BEIRUT: BASE MILITARE ITALIANA DEVASTATA DALL’ESPLOSIONE. Video shock sulla caserma del soldato ferito

BEIRUT: BASE MILITARE ITALIANA DEVASTATA DALL’ESPLOSIONE. Video shock sulla caserma del soldato ferito
Pubblicità

3.001 Views

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

English version here

Se, come ritiene possibile anche il generale Michel Aoun, Presidente del Libano, la disastrosa esplosione avvenuta a Beirut il 4 agosto scorso fosse stata causata da un attacco esterno con una bomba o un missile, è del tutto casuale – come sembra – la devastazione di un’ampia struttura della Base Shama dei militari dell’Esercito Italiano che rappresentano uno dei più importanti contigenti di pace nel paese?

E’ una domanda capziosa, ardita, imbarazzante che però si è legittimati a porsi dopo la diffusione sui social di un video che dimostra quale distruzione abbia causato all’unità Jmou di Beirut nel complesso dove operano varie attività della missione italiana Leonte avviata all’interno dei Caschi Blu UNIFIL.

Si tratta della forza internazionale di pace che sotto l’egida ONU è stata impiegata nel 2006, dopo l’invasione in Libano dell’Israeli Defense Forces, l’esercito di Tel Aviv, per presidiare la Blue Line del confine tra Israele e Libano nelle Alture del Golan.

E’ evidente che anche nella base militare si è sfiorata la strage come, guardacaso, nell’ambasciata della Siria a Beirut, tra i luoghi più gravemente danneggiati. Coincidenze o chirurgici atti intimidatori in qualche modo connessi all’attacco esterno sul porto di Beirut ipotizzato anche dai generali US Army e riferito dal presidente americano Donald Trump?

Al momento l’Occidente non pare volersi porre tropèpe domande… E’ solo interessato a fare il benefattore con il Libano (a colpi di milioni di dollari di donazioni preambolo di futuri asfissianti debiti in un paese strangolato dalle sanzioni di Washington) senza curarsi nemmeno di appurare l’ipotesi di un’aggressione straniera quale causa del disastro.

Proprio come nel caso della pandemia da SARS-Cov-2 si attuano interventi sociali di emergenza senza voler investigare sulle origini di un virus ritenuto costruito in laboratorio persino dall’ex direttore dell’MI6, il controspionaggio britannico.

WUHAN-GATES – 12. EX CAPO 007 INGLESI: “SARS-2 CREATO IN LABORATORIO”. Ecco prove e foto dei test con HIV

Il conteggio purtroppo ancora provvisorio dei morti del massacro nel porto di Beirut ha già superato i 200, tra cui 43 cittadini siriani residenti in città, ma pare destinato ad aumentare in considerazione di circa 5mila feriti e numerosi dispersi.

La strage, come già scritto, sarebbe avvenuta per l’esplosione di un deposito di nitrato di ammonio: 2750 tonnellate di questo fertilizzante agricolo idoneo anche per esplosivi rudimentali IED (in inglese ordigno esplosivo improvvisato) sequestrato 7 anni fa su una nave russa con bandiera Moldava e rimasto abbandonato nel porto per misteriosi e sospetti ritardi burocratici.

STRAGE BEIRUT PER UN MISSILE. Lo dicono il presidente del Libano e un esperto militare italiano. “Gli anelli termici indicano impatto dall’alto”

Hezbollah, forza paramilitare in Libano ritenuta terroristica da Usa, Israele e altri paesi in quanto alleata dei Pasdaran Iraniani della stessa confessione Islamica Sciita, nega di aver detenuto munizioni o altro di pericoloso. Alcune autorità portuali libanesi, invece, sono già state messe agli arresti domiciliari dalla magistratura che indaga.

BEIRUT: DEEP STATE Affossa il Governo Sciita-Cristiano. Ex Parlamentare Sionista: “Esplosione come Bomba Nucleare. Spero sia stato Israele”

Secondo fonti di intelligence, esperti militari e persino un politico Sionista ex membro della Knesset, come riportato solo da Gospa News in Occidente, si è scatenata una deflagrazione simile a quella di un piccolo ordigno nucleare inducendo persino alcuni generali US Army a ritenere che lo scoppio possa essere stato innescato da una bomba o da un missile, come evidenziato nel precedente reportage.

 

“LA BASE NON C’E’ PIU’! TUTTA DISTRUTTA…”

«E’ una situazione terribile. Ha distrutto tutto! Tutta la Base… Tutta, non c’è più la base: distrutta completamente! Distrutta completamente dalla A alla Z. Macchine tute distrutte» è il commento di chi ha girato il filmato rimbalzato tra sulle chat dove i vari uffici logistici della Joint Multimodal Operations Unit (Jmou di Beirut) appaiono sventrati con attrezzature logistiche e veicoli militari pesantemente danneggiate insieme a qualche container.

Le immagini shock nel complesso Jmou di Beirut

Mostra le sconcertanti immagini all’interno della base Shama dove è stato ferito ad un braccio il caporalmaggiore Roberto Caldarulo che si trovava in servizio con altri 11 militari al momento dell’esplosione: di tale potenza da devastare la base sebbene non vicina al porto. Non era grave ma era stato immediatamente trasferito in ospedale.

Nei pressi delle banchine devastate c’era anche una nave Task Force Unifil. A bordo c’era solo uno dei membri dell’equipaggio, il sessantanovenne Vincenzo Orlandini che all’improvviso è stato scaraventato ad alcuni metri di distanza. Era stato proprio il comandante generale Stefano Del Col ha comunicare subito sul profilo ufficiale della missione di Twitter il ferimento di alcuni soldati.

La gravità del disastro di Beirut e della devastazione nell’unità al momento inutilizzabile ci induce a far prevalere le ragioni del diritto di cronaca rispetto a quelle della riservatezza militare pubblicando il video sul canale YouTube di Gospa News.

Quasi tutti i soldati coinvolti nelle esplosioni, feriti e non, appartengono all’unità Joint Multimodal Operations Unit (Jmou di Beirut, inquadrata nel Comando Contingente Italiano (IT-NCC) di Naqoura, con il principale scopo di favorire la cooperazione internazionale e l’integrazione sociale tra i militari italiani e la popolazione libanese. Il percorso, focalizzato sull’apprendimento delle principali nozioni della lingua italiana, ha visto, tra l’altro, la partecipazione di alcune donne, perlopiù vedove di militari locali, spiega il sito della Difesa, come riferito da SkyTg24 Italia.

Libano-Iraq: i capi religiosi cristiani benedicono i golpe CANVAS di USA-CIA, Sionisti e Sunniti

 

 

I RISCHI PER I 1.076 MILITARI ITALIANI UNIFIL

Nel clima rovente delle proteste occultamente pilotate da registi internazionali del Deep State come evidenziato nei precenti reportage sulla Rivoluzione del Cedro del 2005 e su quelle iniziate nel novembre 2019 che hanno portato alle dimissioni del nuovo Governo Sciita-Cristiano di Hassan Diab, non sono da sottovalutare i rischi cui è esposta la missione degli oltre mille peace-maker italiani in Libano, come già evidenziammo quando ai razzi lanciati dai droni dell’Israeli Defense Forces nell’agosto 2019 risposero le cannonate degli Hezbollah.

RAZZI SIONISTI SUL LIBANO. A RISCHIO 1.100 CASCHI BLU ITALIANI

Attualmente la consistenza massima annuale autorizzata dall’Italia per il contingente nazionale impiegato nella missione è di 1.076 militari, 278 mezzi terrestri e 6 mezzi aerei. In ambito nazionale l’operazione è denominata “Leonte”, si legge sul sito ufficiale Unifil in Italiano.

Da 7 agosto 2018, l’Italia per la quarta volta ricopre l’incarico di Head of Mission e Force Commander di UNIFIL con il Generale di Divisione dell’Esercito Stefano Del Col, alle cui dipendenze operano circa 10.300 militari provenienti da 45 paesi. Il Generale di Brigata dell’Esercito Andrea Di Stasio, dal 27 luglio 2020 è al comando del Settore Ovest di UNIFIL (United Nations Interim Force in Lebanon) e della Joint Task Force italiana in Libano (JTF L-SW), principalmente composta da militari della Brigata “Sassari”, di stanza in Sardegna, alla seconda partecipazione alla missione UNIFIL nel “Paese dei cedri” dopo il mandato semestrale del 2016. In calce il dettaglio delle truppe come risulta dal sito ufficiale.

Fabio Giuseppe Carlo Carisio
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione


MAIN SOURCES

GOSPA NEWS – JIHADISTS REPORTS

GOSPA NEWS – WARZONES REPORTS

 

Assetti Italiani nella Task Force Unifil

  • il Comando del Settore Ovest (SW) di UNIFIL (HQ) stanziato nella base “Millevoi” in Shama;
  • il Centro Amministrativo d’Intendenza (C.A.I.) di stanza nella base di Shama, il cui direttore, il Tenente Colonnello Massimiliano Multari, dirige e coordina le attività logistico – amministrative del complesso di unità organiche alle quali il Centro Amministrativo d’Intendenza è di supporto;
  • un’unità di supporto alle attività operative (HQ Support Unit dislocata presso la base di Shama) al comando del Tenente Colonnello Massimiliano Gatti, che garantisce il supporto diretto al Settore Ovest attraverso le unità tecnico – specialistiche fornite dal battaglione “Legnano” del 232° reggimento trasmissioni di Avellino, nuclei cinofili del Centro Militare Veterinario di Grosseto e personale armeno;
  • una task force di manovra (ITALBATT, dislocata presso la base di Al Mansouri e siti operativi avanzati), su base 3° reggimento bersaglieri di Teulada al comando del Colonnello Carlo Di Pinto. ITALBATT contribuisce con i Battle Groups delle altre nazioni al controllo della “Blue Line” e del territorio del Sud del Libano in assistenza alle forze armate libanesi. Alle dipendenze di ITALBATT opera un Gruppo supporto di aderenza (Combat Service Support Battallion – CSS BN) che garantisce il sostegno logistico al Settore Ovest attraverso le proprie componenti trasporti, rifornimenti, mantenimento, assetti sanitari e nuclei di disinfezione;
  • un elemento di supporto nazionale (IT NSE dislocato presso la base di Shama), su base Reggimento logistico “Garibaldi” di Persano al comando del Colonnello Fabio Nagni, alle cui dipendenze opera la Joint Multimodal Operation Unit, assetti dell’11° reggimento trasmissioni “Leonessa” e specialisti del 7° Reggimento NBC di Civitavecchia;
  • un’unità di riserva (Sector Mobile Reserve – SMR, dislocata presso la base di Shama), costituita da uno squadrone esplorante del Reggimento “Cavalleggeri Guide” (19°) di stanza a Salerno, al comando del Capitano Ivan Cipolletta, dotata di VTLM “Lince” e Blindo Armata “Centauro”.

Nell’ambito del Sector West, operano unità di Armenia, Bielorussia, Brunei Darussalam, Corea del Sud, Ghana, Irlanda, Kazakistan, Macedonia del Nord, Malesia, Malta, Polonia, Serbia, Slovenia, Tanzania e Ungheria.

Inoltre, fanno parte del contingente nazionale:

  • una componente di Polizia Militare dell’Arma dei Carabinieri (dislocata presso la base di Shama);
  • la componente dell’Aviazione dell’Esercito (Task Force “ITALAIR”), su base 2° Reggimento AVES “Sirio” di stanza a Lamezia Terme, costituita da elicotteri AB-212, con compiti d’evacuazione sanitaria, ricognizione, ricerca, soccorso e collegamento. Ha base a Naqoura ed è posta alle dipendenze dal comandante di UNIFIL;
  • il Military Community Outreach Unit (MCOU) che opera a Naqoura a leadership 28° reggimento comunicazioni operative “Pavia” di stanza a Pesaro.
(Visited 787 times, 8 visits today)
Pubblicità

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Un pensiero su “BEIRUT: BASE MILITARE ITALIANA DEVASTATA DALL’ESPLOSIONE. Video shock sulla caserma del soldato ferito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *