessità di uniformità che avrebbe un impatto negativo su coesione, identità e patrimonio.

CURE COVID IGNORATE, DENUNCIA-BOMBA DI TRINCA E FUSILLO AI PM: “Farmaco antiSARS finanziato UE ma Inutilizzato in Pandemia” (video)

Tuttavia, l’esercito non ha potuto citare alcuna prova di effettivi effetti negativi sulla coesione dell’unità, sul morale, sul buon ordine e sulla disciplina. L’esercito aveva anche permesso ad altri sikh di servire con sistemazioni religiose per capelli, barbe e turbanti. Inoltre, l’esercito aveva realizzato nel corso degli anni 49.000 alloggi per la rasatura permanenti e 57.000 temporanei per motivi medici dei membri del servizio senza alcun impatto sulla coesione e sul morale dell’unità.

L’esercito ha sottolineato che l’uniformità è il mezzo principale per costruire un’identità militare. Tuttavia, la corte ha stabilito che l’interesse irresistibile dell’esercito è stato minato dal fatto che l’esercito “concede regolarmente ai soldati eccezioni alle sue regole di pulizia e uniformi”.

Inoltre, “[dove] un regolamento prevede già un’eccezione alla legge per un particolare gruppo, il governo avrà un onere maggiore nel dimostrare che la legge, come applicata, favorisce l’interesse cogente” (p. 43).  Ciò è significativo per le convinzioni religiose per il vaccino COVID poiché i militari hanno regolarmente concesso diverse categorie e tipi di esenzioni vaccinali elencate nel regolamento congiunto AR40-562. Inoltre, “la corte ha ritenuto che l’esercito non avesse dimostrato di considerare il mezzo meno restrittivo per raggiungere il proprio interesse…” (p. 43).

Il vaccino è l’opzione “meno restrittiva”?

“Il governo può negare una sistemazione RFRA solo se non ci sono mezzi meno restrittivi per realizzare l’interesse governativo irresistibile. Il governo ha anche l’onere di dimostrare che “l’applicazione dell’onere alla persona … è il mezzo meno restrittivo per promuovere” il suo interesse irresistibile” (p. 46)”

Per quanto riguarda le esenzioni dai vaccini nelle forze armate, i militari hanno l’onere di fornire prove scientifiche che i vaccini sono il mezzo meno restrittivo per garantire la salute delle forze armate. Questo non ha precedenti legali. Funzionari sanitari del governo hanno affermato che molte terapie profilattiche note per COVID sono meno efficaci del vaccino, e tuttavia hanno anche citato prove contrarie basate su dati di efficacia con casi rivoluzionari, incapacità di ottenere l’immunità di gregge e rischi di coaguli di sangue e miocardite.

IN ITALIA VACCINI ANCHE AI BAMBINI 12ENNI. Ma dagli USA SOS di Kennedy: “Morti 3 Adolescenti dopo Pfizer. Trombosi per un Atleta. Miocardite per altri ragazzini”

Oltre agli oltre 600.000 eventi avversi segnalati in VAERS per i vaccini COVID, la miocardite è un rischio limitante la vita che non promuove la salute della forza, con una “prognosi infausta” e “un alto rischio di deterioramento della funzione cardiaca” secondo a Nature

Un’epidemia di miocardite non serve al convincente interesse di preservare la letalità della forza. Diverse fonti scientifiche hanno dati che mostrano che l’immunità naturale è più forte e più duratura della risposta vaccinale, con un’ampia memoria immunitaria che dura fino a 8 mesi, anticorpi che durano fino a un anno, immunità da parte delle plasmacellule del midollo osseo possibilmente per tutta la vita, con protezione contro le varianti , e con un rischio di reinfezione quasi nullo nei non vaccinati.
Sebbene si tratti di prove mediche, questi dati potrebbero essere la base per approvare un adattamento religioso con alternative come terapie e/o immunità acquisita naturalmente nelle disposizioni dei mezzi meno restrittivi.

VACCINI ANTI-COVID IN EUROPA: PIU’ DI 23MILA MORTI E 1 MILIONE DI REAZIONI GRAVI… Nel Silenzio dei Governi UE!

Il mezzo meno restrittivo deve essere adattato al richiedente. Un membro del servizio giovane, sano e in forma non ha lo stesso aumento del rischio di malattia dimostrato nelle persone anziane e malsane.

“Se ci sono altri modi ragionevoli per raggiungere quegli [interessi] con un onere minore su … attività protette, [il governo] potrebbe non scegliere la via di una maggiore interferenza”. Di conseguenza, una decisione o un’azione può costituire il mezzo meno restrittivo per promuovere gli interessi impellenti del governo se “nessuna forma alternativa di regolamentazione” realizzerà questi interessi senza violare le convinzioni di esercizio religioso di un richiedente” (p. 46).

Il regolamento congiunto AR40-562 consente esenzioni dai vaccini con prova sierologica di immunità. Il governo deve dimostrare di non avere altri mezzi per raggiungere l’obiettivo desiderato, oppure deve utilizzare alternative che servano ugualmente bene per l’interesse irresistibile.

Come una tangente minore per quanto riguarda il test RT-PCR di routine attualmente gravato sui non vaccinati, Jolly v. Coughlin (1995) ha deciso che una politica era illegale per isolare un prigioniero dalla popolazione generale per tre anni per aver rifiutato un test per la tubercolosi contenente sostanze chimiche che ha violato le sue convinzioni religiose, mentre non ha mai sviluppato la tubercolosi in tre anni. Al governo è stato invece ordinato di consentire all’uomo di rientrare nella popolazione generale con un test dello sputo non invasivo e controlli periodici per i sintomi clinici.

I mezzi meno restrittivi per l’immunizzazione devono riconoscere che lo stato del vaccino e lo stato immunitario non sono uguali. La vaccinazione non garantisce l’immunità. Ci sono membri che attualmente prestano servizio che non sono immuni alle malattie per le quali sono stati vaccinati, eppure rimangono in grado di servire e schierarsi.
Il DOD non verifica l’immunità ad altre malattie per le quali vaccina, ma accetta invece vari tassi di infezione. I membri del servizio infetti sono incoraggiati a non presentarsi al lavoro fino a quando non si sono ripresi.

SINTOMI COVID PER 109 OPERATORI SANITARI VACCINATI. Allarme in Ospedale della California! Lanciato da 8 Scienziati Medici

Pertanto, le politiche COVID non possono essere implementate con un obiettivo politico irraggiungibile di zero COVID. Inoltre, il tasso di vaccinazione del 100% non è raggiungibile poiché migliaia di soldatesse incinta ricevono esenzioni dai vaccini e molti altri membri del servizio schierati in tutto il mondo hanno esenzioni mediche.

Nonostante la percezione dei militari di un estremo bisogno di uniformità, il trattamento medico è molto individualizzato. Ai fini del contenzioso, un membro del servizio con una sistemazione religiosa per un vaccino si trova in una situazione simile a un membro del servizio che non ha sviluppato l’immunità da un vaccino, ma piuttosto dall’infezione, o ha un’esenzione medica per il vaccino.

I comandanti dovrebbero prestare attenzione. I comandanti hanno molte opzioni per i rifiutanti del vaccino COVID che potrebbero esercitare con mezzi meno restrittivi in ​​conformità con le esenzioni consentite in AR40-562 che beneficiano anche degli obiettivi di adesione, conservazione e diversità. I comandanti possono concedere asilo ai membri entro 180 giorni dal pensionamento.

“VACCINARE IN PANDEMIA E’ ARMA DI DISTRUZIONE DI MASSA” SOS Varianti del Biologo Trinca e del Virologo Montagnier

I comandanti possono approvare esenzioni temporanee o amministrative, quindi rivalutare tali esenzioni quando il membro ha il compito di schierarsi. Le forze armate conservano alcuni membri che non sono qualificati per lo schieramento, per includere squadre di sicurezza e piloti istruttori. I soldati arruolati che sono designati come obiettori di coscienza sono autorizzati a prestare servizio non di combattimento per il resto del loro servizio. Il Comando del personale può anche riassegnare i membri a posizioni e luoghi in cui il vaccino non è fondamentale per la missione.

Questo articolo intendeva evidenziare che i comandanti dovrebbero esercitare cautela nel disapprovare le sistemazioni religiose per i vaccini, in assenza di comprensione dei requisiti legali per la disapprovazione. Certamente, il mandato militare del vaccino COVID sarà impugnato in tribunali simili a come è stato impugnato il vaccino sperimentale contro l’antrace, con sfide poste da scarichi disonorevoli in attesa (ai sensi dell’articolo 92 del codice uniforme di giustizia militare “Mancato rispetto di un ordine o regolamento”) e altri -dimissioni con onore (se separati per rifiuto religioso).

“DAI VACCINI COVID RISCHI DI GRAVI DANNI POLMONARI”. Ricerca Shock su Nature: ignorata da Comunità Scientifica, Big Pharma e Media

I membri del servizio devono essere informati sui criteri di applicazione dell’orientamento religioso nel clima di comando ostile verso le esenzioni dai vaccini nelle forze armate. In definitiva, il Congresso e il Pentagono hanno urgente bisogno di una leadership per analizzare l’impatto sulla prontezza militare se l’obiettivo zero COVID di ridurre le malattie lievi a breve termine controbilancia la perdita a lungo termine di centinaia di migliaia di membri del servizio addestrati ed esperti.

Attualmente il 37% dei membri del servizio ha rifiutato il vaccino COVID e ha sopportato mesi di coercizione e minacce da una strategia esclusivamente vaccinale che espone incautamente l’intera forza a un farmaco sperimentale senza dati sufficienti sulla sicurezza a lungo termine.

Una strategia di gestione del rischio responsabile da parte del DOD sarebbe quella di trattenere questi membri non vaccinati per necessità di un gruppo di controllo sano al fine di mitigare una contingenza di fallimento catastrofico del farmaco associato a un potenziamento dipendente dall’anticorpo fatale.
Tuttavia, il DOD ha dimostrato di non essere in grado di discernere le politiche sanitarie basate sull’evidenza in quanto ha implementato l’uso di maschere, le quarantene per le persone sane e il “distanziamento sociale”.

Come protezione, il Congresso dovrebbe modificare lo statuto nel FY2022 National Defense Authorization Act per vietare qualsiasi dimissione ma onorevole per i membri del servizio che scelgono di non ricevere il vaccino COVID-19.

Pam Long 
Pam Long is graduate of USMA at West Point and is an Army Veteran of the Medical Service Corps


MAIN SOURCES

THE DEFENDER – A Case Law Review for U.S. Military on Religious Exemptions for Vaccine Mandates

GOSPA NEWS – WUHAN.GATES REPORTAGE

GOSPA NEWS – INCHIESTE CORONA VIRUS

 

 

(Visited 2.332 times, 1.436 visits today)

fonte selezionata da Gospa News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *