l’opinione – LA GIUSTIZIA MUORE A RIACE

NON BASTANO 21 CAPI D’ACCUSA!
IL SINDACO “ROSSO” LUCANO
TORNA SUBITO LIBERO:
MESI DI INDAGINI DELLA FINANZA
BUTTATE NEL CESSO.
IL COMUNE RISCHIA IL DISSESTO

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione

Muore a Reggio Calabria l’ultimo spiraglio di giustizia: di una giustizia che non è pensata per perseguitare o distruggere ma semplicemente per dare un nome ai colpevoli dei reati. Dal Tribunale del Riesame reggino, sciolte le riserve in pochissiume ore nonostante la complessità e voluminosità del caso, arriva la decisione che butta nel cesso 18 mesi di indagini della Guardia di Finanza e della Procura della Repubblica di Locri. Inutile entrare nel dettaglio dei sofismi giuridici per cui il Sindaco di Riace, il più illegale d’Italia per sua stessa sedicenza e vanto, dagli arresti domiciliari passa al più comodo divieto di dimora. E’ la bacchettata sulle dita che il professore dà dolcemente all’allievo amato e soprattutto figlio di papà. E’ la piccola punizione per dire che le mani nella marmellata ce le ha messe ma siccome dava da mangiare a qualche disperato africano e regalava il permesso di soggiorno a qualche prostituta nigeriana non è una cosa così grave. I soldi spesi dagli italiani per permettergli di fare tutto ciò asssolutamente non contano…

Leggi tutto “l’opinione – LA GIUSTIZIA MUORE A RIACE”

MIGRANTI: SCONTRO TRA TOGHE

ASSOLTO IL “SISTEMA RIACE”
ANCOR PRIMA DEL PROCESSO:
DUE REATI PER IL SINDACO
MA IL GIP RIFIUTA 13 ARRESTI
E RESPINGE 19 CAPI D’ACCUSA DEI PM
TRA CUI TRUFFA, CONCUSSIONE
E ASSOCIAZIONE A DELINQUERE.
STAMPARE MONETA NON E’ ILLECITO!

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione

All’indomani del clamoroso arresto del Sindaco di Riace ecco emergere i contorni di un procedimento penale che odora già di assoluzione e giustificazione dei comportamenti “buonisti” di Domenico Lucano. Emerge anche la vecchia storia che vede conflitti tra magistrati quando a finire nei guai sono politici di sinistra che fanno sventolare le nuove bandiere rosse dell’accoglienza a tutti i costi. Anche al di là della legge. Ci ha messo solo 132 pagine il Gip del Tribunale di Locri a smontare le circa 1000 pagine di conclusioni della Procura in cui è stato sintetizzato un anno di minuziose indagini della Guardia di Finanza. E così dei 21 capi di imputazione in cui figuravano anche l’associazione a delinquere e la truffa aggravata ne sono rimasti solo due: per il Giudice delle Indagini Preliminari non c’è stato nessun “ingiusto vantaggio patrimoniale” nei confronti delle associazioni che gestiscono i progetti e “nessun indebito arrichimento” da parte del Sindaco nonostante una girandola di gravi irregolarità rilevata dagli inquirenti nella girandola dei milioni di euro di contributi per i centri di accoglienza. Non solo. E’ caduto anche il pesantissimo reato di concussione (l’estorsione commessa da un pubblico ufficiale come è il sindaco) perché la vittima, sempre secondo il Gip, non sarebbe attendibile. Praticamente il giudice, andando ben oltre i suoi doveri di verifica della sussistenza di indizi gravi, precisi e concordanti necessari alla concessione degli arresti domiciliari richiesti dal procuratore di Locri, ha già celebrato un processo senza dibattimento e contraddittorio con i pm, smontando gran parte dell’impianto accusatorio e lasciando in piedi soltanto i due reati più lievi: il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina per i matrimoni combinati e l’illecito affidamento a due cooperative da parte del comune di servizi di pulizia della spiaggia e di raccolta e trasporto di rifiuti, per un valore annuo di un milione di euro e quindi ben superiore alla soglia consentita dalla legge per gli appalti diretti pari a 40mila euro. Ed anche l’utilizzo arbitrario del bonus dei 35 euro giornalieri, sostituito da una cartamoneta stampata da Riace e da altri comuni della Locride non sarebbe un illecito…

Leggi tutto “MIGRANTI: SCONTRO TRA TOGHE”