siteId=76639&formatId=24">

MESSA DI NATALE VIETATA A DJOKOVIC. Prigioniero “Politico” nell’Hotel per Profughi con Tennista Ceca Arrestata

MESSA DI NATALE VIETATA A DJOKOVIC. Prigioniero “Politico” nell’Hotel per Profughi con Tennista Ceca Arrestata

24.821 Views

di Carlo Domenico Cristofori

ENGLISH VERSION

MESTO EPILOGO 16 GENNAIO – ORE 9 CET

 I tre giudici della corte federale – James Allsop, Anthony Besanko e David O’Callaghan – chiamati a giudicare il caso del tennista numero 1 al mondo si sono espressi all’unanimità a favore della decisione con cui il governo ha cancellato il visto del 34enne tennista serbo. Il team dei legali di Djokovic ha rinunciato a ulteriori appelli, che tra l’altro non consentirebbero a Djokovic di poter giocare.

Ora il n. 1 del mondo attende l’espulsione dal paese. Deve fare i bagagli, lasciare l’infame sistemazione del Park Hotel per profughi dove era stato nuovamente rinchiuso.

DJIOKOVIC, BANDITO – E FORSE TRADITO – PERCHE’ NO VAX. Perde Ricorso e Australian Open

AGGIORNAMENTO 8 GENNAIO – ORE 12 CET

Il tennista numero uno al mondo Novak Djokovic è stato esentato dalla vaccinazione anti-Covid perché ha contratto il virus a dicembre, secondo quanto affermato dai suoi avvocati in un documento depositato in tribunale a Melbourne. “La data del primo test positivo per la PCR Covid è stata registrata il 16 dicembre 2021”, spiega l’atto il cui obiettivo è quello di ribaltare l’annullamento del visto per entrare in Australia.

PROSSIMI AGGIORNAMENTI QUI

Il numero uno al mondo di tennis Novak Djokovic ha chiesto di essere trasferito dall’hotel di Melbourne trasformato in struttura per viaggiatori irregolari in modo da potersi allenare per gli Australian Open: lo hanno detto i suoi avvocati.

ANNULLATO NUOVAMENTE IL VISTO A DJOKOVIC. Il Tennista pensa ad un altro Ricorso per partecipare agli Australian Open

ARTICOLO 8 GENNAIO – ORE 7 CET

«Buon anno a tutti! Ti auguro tanta salute, amore, gioia e felicità. Vedere, respirare e pensare all’amore e coltivare il rispetto per ogni persona ed essere vivente su questo bellissimo pianeta».

E’ stato questo l’ultimo Tweet di Novak Djokovic prima dell’inizio della sua odissea in Australia. Dove, come abbiamo evidenziato nel precedente articolo, è stato attirato con un visto dallo Stato di Victoria poi cancellato poche ore dopo che il tennista più forte del mondo è atterrato all’aeroporto di Melbourne.

La vicenda, che ruota attorno ad un’esenzione medica ritenuta irregolare, ha assunto l’apparenza di una palese trappola di propaganda contro i No Vax come lui che in Australia sono perseguitati e rinchiusi in quarantena nel campo di concentramento di Howards Spring solo per aver avuto contatti con persone positive, anche se asintomatiche.

INFAME TRAPPOLA PER IL NO VAX DJOKOVIC. L’Imperatore del Tennis Attirato e Perseguitato dall’Australia

«Il miglior tennista maschile del mondo, Novak Djokovic, ha trascorso venerdì il Natale ortodosso in un hotel di detenzione per immigrati in Australia mentre cercava di respingere l’espulsione a causa delle regole COVID-19 del paese e di competere agli Australian Open» rimarca Associated Press che ha raccolto le proteste dei familiari ma anche quella di un sacerdote australiano a cui le tiranniche autorità australiane hanno proibito di celebrare la Santa Messa per lo sportivo serbo.

PROIBITA LA MESSA DI NATALE AL CAMPION DEL TENNIS

Djokovic è infatti cristiano ortodosso e pertanto festeggia la Natività il 7 di gennaio e non il 25 dicembre come i credenti cattolici e protestanti.

Un sacerdote della Chiesa ortodossa serba della Santissima Trinità a Melbourne ha chiesto di visitare il nove volte campione dell’Australian Open per celebrare il Natale ortodosso, ma ha ricevuto un rifiuto dai funzionari dell’immigrazione perché l’hotel è bloccato, in quanto ospita anche profughi in attesa di conoscere la loro sorte.

«Il nostro Natale è ricco di molte usanze ed è così importante che un prete lo visiti» ha detto all’Australian Broadcasting Corp il decano della chiesa, Milorad Locard. «L’intera faccenda di questo evento è spaventosa. Che debba passare il Natale in punizione… è impensabile».

NIENTE PAURA DEL COVID IN CHIESA. “Credenti Protetti dalla Grazia di Dio”. L’ha detto il Patriarca Russo

Djokovic ha ricevuto telefonate dalla sua nativa Serbia, compresi i suoi genitori e il presidente, che speravano di risollevarsi il morale durante le vacanze.

“Grazie alle persone in tutto il mondo per il vostro continuo supporto. Lo sento ed è molto apprezzato” ha scritto su Instagram l’atleta di 34 anni. Mentre i genitori hanno rilasciato all’agenzia AP dichiarazioni di fuoco.

È stato confinato nell’hotel di detenzione a Melbourne in attesa di un’udienza in tribunale lunedì (10 gennaio), una settimana prima dell’inizio del torneo (17 gennaio), dove vorrebbe cercare di vincere il suo 21esimo titolo del Grande Slam.

I GENITORI: “CAPRO ESPIATORIO DELLA POLITICA”

Durante la giornata, i sostenitori di Djokovic, sventolando striscioni, si sono radunati fuori dal Park Hotel, che ospita rifugiati e richiedenti asilo. Nel frattempo, la famiglia di Djokovic ha tenuto un’emozionante conferenza stampa nel suo ristorante nel centro di Belgrado, con i suoi nove precedenti trofei dell’Australian Open in mostra.

La conferenza stampa dei genitori del tennista Srdjan (al centro) e Dijana (a sinistra)

“Lo tengono in cattività. Stanno calpestando del tutto Novak per calpestare tutta la Serbia e il popolo serbo”, ha detto suo padre Srdjan, che in precedenza aveva detto ai media locali che suo figlio era “lo Spartacus del nuovo mondo”.

Ha anche affermato che la questione dei visti “non ha nulla a che fare con lo sport, è un’agenda politica. Gesù fu crocifisso e sopportò molte cose, ma è ancora vivo in mezzo a noi. Anche Novak è crocifisso… Egli sopporterà”.

Sua madre, Dijana, ha aggiunto: “Lo tengono come prigioniero, non è umano e non è giusto. Questo è un attacco politico a Novak Djokovic… è un capro espiatorio.”

“Ho parlato con lui un paio d’ore fa, è stato bravo, abbiamo parlato poco ma abbiamo parlato per pochi minuti. Stava cercando di dormire, ma non ci riusciva”, ha detto la donna durante la conferenza stampa in Serbia.

“Come madre, cosa posso dire, puoi solo immaginare come mi sento, mi sento malissimo da ieri, nelle ultime 24 ore. Spero che rimanga forte perché anche noi stiamo cercando di dargli un po’ di energia per andare avanti. Spero che vinca”.

“SARS-COV-2 E VACCINI MODIFICANO IL DNA UMANO. Enorme Esperimento sulla Popolazione”. Studio Incubo di Genetista Tedesco su Science Direct

“La sua sistemazione [è] terribile. È solo un piccolo hotel per l’immigrazione, ammesso che sia un hotel. Con gli insetti, è tutto sporco, il cibo è terribile. Non vogliono dargli la possibilità di trasferirsi in un hotel migliore o in una casa in affitto”.

Le sue parole sono state sostenute dal presidente serbo Aleksandar Vucic, che ha dichiarato: “L’intera Serbia è con lui e le nostre autorità stanno adottando tutte le misure affinché il maltrattamento del miglior tennista del mondo finisca il prima possibile”.

Il padre di Djokovic ha poi continuato a ribadire le sue opinioni giovedì quando ha manifestato davanti agli edifici dell’Assemblea nazionale. Srdjan è intervenuto in una conferenza stampa per evidenziare quella che la famiglia del serbo ei suoi sostenitori percepiscono come un'”ingiustizia”.

VACCINI, OMICIDI DI STATO PROTETTI DALLO SCUDO PENALE. Chieste Archiviazioni per Decessi da AstraZeneca a Mantova e Messina

“Senti, credo decisamente nell’azione, mi sono vaccinato per colpa degli altri e per la salute di mia madre, ma il modo in cui stiamo gestendo la situazione di Novak è brutto, davvero brutto” lo ha scritto su Twitter Nick Kyrgios, giocatore australiano e critico esplicito di alcune delle opinioni di Djokovic sui sieri genici sperimentali, che effettivamente possono alterare il Dna, secondo un genetista di Colonia, ed hanno causato molte vittime anche in Italia.

In Italia il giornalista ed ex parlamentare Daniele Capezzone attraverso i propri profili social ha dichiarato: “una certa mentalità non cambia mai: detestare l’individuo che non si irreggimenta, a maggior ragione se ha successo. Amano parlare di “diversità”: ma appena c’è uno diverso da loro, impazziscono”.

AUSTRALIAN OPEN: ALTRE ESENZIONI E UNA TENNISTA ARRESTATA

Djokovic è volato in Australia dopo aver ottenuto un’esenzione medica sostenuta dalla federazione di tennis del paese e approvata dal governo dello stato del Victoria. I motivi dell’esenzione non sono stati resi noti. Ma il governo australiano lo ha dichiarato non valido quando è arrivato perché basata solo sulla dichiarazione di un medico.

Secondo alcune indiscrezioni circolate sui social avrebbe infatti ottenuto un’esenzione perchè ritenuto non idoneo al vaccino dopo aver richiesto una specifica prescrizione medica per la somministrazione, come stanno facendo molti operatori sanitari e scolastici insieme a poliziotti e militari in Italia grazie ad un modulo predisposto dall’avvocatessa Renate Holzeisen.

VACCINI OBBLIGATORI: AIFA SMENTITA DAL LEGALE COSAP. “Farmaci Genici Sperimentali: serve Prescrizione Medica di Specialista”

Le regole australiane COVID-19 affermano che i viaggiatori in arrivo devono aver ricevuto due vaccinazioni di un vaccino approvato o devono avere un’esenzione per un vero motivo medico, come una condizione acuta, per evitare la quarantena. Tutti i giocatori, lo staff, i funzionari e i fan devono essere completamente vaccinati contro il COVID-19 per accedere alla sede del torneo.

Djokovic è stato contestato sui social per aver avuto un trattamento speciale ottenendo il visto a causa del quale ora si trova intrappolato. Ma non è stato il solo.

Il direttore del torneo dell’Australian Open, Craig Tiley, ha dichiarato all’inizio di questa settimana che 26 persone collegate al torneo hanno richiesto esenzioni mediche e solo una “manciata” è stata concessa. Da allora tre di questi sono stati contestati.

La tennista ceca Renata Voracova

L’Australian Border Force ha dichiarato venerdì che dopo ulteriori indagini su altre due persone collegate all’Australian Open, una ha lasciato volontariamente il paese e un’altra è stata arrestata in attesa dell’espulsione.

L’ambasciata ceca ha identificato uno di loro come la 38enne giocatrice di doppio Renata Voráčová e ha detto che non giocherà nel torneo. La tennista ceca si è unita a Novak Djokovic nella detenzione per immigrati.

Voracova, come riporta ESPN, è stata arrestata dopo essere stata informata dai funzionari dell’Australian Border Force che doveva lasciare il paese. I funzionari cechi stanno cercando una spiegazione alla situazione, ma hanno detto che la tennista ha deciso di lasciare l’Australia. Probabilmente per questo è stata arrestata, a differenza di Djokovic che avendo fatto ricorso è ancora legalmente sul territorio australiano anche se sottoposto al medesimo stato di detenzione per quarantena forzata. 

“LA POLIZIA MI HA SEQUESTRATA E PORTATA IN UN CAMPO DI CONCENTRAMENTO COVID”. Inquietante Video di una Giovane Australiana

La disputa su Djokovic è diventata un argomento di rilevanza politica  in una città in cui i residenti hanno trascorso 256 giorni nel 2020-21 sotto severe restrizioni ai loro movimenti. Nei giorni scorsi una ragazza australiana ha raccontato di essere stata portata con la forza dalla polizia in uno dei campi di concentramento per persone in quarantena solo perché aveva avuto dei contatti con una persona poi risultata positiva.

Carlo Domenico Cristofori
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione
segui Gospa News su Telegram


MAIN SOURCES

GOSPA NEWS – WUHAN.GATES REPORTAGE

GOSPA NEWS – INCHIESTE CORONA VIRUS

ESPN – Renata Voracova joins Novak Djokovic in immigration detention ahead of Australian Open

DAILY MAIL – Djokovic’s parents launch blistering attack on Australian authorities

ASSOCIATED PRESS – ‘I can feel it’: Djokovic sends thanks for the support

(Visited 834 times, 1 visits today)

Carlo Domenico Cristofori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.