PRESIDENZIALI USA: “ACCUSE DI FRODE ELETTORALE INSABBIATE DA BARR”. La denuncia di un ex Procuratore della Pennsylvania

PRESIDENZIALI USA: “ACCUSE DI FRODE ELETTORALE INSABBIATE DA BARR”. La denuncia di un ex Procuratore della Pennsylvania

8.642 Views

Dopo la Georgia tocca alla Pennsylvania ammettere che ci furono presunte frodi elettorali durante le elezioni americane, come denunciato dal presidente uscente Donald Trump che per tali motivi fu censurato dai social. In precedenza il Segretario di Stato georgiano ha ammesso che ci sono state enormi irregolarità nei voti per posta.

Cinque lotti consecutivi di schede elettorali per corrispondenza dalla più popolosa contea di Fulton hanno mostrato sospettosamente lo stesso conteggio di 392 voti per Biden, 96 Trump e 3 per il candidato libertario Jo Jorgensen, che i funzionari statali hanno ammesso essere statisticamente impossibile.

Adesso tocca ad un ex procuratore della Pennsylvania denunciare il fatto che ricevette segnalazioni circostanziate di frodi elettorali ma fu indotto dall’allora William Pelham Barr, il procuratore generale degli USA nominato dallo stesso Trump nel 2019 e in carica fino al 2020, a mettere tutto sotto silenzio.

La vicenda appare molto grave per un duplice motivo. Da una parte conferma che in un altro degli stati “swing” (in bilico, ovvero Georgia Pennsylvania, Michigan e Wisconsin) rivelatosi fondamentale per l’assegnazione dei Grandi Elettori e la conseguente vittoria del candidato democratico Joseph Biden accaddero irregolarità nel voto per le presidenziali come denunciato da Trump.

PALAMARA-GATE – 4. NEL MIRINO 10 TOGHE ROSSE. Intrighi col “Cerchio Magico” Napolitano-Renzi e l’OBAMA-GATE su 007 e vaccini Gates-Soros

Dall’altra palesa, ancora una volta, che lo stesso Barr a un certo punto del suo mandato tradì il suo rapporto di fiducia con il presidente repubblicano legittimando il sospetto che le sue indagini sull’ObamaGate, arrivate anche in Italia, siano state condotte all’acqua di rose dopo il proscioglimento di Trump dagli scandali RussiaGate e UkraineGate, costruiti ad arte da whistleblowers della Central Intelligence Agency e dal Deep State, come candidamente ammesso in pubblico da un ex direttore CIA di Barack Obama.

UKRAINEGATE, COMPLOTTO DEEP STATE CONTRO TRUMP: tra i due informatori CIA spunta anche Renzi

Il “tradimento” di Barr da una parte inquieta ma dall’altra appare assolutamente comprensibile rileggendo la sua storia politica nel Gop (Grand Old Party, definizione dei Repubblicani). Barr, infatti, era già stato procuratore generale degli Stati Uniti dal 1991 al 1993 durante la presidenza George H. W. Bush Sr. Va ricordato che George Walker Bush junior fu il primo repubblicano a manifestare il suo endorsement alla candidatura di Biden in ossequio a quella logica bipartisan intrinseca al cosiddetto Deep State.

«Hanno abrogato le tutele statutarie contro le frodi che gli osservatori responsabili raccomandavano da tempo per il voto per corrispondenza, e (2) lo hanno fatto in un modo che prevedibilmente conferiva un vantaggio di parte a un candidato alle elezioni presidenziali. Tali accuse sono serie e giustificano il riesame di questa Corte. In primo luogo, la proposta di legge sui reclami sostiene che gli attori non legislativi in ​​Pennsylvania, Michigan e Georgia abbiano abolito o indebolito unilateralmente i requisiti di verifica della firma per le schede inviate per posta. Sostiene che il Segretario di Stato 17 della Pennsylvania abbia abrogato l’obbligo legale di verifica della firma della Pennsylvania per le votazioni per corrispondenza in una soluzione “amichevole” di una causa intentata da attivisti».

PROCURATORI GENERALI DI 18 STATI IN LOTTA PER TRUMP COL TEXAS. Norme di sicurezza elettorale violate

È quanto scrissero 17 procuratori generali di altrettanti Stati Usa nel loro caso depositato, mercoledì 9 dicembre, alla Corte Suprema in relazione alle presunte violazioni che si sarebbero verificate durante le elezioni presidenziali del 3 novembre scorso in quattro “Stati Swing”, ovvero in bilico, (Georgia, Pennsylvania, Michigan e Wisconsin) fondamentale per l’assegnazione dei Grandi Elettori che avevano consentito la proclamazione ufficiosa di Joseph Biden a presidente eletto.

Ecco perché la lettera dell’avvocato William McSwain, ex procuratore per il Distretto Orientale della Pennsylvania, assume la portata di un colpo di bazooka contro il muro di cemento armato costruito dai Democratici e dai media compiacenti negli Usa come nel resto del mondo, soprattutto in Italia, dove Trump fu etichettato come un visionario che non sapeva accettare la sconfitta. I dettagli nell’articolo di Sputnik International, network vicino al governo russo, tradotto dalla versione inglese.


Trump rilascia la lettera dell’ex procuratore degli Stati Uniti
che critica gli ordini del DOJ sulla gestione delle denunce di frode elettorale 

di Daria Bedenko
Pubblicato il 13 luglio 2021 su Sputnik International

William McSwain è stato procuratore degli Stati Uniti per il distretto orientale della Pennsylvania dal 2018 al gennaio 2021, durante la presidenza di Donald Trump, che lo ha nominato per la carica. L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump lunedì sul suo canale Telegram ha pubblicato una lettera scritta dall’ex avvocato americano della Pennsylvania, in cui quest’ultimo critica gli ordini del Dipartimento di Giustizia su come rispondere alle accuse di frode elettorale.

“Il giorno delle elezioni e in seguito, il nostro Ufficio ha ricevuto varie accuse di frode elettorale e irregolarità elettorali”, si legge nella lettera. “Come parte delle mie responsabilità come procuratore degli Stati Uniti, volevo essere trasparente con il pubblico e, naturalmente, indagare a fondo su eventuali accuse. Il procuratore generale Barr, tuttavia, mi ha incaricato di non rilasciare dichiarazioni pubbliche o rilasciare comunicati stampa in merito a possibili irregolarità elettorali”.

LOSCO CONTA-VOTI “DOMINION”. Appello alla Corte Suprema (dei giudici Barrett e Thomas vessati da Biden), sul “software di Clinton”. Bocciato dal Texas

Secondo i rapporti, Barr aveva definito le affermazioni di frode elettorale “solo str…te” durante una riunione del dicembre 2020 alla Casa Bianca. McSwain ha evidenziato che gli era stato ordinato di passare “serie accuse” al Procuratore Generale dello Stato per le indagini – “lo stesso Procuratore Generale dello Stato che aveva già dichiarato che non si poteva vincere”, riferendosi al democratico Josh Shapiro, allora Procuratore Generale della Pennsylvania.

All’epoca, Shapiro ha affermato che lo Stato non ha trovato “assolutamente alcuna prova” di ciò che Trump ha affermato essere una diffusa “frode degli elettori” che ha permesso al suo rivale, Joe Biden, di vincere le elezioni presidenziali del 2020. Giorni prima delle elezioni di novembre, Shapiro ha twittato che “Trump perderà”.

Nella sua lettera, McSwain ha rivelato che si candiderà come governatore della Pennsylvania nel 2022 e ha detto che sarebbe “onorato di avere il tuo sostegno”. Ha anche elaborato le riforme elettorali che avrebbe sostenuto nello stato, delineando in particolare il suo impegno a proteggere “il diritto di tutti i cittadini della Pennsylvania di esprimere un voto legittimo”.

Nella sua stessa dichiarazione, Trump ha espresso indignazione per la situazione descritta da McSwain nella lettera. “Al procuratore degli Stati Uniti del distretto orientale della Pennsylvania è stato preclusa l’indagine sulle accuse di frode elettorale”, ha scritto Trump. “Oltraggioso!”

USA: VINCONO BIDEN E MASSONI DEL DEEP STATE. La Corte Suprema si rifiuta di indagare sui brogli elettorali

Gioco losco durante le elezioni del 2020?

Trump, insieme ai suoi sostenitori, continua ad affermare di essere stato il vincitore della corsa alla Casa Bianca del 2020, aggiungendo che le elezioni gli sono state “rubate”. Alla fine di giugno, l’ex presidente ha accusato l’ex procuratore generale degli Stati Uniti William Barr, suo alleato ormai estraneo, di “un uomo che non è stato in grado di gestire la pressione” della “truffa delle elezioni presidenziali del 2020”.

Le affermazioni di Trump di frode elettorale hanno incontrato una veemente opposizione da parte dei Democratici e di molte autorità statali, con molteplici controlli che hanno stabilito che nessuna truffa diffusa degli elettori si è verificata durante le elezioni del 2020. Tuttavia, alla fine di giugno, il segretario di stato della Georgia Brad Raffensperger, che in precedenza aveva negato le accuse di frode, ha ammesso che si sono verificate irregolarità nel voto ad Atlanta, in particolare nella contea di Fulton.

Breaking! ELEZIONI USA: SEGRETARIO DI STATO DELLA GEORGIA CONFERMA BROGLI PER POSTA. Nuove indagini ma il danno a Trump è fatto

“Le nuove rivelazioni secondo cui la contea di Fulton non è in grado di produrre tutti i documenti di trasferimento delle cassette postali saranno oggetto di indagini approfondite, come abbiamo fatto con altre contee che non hanno rispettato le norme e i regolamenti della Georgia in materia di cassette postali. Ciò non può continuare”, ha twittato all’epoca Raffensperger, ordinando una nuova verifica di migliaia di schede.

Trump ha accolto i tweet come “notizie molto importanti”, dichiarando che “le persone stanno iniziando a vedere la luce”.

(Visited 1.090 times, 3 visits today)

Redazione Gospa News

Un pensiero su “PRESIDENZIALI USA: “ACCUSE DI FRODE ELETTORALE INSABBIATE DA BARR”. La denuncia di un ex Procuratore della Pennsylvania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *