BIG TECH “GAFAM” DIVORANO L’UE. Con €26 Milioni di Consulenze Sospette il Monopolio Bezos-Gates-Zuckerberg uccide la Concorrenza

BIG TECH “GAFAM” DIVORANO L’UE. Con €26 Milioni di Consulenze Sospette il Monopolio Bezos-Gates-Zuckerberg uccide la Concorrenza

7.871 Views

Pubblichiamo anche in Italiano una dettagliata, sconcertante e interessantissima inchiesta che spiega come il cartello delle Big Tech denominato GAFAM (Google, Apple, Facebook, Amazon, Microsoft) sta divorando il mercato dell’Unione Europea uccidendo ogni concorrenza a colpi di Lobbying, il pagamento di consulenze sospette a politici e funzionari pubblici per ottenere vantaggi negli appalti pubblici Questa bolla speculativa va fatta scoppiare secondo l’italo-britannico Tommaso Valletti, Professore di economia all’Imperial College Business School di LondraI link agli articoli di Gospa News sono stati aggiunti a posteriori per l’attinenza coi temi trattati


Spammare il Regolatore

Pubblicato in origine da Corporate Europe Observatory

ORIGINAL ENGLISH VERSION

I monopoli delle Big Tech stanno difendendo i loro interessi nella definizione e nell’attuazione della politica di concorrenza dell’UE con l’aiuto delle cosiddette “consulenze economiche”. Mentre aziende come Charles River Associates sono sconosciute al pubblico e la loro “competenza economica” è presentata come neutrale, il loro impatto dietro le quinte per conto dei loro clienti Big Tech è considerevole, in particolare quando si tratta di controllo delle fusioni nell’UE.

Big Tech è il più grande settore di lobby nell’UE che spende, prima del farmaceutico, dei combustibili fossili, della finanza o dei prodotti chimici. E una parte significativa di quella potente potenza di fuoco del lobbismo a Bruxelles è esercitata da Google, Amazon, Meta (ex Facebook), Apple e Microsoft (noto come “GAFAM”). Insieme, GAFAM spende più di 26,5 milioni di euro per influenzare le istituzioni dell’UE. E non è tutto: Big Tech esercita anche un notevole potere di lobbying nelle capitali degli Stati membri. Ad esempio, GAFAM spende 9,3 milioni di euro per difendere i propri interessi a Berlino, secondo il registro tedesco per la trasparenza.

WUHAN-GATES – 59. BILL III Imperatore di Virus & Vaccini: $8,3 Milioni per Lobbizzare Governi UE-USA con le sue ONG

Il peso politico di Big Tech è cresciuto parallelamente al suo potere di mercato in continua crescita, creando il rischio che sia diventato “troppo grande per essere regolamentato”. I giganti digitali hanno usato il loro potere economico e la loro posizione di monopolio per violare sistematicamente le leggi e la loro applicazione, imporre condizioni ingiuste agli utenti e alle piccole imprese e fare pressioni per una legislazione favorevole che legittimasse i loro modelli di business spesso non etici e in alcuni casi illegali.

QATARGATE: ARRESTATO SECONDO EURODEPUTATO PD DELLA SOROS LIST. Subito ai Domiciliari Cozzolino nonostante le Accuse del Pentito Panzeri

Le grandi aziende tecnologiche come Meta hanno effettivamente gestito una strategia di “copia-acquisizione-uccisione” con i suoi concorrenti, con conseguente concentrazione del mercato sempre maggiore. Nel frattempo le autorità di regolamentazione sono appena intervenute per bloccare una qualsiasi di queste fusioni. Secondo l’ex capo economista della DG Concorrenza, GAFAM ha acquisito più di 1.000 aziende negli ultimi 20 anni. Delle fusioni esaminate, la Commissione europea non ne ha nemmeno bloccata una.

Il potere monopolistico di Big Tech

Big Tech è diventato quasi sinonimo di potere monopolistico. Solo poche aziende hanno acquisito gran parte di Internet in mercati diversi come pubblicità online, e-commerce, social network, app online, navigazione, condivisione di video, ricerca, e-mail e cloud. Le società tecnologiche hanno utilizzato fusioni e acquisizioni per “guadagnare potere di mercato, acquisire dati e eliminare qualsiasi minaccia da potenziali concorrenti”.

Fusioni e acquisizioni Big Tech

Ad esempio, Amazon ha utilizzato il proprio potere di mercato per “auto-preferire” i propri prodotti e utilizzare i dati dei venditori di terze parti per copiare prodotti popolari. Allo stesso modo, la quota di mercato di Google Search è vicina al 90 percento. Il suo algoritmo di classificazione determina le informazioni che miliardi di persone vedono.

L’ONG American Economic Liberties Project ha documentato 616 fusioni e acquisizioni da parte di Amazon, Apple, Meta e Google nel corso degli anni. Google da solo ha acquisito 270 aziende dal 2001 o 13 fusioni e acquisizioni all’anno. Un rapporto dell’autorità statunitense per la concorrenza FTC mostra che si tratta addirittura di una sottostima che documenta 627 transazioni nel periodo 2010-2019.

Tuttavia, con il Digital Markets Act (DMA) recentemente approvato, il potere di mercato della Big Tech è stato sottoposto a controllo pubblico e normativo in Europa. Ma le domande chiave che decideranno l’efficacia del regolamento sono ancora nell’aria, e queste sono un obiettivo per le continue pressioni da parte di Big Tech e dei suoi alleati.

I monopoli tecnologici della Silicon Valley stanno facendo un uso massiccio delle cosiddette consulenze economiche, le cui attività si svolgono al di sotto del radar del controllo pubblico. Queste società di consulenza, come Compass Lexecon, Charles River Associates, Oxera e RBB Economics, offrono ai propri clienti analisi di questioni economiche, generalmente da utilizzare in dibattiti di politica pubblica, procedimenti legali e normativi e processi decisionali strategici.

CENSURA DI STATO CON PARTNER DEI VACCINI ANTI-COVID! Vergognoso Accordo del Ministro Speranza con Google e YouTube

Quindi queste società di consulenza specializzate svolgono un ruolo importante nel campo della politica di concorrenza dell’UE e agiscono come un vero e proprio vettore per l’influenza delle Big Tech. Rappresentano i loro clienti davanti ai tribunali e forniscono relazioni da presentare alla DG Concorrenza quando si tratta di fusioni. Scrivono anche studi finanziati dai clienti per influenzare la legislazione e organizzare dibattiti ed eventi chiave nella capitale dell’UE sulla politica della concorrenza in generale. Lavorano quindi per plasmare l’aspetto pratico dell’applicazione della politica di concorrenza.

VACCINOPOLI A BRUXELLES 2016-2021. UE-USA, Big Pharma, Gates, Soros & Monti in “Friends of Europe”: Finanziata da Von Der Leyen, Guidata da Boss Bilderberg

Sono urgentemente necessari maggiori riflettori sul ruolo di lobby delle società di consulenza economica. Anche se almeno alcune delle più ampie attività di influenza elencate in questo articolo dovrebbero essere registrate, non compaiono nel registro per la trasparenza dell’UE, non rispondono alle richieste e le relazioni che forniscono alla DG Concorrenza nell’interesse dei loro i clienti non sono divulgati al pubblico.

Anche i titoli di questi rapporti sono sconosciuti. Abbiamo bisogno di un cambio di paradigma che garantisca maggiore trasparenza, sia sulle attività di influenza delle consulenze economiche sia per il modo in cui viene fatta la politica di concorrenza dell’UE in generale (leggi qui la lettera inviata da 18 organizzazioni della società civile al Commissario Vestager).

VACCINI OBBLIGATORI: CASO ALLA CORTE UE, INSIDIE BIG PHARMA! PM Pitruzzella a Summit ASPEN su Brevetti Covid. Giudice Consulente di Gentiloni (DL Lorenzin pro Gates-GSK)

Consulenze economiche: una presenza in crescita nell’UE

Il campo dell’economia della concorrenza è dominato da poche società di consulenza: Compass Lexecon, CRAI, Oxera e RBB Economics. L’impronta di queste aziende è in costante crescita: con un fatturato combinato di almeno 34,6 milioni di euro nel 2021 (rispetto ai 27,9 milioni di euro del 2018) e 59 persone che lavorano alle politiche dell’UE, queste aziende hanno una presenza sostanziale nell’UE bolla.1

UE: 3 COMMISSARI E 73 DEPUTATI NELLA SOROS LIST. MOLTI PRO “NO GENDER”

Nonostante la loro crescente presenza e il loro ruolo sia nell’advocacy, non ci sono informazioni sulle consulenze economiche disponibili nel registro per la trasparenza dell’UE. L’unica azienda potenzialmente coperta è Compass Lexecon come sussidiaria di FTI Consulting. FTI Consulting è il terzo più grande attore di lobby nell’UE in base alle spese di lobby.

(segue lungo elenco con profilo delle singole società leggibile nell’articolo originale su Gospa News International

Spammare il regolatore

Quando la Commissione UE ha approvato la fusione Google-Fitbit nel dicembre 2020, la decisione è stata accolta con diffusa condanna. Quattordici economisti della concorrenza, tra cui tre ex capi economisti di agenzie per la concorrenza, hanno messo in guardia la Commissione contro la fusione per “riportare l’applicazione della tecnologia indietro di una generazione”. Gruppi di consumatori, esperti di salute e organizzazioni per la protezione dei dati, incluso il Comitato europeo per la protezione dei dati, hanno tutti espresso serie obiezioni contro il concedere al già onnipresente Google l’accesso ai dati sulla salute, il sonno e la posizione di milioni di utenti.

Tuttavia, non tutti erano scontenti della decisione delle Commissioni. La società di consulenza economica Compass Lexecon ha proclamato con orgoglio di aver “fornito consulenza economica a Google durante [i] procedimenti di fusione”. L’anno successivo l’azienda ha vinto il premio per Merger Control Matter of the Year da Global Competition Review per aver ottenuto l’approvazione della fusione Google-Fitbit. Secondo Compass Lexecon aveva fornito argomenti economici cruciali per dimostrare che “[i dati di Fitbit] non erano unici e di valore limitato per Google”.

Le società di consulenza economica hanno un accesso privilegiato a questi procedimenti in quanto forniscono contributi economici “esperti” per conto dei loro clienti. Questo punto di accesso privilegiato ha fornito spazio a una nuova strategia di lobbying: inviare spam al regolatore.

Voci all’interno della Commissione hanno sottolineato la prassi di presentare così tante valutazioni economiche che la DG Concorrenza ha difficoltà a gestire il carico di lavoro. Poiché la DG Concorrenza è obbligata, in virtù del diritto di essere ascoltato, a prendere in considerazione ogni richiesta di esperti, questa tattica spinge al limite la capacità interna e mette l’autorità di regolamentazione sulla difensiva.

L’ex capo economista Tommaso Valletti è stato particolarmente critico nei confronti della pratica in un’intervista alla ONG Balanced Economy Project: “Ho visto i consulenti dirottare un certo modo di fare lavoro economico. Lo fanno su vasta scala, per creare dubbi. Ti bombardano.Dicono ‘beh, questa fusione potrebbe portare a tutte queste fantastiche efficienze: ecco una possibilità che dovresti considerare.’Sai che in pratica questo non avrà un ruolo, ma poi hai l’onere della prova come autorità respingere tali richieste. È un gioco molto sporco”. [enfasi aggiunta]

Un articolo inedito, co-scritto da un attuale membro del Chief Economist Team presso la DG Concorrenza, ha definito questa nuova strategia di lobbying “spamming al regolatore”. Gli scriventi sottolineano che, a causa delle numerose argomentazioni avanzate dalle società di consulenza economica, “il regolatore può decidere di non pronunciarsi contro l’impresa e la loro fusione, per evitare di essere impugnata in giudizio per motivi procedurali”.

l’italo britannico Tommaso Valletti, Professore di economia all’Imperial College Business School di Londra

Il documento mostra come le aziende stiano assumendo più consulenti per spammare la Commissione con più contributi. Dal 2005 al 2020, sia il coinvolgimento delle imprese economiche che le sottomissioni a casi di fusione sono più che raddoppiati. Allo stesso tempo, secondo questo documento, la qualità di questi contributi è diminuita. In un caso, la Commissione ha osservato che le risposte delle imprese economiche erano “spesso laconiche e prive di fondamento”.

Queste strategie sono tanto più efficaci in quanto la porta girevole tra la DG Concorrenza e queste consulenze economiche garantisce una conoscenza interna dettagliata del modo in cui opera la DG Concorrenza.

La porta girevole tra DG COMP e consulenze economiche

Il numero di funzionari della DG Concorrenza che passano attraverso la “porta girevole” rischia di creare conflitti di interesse e lo sviluppo di una mentalità condivisa sulla politica della concorrenza tra chi fa politica e chi cerca di influenzarla. Diversi casi di alto livello, in particolare, hanno acceso i riflettori sull’ingresso nel settore privato di ex funzionari della DG Comp: nel 2021 due ex vicedirettori generali della DG Concorrenza Carles Esteva Mosso e Cecilio Madero sono entrati rispettivamente negli studi legali Clifford Chance e Latham & Watkins, spingendo il Mediatore europeo a prestare particolare attenzione ai due funzionari nella sua indagine sulle porte girevoli.

WUHAN-GATES – 65. L’ANELLO MANCANTE DEL DIABOLICO COMPLOTTO NWO-UE: Dal SARS da Laboratorio di Monti al Vaccino COVID col Grafene di Capua

Il Mediatore europeo ha inoltre sottolineato “gli effetti corrosivi dei funzionari che portano le loro conoscenze e le loro reti in aree correlate nel settore privato”. L’eurodeputato verde Daniel Freund ha osservato in un comunicato stampa che “abbiamo assistito a troppi casi di porte girevoli di… concorrenza dell’UE avvocati che cambiano schieramento in tribunale passando dal citare in giudizio Apple alla difesa di Apple”.

L’INCHIESTA INTEGRALE PROSEGUE SU GOSPA NEWS INTERNATIONAL IN INGLESE 

Con possibilità di traduzione automatica simultanea in Italiano


BLACKOUT TIM, LIBERO, VOLI USA E BANCOMAT: E’ PANDEMIA CIBERNETICA! “Prevista” dal WEF per Lanciare BlockChain Kraken di Rothschild e MicroChip di Gates

INCHIESTA DELLA PROCURA EUROPEA SUI VACCINI COMPRATI DALLA VON DER LEYEN. Poi Premiata da Bill Gates, Imperatore delle Big Pharma

LOBBY ARMI – 7. ASSE NATO-GATES A TORINO. Tecnologie Militari IA nell’Intrigo Politico PD-FI-Lega-FdI tra Leonardo, Microsoft & Alleanza Atlantica

COVID: INCUBO KRAKEN PER PROPAGANDA BEZOS, GATES E ROTHSCHILD. Biologo Canadese fa Paura e Marketing coi Nomi delle Varianti Omicron

UE FINANZIA STUDI SU GRAFENE IN CERVELLO E VACCINI… E I FACT-CHECKER PER CELARLI! €70 Milioni a Piano EDMO e a Media Italiani di Massoni & Bilderberg

WEF: COVO ROTHSCHILD PRO GREAT RESET. Banchiera Amica dei Clinton & Macron già Manager della Dinastia Arricchitosi con Pfizer

https://www.gospanews.net/2022/12/28/vaccini-grafene-7-studio-ue-sulle-nanoparticelle-per-unimmunita-transumanista-rischi-tumori-come-nei-sieri-covid/

(Visited 460 times, 11 visits today)

fonte selezionata da Gospa News

Un pensiero su “BIG TECH “GAFAM” DIVORANO L’UE. Con €26 Milioni di Consulenze Sospette il Monopolio Bezos-Gates-Zuckerberg uccide la Concorrenza

  1. La clonazione digitale dal potere di furto di identità e di fake accusa.

    GAFAM, chi ha il controllo di internet, ha acquisito ogni dato personale, immagini, voce e potenzialmente può creare scene del delitto sostituendo gli attori di una scena con capri espiatori che sono una minaccia in termini di politica, di informazione, di giustizia. Potremmo immaginare di incolpare un innocente in una scena di pedofilia, ecc.

    « Deepfake »: e se il criminale avesse la tua faccia?
    https://www.patreon.com/posts/78769079

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *