Clamoroso! “IDROSSICLORICHINA POTEVA EVITARE MEZZO MILIONE DI MORTI COVID”. Studio dalla Michigan State University

Clamoroso! “IDROSSICLORICHINA POTEVA EVITARE MEZZO MILIONE DI MORTI COVID”. Studio dalla Michigan State University

6.769 Views

Introduzione di Redazione Gospa News

ENGLISH VERSION

Lo scienziato americano James Lyons-Weilier ha pubblicato sul suo sito IPAK (Institute for Pure and Applied Knowledge) uno studio molto interessante condotto da un professore universitario di economia della Michigan State University, Mark Skidmore, che ha analizzato l’incidenza positiva dell’uso di Idrossiclorichina contro il COVID-19 ciò avrebbe potuto evitato oltre 520.000 morti nei paesi occidentali dove era vietato.

Il professore accademico ha scoperto che i paesi africani, dove era già utilizzato routinariamente contro la malaria, riscontravano un enorme beneficio rispetto a quelli dell’Unione Europea e degli Usa dove era invece escluso dalle terapie autorizzate dagli organismi sanitari dopo molte controversie.

COVID: TAR BOCCIA VIGILE ATTESA E PARACETAMOLO. Esposti in Procura. Speranza ora Rischia la Galera per Strage di Stato!

In Italia un ricorso legale è arrivato al Consiglio di Stato, dopo che il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio (TAR) aveva accolto il ricorso dell’associazione dell’avvocato Eric Grimaldi che si opponeva al protocollo sanitario governativo di “paracetamolo e vigile attesa” evidenziando l’utilità dell’HCQ e Vitamina D.

COVID, GIUDICI PRO SPERANZA: NEGANO EFFICACIA DELLE CURE DOMICILIARI! Vitamina D e Cortisone “Bocciati’ dal Consiglio di Stato

Nonostante ciò, i giudici avevano poi dato ragione al Ministero della Salute che si era opposto alla decisione del TAR continuando a ostacolare l’uso di idrossiclorichina e vitamina D e provocando un “numero record di morti in Italia”, come ha rilevato la virologa Maria Rita Gismondo del ‘Sacco Ospedale di Milano, per promuovere i pericolosi vaccini mRNA contro il Covid.

WUHAN-GATES 17. ANTIVIRALE D’ORO GILEAD. Profezia Gates-CIA, Affare Soros-OMS. Parlamento Francese Indaga sul Divieto Idrossiclorichina di Raoult

Il Parlamento francese aveva invece aperto un’inchiesta ufficiale sul boicottaggio dell’HCQ dopo che il medico e microbiologo marsigliese Didier Raoult, specializzato in malattie infettive, ne aveva evidenziato i benefici.

Il 15 giugno 2020, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense aveva revocato l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) che consentiva di utilizzare la clorochina fosfato e l’idrossiclorochina solfato donati allo Strategic National Stockpile per il trattamento di alcuni pazienti ospedalizzati con COVID-19 quando uno studio clinico non era disponibile o la partecipazione a uno studio clinico non era fattibile. L’agenzia aveva stabilito che i criteri legali per il rilascio di un EUA non sono più soddisfatti.

PATOLOGIE DA VACCINI COVID KILLER IN UN SOLO NOME: SPIKE-PATIA! Tremendo e Colossale Studio sui Gravi Danni da Sieri Genici mRNA


Politica mortale: uno studio internazionale rileva che l’accesso di routine all’idrossiclorochina avrebbe potuto prevenire oltre 520.000 decessi per COVID-19

di James Lyons-Weilier – originariamente pubblicato sul suo Substack

Un’analisi completa transnazionale per identificare i fattori che influenzano le infezioni e i decessi da COVID-19 ha rilevato che la mancanza di accesso all’idrossiclorochina era un fattore importante nel determinare le morti per COVID-19.

Lo studio, pubblicato oggi nella sezione Public Health Policy Research della rivista ad accesso aperto IPAK PHPI, Science, Public Health Policy & the Law, ha controllato altre variabili come l’obesità, l’urbanizzazione, l’età, le infrastrutture sanitarie e le risposte politiche come come blocchi e restrizioni di viaggio.

Un risultato chiave degli studi inclusi è stata una solida relazione negativa tra l’accesso all’HCQ e i decessi da COVID-19. I paesi che hanno limitato l’accesso all’idrossiclorochina hanno registrato un numero più elevato di decessi. Il modello di analisi ha portato a una stima che circa 520.000 decessi avrebbero potuto essere evitati se l’HCQ fosse stato reso ampiamente disponibile nei paesi in cui era limitato.

COVID-19: VIA LIBERA ALL’IDROSSICLORICHINA DAL CONSIGLIO DI STATO. Cura sostenuta dal Piemonte ma bocciata dall’OMS. Quanti morti per il divieto?

Lo studio ha anche scoperto che l’obesità, le popolazioni più anziane, il minor numero di letti ospedalieri e la minore esposizione al sole erano associati a tassi più elevati di infezioni e decessi.

In contrasto con questi fattori, che erano significativi in più modelli, i lockdown nazionali non sono mai stati significativamente associati a tassi di mortalità più bassi, e i lockdown locali sono stati associati in modo significativo a tassi di mortalità ridotti solo in un modello.

Lo studio ha quindi rilevato che politiche come blocchi, restrizioni di viaggio e obbligo di mascherine non erano generalmente associate a una riduzione dei decessi. I test PCR sono stati positivamente associati alle infezioni segnalate, ma non ai decessi, cosa che gli autori attribuiscono all’elevato tasso di falsi positivi derivante dall’uso di test PCR non quantitativi per valutare lo stato diagnostico del COVID-19.

VITAMINA D CONTRO IL COVID. Sei Società Scientifiche Internazionali Concordi sugli Effetti Positivi svelati dall’Accademia di Medicina di Torino

Un punto di forza nel disegno dello studio è l’approccio dell’autore alla questione dell’endogeneità. Gli autori hanno utilizzato la prevalenza della malaria come variabile strumentale per la disponibilità di HCQ e hanno scoperto che il risultato era solido e non dovuto a variabili confondenti.

L’endogeneità in questo contesto si riferisce al potenziale problema che la relazione tra disponibilità di HCQ e decessi per COVID-19 potrebbe essere confusa da variabili non osservate o da causalità inversa. Gli autori hanno scoperto che l’endogeneità non era un problema per la relazione tra HCQ e decessi.

Implicazioni sulla salute pubblica e sulle politiche

L’associazione negativa tra disponibilità di HCQ e decessi è importante.

RECORD DI MORTI COVID IN ITALIA! “PER COLPA DI TACHIPIRINA E VIGILE ATTESA”. La Virologa Gismondo Affossa il “Procollo Speranza” sulla Pandemia

Le politiche sulla disponibilità e sull’uso dell’HCQ dovrebbero essere riconsiderate alla luce di questi risultati, che dovrebbero essere interpretati alla luce della massiccia raccolta di studi che mostrano un effetto protettivo netto dell’uso precoce dell’idrossiclorochina nella sanità pubblica e nei contesti clinici COVID-19 (ora 552 studi ; c19hcq.org). I paesi che in passato hanno limitato l’uso dell’HCQ dovrebbero ora abbandonare questa politica mortale.

HCQ per COVID-19: analisi in tempo reale di tutti i 552 studi (c19hcq.org)

La totalità delle prove disponibili sull’efficacia dell’idrossiclorochina fornisce un buon punto di partenza per ulteriori ricerche e discussioni politiche.

di James Lyons-Weilier – originariamente pubblicato sul suo Substack

James Lyons-Weiler (nato il 4 luglio 1967) è uno scienziato e attivista americano che gestisce l’organizzazione no-profit Institute for Pure and Applied Knowledge (IPAK). Ha una laurea in zoologia, ecologia e biologia della conservazione ed è un ex membro della facoltà dell’Università di Pittsburgh.


LA RICERCA

L’accesso all’idrossiclorochina è associato a una ridotta mortalità per COVID-19: un’analisi transnazionale

di Hideki Toya e Mark Skidmore

Dedica: questo articolo è dedicato al mio amico, collaboratore e coautore di lunga data, il professor Hideki Toya. Il professor Toya è morto inaspettatamente nel 2023. Il professor Toya era un ricercatore perspicace e creativo. È stata una gioia lavorare con lui e considerarlo un caro amico e collega.

Informazioni su finanziamenti e conflitti di interessi: questo lavoro è stato sostenuto dal sussidio per la ricerca presso l’Università della città di Nagoya, numero 2113032. Gli autori non hanno conflitti di interessi.

Mark Skidmore, professore della Michigan State University

SOMMARIO

Negli ultimi due anni e mezzo il mondo ha sperimentato la grave pandemia della sindrome respiratoria acuta da coronavirus 2 (COVID-19), unita a risposte politiche senza precedenti. In questo articolo esaminiamo i determinanti delle infezioni e dei decessi da COVID-19 in un’analisi transnazionale. Sebbene il nostro obiettivo principale sia valutare il ruolo dell’idrossiclorochina (HCQ), controlliamo anche altri fattori che determinano la vulnerabilità.

Scopriamo che i paesi più obesi, meno urbanizzati, più vecchi, che hanno meno letti ospedalieri, meno sole e maggiore libertà hanno registrato un numero maggiore di morti. In generale, politiche come blocchi, restrizioni di viaggio o requisiti di maschera non sono associate a incidenti mortali. Il test della reazione a catena della polimerasi (PCR) è associato positivamente alle infezioni segnalate ma non è associato a decessi.

Controllando una varietà di altri determinanti dei decessi per COVID-19, troviamo una solida relazione negativa tra l’accesso all’HCQ e i decessi. Le stime indicano che se tutti i paesi in cui l’accesso all’HCQ era limitato lo avessero reso disponibile, i decessi da COVID-19 sarebbero stati ridotti di circa 520.000.

ALTRI ESTRATTI DELLO STUDIO E LINK AL TESTO INTEGRALE SU GOSPA NEWS INTERNATIONAL

Traduzione simultanea dall’Inglese all’Italiano disponibile con un click sulle bandierine

Study unveils Deadly Policy: Hydroxychloroquine Use may have Prevented over 520,000 COVID-19 Deaths in the West

 

(Visited 2.195 times, 16 visits today)

Redazione Gospa News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *