LA SIRIA PIANGE IL VESCOVO CHE AIUTAVA I CRISTIANI PERSEGUITATI DAI JIHADISTI. Commosso ricordo di Aiuto alla Chiesa che Soffre

LA SIRIA PIANGE IL VESCOVO CHE AIUTAVA I CRISTIANI PERSEGUITATI DAI JIHADISTI. Commosso ricordo di Aiuto alla Chiesa che Soffre
Pubblicità

1.177 Views

ENGLISH VERSION HERE

Il panterrorismo pandemista alla fine è riuscito a cancellare in utti noi il ricordo del terrorismo vero che ancora ammazza esseri umani nella provincia di Idlib in Siria, roccaforte dei qaedisti di Hay’at Tahrir al-Sham, la fazione HTS nata sulle ceneri di Al Nusra e ritenuta finanziata dalle banche del Qatar, nell’enclave di Afrin che l’esercito turco ha strappato ai Curdi del Rojava lasciandola in mano ai feroci jihadisti, e in quelle aree del Nord – Est dove l’Isis continua a mettere in difficoltà le milizie SDF dell’Amministrazione Autonoma curda o delle regioni desertiche di Deir Ezzor dove USA e Turchia devono proteggere il loro lucroso furto di petrolio dalle piattaforme sequestrate.

OLOCAUSTO CRISTIANO: Tragedie, nomi, volti tra i 2.983 martiri del 2019. Stragi in aumento

Per questo ci pare doveroso pubblicare il commosso ricordo elaborato dalla fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs) in memoria di un vescovo che è stato testimone dei massacri in cui sono stati per anni perseguitati dallo Stato Islamico e dagli estremisti sanguinari di Al Qaeda, da oltre un anno controllati dalla Turchia, i Cristiani Maroniti della Siria, invisi anche a molti Curdi che non si fanno problemi ad emarginarli o tormentarli.

Un male incurabile ha stroncato la giovane vita di Mons. Selwanos Boutros Alnemeh, Arcivescovo siro-ortodosso di Homs, una delle aree più devastate dalla guerra civile finanziata a colpi di missili anticarro TOW dalla Central Intelligence Agency americana e dal Pentagono…

“JIHADISTI AL NUSRA FINANZIATI DAL QATAR”. SCOTLAND YARD INDAGA. Rifugiati Siriani e Americano Rapito in causa a Londra e in Florida contro le banche dell’Emirato. Partner dell’Italia

 

Nelll’unirci al cordoglio per la sua scomparsa non possiamo dimenticare gli altri due presuli che ebbero una sorte ancora peggiore. Gli Arcivescovi di Aleppo, il greco ortodosso Boulos Yazigi e il siro ortodosso Mar Gregorios Yohanna Ibrahim, furono decapitati dai terroristi islamici alcuni anni fa e quindi fatti sparire nel nulla.

Questa è la Siria di cui ormai pochi media e poche organizazioni parlano: tra queste ACS che ha sempre bisogno di aiuti nelle sue azioni di difesa dei diritti umani particolarmente importanti in favore delle ragazzine cristiane rapite e costrete a sposare musulmani in Pakistan grazie ad una giustizia compiacente.


L’ARCIVESCOVO SELWANOS BOUTROS ALNEMEH ERA UN COMBATTENTE PER LA SPERANZA

pubblicato il 10-12-20 su Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS)

«Un uomo che ha sofferto con il suo popolo e per il suo popolo». Con queste parole Regina Lynch, responsabile dei Progetti della Fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), ricorda Mons. Selwanos Boutros Alnemeh, Arcivescovo siro-ortodosso di Homs (Siria), morto a Damasco lunedì 7 dicembre dopo una breve ma grave malattia.

In occasione delle visite della Fondazione a Homs, nella fase più dura della guerra, l’Arcivescovo ha affermato: «Sono stato cresciuto da orfano, la Chiesa era mia madre. Ora tutti in Siria si sentono orfani». La sua breve vita, conclusasi a 52 anni, è stata segnata dalla sofferenza da lui trasformata in devozione paterna e dedicata a numerosi progetti in favore degli orfani e delle famiglie più povere dell’arcidiocesi, anche nelle fasi più difficili della guerra.

Il Vescovo di Homs, Selwanos Boutros Alnemeh

Altra grande preoccupazione erano i suoi sacerdoti, pastori instancabili ma privi di risorse in un Paese lacerato e sprofondato nella povertà. Ha assistito alla distruzione di Homs, alle atrocità e alle persecuzioni ad opera dei jihadisti nei diversi villaggi e contro le comunità cristiane dei dintorni: il massacro di 45 cristiani nell’ottobre 2013 a Sadad, la città natale dell’Arcivescovo in cui viene seppellito oggi e, nel maggio 2014, all’esplosione della bomba che fece saltare in aria la Cattedrale di Homs e causò anche il ferimento del fratello, morto qualche mese dopo per le gravi ferite riportate.

VESCOVI SIRIANI DECAPITATI DAI JIHADISTI ARMATI DA USA E TURCHIA: i terroristi sgozzarono anche un bambino

Nonostante i duri colpi, il Metropolita di Homs e Hama non si è mai stancato di alimentare la speranza. Insieme ai progetti di emergenza per alleviare il dolore e il bisogno, Mons. Selwanos ha promosso, con l’aiuto della Fondazione, molte altre iniziative per incoraggiare e dare forza alla comunità cristiana, come la “Via della Speranza”: i bambini della Città Vecchia di Homs dipingevano graffiti sui muri delle case distrutte per dimostrare che i cristiani volevano restare e ricostruire quella parte della città rasa al suolo durante la guerra.

È stato anche uno dei primi a impegnarsi per la ricostruzione delle case per i cristiani rientrati dopo il cessate il fuoco, ha aperto un asilo a Hama che ha chiamato “Speranza di vita” e ha chiesto borse di studio perché i giovani potessero proseguire al più presto la formazione.

Siria: 76 capi ISIS tra i mercenari turchi, anche i killer del ranger Kassig e dell’attivista Hevrin. Ucciso prete cristiano

 

Enorme è stato il suo contributo e la sua dedizione nel far conoscere al mondo la terribile situazione che stavano attraversando. Nel 2016 si è recato con ACS a Ginevra e Bruxelles per descrivere la realtà che i fedeli stavano vivendo e per denunciare l’incuria internazionale per la scomparsa della presenza cristiana in Siria, dovuta alle persecuzioni e alla conseguente emigrazione.

DOSSIER TURCO: I 21 GRUPPI JIHADISTI FINANZIATI DA USA E CIA: armati coi micidiali missili TOW

«Sono stati anni di stretta collaborazione e grazie allo zelo di Mons. Selwanos abbiamo potuto realizzare quasi 40 progetti, in tempi di terribili sofferenze e di guerra. È difficile riassumere in poche parole tutto questo lavoro ma egli non solo è stato un baluardo di resistenza contro la disperazione e un combattente per la salvezza della comunità cristiana ma anche esempio di ecumenismo. È una grande perdita», conclude Regina Lynch.

RAGAZZINE CRISTIANE RAPITE E STUPRATE DA ISLAMICI. Maira filmata durante gli abusi per ricatto. Huma: mandato d’arresto per il rapitore

(Visited 188 times, 6 visits today)
Pubblicità

fonte selezionata da Gospa News

Un pensiero su “LA SIRIA PIANGE IL VESCOVO CHE AIUTAVA I CRISTIANI PERSEGUITATI DAI JIHADISTI. Commosso ricordo di Aiuto alla Chiesa che Soffre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *