siteId=76639&formatId=24">

L’INFERNO DIGITALE CI TOGLIERÀ I DIRITTI UMANI! “Gravi e Irreversibili Violazioni” coi Nuovi Sistemi di Identificazione

L’INFERNO DIGITALE CI TOGLIERÀ I DIRITTI UMANI! “Gravi e Irreversibili Violazioni” coi Nuovi Sistemi di Identificazione

14.578 Views

Pubblichiamo un interessante articolo pubblicato su ZeroHedge, a firma della dottoressa Suzanne Burdick, nella traduzione in Italiano proposta dal Blog di Sabino Paciolla. Tutti i link agli articoli di Gospa News sono stati aggiunti a posteriori


Gli autori di un nuovo rapporto sui sistemi di identità digitale hanno avvertito che “le violazioni dei diritti umani effettive e potenziali” derivanti dal modello di identificazione digitale possono essere “gravi e potenzialmente irreversibili”.

Il rapporto di 100 pagine – “Paving the Road to Hell? A Primer on the Role of the World Bank and Global Networks in Promoting Digital ID” – pubblicato dal Center for Human Rights and Global Justice della New York University (NYU) ha esortato le organizzazioni per i diritti umani a prestare attenzione alle minacce poste in essere da una spinta globale per gli ID digitali.

“IL NUOVO ORDINE MONDIALE E’ PRIVO DI UMANA INTELLIGENZA”. Quindi Impone la Dittatura tramite Web, Social & Artificial Intelligence

I ricercatori della NYU hanno affermato che molti promotori della spinta– tra cui la Banca Mondiale – descrivono gli ID digitali come un mezzo per raggiungere una maggiore inclusività e sostenibilità ambientale quando, in realtà, è probabile che i sistemi facciano esattamente il contrario.

Secondo il rapporto, l’ID digitale è stato travestito da “inarrestabile colosso e inevitabile segno distintivo della modernità e dello sviluppo nel 21 ° secolo”, causando voci dissenzienti da “cancellare come luddisti e barriere al progresso”.

Gli autori hanno sostenuto un dibattito aperto “con piena trasparenza e coinvolgendo tutte le parti interessate”, comprese le più emarginate e vulnerabili.

DIGITAL COLONIALISM – 2. Pax Americana and Hollow Independence: Wither the Self-Determination of Peoples?

Gli autori, tra cui Christiaan van Veen, L.L.M., consulente speciale per le nuove tecnologie e i diritti umani delle Nazioni Unite, hanno esortato la comunità dei diritti umani e le relative organizzazioni della società civile a garantire che le decisioni globali sull’adozione di sistemi di identificazione digitale non siano assunte frettolosamente ma si basino su “prove e analisi serie”.

Laddove i sistemi di identificazione digitale minacciano i diritti umani, hanno detto i ricercatori della NYU, tali sforzi dovrebbero essere “fermati del tutto”.

Chi ne trae davvero profitto?

“I governi di tutto il mondo hanno investito molto nei sistemi di identificazione digitale, spesso con componenti biometriche“, hanno affermato gli autori in una nota.

I sistemi di identificazione digitale che raccolgono frequentemente dati biometrici – come impronte digitali, iride o altri riconoscimenti delle caratteristiche facciali – vengono adottati per sostituire o integrare i sistemi di identificazione governativa non digitali.

Secondo un rapporto speciale di Access Now, in India nell’ottobre 2021, i sistemi di identificazione digitale – o “programmi Big ID” come li chiamava Access Now – sono spinti da un mercato di attori che vendono e traggono profitto da sistemi e infrastrutture di identificazione digitale, spesso mettendo in pericolo i diritti umani delle persone di cui dovrebbero beneficiare.

NUOVO ORDINE MONDIALE DEL CONSIGLIO DEL CAPITALISMO INCLUSIVO. Come la Finanza Comanda al posto della Politica

I ricercatori della NYU hanno raggiunto la stessa conclusione:

“La rapida proliferazione di tali sistemi è guidata da un nuovo consenso allo sviluppo, confezionato e promosso da attori globali chiave come la Banca Mondiale, ma anche da governi, fondazioni, fornitori e società di consulenza”.

I sostenitori dell’ID digitale sostengono che i sistemi possono contribuire all’inclusività e allo sviluppo sostenibile, con alcuni che arrivano al punto di considerare l’adozione di sistemi di ID digitali un prerequisito per la realizzazione dei diritti umani.

Ma i ricercatori della NYU hanno affermato di credere che “l’obiettivo finale” dei sistemi di identificazione digitale sia quello di “facilitare le transazioni economiche e la fornitura di servizi del settore privato, portando allo stesso tempo nuovi individui più poveri nelle economie formali e ‘sbloccando’ i loro dati comportamentali”.

“Le promesse di inclusione e fiorenti economie digitali potrebbero sembrare attraenti sulla carta”, hanno detto i ricercatori, “ma i sistemi di identificazione digitale hanno costantemente fallito nel mantenere queste promesse in situazioni del mondo reale, specialmente per i più emarginati”.

DIGITAL COLONIALISM – 1. Covid Endgame: Cyberwar Simulacra in an Upside down World

Gli autori hanno aggiunto:

“In effetti, stanno emergendo prove da molti paesi, in particolare dal mega progetto di identificazione digitale Aadhaarin India, delle vaste e massicce violazioni dei diritti umani legate a questo modello. Questi sistemi possono infatti esacerbare forme preesistenti di esclusione e discriminazione nei servizi pubblici e privati. L’uso di nuove tecnologie può inoltre portare a nuove forme di danno, tra cui l’esclusione biometrica, la discriminazione e i molti danni associati al“capitalismo della sorveglianza”.

I vantaggi dell’utilizzo dell’ID digitale sono “mal definiti” e “scarsamente documentati”, hanno detto gli autori della NYU.

“Dalle prove esistenti, sembra che coloro che ne trarranno maggior beneficio potrebbero non essere quelli ‘lasciati indietro’, ma invece un piccolo gruppo di aziende e governi”.

Hanno aggiunto:

“Dopotutto, dove i sistemi di identificazione digitale tendono a eccellere è nella generazione di contratti redditizi per le aziende biometriche e nel miglioramento delle capacità di sorveglianza e controllo della migrazione da parte dei governi”.

Più male che bene, soprattutto per i più emarginati del mondo

Gli autori hanno fatto quattro cose nel loro rapporto.

In primo luogo, hanno esaminato l’impatto sui diritti umani dei sistemi nazionali di identificazione digitale e hanno sostenuto che un’analisi costi-benefici dei sistemi di identificazione digitale suggerisce che fanno più male che bene, specialmente per gli individui più emarginati del mondo.

“Attraverso l’adozione delle tecnologie digitali, la Banca Mondiale e una più ampia rete globale di attori hanno promosso un nuovo paradigma per i sistemi di identificazione che dà priorità a ciò che chiamiamo ‘identità economica’”, hanno scritto gli autori.

GREEN PASS UE, MICROCHIP SOTTOPELLE E MARCHIO DELLA BESTIA 666 DI GATES. Il Piano Transumanista di Klaus Schwab (Great Reset) e NWO contro il Cristianesimo

Hanno aggiunto:

Questi sistemi si concentrano sull’alimentazione delle transazioni digitali e sulla trasformazione degli individui in dati tracciabili. Spesso ignorano la capacità dei sistemi di identificazione di riconoscere non solo che un individuo è unico, ma che hanno uno status giuridico con diritti associati.

“Tuttavia, i promotori hanno ammantato questo nuovo paradigma nel linguaggio dei diritti umani e dell’inclusione, sostenendo che tali sistemi aiuteranno a raggiungere molteplici obiettivi di sviluppo sostenibile”.

Gli autori hanno aggiunto:

“Come le strade fisiche, i sistemi nazionali di identificazione digitale con componenti biometriche (sistemi di identificazione digitale) sono presentati come l’infrastruttura pubblica del futuro digitale.

“Eppure queste particolari infrastrutture si sono dimostrate pericolose, essendo state collegate a gravi violazioni dei diritti umani su larga scala in una serie di paesi in tutto il mondo, che colpiscono i diritti sociali, civili e politici”.

CENSURA DI STATO CON PARTNER DEI VACCINI ANTI-COVID! Vergognoso Accordo del Ministro Speranza con Google e YouTube

Dare priorità all’”identità economica”

Successivamente, i ricercatori hanno esaminato come è nata un’agenda di “identificazione per lo sviluppo” guidata da più attori globali.

Hanno discusso del sistema di identificazione digitale chiamato Aadhaar che è attualmente in fase di sperimentazione da parte del governo indiano e del sistema di identificazione digitale promosso dalla Banca Mondiale – Identificazione per lo sviluppo, comunemente chiamato ID4D Initiative.

L’iniziativa ID4D trae ispirazione dal sistema di identificazione digitale Aadhaar molto criticato in India.

Nel sistema Aadhaar, agli individui viene assegnato volontariamente un numero casuale di 12 cifre dall’Unique Identification Authority of India – un’autorità statutaria sostenuta dal governo indiano – che stabilisce l’”unicità” degli individui con l’aiuto di tecnologie demografiche e biometriche.

“WHATSAPP SPIA MESSAGGI E DATI CON IA & CONTRACTORS”. Mille Moderatori a Caccia di Presunti “Cattivi” per Facebook. Per Denunciarli…

Questo modello di ID digitale, hanno detto gli autori del rapporto della NYU, è pericoloso perché dà la priorità a una “identità economica” per un individuo.

Il modello non riguarda solo l’identità di un individuo, ha confermato Joseph Atick, Ph.D., presidente esecutivo dell’influente ID4Africa, una piattaforma in cui si incontrano i governi africani e le principali aziende del mercato dell’ID digitale.

Riguarda le loro interazioni economiche, ha sostenuto Atick.

Il modello ID4D “abilita e interagisce con piattaforme di autenticazione, sistemi di pagamento, firme digitali, condivisione dei dati, sistemi KYC, gestione del consenso e piattaforme di consegna settoriali”, ha annunciato Atick all’inizio dell’incontro annuale 2022 di ID4Africa a metà giugno, presso il Palais de Congrès di Marrakesh, in Marocco.

IL PORTUALE PUZZER E IL CHIRURGO STRAMEZZI CON ITALEXIT DI PARAGONE. Un’Alternativa alle Dittature su Pandemia e Guerra

Gli autori del rapporto della NYU hanno criticato questo modello:

“L’obiettivo, quindi, non è tanto l’identità quanto l’identificazione. I tre processi interconnessi di identificazione, registrazione e autorizzazione sono un esercizio di potere.

“Attraverso questo processo, un attore riconosce o nega gli attributi di identità di un altro attore. Gli individui possono essere potenziati attraverso il processo di identificazione, ma tali sistemi sono stati a lungo utilizzati per lo scopo opposto: negare i diritti a determinati gruppi ed escluderli.

In terzo luogo, gli autori hanno valutato i dettagli di come la Banca Mondiale e la sua rete di promotori dei sistemi di identificazione digitale hanno lavorato per implementare un’agenda di “identificazione per lo sviluppo” in tutto il mondo.

LOBBY ARMI – 7. ASSE NATO-GATES A TORINO. Tecnologie Militari IA nell’Intrigo Politico PD-FI-Lega-FdI tra Leonardo, Microsoft & Alleanza Atlantica

Hanno spiegato come funzionano il finanziamento e la governance dell’iniziativa ID4D e hanno affermato che la Banca Mondiale e i suoi partner aziendali e governativi stanno “producendo consenso”, presumendo che il passaggio a un modello di ID digitale sia inevitabile, desiderabile e richiesto per il progresso umano.

Ma questo “consenso fabbricato” manca di una base, come hanno sottolineato.

“Prove concrete e solide dei presunti benefici associati ai sistemi di identificazione digitale sono raramente fornite, si afferma semplicemente che l’ID digitale porterà all’inclusione e allo sviluppo”, hanno scritto gli autori.

3 passi che i sostenitori della privacy possono intraprendere

Infine, gli autori hanno delineato ciò che le organizzazioni per i diritti umani e altri attori della società civile possono fare evidenziando tre modalità di azione:

  • “Non così veloce!” Le organizzazioni possono chiedere che l’adozione governativa di sistemi di identificazione digitale non sia affrettata.

Gli autori hanno scritto:

“Prima che qualsiasi sistema di identificazione digitale nuovo o aumentato venga implementato a livello nazionale, è fondamentale stabilire una base di prove e adottare tutte le misure necessarie per anticipare e mitigare in anticipo i possibili danni. Studi di base, ricerche nel contesto specifico, analisi costi-benefici, analisi del rapporto qualità-prezzo e valutazioni d’impatto sono necessari e dovrebbero essere richiesti in ogni fase del processo”.

  • “Rendilo pubblico.” La progettazione e l’eventuale implementazione di un sistema di identificazione digitale devono essere discusse a fondo nei forum democratici, compresi i media pubblici e il Congresso o i parlamenti.

NWO CONTRO L’ITALIA – 2. COLAO MINISTRO “IT” TRA BILDERBERG, GATES & CIA. Dal piano Vaccini GAVI all’Intelligenza Artificiale

“Le organizzazioni della società civile dovrebbero chiedere apertura per quanto riguarda i piani, le gare d’appalto e il coinvolgimento di governi stranieri e organizzazioni internazionali”, hanno affermato.

“È importante rendersi conto”, hanno scritto gli autori, “che, in definitiva, tutti hanno un interesse nei sistemi di identificazione, digitali o meno, che sono essenziali per riconoscere gli individui e realizzare i loro diritti umani”.

Hanno aggiunto:

“Sempre più organizzazioni ed esperti stanno iniziando a confrontarsi con la rapida diffusione dell’ID digitale in tutto il mondo, dalle organizzazioni per i diritti digitali ai gruppi che rappresentano le persone con disabilità, dagli esperti che lavorano sui diritti sociali ed economici agli economisti dello sviluppo.

“Man mano che questa gamma di organizzazioni cresce, sarà fondamentale condividere esperienze, imparare gli uni dagli altri e coordinare la difesa”.

Le alleanze per i diritti umani possono “re-immaginare” il “futuro digitale”

Secondo il rapporto, alleanze multidisciplinari e geograficamente diverse possono non solo aiutare a garantire che i sistemi di identificazione digitale non vengano implementati “nei modi dannosi descritti in questo primer”, ma possono anche “aiutare a reimmaginare come potrebbe essere il futuro digitale senza il particolare modello di sistemi di identificazione promosso dalla Banca Mondiale e da altri”.

Hanno scritto:

“Poiché i sistemi di identificazione digitale stanno determinando la forma dei governi e delle società mentre precipitiamo nell’era digitale, le domande sulla loro forma e design – e sulla loro stessa esistenza in primo luogo – sono critiche.

“Quali visioni alternative possiamo offrire che salvaguarderanno meglio i diritti umani e preserveranno i guadagni di innumerevoli anni di lotta per migliorare il riconoscimento e l’istituzionalizzazione dei diritti?

APP IMMUNI: AFFARE DEL PARTITO UNICO DEL COVID. Dai Berlusconi ai Radical Chic vicini al PD: Benetton e Rosso

“Quando riuniamo attori che vogliono una società in cui i diritti umani di ogni individuo e gruppo siano protetti, che tipo di sistemi di identificazione digitale potremmo immaginare? In che modo i sistemi di identificazione digitale potrebbero essere progettati per promuovere veramente il benessere umano?

“In che modo questa visione alternativa e che soddisfa i diritti differirebbe dall’identità economica e transazionale qui descritta, come promossa dalla Banca Mondiale e da altri? In effetti, avremmo digitalizzato i sistemi di identificazione?”

Gli autori non hanno fornito risposte a queste domande.

Piuttosto, miravano a “riunire l’eccellente lavoro che i nostri partner, colleghi e altri hanno instancabilmente intrapreso in tutto il mondo” e facilitare la collaborazione “per garantire che il futuro dell’ID digitale migliori, piuttosto che mettere a repentaglio, il godimento dei diritti umani”.

FONTE – IL BLOG DI SABINO PACIOLLA


“PANDEMIA UTILIZZATA PER LEGITTIMARE GLOBALISMO E CONTROLLO SOCIALE”. Allarmante Analisi Cristiana del Vescovo di Trieste

PANDEMIA & UCRAINA: TRAPPOLE NWO PER DIVIDERE I CRISTIANI. Cattolici Pro-Vax e Anti-Putin contro Credenti No-Vax e Pro-Putin

WUHAN-GATES – 44. CARDINALI CONTRO I “DRAGHI” NWO: “Pandemia Esperimento Mondiale per Stato di Sorveglianza”

PANDEMIA & GUERRA: COME LOTTARE CONTRO I COMPLOTTI NWO. Lezioni Bibliche di Re Davide, Papa Wojtyla e Marc Chagall

REALI INTERESSI EUROPEI E OBIETTIVI DEL NUOVO ORDINE MONDIALE: Convegno di Geopolitica con “Polis Etica”

FILO-PUTIN SCHEDATI: ECCO IL DOSSIER VOLUTO DA NATO, UE & LOBBY ARMI. Attacco 007 alla Contro-Informazione come da Piano CEPA

 

(Visited 653 times, 57 visits today)

fonte selezionata da Gospa News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.