“IL VACCINO CAUSA VARIANTI PIU’ PERICOLOSE E CONTAGIOSE”. La Documentata Ricerca di Cappello e Bolgan Svela come Distinguerle!

“IL VACCINO CAUSA VARIANTI PIU’ PERICOLOSE E CONTAGIOSE”. La Documentata Ricerca di Cappello e Bolgan Svela come Distinguerle!

125.818 Views
Tra i perversi effetti collaterali della campagna vaccinale di massa,
la generazione selettiva di varianti del virus, più contagiose ed aggressive
che prolungheranno restrizioni, sofferenza e morte.
Le conoscenze scientifiche che abbiamo lo affermano senza ombra di dubbio.

di Francesco Cappello

Fonte originale: articolo del 13 luglio 2021 dal blog Seminare Domande

L’immagine di copertina è tratta da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7953441/

Come si vede, questo è un articolo pubblicato su CELL il 29 aprile scorso. Già il titolo non lascia spazio a dubbi: “Molteplici varianti di SC2 sfuggono alla neutralizzazione da parte dell’immunità umorale indotta dal vaccino“.

diamo un’occhiata al sommario dell’articolo. Vi si scrive tra l’altro:

(…) la sorveglianza in corso ha rivelato l’emergere di varianti che ospitano mutazioni nella spike, il principale obiettivo degli anticorpi neutralizzanti. Per comprendere l’impatto di queste varianti, abbiamo valutato la potenza di neutralizzazione di 99 individui che hanno ricevuto una o due dosi di vaccini BNT162b2 o mRNA-1273 contro pseudovirus che rappresentano 10 ceppi di SARS-CoV-2 circolanti a livello globale. Cinque dei 10 pseudovirus, che ospitavano mutazioni del dominio legante il recettore, inclusi K417N/T, E484K e N501Y, erano altamente resistenti alla neutralizzazione. La neutralizzazione incrociata delle varianti B.1.351 era paragonabile a SARS-CoV e WIV1-CoV derivato da pipistrelli, suggerendo che un numero relativamente piccolo di mutazioni può mediare una potente fuga dalle risposte vaccinali. Sebbene l’impatto clinico della resistenza alla neutralizzazione rimanga incerto, questi risultati evidenziano il potenziale per le varianti di sfuggire alla neutralizzazione dell’immunità umorale (…)

Clicca sull’immagine per aprire l’articolo

Era lo scorso gennaio quando, per la prima volta, intervistando la dott.ssa Loretta Bolgan ho appreso l’effetto perverso delle vaccinazioni contro un virus facilissimamente mutante che si comporta da quasi specie virale. Ecco la mia domanda e la relativa risposta della dottoressa:

Quindi gli asintomatici piuttosto che tenerli in quarantena avremmo dovuto lasciarli circolare… Le chiedo allora pensando all’altra faccia della medaglia se può essere che il vaccino possa contribuire a indurre una selezione di mutanti più contagiosi e più pericolosi

Certo che sì! Fa vaccino resistenza. Sì, dobbiamo tener conto che i virus a RNA, a singolo filamento come questi, non solo formano rapidamente mutanti, soprattutto nella parte della Spike ché quella è immunogenica, riuscendo così a sfuggire rapidamente a quello che è l’attacco del sistema immunitario, soprattutto adattativo. C’è, infatti, un RNA polimerasi RNA dipendente che introduce molti errori nella sua replicazione, formando, quindi, molto rapidamente mutanti con mutazioni che sono presenti in tutti i virus del nuovo mutante, ossia in tutte le copie, al 100%. Può però formare anche una popolazione di mutanti minori, presenti in una percentuale che varia dal 20 all’80% del mutante maggiore che si chiamano quasispecie. Quindi accanto al mutante maggiore si hanno anche centinaia di questi mutanti minori, tutti in equilibrio competitivo tra di loro. Quando si vaccina si producono degli anticorpi specifici per l’antigene vaccinale ma questi anticorpi prodotti attraverso il vaccino non sono in grado di legarsi a tutti i mutanti minori, quindi i mutanti minori che sfuggono dal legame con l’anticorpo vaccinale sono propriamente quelli che si replicano e fanno la resistenza perché godono di un vantaggio selettivo. Essi vengono quindi selezionati proprio dalla vaccinazione ed ecco la vaccino resistenza! Ed ecco che la famosa variante di Londra, così come quelle che si sono manifestate in Francia o altrove che potrebbero avere questa origine. Facile presupporre che siano state causate dalla vaccinazione.

“DAI VACCINI COVID RISCHI DI GRAVI DANNI POLMONARI”. Ricerca Shock su Nature: ignorata da Comunità Scientifica, Big Pharma e Media

Bisognerebbe fare uno studio per vedere se le mutazioni cadono nel sito di legame degli anticorpi vaccinali perché se così fosse allora è stato effettivamente il vaccino a creare le varianti. In ogni caso, dal punto di vista della plausibilità biologica è assai probabile che si originino mutanti da vaccino resistenza. Più vacciniamo la popolazione più rapidamente creiamo vaccino resistenza. Il risultato sarà che invece di avere un effetto gregge (loro dicono che bisogna vaccinare il 75% della popolazione perché si riesca ad interrompere il contagio) in questo caso saremo di fronte a un virus che il vaccino non potrà contenere perché la trasmissione non si interrompe vaccinando e non ha alcun senso parlare di effetto gregge. Si otterrà viceversa l’effetto contrario, ossia la vaccino resistenza e anche molto rapidamente!

Più di recente, alla fine di un’altra intervista, presenti il prof. Pedro Morago e la dott.ssa Bolgan, ho chiesto a quest’ultima se le varianti naturali fossero distinguibili da quelle da vaccino (al min. 56:45)

La risposta: “Sì, c’è la possibilità di vederlo attraverso il sequenziamento perché esso ci permette di andare a studiare dove si localizzano queste mutazioni e attraverso lo studio della spike che di conseguenza si forma, in seguito all’infezione con questa variante riusciamo a capire se la spike è resistente o meno al legame con l’anticorpo. Quindi ci sono delle mutazioni che impediscono il legame con l’anticorpo. Tali mutazioni sono perciò state selezionate proprio dalla vaccino resistenza. Viceversa le varianti naturali non hanno questa caratteristica. In conclusione è possibile discriminare, tramite lo studio del sito delle mutazioni nel sito di legame, se la variante è frutto della vaccino resistenza oppure no. Questi studi sono già stati pubblicati per le varianti come quella inglese, piuttosto che quella brasiliana, piuttosto che quelle che abbiamo in giro e hanno dimostrato che sono tutte da vaccino resistenza. Si potrà fare anche per questa variante. Adesso bisognerà vedere i prossimi studi che saranno in corso di svolgimento. Questo non giustifica assolutamente la vaccinazione di massa ossia non possono utilizzare questa scusa per andare a vaccinare più gente. È ovvio che poi la variante una volta che è diventata dominante infetta vaccinati e non vaccinati. Anche il discorso della copertura con la seconda dose non è assolutamente reale. Questi sono dati che vedremo molto più avanti, però dai dati che sono stati presentati inizialmente sembra che i contagi aumentino in maniera consistente con la vaccinazione. Sono questi i dati che adesso abbiamo.”.

Anche il dott. Mauro Mantovani di IMBIO, nel corso di un’intervista ha dichiarato come sia possibile, utilizzando tecniche di spettrometria di massa (Proteomica), discriminare la spike da vaccino da quella naturale, selvatica. Le tecniche di metagenomica sono invece quelle più indicate per stabilire se una variante del virus sia di origine naturale o selezionata per vaccino resistenza.

VACCINATI M-RNA COME CAVIE UMANE! Persino lo “Studio Ogata” pagato da Gates conferma Reazioni Ignote e Pericolose. Rischi di Tempesta di Chitochine già segnalati da Ricerca Cinese

Su Nature uno studio “Anticorpi contro SARS-CoV-2 e varianti circolanti suscitati dal vaccino mRNA” intorno agli aspetti a cui ha accennato la dott.ssa Bolgan nel corso dell’intervista(*). Ecco l’abstract:

Qui riportiamo le risposte anticorpali e delle cellule B della memoria di una coorte di 20 volontari che hanno ricevuto il vaccino Moderna (mRNA-1273) o Pfizer-BioNTech (BNT162b2) contro SARS-CoV-21,2,3,4. Otto settimane dopo la seconda iniezione di vaccino, i volontari hanno mostrato alti livelli di IgM e IgG anti-SARS-CoV-2 spike protein (S) e titolo di legame al dominio di legame del recettore (RBD). Inoltre, l’attività di neutralizzazione del plasma e il numero relativo di cellule B di memoria specifiche per RBD dei volontari vaccinati erano equivalenti a quelli degli individui che si erano ripresi dall’infezione naturale. Tuttavia, l’attività contro le varianti SARS-CoV-2 che codificano E484K-, N501Y- o K417N/E484K/N501-mutante S è stata ridotta di un piccolo ma significativo margine. Gli anticorpi monoclonali suscitati dai vaccini neutralizzano potentemente la SARS-CoV-2 e prendono di mira un numero di diversi epitopi RBD in comune con gli anticorpi monoclonali isolati da donatori infetti. Tuttavia, la neutralizzazione da parte di 14 dei 17 anticorpi monoclonali più potenti che abbiamo testato è stata ridotta o abolita dalla mutazione K417N, E484K o N501Y. In particolare, queste mutazioni sono state selezionate quando abbiamo coltivato il virus della stomatite vescicolare ricombinante che esprimeva SARS-CoV-2 S in presenza degli anticorpi monoclonali suscitati dai vaccini. Insieme, questi risultati suggeriscono che gli anticorpi monoclonali nell’uso clinico dovrebbero essere testati contro varianti di nuova comparsa e che i vaccini mRNA potrebbero dover essere aggiornati periodicamente per evitare una potenziale perdita di efficacia clinica.

La rigidità delle conformazioni mutanti, in parte chiuse, favoriscono la formazione di anticorpi a bassa affinità per l’RBD. Insieme alla fissità della sequenza dell’antigene vaccinale risalente a quella univoca di Wuhan-1, comportano la formazione di anticorpi che, in presenza della varietà connaturata ad una quasispecie circolante, selezioneranno assai facilmente mutanti a cui gli anticorpi vaccinali non potranno legarsi se non debolmente, con conseguente rischio di ADE. (ADE: vedi intervista al prof. Mauro Mantovani). Le mutazioni imprevedibili sia nell’mRNA che nella proteina finale, con la generazione di spike aventi sequenze aminoacidiche e conformazioni spaziali diverse da quella progettate di Wuhan-1, possono causare la selezione di varianti vaccino resistenti e induzione dell’ADE.

CENSURA & DITTATURA SU RISCHI VACCINI. 5 anni di Carcere in Thailandia. Casa Bianca Monitorerà SMS e Social

Vaccini che forniscono una protezione insufficiente verso l’infezione, non sono in grado di impedire la trasmissione del virus, possono anzi selezionare nuove varianti più aggressive e contagiose. Si veda anche  La necessità di interventi sulle malattie evolutivamente razionali: la vaccinazione può selezionare per una maggiore virulenza. Che il virus sia in grado di adattarso al sistema immunitario dell’ospite è stato visto anche in un caso clinico di paziente immunodeficiente con COVID-19 il quale, dopo lunga malattia, ha selezionato diverse varianti del virus. La conclusione è perciò, ancora una volta, che varianti del virus possono essere selezionate dall’immunità acquisita dall’infezione o dalla vaccinazione.

COVID-19, MENZOGNE & VACCINI DA DITTATURA MILITARE. “Nei Locali Pubblici solo col GreenPass” Figliuolo e Governo per il Regime del Terrore Francese

Ecco una review: Emerging Variants of SARS-CoV-2 And Novel Therapeutics Against Coronavirus (COVID-19). Come è noto una rewiew è una rassegna, con analisi dettagliate e il più possibile riassuntive di quanto risulta conosciuto e consolidato su un certo argomento.

ecco un estratto dalla rewiew dove si avverte dell’inopportunità della campagna vaccinale contro un virus con le caratteristiche di mutevolezza proprie della quasi specie SC2:

Le mutazioni adattative nel genoma virale possono alterare il potenziale patogeno del virus. Anche un singolo scambio di amminoacidi può influenzare drasticamente la capacità di un virus di eludere il sistema immunitario e complicare il progresso dello sviluppo del vaccino contro il virus. SARS-CoV-2, come altri virus a RNA, è incline all’evoluzione genetica mentre si adatta ai suoi nuovi ospiti umani con lo sviluppo di mutazioni nel tempo, determinando l’emergere di più varianti che possono avere caratteristiche diverse rispetto ai suoi ceppi ancestrali. Il sequenziamento genomico periodico dei campioni virali aiuta a rilevare eventuali nuove varianti genetiche di SARS-CoV-2 che circolano nelle comunità, specialmente in un contesto di pandemia globale. L’evoluzione genetica di SARS-CoV-2 è stata minima durante la fase iniziale della pandemia con l’emergere di una variante dominante a livello globale chiamata D614G, che era associata a una maggiore trasmissibilità ma senza una maggiore gravità della malattia del suo ceppo ancestrale. Un’altra variante è stata identificata nell’uomo, attribuita alla trasmissione da visoni d’allevamento infetti in Danimarca, che non era associata ad una maggiore trasmissibilità. Da allora, sono state descritte più varianti di SARS-CoV-2, di cui alcune sono considerate varianti di preoccupazione (VOC), dato il loro impatto sulla salute pubblica. I VOC sono associati a una maggiore trasmissibilità o virulenza, riduzione della neutralizzazione da parte degli anticorpi ottenuta tramite infezione naturale o vaccinazione, capacità di eludere il rilevamento o diminuzione dell’efficacia terapeutica o vaccinale.

(…) Nonostante la straordinaria velocità di sviluppo del vaccino contro COVID-19 e i continui sforzi di vaccinazione di massa in tutto il mondo, l’emergere di questi nuovi ceppi varianti di SARS-CoV-2 minaccia di ribaltare i significativi progressi compiuti finora nell’arrestare la diffusione di SARS-CoV -2.

Notare come si evidenzi il fatto che le varianti naturali siano meno aggressive e pericolose ossia attenuate (infettano ma non ammalano), consentendo, in altre parole, l’endemizzazione ossia la fine della fase acuta dell’epidemia. Il virus che è un parassita, muta opportunamente adattandosi all’ospite (suo habitat naturale) con cui convive senza più danneggiarlo. Anche qui si conferma ulteriormente come le varianti naturali siano meno pericolose. Non così nel caso in cui le varianti virali siano state selezionate per vaccino resistenza. Le tante mutazioni RBD ossia a carico del dominio di legame al recettore, svolgono “un ruolo fondamentale nel facilitare l’ingresso virale nella cellula ospite legandosi ai recettori dell’enzima di conversione dell’angiotensina-2 (ACE-2) della cellula ospite“.  generando varianti di preoccupazione (VOC), dato il loro impatto sulla salute pubblica.
Attenzione che “Le varianti di preoccupazione sono associate ad una maggiore trasmissibilità o virulenza, riduzione della neutralizzazione da parte degli anticorpi ottenuta tramite infezione naturale o vaccinazione, capacità di eludere il rilevamento o diminuzione dell’efficacia terapeutica o vaccinale.

COVID-19, MUTAZIONE EPSILON, PERCHE’ RESISTE AI VACCINI. Incubo Previsto da Bolgan e Nature. Variante Delta, Strage in Russia: Giallo da SARS-2 Bio-Arma

Le quasispecie in presenza di anticorpi vaccinali troppo selettivi causano la selezione di mutanti resistenti. Ecco una ricerca che lo conferma denunciante il Risk of rapid evolutionary escape from biomedical interventions targeting SARS-CoV-2 spike proteinossia il rischio di rapida fuga evolutiva dagli interventi biomedici mirati alla proteina spike di SARS-CoV-2. Il riferimento è chiaramente alle varianti:

 Il dominio legante il recettore della proteina spike (RBD) di SARS-CoV-2 è il bersaglio molecolare di molti vaccini e profilassi basata sugli anticorpi volti a tenere sotto controllo la COVID-19. Un focus molecolare così ristretto solleva lo spettro dell’evasione immunitaria virale come potenziale modalità di fallimento per questi interventi biomedici [anticorpi vaccinali e monoclonali – n.d.a.]. Con l’emergere di nuovi ceppi di SARS-CoV-2 con trasmissibilità alterata e potenziale di evasione immunitaria, una domanda critica è questa: con che facilità il virus può sfuggire agli anticorpi neutralizzanti (nAbs) che prendono di mira lo spike RBD? (…). Abbiamo quindi utilizzato modelli evolutivi per prevedere la frequenza della fuga immunitaria prima e dopo la presenza diffusa di nAbs a causa di vaccini, immunizzazione passiva o immunità naturale. Il nostro modello suggerisce che i mutanti SARS-CoV-2 con una o due mutazioni leggermente deleterie dovrebbero esistere in numero elevato a causa della variazione genetica neutra e, di conseguenza, la resistenza ai vaccini o ad altri profilattici che si basano su uno o due anticorpi per la protezione può svilupparsi rapidamente -e ripetutamente- sotto selezione positiva. (…)

Su Nature in “Varianti SARS-CoV-2 a rapida diffusione: sfide e nuove strategie di progettazione dei vaccini COVID-19” leggiamo: il continuo progresso di diversi vaccini è l’alba del giorno che vedrà la sconfitta dell’epidemia.Tuttavia, l’emergere di ceppi mutanti SARS-CoV-2 a rapida diffusione (B.1.1.7, B.1.351 e B.1.1.28.1) sono stati segnalati alla fine del 2020, causando preoccupazione per la prevenzione e il trattamento di COVID-19. Si ipotizza che l’emergere delle varianti SARS-CoV-2 possa presagire una nuova fase della pandemia. (…)  Studi recenti hanno scoperto che solo le varianti recanti mutazioni con funzioni biologiche significative hanno mostrato un’elevata trasmissibilità, suggerendo che queste mutazioni chiave possono influenzare la gravità del COVID-19, la diffusione virale e la fuga dell’immunità naturale o indotta dal vaccino.

UE, RADDOPPIA IL NUMERO DI VACCINATI MORTI DI COVID. 745 Casi Fatali (479 dopo Pfizer) su 9mila Contagiati. E di 3.876 non si sa la Sorte!

Contradditoriamente i ricercatori se da una parte ribadisconono che
In breve, non c’è dubbio che gli attuali vaccini siano sicuri“. Dall’altra affermano: “Tuttavia, con l’emergere di varianti sono sorte anche preoccupazioni sull’efficacia dei vaccini. Abbiamo ancora bisogno di più dati clinici per monitorare a lungo gli effetti dei vaccini” e più avanti nello specifico raccontino di aver “utilizzato campioni di sieri provocati dal vaccino COVID-19 per rilevare la fuga dei mutanti“. concludendo che “Tutti e quattro i mutanti sottoposti a sostituzione a E484 sono resistenti alla neutralizzazione del siero immunitario umano

“The emergence of new variants” è una tra le cinque ragioni adotte da un altro gruppo di ricercatori che su Nature giudicano come l’immunità di gregge COVID sia probabilmente impossibile, seppure con gli sforzi della vaccinazione in pieno vigore, tanto che “la soglia teorica per sconfiggere COVID-19 sembra essere fuori portata“. perché “non è ancora chiaro se (i vaccini covid) proteggano le persone dall’infezione o dalla diffusione del virus ad altri. Ciò pone un problema per l’immunità di gregge“.

Se non fosse abbastanza chiaro il fatto che sia proprio la campagna vaccinale a selezionare le varianti virali da vaccino ascoltiamo le parole di Luc Montagnier nel corso dell’intervistache ha recentemente concesso a Pierre Barnérias di Hold-Up Media:

Lei e’ stato il primo che un anno fa ha allertato il mondo sull’origine del virus dicendo che verosimilmente poteva essere uscito da un laboratorio e nello stesso tempo invitava la nazione a non averne paura perché la natura fa bene le cose e si sbarazza del suo carico patogeno… dunque la mia domanda è questa: da dove vengono queste varianti? Ma è molto semplice, le varianti si originano dalle vaccinazioni! Il virus ha una capacità di mutazione molto rapida, come del resto altri virus a RNA; il virus dell’influenza è un altro esempio (…).

WUHAN-GATES – 39. “SARS-2 COSTRUITO IN LABORATORIO”. Due nuove Ricerche accusano Cina e Fauci. Ma ignorano Intrighi Gates-Biden e Tracce di HIV

Il sistema immunitario di chi ha fatto la malattia naturale produce cellule T del sistema adattativo che proteggono anche dalle varianti. Malgrado si dica che queste cellule si formino anche per i vaccinati perché esse siano davvero protettive dovrebbero formarsi anche le cellule della memoria immunitaria che tuttavia non si formano nei vaccinati nei quali portano piuttosto ad anticorpi di breve durata con conseguente calo di efficacia e necessità di continui richiami.

Comunque sia, nessuna paura, basterà riprogettare i vaccini COVID in modo che proteggano dalle varianti come ci viene spiegato autorevolmente in How to redesign COVID vaccines so they protect against variants l’inneffabile Nature. Domandina: se sono i vaccini stessi a provocare le varianti non è che ci sia qualcosa che non va in questa coazione a ripetere? Non sarà il presunto rimedio a causare il male, che invece è certo?

VACCINI mRNA, RISCHI CANCRO! OMV: “All’Aja per crimini contro umanità”

 

Certo altri scienziati sembrano pagati per cercare di correre ai ripari affrettandosi a buttare acqua sul fuoco come questi che in un commentary del PNAS negano in coro la natura di quasi specie del SC2 affermando di conseguenza che non c’è pericolo a causa del fatto cheLa bassa diversità genetica può essere un tallone d’Achille della SARS-CoV-2.

Noi vorremmo poter continuare ad appellarci a quel principio che non è ancora stato abolito anche se di fatto del tutto rimosso: il principio di precauzione. A proposito di Immunità e varianti si invita all’ascolto dell’intervista che il prof. Mauro Mantovani di IMBIO ha concesso a Beatrice Silenzi per Fabbrica della Comunicazione.

Francesco Cappello
Docente di Fisica
Educatore alla Maieutica Reciproca di Danilo Dolci
Studioso di modelli economici
Membro esecutivo del Comitato No Guerra No Nato


Un ringraziamento alla dott.ssa Loretta Bolgan per i suggerimenti bibliografici e la revisione dell’articolo.

Fonti in ordine di apparizione
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7953441/
Trascrizione integrale intervista citata
https://youtu.be/QUXqb4WAMhI
https://www.imbio.it/
https://www.fcom.it/immunita-e-variante-delta-del-virus-dott-mauro-mantovani/
https://www.nature.com/articles/s41586-021-03324-6
https://www.fcom.it/che-cose-il-fenomeno-della-d-e-di-cui-molti-parlano/
https://www.nature.com/articles/s41594-020-0479-4
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7464562/
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4516275/
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4548947/
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7673303/
Rewiew https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34033342/
https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0250780
https://www.nature.com/articles/s41392-021-00644-x
https://www.nature.com/articles/d41586-021-00728-2
https://www.francescocappello.com/2021/05/28/le-varianti-si-originano-dalle-vaccinazioni-parola-di-nobel/
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33688655/
https://www.nature.com/articles/d41586-021-00241-6
https://www.pnas.org/content/117/40/24614
https://www.fcom.it/immunita-e-variante-delta-del-virus-dott-mauro-mantovani/

(*) In particolare, nello studio citato sono state prese in considerazione le varianti circolanti di SARS-CoV-2 prevalenti nel Regno Unito (B.1.1.7/501Y.V1), Sud Africa (B.1.351/501Y.V2) e Brasile (P.1) 15,18,19,35. Gli esperimenti effettuati dagli autori dello studio indicano che le mutazioni nell’RBD trovate in queste varianti, e potenzialmente altre con le mutazioni K417N, K417T, E484K e/o N501Y, possono ridurre la potenza di neutralizzazione del plasma da individui vaccinati o naturalmente infetti contro pseudotipi del SARS-CoV-2.

articoli correlati a cura dell’autore
Chiare, fresche e dolci acque. Con spike o senza?
Vaccini, varianti, fenomeno ADE. Incontro con la dott.ssa Loretta Bolgan
A te che ti mostri orgoglioso nell’atto di vaccinarti
gironi infernali
Illusioni estive
Futuro cileno o inglese? con Loretta Bolgan e Pedro Morago
Di chi la colpa della morte di queste giovani donne?
Con Pedro Morago Autorizzazione vaccini variazioni sul tema
Penso che si debba interrompere immediatamente la vaccinazione
Le varianti si originano dalle vaccinazioni. Parola di nobel
M. Coppolino – Sars-cov-2 e Covid-19: dall’isolamento del virus alla patologia
Come chiedere aiuto al gruppo FB della Terapia domiciliare precoce covid-19
Vaccini ai civili come già ai militari – Andrea Rinaldelli e la tragica vicenda del figlio Francesco
Un brevetto per il trattamento elettromagnetico della CoV19
La campagna vaccinale di massa crea le condizioni per la sua riproposizione ciclica impedendo l’endemizzazione dell’epidemia
Morte cardiaca improvvisa da vaccini improvvisati?
Idrossiclorochina e Covid-19
Una “misteriosa” malattia? Sarà per caso collegabile alle vaccinazioni di massa!? Ma no! Impensabile….
A cosa serve davvero vaccinarsi?
Nessuna correlazione? Il caso José Baselga
Verso la prima ondata artificiale da vaccino
Seminare domande intervista Loretta Bolgan VACCINI OGM – RISCHI SICUREZZA
La vaccinazione potrebbe prolungare l’emergenza e moltiplicare la sofferenza?
Moltissimo di ciò che ci dicono su virus e vaccini è sbagliato. Il resto è nascosto (seconda parte)
Moltissimo di ciò che ci dicono su virus e vaccini è sbagliato. Il resto è nascosto (prima parte)
La prevenzione vaccinale può essere più pericolosa del covid? Vaccinarsi è un atto di fede?
I “negazionisti” della terapia domiciliare precoce
Dubbi da tamponare
abbasso la mascherina!
Vaccini & autismo
abbasso la mascherina!
ci son morti e morti…
A pensar male

© COPYRIGHT Seminare domande
divieto di riproduzione senza citazione della fonte

canale telegram di Seminare domande
https://t.me/Seminaredomande

(Visited 33.526 times, 296 visits today)

Francesco Cappello

Un pensiero su ““IL VACCINO CAUSA VARIANTI PIU’ PERICOLOSE E CONTAGIOSE”. La Documentata Ricerca di Cappello e Bolgan Svela come Distinguerle!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *