siteId=76639&formatId=24">

“MISSILE CADUTO IN POLONIA E’ DELL’UCRAINA”. La Russia Respinge le Accuse: “Non sono nostre Armi”. NATO Conferma

“MISSILE CADUTO IN POLONIA E’ DELL’UCRAINA”. La Russia Respinge le Accuse: “Non sono nostre Armi”. NATO Conferma

2.650 Views

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

AGGIORNAMENTO DEL 16 NOVEMBRE ORE 14 CET

L’esplosione mortale in Polonia martedì notte è stata “probabilmente causata” da un missile di difesa aerea ucraino, ma la Russia ha la “responsabilità ultima” per l’incidente, ha detto mercoledì Jens Stoltenberg

“La nostra analisi preliminare suggerisce che l’incidente è stato probabilmente causato da un missile di difesa aerea ucraino lanciato per difendere il territorio ucraino dagli attacchi dei missili da crociera russi”, ha detto ai giornalisti il segretario generale della NATO dopo una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza dell’alleanza.

MELONI CONTRO PUTIN MA IN GINOCCHIO DA BIDEN. Accuse sul “Missile Ucraino” in Polonia. Suppliche sul Gas

Ha sottolineato che le indagini sull’esplosione sono ancora in corso, ma che “non vi è alcuna indicazione che questo sia stato il risultato di un attacco deliberato. E non abbiamo alcuna indicazione che la Russia stia preparando azioni militari offensive contro la NATO”.

“Ma vorrei essere chiaro. Non è colpa dell’Ucraina. La Russia ha la responsabilità ultima, poiché continua la sua guerra illegale contro l’Ucraina”, ha aggiunto.


PUBBLICATO IL 15 NOVEMBRE 22:00 CET

ENGLISH VERSION

La Russia non ha effettuato alcun attacco contro obiettivi vicino al confine polacco-ucraino, ha detto martedì il ministero della Difesa a Mosca, in seguito alle notizie di un missile che ha colpito il villaggio di Przewodow e ucciso due civili.

Alcuni media e politici occidentali hanno affermato che la Russia è responsabile dell’incidente. Tuttavia, non è stata fornita alcuna prova a sostegno di tali affermazioni.

I frammenti di missili, le cui foto sono state pubblicate dai media polacchi sulla scena, “non hanno nulla a che fare con le armi russe”, ha affermato il ministero della Difesa russo.

Il frammento di un missile S-300 in uso all’Esercito Ucraino trovato in Polonia

Il canale russo Mash Telegram ha pubblicato una foto di ciò che si dice sia un frammento di un missile del sistema di difesa S-300. Questa attrezzatura dell’era sovietica è utilizzata dall’Ucraina.

Nel frattempo, altre fonti hanno puntato il dito contro la Russia. Mercoledì scorso Mosca ha lanciato dozzine di missili contro l’Ucraina.

Le dichiarazioni dei media e dei funzionari polacchi sui presunti missili “russi” caduti nell’area del villaggio di Przewodow sono “una deliberata provocazione per aggravare la situazione”, ha aggiunto l’esercito russo.

STRATEGIA DEL TERRORE GLOBALE DA 007 NATO & “14 EYES”. Pandemia da Laboratorio, Crisi Gas, Attentati di Kiev per la III Guerra Mondiale

 

Secondo Mark Cancian, analista militare del think tank britannico CSIS citato dalla BBC, le immagini del cratere dell’esplosione sembra mostrare detriti compatibili con i resti di proiettili sparati con il sistema missilistico S-300. Secondo l’esperto si tratta di armamenti in uso da parte della Russia, ma anche delle forze ucraine come forma di difesa anti-aerea.

Stando alla Bbc, che cita fonti e analisti russi, i sistemi S-300 in dotazione del Cremlino non sarebbero in grado di minacciare il territorio della Polonia dalle posizioni in cui sono schierati. Viceversa alcuni di quelli ucraini, dislocati a loro dire anche vicino al confine, potrebbero facilmente raggiungerlo in caso di “funzionamento anomalo”.

Il teatro dell’esplosione a Przewodow, al confine polacco con l’Ucraina

Con la sigla S-300 (in cirillico: C-300, nome in codice NATO: SA-10 Grumble, SA-12 Giant/Gladiator, SA-20 Gargoyle) si identifica una famiglia di sistemi d’arma antiaerei a lungo raggio, di fabbricazione sovietica prima e russa poi, entrati in servizio a partire dagli anni ’70 nei ranghi delle forze armate sovietiche e pertanto sono stati poi costruiti in 6 differenti e più aggiornate versioni nel corso degli anni.

Ecco perché il Ministero della Difesa russo sostiene che i frammenti rinvenuti in Polonia sono di un S-300 di era sovietica non più utilizzato da Mosca.

Un’evoluzione dei sistemi S-300, identificata in fase di sviluppo come S-300-PMU-3, è il sistema antiaereo di nuova generazione S-400 Triumf, entrato in servizio nelle file delle forze aerospaziali russe nel 2007 e posizionato in Crimea dall’agosto 2016. Dal 2019 è in produzione anche il missile di ultima generazione S-500 Prometeij utilizzato fin dal 2021 a protezione dell’Oblast di Mosca.

LOBBY ARMI – 8. Boom di Affari USA nell’UE per la “Colonia Ucraina”. L’Accordo Pentagono-Olanda sui Carri Armati Cechi fa Gola a Mattarella: in partenza per l’Aja

Martedì sera la Polonia ha convocato una riunione di emergenza del suo consiglio di sicurezza nazionale, dopo che almeno due civili sono stati uccisi quando uno o più missili hanno colpito il villaggio nella regione di Lublino, appena oltre il confine con l’Ucraina.

Mentre l’AP ha riferito che i missili russi erano entrati in Polonia, citando un anonimo “alto funzionario dell’intelligence statunitense”, il Pentagono ha rifiutato di confermare l’affermazione.

“Posso dirvi che al momento non abbiamo alcuna informazione per corroborare tali rapporti e stiamo esaminando ulteriormente la questione”, ha detto ai giornalisti il ​​generale di brigata dell’aeronautica militare Patrick Ryder, quando gli è stato chiesto dell’incidente di Przewodow.

Il portavoce del governo polacco Piotr Mueller ha invitato i media e il pubblico a “non pubblicare informazioni non confermate”.

Possibili consultazioni NATO

Funzionari degli Stati baltici hanno incolpato la Russia e affermato che la Polonia avrebbe dovuto invocare l’articolo 5 della NATO per rappresaglia. Nel frattempo, il presidente ucraino Vladimir Zelensky ha accusato la Russia di “terrorismo” e ha affermato che la NATO deve “agire” contro questo “attacco alla sicurezza collettiva”.

La Polonia ha messo in allerta i suoi militari e sta discutendo se invocare l’articolo 4 della NATO, hanno detto martedì sera funzionari a Varsavia. Il governo sta ancora indagando sulla causa delle esplosioni in un villaggio vicino al confine con l’Ucraina, che Kiev ha attribuito alla Russia.

L’articolo 4 è un meccanismo invocato nei casi in cui un membro della NATO si senta minacciato, che richiede consultazioni con gli altri 29 Stati membri e una decisione consensuale su come procedere. È diverso dall’articolo 5, che obbliga il blocco a difendere un membro attaccato dall’esterno.

RUSSIA TODAY

MASH TELEGRAM

BBC

FUGA DA CHERSON PER PROTEGGERE I FILO-RUSSI UCRAINI DAI LIBERATORI “NAZISTI”. Una Sconfitta per Mosca non è una Disfatta

GRAVI INDIZI DI ATTENTATI NATO-KIEV. Piano di Sabotaggio UK al Ponte di Kerch. Arresti in Russia. Misteriosa Falla in Oleodotto. Drone Killer Trovato accanto al Nord Stream

LOBBY ARMI – 6. ECHI DI TERZA GUERRA MONDIALE. Regno Unito, NATO, Usa e Zelensky minacciano Russia e Cina

(Visited 665 times, 12 visits today)

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Un pensiero su ““MISSILE CADUTO IN POLONIA E’ DELL’UCRAINA”. La Russia Respinge le Accuse: “Non sono nostre Armi”. NATO Conferma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.