MONTE DEI PASCHI DI SIENA, MORTE DI DAVID ROSSI AL BIVIO GIUDIZIARIO. Verità per l’Uomo che Sapeva Troppo…

MONTE DEI PASCHI DI SIENA, MORTE DI DAVID ROSSI AL BIVIO GIUDIZIARIO. Verità per l’Uomo che Sapeva Troppo…

1.311 Views

Introduzione di Gospa News

Da tempo volevamo dedicare un’inchiesta alla complessa vicenda della misteriosa morte di David Rossi, capo della Comunicazione del Monte dei Paschi di Siena, istituto di credito di riferimento del Partito Democratico, salvato dal fallimento dall’ex premier Mario Monti e finito nel mirino della polemica sulla Commissione parlamentare sulle “banche piranha” poco gradita dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella (ex deputato PD).

Cogliamo l’occasione dagli ultimi eventi giudiziari per cominciare a parlare dell’UOMO CHE SAPEVA TROPPO… Purtroppo questa volta non è un thriller di Alfred Hitchcock ma la cruda realtà di un marito e padre che non avrebbe avuto alcun motivo per togliersi la vita. Tanto da indurre a sospettare che sia stato “suicidato” secondo le prassi purtroppo in voga tra i servizi segreti internazionali. 

MATTARELLA PROTEGGE I BANCHIERI PIRANHA DEI RISPARMIATORI

Confidiamo di riuscire a trovare elementi utili per il proseguimento della nostra indagine parallela a quella di una magistratura italiana che dal Delitto di Aldo Moro al depistaggio sulla morte del giudice Paolo Borsellino e fino allo scandalo PalamaraGate, finora, non ha ancora dimostrato di essere all’altezza del compito che svolge nel Nome del Popolo Italiano. 

“MAFIA-APPALTI-POTERI OCCULTI: FALCONE E BORSELLINO UCCISI PER L’INFORMATIVA CARONTE”

Lo facciamo ora per un motivo semplice. Sull’arcana e inquietante scomparsa di Rossi i magistrati onesti, che ancora operano nel degradato e degradante sistema giudiziario italiano fatto di compromessi tra casta delle toghe e politica, si trovano ad un bivio: approfondire l’inchiesta cominciando a individuare i comportamenti che l’hanno in parte alterata, oppure lasciare che qualche parlamentare si appunti la medaglia sul petto per aver tentato di far trionfare la giustizia, senza riuscirci come per i casi Moro, Ustica, Dalla Chiesa, Falcone e Borsellino


LA VEDOVA ESTERREFATTA PER LA SUPERFICIALITA’ DEI PM

«Ho seguito in diretta l’audizione del colonnello Pasquale Aglieco davanti alla commissione d’inchiesta sulla morte di David. E sono rimasta esterrefatta”. Rabbia, dolore ma soprattutto incredulità nelle parole di Antonella Tognazzi, moglie del manager morto il 6 marzo 2013 volando giù dalla finestra di Rocca Salimbeni.

“Mi ha dato l’ennesimo colpo dopo quanto affermato dal procuratore Salvatore Vitello in audizione, che se si fosse intervenuti in tempo probabilmente si sarebbe salvato. Se è vero ciò che ha detto Aglieco, non ho motivo di dubitarne visto che si tratta di un colonnello dei carabinieri, mi sento presa in giro”, prosegue riferendosi soprattutto ad alcuni passaggi forti dell’audizione che si è conclusa giovedì intorno alle 23.20.

DELITTO MORO: MENZOGNE DI STATO ALL’OMBRA DEL DEEP STATE “GLADIO”

“Che un colonnello dica che i magistrati, in un ambiente in cui poco prima si trovava una persona che è morta in maniera violenta, si attivino con atteggiamenti a mio avviso superficiali lascia basiti. Hanno svuotato il cestino sul tavolo, uno si è anche messo a sedere sulla poltrona! Ho seguito l’audizione in diretta e, ribadisco, sono rimasta senza parole. Altre valutazioni le rimetto alla commissione d’inchiesta che sta lavorando molto bene. Non mi sono mai permessa di interferire, né mi presto ai salotti. Non è nel mio carattere. Però stanno emergendo cose che dovrebbero indignare tutti”.

FONTE LA NAZIONE


IN PROCURA A GENOVA GLI ATTI DELLA COMMISSIONE PARLAMENTARE

Gli atti della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte del capo della comunicazione del Monte Paschi Siena, David Rossi, avvenuta il 6 marzo 2013 a Siena, saranno probabilmente spediti alla procura di Genova, competente a indagare sui magistrati del distretto toscano e anche al Csm che si occupa degli accertamenti disciplinari. Sono gli effetti dell’ultima audizione in Commissione, avvenuta giovedì scorso, in cui ha parlato il colonnello dei carabinieri Pasquale Aglieco.

L’ufficiale all’epoca era comandante provinciale di Siena e, rispondendo alle domande dei commissari, ha riferito del sopralluogo fatto nell’ufficio di Rossi poco dopo la morte. Il sopralluogo venne svolto in particolare con il pm Antonino Nastasi, uno dei tre sostituti senesi, insieme a Nicola Marini e Aldo Natalini, che indagarono sul fatto.

Secondo la Commissione, il resoconto dell’audizione di Aglieco porterebbe a galla un grave inquinamento probatorio della scena del crimine sotto vari aspetti: dal rovesciamento del cestino, alla chiusura della finestra da cui precipitò Rossi in un vicolo sul retro della sede di Mps, dagli effetti personali toccati o mossi nella stanza tra cui il computer, fino ai momenti in cui un pm avrebbe risposto a due telefonate pervenute sul cellulare del manager.

DEPISTAGGI SULL’ATTENTATO A BORSELLINO, MISTERI E VERGOGNE. La Procura di Messina non trova colpe dei PM indagati. Il testo della richiesta di archiviazione

“Quanto ha dichiarato il colonnello Pasquale Aglieco appare oggettivamente grave”, ha detto l’onorevole Pierantonio Zanettin, presidente della Commissione parlamentare di inchiesta, annunciando di voler proporre “alla Commissione di inviare il resoconto della seduta alla procura della Repubblica di Genova e al Csm per ogni competente valutazione sull’operato dei magistrati citati nella audizione”.

David Rossi era da poco precipitato dal suo ufficio e secondo Aglieco si svolse un sopralluogo nella stanza prima che arrivasse la polizia scientifica. In quei momenti sarebbe stato toccato il pc, rovesciato sulla scrivania il contenuto del cestino dove c’erano anche fazzolettini intrisi di sangue, chiusa la finestra e risposto al cellulare di Rossi. Azioni che sarebbero state fatte senza usare guanti e altre precauzioni tese a non mischiare le proprie impronte con altre e a non alterare le posizioni degli oggetti per un loro eventuale e veritiero esame scientifico. L’ufficiale dei carabinieri ha ricordato anche che un magistrato si sedette sulla sedia di Rossi e rovistò nel cestino con una penna prima di rovesciarlo.

PALAMARA-GATE – 12. A GIUDIZIO L’EX PM. Assolto l’ex PG di Cassazione Fuzio: “Spiata Tenue”. Patteggia il Corruttore: ex ufficiale EI-NATO premiato dal Quirinale

Ai commissari che hanno sollevato dubbi sul modo di condurre il sopralluogo, Aglieco ha risposto: “Il pubblico ministero è padrone della scena del delitto”,  “è il titolare dell’inchiesta”. Così, anche sull’ultima telefonata al cellulare di Rossi trovato nell’ufficio. “Chi rispose al cellulare di Rossi quando ha telefonato l’onorevole Santanché (telefonata di 38 secondi negli atti, ndr)?”, è stato chiesto. “Mi sembra di ricordare il dottor Nastasi”, ha risposto Aglieco. Sul fatto se sia normale che un pm risponda a un telefono su luogo di indagine l’ufficiale ha poi risposto: “Francamente non so se sia normale perché non è previsto da nessuna parte, né sì né no…”.

PALAMARA-GATE – 11. SU MAGISTRATOPOLI 109 GIUDICI INVOCANO L’INTERVENTO DI MATTARELLA. “Basta commistione tra politici e magistrati”

A Corriere.it Daniela Santanché afferma oggi: “Ricordo bene quella chiamata. Telefonai a David, qualcuno alzò la cornetta, senza però interloquire. Dicevo ‘pronto David, mi senti?’. Poi la linea fu messa giù dall’altra parte”. Santanché, che con Rossi aveva rapporti di lavoro, aggiunge di aver appreso dalle dichiarazioni di Aglieco che a rispondere al cellulare di Rossi sarebbe stato il pm Nastasi. “E devo dire che mi si è gelato il sangue. David aveva sicuramente il mio numero registrato e quindi chi ha risposto vedeva chiaramente l’identità del chiamante”.

Sui giornali la vedova di David Rossi, Antonella Tognazzi parla di “ennesimo colpo, sono sbalordita da atteggiamenti superficiali”, mentre la figlia Carolina afferma: “Il vento cambia. La nostra caparbietà darà frutti”.

FONTE RAI NEWS

 

(Visited 567 times, 12 visits today)

Redazione Gospa News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *