“ATTACCO COORDINATO AI CRISTIANI IN TERRA SANTA”. Regime Sionista di Netanyahu impone Nuove Tasse alle Chiese: Stremate da Bombe, Stragi e Privazioni

“ATTACCO COORDINATO AI CRISTIANI IN TERRA SANTA”. Regime Sionista di Netanyahu impone Nuove Tasse alle Chiese: Stremate da Bombe, Stragi e Privazioni

70.313 Views

Nell’immagine di copertina il funerali dei bambini uccisi nella Chiesa Ortodosssa di Gaza nell’ottobre scorso e l’appassionato incontro tra il primo ministro israeliano Natanyahu e la premier italiana Meloni

Il Silenzio dei Governanti Cattolici Europei sui “Cristiani Prigionieri a Gaza”

Introduzione di Redazione Gospa News

Dopo le stragi di bambini nelle Chiese cristiane colpite dalle bombe dell’Israeli Defense Forces (IDF) e le donne uccise dai cecchini dell’esercito del regime israliano di Benjamin Netanyahu, la nuova politica sionista prevede di perseguitare anche fiscalmente le comunità cattoliche, protestanti e ortodosse in quello che i leader religiosi definiscono un “attacco coordinato” alla presenza cristiana in Terra Santa.

Una strategia perfettamente in sintonia con la missione storica della Massoneria che rese potente il Sionismo in tutto il mondo, come abbiamo evidenziato in un’approfondita inchiesta storica-religiosa.

MASSONERIA & SIONISMO – 1. Genocidi da Guerra Mondiale & Pandemia da Laboratorio per Vaccini Killer. Cataclisma & Apocalisse da Sinagoga di Satana

Nelle scorse settimane la fondazione Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) ha lanciato un appello sui fedeli “prigionieri nella Striscia di Gaza” che è rimasto totalmente inascoltato dai sedicenti cattolici europei come Sergio Mattarella, presidente della Repubblica Italiana, la premier Giorgia Meloni, e la presidente uscente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen in attesa della formalizzazione della sua riconferma (dopo il voto del Consiglio Europeo) nonostante sia stata denunciata per complicità nel genocidio di Gaza e sia sotto inchiesta per lo scandalo dei vaccini Pfizer acquistati dal suo amico Albert Bourla con corntratti segretati.

Al comtrario il Minsitro degli Affari Esteri della Russia, Sergei Lavrov, si è dichiarato inorridito per la dichiarazione ufficiale del governo israeliano con cui si è affermato che nella Striscia di Gaza non esistono civili ma solo terroristi di Hamas.

GENOCIDE IN PALESTINE: Lavrov Horrified by Israel’s statement “there are No Civilians in Gaza”

Chiese e Israele, nuovo scontro sulle tasse. Capi cristiani: violato lo status quo

Pubblicato in origine da ASIA News

Tutti i link ai precedenti aerticoli di Gospa News sono stati aggiunti a posteriori dalla redazione

All’ombra del conflitto a Gaza si consumano numerosi fronti di tensione e di scontro interni a Israele, dall’escalation di attacchi dei coloni ebraici nei Territori palestinesi sino alla “guerra” delle tasse sui beni immobili (e non) con le denominazioni cristiane di Terra Santa.

Un problema annoso che, in questi giorni, registra un nuovo capitolo: i capi delle diverse Chiese di Gerusalemme hanno sottoscritto un documento in cui manifestano la ferma opposizione alla decisione della municipalità di imporre tasse comunali (Arnona) sulle proprietà delle chiese tesse. Nella dichiarazione congiunta, diffusa ieri a nome dei Patriarchi e dei Capi cristiani, i leader esprimono “profonda preoccupazione” per la decisione; essa, infatti, finisce per contraddire “secoli” di accordi storici tra le Chiese e le autorità civili e rappresenta un “attacco coordinato” alla presenza cristiana in Terra Santa avviando ”procedimenti fiscali”.

CRISTIANI PRIGIONIERI DEL GENOCIDIO A GAZA. Il Regime Sionista sfida la Tregua della Corte ONU. Grazie a Sostegno e Armi Italiane

“Dichiariamo che tale misura – affermano nel documento i vertici cristiani – mina il carattere sacro di Gerusalemme e mette a rischio la capacità della Chiesa di svolgere il suo ministero in questa terra per conto delle sue comunità e delle Chiese di tutto il mondo”.

Inoltre, nella nota patriarchi e capi sottolineano i “contributi significativi” delle diverse organizzazioni cristiane attive a Gerusalemme, compresi gli investimenti in “scuole, ospedali, case per anziani e strutture per le persone svantaggiate”. Una opera che le autorità civili “hanno storicamente riconosciuto e rispettato” per il prezioso contributo garantito a tutta la comunità, compresi ebrei e musulmani.

I capi delle chiese hanno chiesto alla municipalità di Gerusalemme di ritirare la decisione e di mantenere lo status quo storicamente sancito. A firmare la lettera sono il card. Pierbattista Pizzaballa, patriarca di Gerusalemme dei latini; Theophilos III, del patriarcato greco-ortodosso; Nourhan Manougian, del patriarcato armeno-apostolico-ortodosso; fra Francesco Patton, ofm, Custode di Terra Santa; il vescovo Ibrahim Sani Azar, della Chiesa evangelica luterana in Giordania e Terra Santa; Georges Dankaye’, dell’esarcato patriarcale armeno cattolico. I capi cristiani hanno sottolineato l’importanza di mantenere il “carattere sacro” di Gerusalemme e di “proteggere” la capacità delle chiese di svolgere i ministeri loro affidati.

LA FILO-NAZISTA MELONI STA CON CHI UCCIDE I BIMBI IN CHIESA. Appoggia Netanyahu e Crimini di Guerra Sionisti

L’annosa questione delle tasse sulle proprietà cristiane in Terra Santa, da tempo al centro di difficili colloqui fra i rappresentanti di Israele e Vaticano, risulta tuttora irrisolta. In Israele luoghi di culto e monasteri sono esentati dal pagamento di balzelli e tasse di proprietà; tuttavia, negli ultimi anni il governo e le amministrazioni locali hanno equiparato alcune realtà ecclesiastiche che offrono vitto e alloggio, soprattutto a pellegrini, a vere e proprie attività commerciali come hotel, bar e ristoranti.

Crescente Intolleranza verso la Presenza Cristiana in Israele e in Cisgiordania.

Uno scontro che ha registrato fasi di profonda tensione, culminate il 25 febbraio 2018 nella decisione del patriarca armeno Manougian, del greco-ortodosso Teofilo III e del custode di Terra Santa fra Francesco Patton di chiudere temporaneamente per protesta la basilica del Santo Sepolcro (nella foto: un momento di quella protesta).

Nel mirino una bozza di legge sull’esproprio di terreni appartenuti a Chiese e la richiesta dell’allora sindaco di versare anni di tasse, contravvenendo agli accordi legati allo status quo. Nel febbraio dello scorso anno la municipalità aveva inoltre bloccato i conti dell’Istituto (pontificio) Notre Dame di Gerusalemme, innescando un ulteriore fronte di scontro fra le parti.

REGALO NAZI-SIONISTA AL PAPA. Cecchino Israeliano Uccide due Cristiane della Parrocchia di Gaza. 3 Razzi contro il Convento delle Suore

I cristiani sono una sparuta minoranza, meno del 2% della popolazione di Israele e dei territori, costituita soprattutto da arabi israeliani e palestinesi. Nella lettera inviata al primo ministro Benjamin Netanyahu in settimana si legge che negli ultimi mesi i comuni di Tel Aviv, Ramle, Nazareth e Gerusalemme hanno emesso lettere di avvertimento o avviato azioni legali per presunti debiti fiscali. Mentre i funzionari israeliani hanno cercato di liquidare il disaccordo come una questione finanziaria di routine, le Chiese affermano che la mossa stravolge il secolare status quo ed è un riflesso della crescente intolleranza verso la presenza cristiana in Israele e in Cisgiordania.

“VON DER LEYEN COMPLICE DI GENOCIDIO”. Presidente UE accusata davanti alla Corte Internazionale di Complicità con i Crimini di Guerra Sionisti

“In questo momento – scrivono – in cui tutto il mondo, e il mondo cristiano in particolare, segue costantemente gli eventi in Israele, ci troviamo ancora una volta ad avere a che fare con un tentativo da parte delle autorità di cacciare la presenza cristiana dalla Terra Santa”. Interpellata dall’Associated Press la municipalità di Gerusalemme afferma che la chiesa non ha presentato le necessarie richieste di esenzione fiscale negli ultimi anni ed “è in corso un dialogo per riscuotere i debiti” relativi alle “proprietà commerciali” in loro possesso. Nessun commento dagli altri comuni.

Pubblicato in origine da ASIA News


GAZA MARINE GAS: GUERRA RELIGIOSA DIETRO L’AFFARE DEL SECOLO. Israele & Hamas contro l’Imprenditore Cristiano Alleato dei Palestinesi

GAZA: STRAGE IN CHIESA ORTODOSSA. CRISTIANI CONDANNANO ISRAELE. 9 Bambini Uccisi dal Criminale Attacco dei Sionisti

NWO CONTRO L’ITALIA – 10. MELONI VUOLE ITALIANI SCHIAVI. Eurispes: 60 % non Arriva a fine Mese! Per Finanziare Guerre di Mattarella & Crosetto

RELIGIOSI CRISTIANI IN FIN DI VITA A GERUSALEMME. Misterioso Assalto di Matrice Sionista con Gas Nervino a un Monastero

“NETANYAHU COME RE DAVIDE”. Miliardario Telepredicatore Battista (Sedicente Cristiano) difende Genocidio Sionista e seduce pure Anziane Cattoliche

NETANYAHU ORA E’ DAVVERO COME IL SUO IDOLO HITLER: Nè l’Inutile ONU, né i suoi Padrini Occidentali Riescono più a Fermare il suo Genocidio

https://www.gospanews.net/2024/04/10/vaccinati-ammazzati-politici-criminali-giudici-ciechi-inchieste-scandalose-su-speranza-e-von-der-leyen-impositori-di-sieri-mrna-tossici/

(Visited 276 times, 50 visits today)

Redazione Gospa News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *