siteId=76639&formatId=24">

ANNULLATO NUOVAMENTE IL VISTO A DJOKOVIC. Il Tennista pensa ad un altro Ricorso per partecipare agli Australian Open

ANNULLATO NUOVAMENTE IL VISTO A DJOKOVIC. Il Tennista pensa ad un altro Ricorso per partecipare agli Australian Open

11.450 Views

ENGLISH VERSION

MESTO EPILOGO ORE 9 CET – 16 GENNAIO CET

 I tre giudici della corte federale – James Allsop, Anthony Besanko e David O’Callaghan – chiamati a giudicare il caso del tennista numero 1 al mondo si sono espressi all’unanimità a favore della decisione con cui il governo ha cancellato il visto del 34enne tennista serbo. Il team dei legali di Djokovic ha rinunciato a ulteriori appelli, che tra l’altro non consentirebbero a Djokovic di poter giocare.

Ora il n. 1 del mondo attende l’espulsione dal paese. Deve fare i bagagli, lasciare l’infame sistemazione del Park Hotel per profughi dove era stato nuovamente rinchiuso.

DJIOKOVIC, BANDITO – E FORSE TRADITO – PERCHE’ NO VAX. Perde Ricorso e Australian Open

8,30 CET – 14 GENNAIO

Come era facile prevedere dopo gli errori nelle dichiarazioni ammessi dal campione sportivo, il ministero dell’immigrazione australiano ha annullato per la seconda volta il visto di Novak Djokovic, il tennista n.1 al mondo fermato a Melbourne dove si è recato per partecipare agli Australian Open.

La decisione è stata annunciata dal ministro dell’Immigrazione federale, Alex Hawke, il quale ha usato i suoi poteri discrezionali per cancellare il visto la cui validità era stata ripristinata da un giudice lunedì scorso. A questo punto ‘Nole’ rischia l’espulsione dal Paese che gli impedirebbe di prendere parte agli Australian Open. A quanto si è appreso rischia un bando di tre anni dall’Australia.

La cancellazione del visto emessa dal Ministro dell’Immigrazione Hawke implica in automatico che al serbo non può essere concesso un altro visto per i prossimi tre anni. Ci sono però alcune eccezioni che possono essere concesse in “determinate circostanze”, e Djokovic ha già deciso – assicurano fonti vicine al clan del giocatore – di appellarsi contro la decisione.


8 CET – 13 GENNAIO

«Il governo federale sta ancora preparando un caso per cacciare fuori dal paese Novak Djokovic per evitare di creare un pericoloso precedente ai confini dell’Australia» lo scrive l’herald Sun di Melbourne dopo che Novak Djokovic ha ammesso i suoi errori nelle dichiarazioni agli ufficiali dell’Australian Border Force quando fu interrogato dopo il suo arrivo.

Nonostante sia uscito vittorioso dalla sua recente battaglia legale con le autorità australiane dopo che un tribunale federale gli ha ripristinato il visto, il numero uno del mondo del tennis non è ancora fuori pericolo. Ora è indagato dall’Australia Border Force per le affermazioni di aver fornito informazioni errate sulla sua dichiarazione di viaggio per entrare nel paese.

“Il mio agente si scusa sinceramente per l’errore amministrativo nel spuntare la casella sbagliata sul mio viaggio precedente prima di venire in Australia”, ha scritto, descrivendo l’errore come “un errore umano” che “non è stato certamente intenzionale”.

Apparentemente Djokovic si è riferito ai suoi viaggi prima del suo tanto pubblicizzato arrivo a Melbourne lo scorso mercoledì 5 gennaio. Completata dall’agente del giocatore, la dichiarazione affermava di non aver viaggiato nei 14 giorni precedenti il ​​suo arrivo, mentre in seguito è emerso che ha partecipato a eventi in Serbia e si è allenato in Spagna a fine dicembre prima di arrivare in Australia tramite il transito a Dubai

Il documento che rischia di mettere nei guai il tennista numero uno al mondo

“Viviamo in tempi difficili in una pandemia globale e a volte possono verificarsi questi errori”, ha continuato Djokovic. Ha aggiunto che il suo team aveva già presentato le informazioni mancanti alle autorità “per chiarire la questione”.

Separatamente, Djokovic ha affrontato le voci secondo cui non si sarebbe autoisolato dopo essere risultato positivo al Covid-19 nella sua nativa Serbia. L’asso del tennis ha detto di aver preso sia un antigene rapido che un test PCR il 16 dicembre e, sebbene il suo test antigenico rapido sia risultato negativo, non ha ricevuto il risultato del suo test PCR prima di aver partecipato a un evento di tennis a Belgrado il seguente giorno, anche se alla fine si è rivelato positivo.

Djokovic, tuttavia, sembrava esprimere rimorso per la sua decisione di andare a un’intervista e un servizio fotografico il 18 dicembre, il giorno dopo aver scoperto di essere risultato positivo al coronavirus.

AUSTRALIAN OPEN A RISCHIO, FORSE OER TRE ANNI

Alla luce del severo trattamento cui è stato sottoposto dal Governo Australiano, capace di deportare nel campo di concentramento per le quarantene di Howards Springs anche coloro che hanno avuto contatti con positivi asintomatici, viene davvero difficile immagine che possano perdonargli l’errore burocratico e concedergli la possibilità di partecipare agli Australian Open.

Non solo. Rischia anche un’incriminazione per false dichiarazioni (da cui potrà essere assolto se sarà accertato che non è stato lui a compilare il modulo sul viaggio) e l’espulsione in base alle leggi sull’immigrazione che non gli consentirebbero di tornare in Australia per i prossimi tre anni costringendolo a rinunciare a tre edizioni del torneo del Grande Slam.

“LA POLIZIA MI HA SEQUESTRATA E PORTATA IN UN CAMPO DI CONCENTRAMENTO COVID”. Inquietante Video di una Giovane Australiana

La dittatura sanitaria su una pandemia da Covid-19 che in molti paesi viene ormai gestita come una semplice influenza ha indotto anche un campione sportivo, apprezzato per le sue iniziative umanitarie per i giovani della Serbia e non solo, ha commettere un doppio fallo. Forse il più clamoroso della sua vita.

Se ha causato tutto ciò al numero 1 del tennis mondiale cosa può infliggere ad una persona qualunque economicamente e socialmente fragile?


14:00 AEDT + 10 ore CET 12 GENNAIO

«L’Australian Border Force sta indagando se Novak Djokovic abbia fornito false prove sul suo modulo di ingresso in Australia, in un enorme sviluppo in vista degli Australian Open» lo scrive l’Herald Sun di Melbourne.

Questo sta accadendo nonostante abbia fornito prova delle sue precedenti infezioni da COVID (risultati positivi al tampone PCR), insieme alla documentazione che affermava che aveva un’esenzione medica.

MESSA DI NATALE VIETATA A DJOKOVIC. Prigioniero “Politico” nell’Hotel per Profughi con Tennista Ceca Arrestata

Djokovic ha detto di essere risultato positivo il 16 dicembre, ma sui social del serbo compaiono alcune foto del 17 dicembre durante un evento, in cui avrebbe dovuto essere in isolamento, ma non è chiaro quando si sia svolta la cerimonia in cui al Novak Tennis Center “L’Associazione di tennis della Serbia ha premiato i migliori giovani tennisti della Serbia, alla presenza del numero 1 al mondo”.

GLI ORARI DEI VIAGGI NON COINCIDONO COI SOCIAL

Ma non è questo il fulcro dell’indagine della polizia di frontiera australiana. Novak Djokovic ha affermato nel suo modulo di iscrizione di non aver viaggiato nei 14 giorni precedenti il ​​suo arrivo a Melbourne poco prima della mezzanotte del 5 gennaio dopo essere arrivato dalla Spagna.

Gli orari significano che Djokovic avrebbe dovuto essere in Spagna dalle 23:30 del 22 dicembre AEDT, o dalle 13:30 ora spagnola per rispettare le regole di non viaggiare entro due settimane dall’arrivo in Australia, ha riferito l’Herald Sun.

Ma i post sui social media mostrano Djokovic che gioca a tennis per le strade di Belgrado il 25 dicembre, mentre un altro post condiviso lo stesso giorno dalla star della pallamano serba Petar Djordjic lo mostra in posa con la stella del tennis.

Sei giorni dopo, alla vigilia di Capodanno, sono emerse riprese di Djokovic che aveva un successo sul campo da tennis nel sud-est della Spagna.

Come riporta il DailyMail è stato avvertito che ‘Dare informazioni false o fuorvianti è un reato grave. Potresti anche essere passibile di una sanzione civile per aver fornito informazioni false o fuorvianti.’

Djokovic ha spuntato “No” in risposta alla domanda, tuttavia ciò sembra essere in diretto conflitto con la cronologia dei suoi recenti movimenti documentati sui social media.

La pena massima per la fornitura di informazioni false o fuorvianti al governo australiano è di 12 mesi di reclusione.


AUSTRALIAN OPEN ANCORA IN DUBBIO

Così, la possibilità di Novak Djokovic di rimanere nel paese per gli Australian Open rimane poco chiara, con il ministro dell’Immigrazione Alex Hawke che deve ancora decidere se il serbo sarà espulso.

Può farlo se ritiene che la persona ponga “un rischio per la salute, la sicurezza o l’ordine pubblico della comunità australiana o di una parte di essa” o per “la salute e la sicurezza di uno o più individui”.

Se ciò dovesse accadere, il caso potrebbe tornare di nuovo in tribunale perché Djokovic rischierebbe di essere bandito dall’Australia per tre anni.

Djokovic è stato rilasciato ieri dalla detenzione per immigrati a Melbourne dopo che un giudice ha annullato la cancellazione del suo visto.

Come Djokovic, la specialista del doppio Voracova aveva ottenuto un’esenzione medica per competere agli Australian Open nonostante non fosse stata vaccinata contro il COVID-19.

L’esenzione era stata concessa sulla base del fatto che la 38enne aveva contratto il virus il mese scorso, che secondo lei le aveva impedito di vaccinarsi, insieme ad altri problemi medici.

Voracova stava già giocando un torneo a Melbourne quando la sua esenzione medica è stata nuovamente esaminata dalle autorità.

È stata detenuta giovedì scorso nello stesso hotel di Djokovic prima di lasciare il Paese sabato.

Parlando con Reuters in una videochiamata, Voracova ha detto che ha attraversato l’immigrazione senza affrontare alcun problema e credeva che avrebbe gareggiato agli Australian Open se il furore attorno al visto di Djokovic e al suo stato di vaccinazione non fosse scoppiato.

15,30 CET

«Sono lieto e grato che il giudice abbia annullato la mia cancellazione del visto. Nonostante tutto quello che è successo, voglio restare e provare a competere @AustralianOpen Rimango concentrato su quello. Sono volato qui per giocare in uno degli eventi più importanti che abbiamo davanti ai fantastici fan».

«Per ora non posso dire di più, ma GRAZIE a tutti per essere stati con me durante tutto questo e per vermi incoraggiato a rimanere forte»

Sono i primi Tweet postati poco fa da Novak Djokovic dopo una settimana di silenzio su Twitter.


21:23 AEDT (+10 ore CET)

Il Guardian Australia ha riferito che il ministro dell’immigrazione, Alex Hawke, non chiederà se annullare nuovamente il visto di Novak Djokovic stasera, ora australiana.

Un portavoce di Hawke ha dichiarato: “A seguito della determinazione del Circuito Federale di oggi su un motivo procedurale, resta a discrezione del ministro dell’immigrazione Hawke prendere in considerazione l’annullamento del visto del signor Djokovic sotto il suo personale potere di cancellazione ai sensi della sezione 133C (3) della legge sulla migrazione. Il ministro sta attualmente esaminando la questione e il processo resta in corso”.

All’inizio di questa sera altri punti vendita hanno ipotizzato che Hawke avrebbe dovuto prendere una decisione del genere entro quattro ore. La finestra di quattro ore è rilevante solo se il governo avesse deciso di trattenere nuovamente Djokovic per essere interrogato, cosa che non si è verificata.

Non c’è limite di tempo al potere di Hawke di annullare il visto: può essere fatto ogni volta che raggiunge la necessaria soddisfazione che c’è un motivo per farlo ed è nell’interesse pubblico.


Uno dei grandi rivali di Djokovic sul campo da tennis, Rafael Nadal, ha dato la sua reazione alla radio spagnola, definendo la situazione in corso “un circo”.

“Indipendentemente dal fatto che io sia d’accordo o meno con Djokovic su alcune cose, la giustizia ha parlato e ha detto che ha il diritto di partecipare agli Australian Open e penso che sia la decisione più giusta farlo. Gli auguro buona fortuna”, ha detto Nadal a Onda Cero lunedì, tra citazioni riportate da Reuters.

“A livello personale, preferirei di gran lunga che non giocasse”, ha scherzato Nadal, aggiungendo “tutto è molto meglio quando il meglio può giocare”. Il sorteggio del singolare maschile si svolgerà giovedì, indipendentemente dal fatto che Djokovic sia incluso o meno.


Ci sono molte speculazioni sul fatto che Djokovic verrà trattenuto e il suo visto verrà nuovamente cancellato quando/se il ministro deciderà di cancellarlo.

Non siamo ancora stati in grado di verificare i vari rapporti sullo stato attuale di Djokovic che vengono riportati sui social media e altrove. Il fratello di Djokovic ha detto alla stampa serba “vogliono catturare e rinchiudere di nuovo Novak”, e attualmente è con i suoi avvocati a valutare le opzioni.

«Stiamo cercando di ottenere risposte dal ministro dell’immigrazione, Alex Hawke e dall’Australian Border Force, e te le forniremo quando/se le avremo» scrive The Guardian.

 


RIEPILOGO

  • Il governo australiano ha accettato di revocare la decisione di annullare il visto di Novak Djokovic la scorsa settimana, il che significa che il visto è arrivato in Australia sugli stand, e sarà rilasciato dalla detenzione e riavrà indietro il suo passaporto e altri effetti personali.
  • La ragione di ciò è che il governo ha riconosciuto di non aver concesso a Djokovic abbastanza tempo dopo averlo informato dell’intenzione di annullare il suo visto per parlare con gli altri e rispondere pienamente.
  • Nonostante ciò, il ministro dell’Immigrazione, Alex Hawke, può ora intervenire personalmente e decidere comunque di annullare il visto per motivi del tutto nuovi. Ciò che il governo ha segnalato in tribunale potrebbe essere qualcosa che accade.
  • Se ciò dovesse accadere, potrebbe finire di nuovo in tribunale perché Djokovic rischierebbe di essere bandito dall’Australia per tre anni se il ministro decidesse di annullare il visto.

L’udienza è terminata ora. È tutto per ora.

Il tribunale ha anche rilasciato altri documenti relativi al caso, che possono essere trovati qui.

Include la trascrizione dell’intervista di Djokovic con le forze di frontiera la scorsa settimana.


Nell’intervista, Djokovic ha confermato di essere risultato positivo al Covid-19 il 16 dicembre, e poi negativo il 22 dicembre.

«Ho avuto Covid due volte, ho avuto Covid a giugno 2020 e ho avuto Covid recentemente in – sono risultato positivo – PCR – 16 dicembre 2021» ha dichiarato il tennista al poliziotto di frontiera dopo aver confermato di non essere vaccinato.

Ma un altro è il punto chiave della trascrizione – dove l’intervistatore avvisa Djokovic alle 5 del mattino che potrebbe avere più tempo per parlare alle persone dell’intenzione di annullare:

INTERVISTATORE: Quindi il colloquio riprende alle 5:20. Va bene – ti ho già notificato l’intenzione di considerare la cancellazione e al momento hai bisogno – quello che mi hai avvisato è che hai bisogno di riposo e fino alle 8/8.30. Ed è allora che potresti parlare di nuovo con il tuo avvocato.

DJOKOVIC: Sì.

INTERVISTATORE: E ottenere qualche informazione in più.

DJOKOVIC: Sì.

INTERVISTATORE: Quindi va benissimo, perché ho parlato con i miei supervisori e sono più che felici di…

DJOKOVIC: Va bene, fantastico.

INTERVISTATORE: …per riposare. Quindi altre domande?

DJOKOVIC: Niente più domande per ora.

INTERVISTATORE: Quindi quello che accadrà è che finirò il mio turno, quindi questo caso verrà consegnato a un’altra squadra. Un altro funzionario sta per uscire e parlarti. Si presenteranno…

DJOKOVIC: Va bene.

Ma poi quell’accordo, nelle parole del giudice Anthony Kelly, è stato “rinnegato”.

INFAME TRAPPOLA PER IL NO VAX DJOKOVIC. L’Imperatore del Tennis Attirato e Perseguitato dall’Australia

L’intervistatore 2 arriva alle 6:07 e dice a Djokovic che se non risponde in quell’intervista, “potrebbe essere presa una decisione sulla base delle informazioni a portata di mano ora”.

L’intervistatore informa Djokovic che sarà portato in un hotel dall’appaltatore governativo Serco, quindi chiede se ha qualcos’altro che vuole aggiungere:

DJOKOVIC: Come ho detto prima… sono sorpreso che non ci siano informazioni sufficienti sul motivo stesso per cui mi è stata concessa l’esenzione medica dal panel medico indipendente dello stato del Victoria che ha confermato che ho soddisfatto i criteri per entrare in Australia… che non è sul foglio che mi hai letto e cioè se hai riscontrato o avuto un test Covid PCR positivo nei sei mesi precedenti, e puoi fornire il test PCR negativo e la quantità sufficiente di anticorpi, allora ti viene concesso accesso ed è esattamente quello che è successo durante l’intero processo.

Quindi abbiamo fornito – ho fornito documentazione medica, il 16 novembre [sic], ero positivo alla PCR, test PCR positivo COVID-19, il 22 ero negativo.

Ho inviato l’analisi del sangue per i miei anticorpi e ne avevo una quantità sufficiente e mi è stato concesso l’accesso in Australia e ho ricevuto la documentazione che supportava la mia esenzione medica e la dichiarazione di viaggio proveniente dal governo federale.

INTERVISTATORE: Va bene. C’è qualcos’altro che vorresti aggiungere?

DJOKOVIC: No.

Quando l’intervista è ripresa alle 7:38, Djokovic è stato informato che il suo visto era stato cancellato.


Qui gli aggiornamenti essenziali in tempo reale sull’udienza in tribunale del tennista Novak Djokovic dinanzi al tribunale di Melbourne (giudice A. Kelly) per il ricorso dei suoi avvocati contro l’annullamento del visto di ingresso nel Paese per esenzione medica impugnata dalle autorità federali di il Dipartimento per gli Affari Nazionali

L’udienza per il visto di Novak Djokovic è stata colpita da un bizzarro incidente pornografico e da una serie di lunghi problemi tecnologici mentre gli spettatori si sintonizzavano da tutto il mondo.

Novak Djokovic ha lasciato l’hotel di detenzione dove si trova da giovedì.

È solo un congedo temporaneo per consentire al numero 1 del mondo di assistere all’udienza in tribunale per decidere se può rimanere in Australia.

Viene dopo che il giudice che presiede il caso legale di Djokovic ha ordinato che la star fosse portata dall’hotel in un luogo dove potesse assistere all’udienza (live YouTube qui).

Un’ordinanza firmata dal giudice Kelly afferma che il ministro deve “prendere tutte le misure e fare tutto il possibile per portare il ricorrente nei locali specificati dagli avvocati del ricorrente” lunedì e in altre date in cui la questione è in discussione.

L’attesissimo caso giudiziario tra Djokovic e il ministro degli Affari interni, Karen Andrews, è condotto da una tecnologia di accesso remoto.

C’è stato un falso inizio del procedimento con il sito web che trasportava il flusso in crash e i funzionari che si affannavano per trovare una soluzione.

SEGUI L’UDIENZA IN DIRETTA QUI SOTTO (tutti gli orari AEDT + 10 ore CET)

* Questa pagina si aggiornerà automaticamente per mostrare le ultime voci

17:28 IL GOVERNO CONSIDERA SE ESERCITARE IL POTERE DI ANNULLARE IL VISTO

L’avvocato del governo Christopher Tran afferma che il ministro dell’immigrazione, Alex Hawke, valuterà se esercitare un potere personale di cancellazione del visto.

Ciò significa che una volta revocata la decisione, Hawke potrebbe annullarla nuovamente, come segnalato all’inizio della giornata.

Kelly osserva che se il ministro decide di rimuovere, Djokovic non può tornare per tre anni e potrebbe essere presentato ricorso. Si aspetta di essere “pienamente informato in anticipo” se è necessario per procedimenti futuri.

“In un certo senso, la posta in gioco è aumentata piuttosto che diminuita”, ha detto.

17:17 IL GIUDICE DA RAGIONE A DJOKOVIC

Il giudice Anthony Kelly, legge un minuto concordato sia dal governo che da Djokovic, dove annulla la decisione di annullare il visto di Novak Djokovic, ordina al governo di pagare le spese e che Djokovic venga rilasciato dalla detenzione in 30 minuti con il suo passaporto e dati personali effetti a lui rilasciati.

Il verbale rileva che Djokovic è stato autorizzato fino alle 8:30 quando è stato originariamente trattenuto per rispondere alla notifica di annullare il suo visto, ma la decisione è stata presa alle 7:42.

E scoprì che se avesse avuto più tempo avrebbe potuto consultarsi più a fondo e rispondere meglio di quanto non fosse in grado di fare.

Questo è il motivo per cui è stato così ritardato, stavano arrivando a un accordo.

16:54 IN ATTESA DELLA CORTE

Stiamo ancora aspettando che la corte  riprenda l’udienza. La corte ha fornito un aggiornamento sul fatto che l’udienza è ancora temporaneamente aggiornata e intende tornare ad un certo punto oggi. Ma non sappiamo quando sarà, esattamente.

16:15 DJOKOVIC HA LASCIATO L’EDIFICIO

L’Herald Sun ha confermato che Djokovic ha lasciato il Park Hotel.

La star del tennis è ancora in detenzione, ma ha ricevuto dal giudice Kelly un permesso speciale per lasciare l’hotel dell’orrore per stare con i suoi avvocati per tutta la durata dell’udienza.

La sua partenza dall’hotel ha indicato che il governo federale ha rispettato gli ordini del giudice Kelly.

15:53 ​​SCADENZA ESTESA

Il permesso di Djokovic di rimanere nel Paese sarà esteso alle 20:00.

Christopher Tran, per il ministro Karen Andrews, ha detto di aver ricevuto istruzioni per acconsentire a una proroga fino alle 16:30 dato che il caso è ancora in corso.

Ma il giudice Kelly ha approvato una proroga fino alle 20:00.

Il caso è stato ulteriormente aggiornato dopo solo un minuto di seduta in tribunale, poiché il signor Tran ha affermato di aver bisogno di più tempo.

Accomodatevi gente, siamo qui a lungo termine.

(Visited 2.013 times, 2 visits today)

Redazione Gospa News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.