“LA VACCINAZIONE DI MASSA IN PANDEMIA CREA VARIANTI MOLTO INFETTIVE”. Articolo Shock del Virologo di Big Pharma e Bill Gates

“LA VACCINAZIONE DI MASSA IN PANDEMIA CREA VARIANTI MOLTO INFETTIVE”. Articolo Shock del Virologo di Big Pharma e Bill Gates

63.878 Views

Premessa

Pubblichiamo tradotto in Italiano l’autorevole intervento di un luminare della virologia da lui stesso diffuso sul suo sito. Sebbene sia estremamente lungo decidiamo di pubblicarlo in modo integrale onde evitare di alterarne passaggi cruciali. I link inseriti nel testo non compaiono nella versione originale ma sono stati aggiunti da Gospa News in relazione all’attinenza con gli argomenti citati. Le note numerate tra parentesi sono consultabili nella versione originale in inglese (link al fondo dell’articolo).

2021, STRAGE DA VACCINI COME MAI DA 10 ANNI. “Mille per Cento di Reazioni Avverse in più”. Virologa USA allerta FDA: Ignorata!

Geert Vanden Bossche ha ricevuto il suo DVM (Doctor of Veterinary Medicine) dall’Università di Ghent, in Belgio, e il suo dottorato in Virologia dall’Università di Hohenheim, in Germania. Ha ricoperto incarichi di docente a contratto presso università in Belgio e Germania. Dopo la sua carriera nel mondo accademico, Geert è entrato a far parte di diverse società di vaccini (GSK Biologicals, Novartis Vaccines, Solvay Biologicals) per ricoprire vari ruoli nella ricerca e sviluppo dei vaccini e nello sviluppo tardivo dei vaccini. Geert è poi passato a unirsi al team Global Health Discovery della Bill & Melinda Gates Foundation a Seattle (USA) come Senior Program Officer; ha poi lavorato con la Global Alliance for Vaccines and Immunization (GAVI, fondata da Bill Gates – ndr) a Ginevra come Senior Ebola Program Manager.

WUHAN-GATES – 30. DA ITALIA E UE PIOGGIA DI MILIONI ALLA LOBBY DI GATES SUI VACCINI COVID. Piano miliardario COVAX-OMS gestito da ex manager Big Pharma

Al GAVI ha monitorato gli sforzi per sviluppare un vaccino contro l’Ebola. Ha anche rappresentato GAVI in forum con altri partner, tra cui l’OMS, per esaminare i progressi nella lotta contro l’Ebola e per costruire piani per la preparazione alla pandemia globale. Nel 2015, Geert ha esaminato e messo in dubbio la sicurezza del vaccino contro l’Ebola utilizzato negli studi sulla vaccinazione ad anello condotti dall’OMS in Guinea. La sua analisi scientifica critica e il rapporto sui dati pubblicati dall’OMS su The Lancet nel 2015 sono stati inviati a tutte le autorità sanitarie e di regolamentazione internazionali coinvolte nel programma di vaccinazione contro l’Ebola.

Dopo aver lavorato per GAVI (che oggi gestisce il piano COVAX per l’immunizzazione contro il Covid-19 nei paesi più poveri del mondo – ndr), Geert è entrato a far parte del Centro tedesco per la ricerca sulle infezioni a Colonia come capo dell’ufficio per lo sviluppo dei vaccini. Attualmente sta servendo principalmente come consulente Biotech/Vaccine mentre conduce anche la propria ricerca sui vaccini a base di cellule Natural Killer.


C-19 PANDEMIA, QUO VADIS HOMO SAPIENS?

Testo integrale di Geert Vanden Bossche

1. Sommario

Il programma di vaccinazione di massa dell’OMS è stato istituito in risposta a un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale. Fin dai primi giorni delle campagne di vaccinazione di massa, almeno alcuni esperti hanno messo in guardia contro l’impatto catastrofico che un tale programma potrebbe avere sulla salute globale e individuale. La vaccinazione di massa nel mezzo di una pandemia è incline a promuovere la selezione e l’adattamento delle varianti di fuga immunitaria che sono caratterizzate dall’aumento dell’infettività e della resistenza agli anticorpi diretti contro la proteina spike (S), diminuendo così la protezione nei vaccinati e minacciando i non vaccinati. Questo spiega già perché il programma di vaccinazione di massa dell’OMS non solo non è in grado di generare l’immunità di gregge (HI), ma porta anche a una sostanziale erosione della capacità di protezione immunitaria della popolazione. Poiché il programma di vaccinazione di massa universale in corso promuoverà presto la propagazione dominante di mutanti altamente infettivi e di fuga di neutralizzazione (cioè le cosiddette “varianti resistenti agli Ab-S”), acquisiti naturalmente o Abs neutralizzanti vaccinali, infatti, non offrirà più alcuna protezione agli individui immunizzati, mentre un’elevata pressione infettiva continuerà a sopprimere il sistema di difesa immunitario innato dei non vaccinati.

Il virologo esperto di vaccini Geert Vanden Bossche

Questo per dire che ogni ulteriore aumento dei tassi di copertura vaccinale contribuirà ulteriormente a costringere il virus a resistere agli Abs specifici per S neutralizzanti. L’aumento dell’infettività virale, combinata con l’evasione dall’immunità antivirale, comporterà inevitabilmente un ulteriore tributo alla salute umana e alle vite umane. È quindi necessario intraprendere un’azione immediata per ridurre drasticamente i tassi di infettività virale e prevenire la rapida diffusione di varianti di fuga immunitaria selezionate attraverso l’intera popolazione, vaccinata o meno. Questo primo passo fondamentale può essere raggiunto solo interrompendo immediatamente il programma di vaccinazione di massa e sostituendolo con un uso diffuso di chemioprofilattici antivirali, dedicando massicce risorse di sanità pubblica a ridimensionare i trattamenti multifarmaco precoci della malattia da Covid-19. 2.

2. Introduzione

Fatti e dati: L’immunità innata contribuisce in modo critico a proteggere una popolazione dal Covid-19. Questo è il motivo per cui i bambini e le persone sane (cioè non immunodepresse e senza malattie di base) godono di un significativo grado di protezione dalla malattia da Covid-19. Gli anticorpi naturali e innati (Abs) e le cellule Natural Killer (NK) possono mirare a strutture comuni non mutabili in virus altrimenti altamente mutanti e quindi trattare tutte le varianti di Sars-CoV-2 (1). Tuttavia, poiché servono semplicemente una prima linea di difesa immunitaria e hanno un’affinità relativamente bassa, non sono armati abbastanza bene per affrontare alte concentrazioni di agenti patogeni (1, 2, 3). Sebbene il nostro sistema di difesa immunitario innato possa essere considerato un’arma biologica naturale molto potente contro Sars-CoV-2, è popolato da Ab che possono essere facilmente superati da Abs specifici della proteina spike (S). Questo perché l’affinità di legame degli Abs antigene (Ag)-specifici per un antigene specifico è molto più alta dell’affinità degli Ab innati e polireattivi per lo stesso antigene (quest’ultimo si lega principalmente a più siti di legame espressi sulla superficie (*1) attraverso interazioni multivalenti (*2); 3, 6, 7) (link alle note nell’articolo originale a fondo pagina)

Questo fenomeno biofisico spiega già perché i tassi di morbilità e mortalità tendano ad aumentare con l’aumento della pressione virale infettiva (ad es. a causa di una maggiore infettività intrinseca del virus circolante o per sovraffollamento, assembramenti, contatti ravvicinati ecc., soprattutto se combinati con scarsa igiene e condizioni abitative). Tale aumento del tasso di infezione fu anche all’origine dell’importante 2a ondata di malattie e decessi che colpì particolarmente i giovani durante la pandemia influenzale del 1918 (8).

Per quanto ne so, nessuno degli attuali modelli matematici che studiano l’evoluzione virale e le dinamiche di trasmissione della pandemia di COVID-19 ha preso nell’equazione la suscettibilità della nostra difesa immunitaria innata a una maggiore infettività virale. Poiché questo è un prerequisito importante per comprendere la selezione e la propagazione dominante di varianti sempre più infettive, e poiché l’affidabilità della modellazione dipende sempre dalle ipotesi fatte, le previsioni di questi esercizi di modellazione non si sono avverate.

VARIANTE DELTA, DATI SHOCK DALL’INGHILTERRA: Vaccinati Morti di Covid quasi il doppio dei Non Vaccinati.

Nessuno di loro si è nemmeno avvicinato alla realtà. La mancata considerazione del ruolo delle cellule Abs e NK innate, polireattive (cioè multipatogene-specifiche) è la spiegazione più importante del perché i meccanismi alla base della crescente infettività delle varianti virali circolanti e della loro rapida evasione dall’immunità antivirale sono rimasti sfuggente. Sebbene più pubblicazioni sottoposte a revisione paritaria abbiano ripetutamente evidenziato il ruolo fondamentale degli Ab naturali multipatogeno-specifici in una miriade di meccanismi di difesa immunitaria naturali, la stragrande maggioranza di vaccinologi, virologi ed epidemiologi non sembra nemmeno essere consapevole dell’importanza funzionale di questi Abs (vedi riferimenti dalla letteratura sul sito web www.geertvandenbossche.org sotto l’argomento 1).

Parallelamente alla vaccinazione universale, la prevalenza di più ceppi infettivi è aumentata rapidamente. Secondo gli epidemiologi molecolari, Sars-CoV-2 si sta evolvendo rapidamente anche verso la resistenza agli Abs Sars-CoV-2 S-specifici (9, 10). Hanno attribuito questo alla pressione immunitaria diretta da S che ora si sta rapidamente accumulando nella popolazione. Non c’è dubbio che la resistenza agli Ab vaccinali sarà l’endpoint di qualsiasi programma di vaccinazione di massa che utilizzi vaccini moderni durante una pandemia di una malattia virale acuta autolimitante causata da un virus altamente mutabile. Contrariamente ai vaccini vivi, i vaccini prodotti dalle moderne tecnologie vaccinali non riescono a indurre l’immunità sterilizzante (*3). Non farlo porta inevitabilmente alla selezione e all’adattamento di varianti sempre più infettive e alla fine costringe il virus a resistere agli Abs neutralizzanti per sopravvivere. Come abbondantemente riportato in letteratura e sui social media, i soggetti vaccinati non solo diffondono varianti di Sars-CoV-2 (*4) ma stanno sviluppando sempre più anche infezioni sintomatiche (*5).

“VACCINARE IN PANDEMIA E’ ARMA DI DISTRUZIONE DI MASSA” SOS Varianti del Biologo Trinca e del Virologo Montagnier

L’immunità acquisita protegge da uno spettro diversificato di varianti di Sars-CoV-2. Ciò è probabilmente dovuto alla “diffusione dell’antigene” mediata da “adiuvante” come risultato di una profonda stimolazione immunitaria causata da una malattia naturale (comunicazione personale (*6)). Considerando che ciò implica che l’immunità acquisita anti-Sars-CoV-2 può affrontare una serie di distinte varianti di fuga immunitaria, è improbabile che sarà anche in grado di affrontare uno spostamento antigenico che causa la “neutralizzazione della fuga” come, ad esempio, descritto per la variante lambda (11). Per il virus dell’influenza, ad esempio, è stato ben documentato che i vaccini, soprattutto se adiuvati, possono ancora funzionare contro le varianti antigeniche che sono state soggette a deriva antigenica ma non contro le varianti che derivano da uno spostamento antigenico (12,13).

Mentre le aspettative basate sulla scienza sono ora sempre più confermate dalle dinamiche evolutive della pandemia, le aspettative commerciali e di sanità pubblica (PH) per i vaccini Covid-19 (C-19), come riassunte nella tabella 1, hanno dovuto essere in gran parte abbandonate (la prima obiettivo delle campagne di vaccinazione di massa era quello di abilitare HI). Ciò ha comportato un continuo cambiamento di dichiarazioni e affermazioni fatte dalle autorità sanitarie globali e pubbliche e approvate dai governi nazionali, come indicato nella tabella 2.

“STUDI CLINICI MINORI E INCOMPLETI SUI VACCINI ANTI-COVID”. L’EMA smentisce l’Agenzia Italiana del Farmaco. Ma propone la Terza Dose per i più Fragili

3. Come la natura si prenderà cura del fallimento dell’umanità, ma non senza aumentare il prezzo per garantire l’immunità di gregge

È fondamentale capire come la vaccinazione di massa stia inevitabilmente guidando questa pandemia di varianti antigeniche altamente infettive in una direzione molto pericolosa per la salute pubblica e globale. Ma perché dovremmo preoccuparci delle varianti antigeniche e dell’infettività virale potenziata quando i vaccini proteggono ancora ampiamente i vaccinati da malattie (gravi) e dal ricovero in ospedale?

Un livello più elevato di variazione antigenica e l’infettività associata rendono i vaccini C-19 meno efficienti nel contenere l’infezione. Questo attualmente porta a infezioni rivoluzionarie nella stragrande maggioranza dei vaccinati, mentre anche i casi di malattie rivoluzionarie sono ora in aumento. D’altra parte, l’aumento dell’infettività rappresenta una seria minaccia per gli individui non vaccinati in quanto può erodere la loro immunità innata, variante non specifica alla riesposizione dopo un’infezione primaria asintomatica (14). Ciò sta attualmente causando un aumento dei tassi di morbilità nella parte non vaccinata della popolazione, principalmente nei gruppi di età superiore non vaccinati (*7). Tuttavia, le persone più giovani non vaccinate ora contraggono sempre più anche la malattia da C-19. Poiché le misure di prevenzione delle infezioni sono state nel frattempo allentate in molti paesi, gli individui più giovani non vaccinati ora sono più spesso impegnati in contatti sociali più stretti.

GREEN PASS INUTILI! SENZA LOCKDOWN “I VACCINI CREANO VARIANTI RESISTENTI”. Ricerca Europea sconfessa la Politica

L’allentamento delle misure di prevenzione delle infezioni su uno sfondo di varianti circolanti più infettive colpisce principalmente i non vaccinati poiché sono più suscettibili all’elevata pressione infettiva. Tuttavia, poiché le varianti dominanti più infettive stanno attualmente incorporando sempre più mutazioni che influenzano la loro sensibilità agli Abs che neutralizzano il virus e poiché la vaccinazione di massa è ora estesa a gruppi di età sempre più bassi, si può ragionevolmente presumere che l’incidenza di malattie infettive e morte nella parte vaccinata della popolazione aumenterà rapidamente. D’altra parte, è probabile che i tassi di morbilità nella parte non vaccinata della popolazione diminuiscano nelle prossime settimane o mesi perché il serbatoio di candidati suscettibili si esaurirà rapidamente, soprattutto perché il virus (p. es., la variante delta) è ora diffondendosi molto rapidamente e man mano che le riserve di individui suscettibili si esauriscono man mano che sempre più giovani vengono vaccinati. I meccanismi della vaccinazione di massa e il suo impatto previsto sulla pressione infettiva virale, nonché sui tassi di morbilità e mortalità nella parte della popolazione vaccinata rispetto a quella non vaccinata sono descritti più dettagliatamente di seguito (vedere “Meccanismi della vaccinazione e impatto previsto dell’aumento dell’infettività virale sulla morbilità”. e tassi di mortalità nella parte della popolazione vaccinata rispetto a quella non vaccinata”).

Che la resistenza virale agli Abs neutralizzanti specifici per l’S possa verificarsi è tutt’altro che un mito. Per quanto ne so, l’esempio più convincente di una variante in grado di sfuggire agli anti-S Abs neutralizzanti è la variante lambda di Sars-CoV-2. Questa variante ha incorporato un importante cambiamento nel dominio N-terminale (NTD) della sua proteina spike. Questo spostamento antigenico fa sì che il virus diventi resistente agli Abs neutralizzanti. Il cambiamento è causato da una mutazione di delezione e impedisce agli Ab neutralizzanti di legarsi al dominio legante il recettore (RBD) di S (11). Grazie a questa mutazione, la variante lambda può ottenere un sostanziale vantaggio competitivo se il virus viene improvvisamente sottoposto a una pressione immunitaria S-diretta sostanziale e diffusa.

Un notevole aumento dei casi (come è stato osservato, ad esempio, in diversi paesi sudamericani) può portare a un drammatico aumento della pressione immunitaria diretta verso S, specialmente nelle persone sane che vengono rapidamente riesposte al virus a causa di un forte aumento della pressione infettiva. Questo spiega come all’improvviso un mutante di fuga immunitaria in grado di resistere agli anticorpi S-specifici possa rapidamente diventare predominante in popolazioni che subiscono un aumento sostanziale dei casi. Ma anche le popolazioni soggette a vaccinazione di massa possono esercitare una forte pressione immunitaria sull’infettività virale (cioè sulla proteina S).

“IL VACCINO CAUSA VARIANTI PIU’ PERICOLOSE E CONTAGIOSE”. La Documentata Ricerca di Cappello e Bolgan Svela come Distinguerle!

Ciò suggerisce che gli alti tassi di copertura vaccinale alla fine trasformano le popolazioni in eccellenti terreni di coltura per tali varianti resistenti ai vaccini. Anche se questi ultimi non vengono allevati direttamente nella popolazione altamente vaccinata, possono facilmente utilizzare tale popolazione come una comoda capsula di Petri per la loro espansione in prevalenza (*8). A meno che una campagna di immunizzazione di massa avanzata non abbia sufficientemente addestrato la popolazione a esercitare una pressione immunitaria sufficientemente forte sull’infettività virale, la variante lambda potrebbe non essere in grado di superare la variante delta circolante e più infettiva, anche se quest’ultima non sfugge (ancora?) alla neutralizzazione.

Tuttavia, poiché i tassi di copertura vaccinale e la pressione infettiva crescono ulteriormente, non c’è motivo di credere che la variante delta non possa incorporare una mutazione di “fuga di neutralizzazione” altrettanto drammatica per sfuggire completamente all’immunità antivirale mantenendo il suo alto livello di infettività. Un tale evento potrebbe, ad esempio, derivare dalla selezione naturale di una mutazione (es. delezione) in un sito allosterico della proteina spike (es. nel NTD), comportando quindi un cambiamento conformazionale nel RBD, o da una ricombinazione naturale evento dovuto alla coinfezione con due diverse varianti.

Il verificarsi di resistenza virale ai vaccini C-19 implica che gli Ab neutralizzanti non si legano più a Sars-CoV-2. Gli Ab naturali, varianti non specifici nei vaccinati, quindi, non sarebbero più soppressi (*9). Questo per dire che gli individui che hanno acquisito protezione nei confronti di Sars-CoV-2, sia a seguito di vaccinazione o di guarigione da una precedente malattia, perderanno tale protezione e rimarranno semplicemente con la capacità protettiva fornita dai loro Abs naturali, varianti aspecifici.

COVID “DELTA”: VACCINATI CONTAGIOSI! SOS in Israele, Usa e Italia. Pfizer Lucra $33 miliardi. Uk: attesa Variante più Letale

Poiché le varianti in grado di resistere agli anti-S Abs possono essere ancora molto contagiose, la pressione infettiva in paesi/regioni con comunità densamente popolate potrebbe ricostruirsi rapidamente dopo una precedente ondata. In alternativa, potrebbe verificarsi un aumento del tasso di infezione anche quando una tale variante viene introdotta in un paese/regione con un alto tasso di copertura vaccinale e dove la pressione infettiva è stata precedentemente ridotta a causa del distanziamento sociale e di altre misure di salute pubblica. Poiché la resistenza virale agli Ab diretti verso S rende inutile l’immunità acquisita (*10), tutti i vaccinati saranno ora alla mercé dei loro Ab innati e naturali per la protezione contro le malattie.

Sebbene gli Ab neutralizzanti specifici per l’S non possano più legarsi al virus e la soppressione degli Ab naturali venga, quindi, revocata, la circolazione delle varianti altamente infettive sarà ancora molto problematica poiché il loro contributo alla pressione infettiva virale complessiva non può più essere mitigato da entrambi gli Ab vaccinali. (cioè nei vaccinati) o Abs acquisiti naturalmente (cioè in coloro che hanno precedentemente contratto la malattia da Covid-19). Ciò interesserà principalmente la parte vaccinata della popolazione poiché quest’ultima comprende la frazione più ampia dei gruppi di età più avanzata. Anche se i loro addominali naturali non vengono più soppressi, ora diventano ancora più vulnerabili rispetto all’inizio della pandemia perché le varianti circolanti che stanno affrontando hanno acquisito un livello più elevato di contagiosità (*11). Il cambiamento nella dinamica di legame degli Ab è stato riassunto in Fig. 1.

Meccanismi della vaccinazione e impatto previsto di una maggiore infettività virale sui tassi di morbilità e mortalità nella parte della popolazione vaccinata rispetto a quella non vaccinata»

Più avanzano le campagne di vaccinazione di massa, più individui giovani e sani saranno vaccinati. Tuttavia, più individui giovani e sani vengono vaccinati, maggiore è la frazione della popolazione in cui gli Ab innati varianti non specifici subiscono una soppressione prolungata da parte degli Ab vaccinali e più forte è la pressione immunitaria a livello di popolazione sull’infettività virale (cioè sulla proteina spike) crescerà. Più forte è la pressione immunitaria a livello di popolazione, più è probabile che le varianti selezionate naturalmente e più infettive troveranno un terreno fertile adatto per la loro espansione e più velocemente queste varianti più infettive inizieranno a prevalere.

Quanto più velocemente le varianti infettive circolanti continuano a riprodursi per diventare la popolazione virale dominante, tanto più rapidamente aumenteranno i tassi di morbilità e mortalità, prevalentemente nella parte non vaccinata della popolazione. Finché non si verifica la resistenza al vaccino, gli Ab vaccinali si legheranno a Sars-CoV-2 e quindi supereranno gli Ab naturali nei vaccinati. Tuttavia, la capacità di neutralizzazione di questi Abs diminuirà progressivamente poiché varianti più infettive ospitano sempre più mutazioni di fuga che influenzano il legame del RBD al recettore cellulare dell’enzima di conversione dell’angiotensina (Ace)-2. D’altra parte, solo una parte della popolazione sana e non vaccinata, in costante diminuzione, rimarrà suscettibile all’elevata pressione infettiva esercitata dalle varianti più infettive circolanti (ad es. variante delta), grazie a un drastico calo dell’età media dei questa popolazione (*12).

Questo per dire che, alla fine, l’estensione dell’immunizzazione naturale (come conseguenza della malattia C-19) e la vaccinazione di massa ai gruppi di età più giovani forniranno meno opportunità al virus di causare malattie nella restante parte della popolazione non vaccinata. Sulla base delle dinamiche sopra descritte, è ragionevole concludere che il proseguimento della vaccinazione di massa, insieme alla circolazione predominante di varianti più infettive (facilita dalla vaccinazione di massa!), porterà inevitabilmente a tassi di morbilità e mortalità relativamente più elevati nei vaccinati che in i non vaccinati. Ne consegue anche che più la parte vulnerabile, ma non vaccinata, della popolazione aderirà a rigorose misure di prevenzione delle infezioni (*13), più il picco di morbilità e mortalità si sposterà dai non vaccinati ai vaccinati. Ciò diventerà ancora più evidente quando le varianti maggiormente infettive circolanti diventeranno resistenti agli Ab neutralizzanti specifici per l’S, semplicemente perché la parte vaccinata della popolazione comprende la frazione più ampia dei gruppi di età più avanzata.

L’impatto della pressione di selezione immunitaria diretta da S esercitata da un massiccio affollamento rispetto all’immunizzazione massiccia.

I paesi che non sono colpiti da grandi ondate registrano tassi di morbilità e mortalità più favorevoli, ma possono eventualmente pagare un prezzo ancora più alto poiché diverse ondate “più infettive” possono colpire la loro popolazione prima che la pressione virale infettiva e/o la pressione immunitaria a livello di popolazione raggiungano un livello che è abbastanza alto da costringere il virus alla resistenza. Ciò vale in particolare quando le misure di prevenzione delle infezioni tengono sotto controllo la diffusione virale e i progressi nell’aumento dei tassi di copertura vaccinale si bloccano. Ma non importa quanti altri cicli ci vorranno, le dinamiche evolutive molecolari di questa pandemia porteranno inevitabilmente a conferire resistenza S-Ab a Sars-CoV-2 e, quindi, a restituire ai vaccinati il ​​pieno utilizzo della loro prima linea di difesa immunitaria contro le varianti Sars-CoV-2.

Ciò suggerisce già che il rafforzamento della difesa immunitaria innata della popolazione diventerà ancora più importante quando più varianti infettive resistenti agli Ab diventeranno dominanti. Significa anche che prima che il virus diventi resistente agli Abs specifici per l’S neutralizzanti, non c’è modo che la popolazione possa anche iniziare a costruire un HI significativo. Tuttavia, una volta che le varianti sono diventate resistenti agli Abs diretti verso S, non sarà necessario che il virus aumenti ulteriormente o riduca la sua intrinseca infettività. Le popolazioni che improvvisamente si vedono costrette a pagare un prezzo elevato (*14), in cambio del recupero di una licenza per costruire HI veramente protettivi (cioè, in cambio del permesso al virus di sfuggire all’immunità virucida a livello di popolazione), soffriranno solo per un periodo di tempo relativamente breve.

Questo perché queste popolazioni stabiliranno più rapidamente un HI completamente protettivo, una volta che tale licenza sarà stata revocata. Al contrario, le popolazioni che sono riuscite a contenere abbastanza bene la diffusione delle infezioni da Sars-CoV-2 e, quindi, pagano un prezzo molto più basso per recuperare la loro licenza HI (cioè in cambio di permettere al virus di diventare resistente all’immunità antivirale) soffrirà per un periodo di tempo relativamente più lungo. Una volta che la licenza è stata revocata, ci vorrà più tempo perché una popolazione raggiunga l’HI protettivo. In questo caso, potrebbero essere necessari uno o più cicli aggiuntivi di più onde infettive prima che la variante più infettiva (ad es. Il corso evolutivo più prolungato della pandemia in queste popolazioni renderà meno probabile che tali (più) ondate infettive finiscano i candidati suscettibili e alla fine potrebbe causare un tributo relativamente più elevato alla pandemia sulla salute e sulla vita di persone precedentemente infette in modo asintomatico soggetti.

È difficile immaginare come la somministrazione di un vaccino di richiamo “aggiornato” non possa nemmeno precipitare la resistenza virale in quanto aumenterebbe la probabilità di un forte effetto di richiamo sugli Ab precedentemente suscitati (cioè Ab che sono specifici per il vaccino a base di S originale) dovuto al peccato antigenico. Il riconoscimento non ottimale delle varianti circolanti in evoluzione e più infettive da parte di questi “vecchi” Ab potrebbe essere motivo di notevole preoccupazione poiché gli antigeni che sono scarsamente abbinati agli Ab leganti l’Ag potrebbero contribuire a innescare il potenziamento della malattia dipendente dall’Ab (ADE).

ALLARME RISCHIO ADE PER I VACCINATI. Sieri antiCovid aumentano l’Infezione da Variante Delta anziché Evitarla

 

In assenza di misure di mitigazione sensate, è probabile che le caratteristiche immunitarie genetiche e fenotipiche favorevoli (ad esempio, background immunogenetico innato, età, stato di salute generale, …) guidino la selezione naturale di individui in grado di resistere alla malattia C-19. A meno che la pandemia non causi una drastica diminuzione della densità di popolazione in aree precedentemente altamente popolate, le possibilità che misure rigorose di controllo della prevenzione delle infezioni abbiano un impatto significativo sulla riduzione della trasmissione di varianti Sars-CoV-2 altamente infettive e resistenti agli S-Ab sono remote.

Al fine di mitigare il prezzo ingiustificabile e insostenibile delle vite umane, è, quindi, un obbligo morale ed etico procedere immediatamente con un piano d’azione semplice. Il piano dovrebbe essere dichiarato un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale e deve includere le seguenti azioni da intraprendere ORA:

  • Stop alla vaccinazione di massa
  • Non procedere con vaccinazioni aggiornate
  • Implementare la chemioprofilassi antivirale globale per ridurre la pressione infettiva virale (potrebbe essere necessario includere anche i serbatoi animali rilevanti!)
  • Fino a quando non avremo drasticamente ridotto la pressione virale infettiva, le misure globali e rigorose di prevenzione delle infezioni dovranno essere reinstallate
  • Fornire, gratuitamente, un trattamento multifarmaco precoce a tutti i pazienti che ne hanno bisogno
  • Lancia campagne per promuovere diete e stili di vita sani
  • Implementare tutto quanto sopra per guadagnare tempo per lo sviluppo di uno sterilizzatore immunologico universale (*15) (UIS) in grado di prevenire o abrogare l’infezione da qualsiasi ceppo Sars-CoV-2

Non c’è dubbio che il bilancio delle vite umane, della salute e dei sistemi sanitari sarà molto più alto se permettiamo alla NATURA di prendersi cura del nostro gigantesco errore. E anche se HI sarà finalmente stabilito, potrebbe essere molto più fragile ed eterogeneo per molti anni a venire di quello che sarebbe stato stabilito dopo una pandemia naturale. Questo perché l’HI che mette fine a una pandemia di varianti altamente infettive di Sars-CoV-2 inizialmente si baserà solo sull’immunità innata a livello di popolazione. Dati i limiti degli Abs naturali multipatogeno-specifici e l’alto livello di infettività intrinseca delle varianti circolanti (*16), il livello di protezione inizialmente garantito dall’immunità innata a livello di popolazione sarebbe relativamente basso, fragile ed eterogeneo. Pertanto, un moderato affollamento e condizioni abitative e igieniche inadeguate potrebbero innescare più facilmente un’epidemia locale.

CURE COVID IGNORATE, DENUNCIA-BOMBA DI TRINCA E FUSILLO AI PM: “Farmaco antiSARS finanziato UE ma Inutilizzato in Pandemia” (video)

A livello individuale, qualsiasi deterioramento della difesa immunitaria innata di una persona (ad esempio, a causa dell’invecchiamento, delle comorbilità o della soppressione immunitaria) avrebbe una probabilità media più elevata per quella persona di contrarre la malattia da Covid-19. Durante i primi anni di recupero dell’HI, le epidemie stagionali possono quindi essere più probabili e avere un tributo relativamente più alto sulla salute e sulla vita umana. Tuttavia, con il passare degli anni e delle epidemie stagionali, le popolazioni ricostituiranno progressivamente il loro serbatoio di immunità acquisita (cioè, grazie a coloro che si riprendono dalla malattia) e alla fine renderanno l’HI della popolazione molto più robusto.

Sebbene il sovraffollamento, la scarsa igiene e gli assembramenti di massa, anche a lungo termine, alzeranno una bandiera rossa (non almeno anche in considerazione della preparazione alla pandemia in generale), il rafforzamento dell’HI della popolazione dovrebbe in definitiva consentire di tornare a una vita normale. Ma questo potrebbe facilmente richiedere mezzo decennio, specialmente nei paesi che hanno combinato pesanti programmi di vaccinazione di massa con rigorose misure di prevenzione delle infezioni. L’immigrazione controllata di gruppi di età più giovane o altri cambiamenti favorevoli nelle caratteristiche demografiche della popolazione (ad esempio, aumento del tasso di natalità) possono aiutare a rinvigorire lo stato immunitario di una popolazione in generale e, quindi, a raggiungere l’HI più rapidamente.

4. Conclusioni, prospettive future e motivazioni per un intervento immunitario alternativo

Migliorando l’infettività virale, sia l’affollamento MASSIVE che la vaccinazione MASSIVE contribuiranno solo a promuovere la circolazione dominante di varianti virali più infettive e quindi a compromettere il sistema immunitario naturale in una frazione relativamente più alta della popolazione giovane e sana (cioè, rispetto al frazione colpita da precedenti pandemie naturali). Questo porterà prima o poi alla piena resistenza virale agli Abs che neutralizzano il virus e un drammatico aumento dei tassi di morbilità e mortalità. Non c’è modo che la pandemia di Sars-CoV-2 possa essere controllata dagli attuali, imperfetti vaccini C-19. L’uso di vaccini imperfetti per controllare una pandemia (di un virus altamente mutabile che causa un’infezione virale acuta e autolimitante) aumenterà solo il tributo che la Natura avrà sulla salute umana e sulle vite in cambio della concessione di una licenza per ricostruire l’HI.

Una pandemia può essere risolta definitivamente solo se la popolazione sviluppa una robusta immunità protettiva contro il virus. Questo avviene naturalmente attraverso HI. L’HI diventa sempre più forte come risultato combinato della selezione immunitaria naturale mediata dalla malattia (cioè, per quanto riguarda la sua componente innata, multipatogeno-specifica) e dell’immunizzazione attiva (cioè, per quanto riguarda la sua componente adattativa, specifica per il patogeno) . Più robusto diventa l’HI, più efficacemente e durevolmente la popolazione controlla il virus, meno frequentemente si verificheranno focolai e meno impressionanti saranno.

Non importa quanti errori commetta l’umanità, la Natura prenderà sempre il controllo della pandemia e genererà HI sufficiente per portarla a termine. Tuttavia, questo non avverrà senza un terribile prezzo da pagare per un intervento immunitario che era già sbagliato alla radice. Questo perché la Natura ripristinerà prima lo stato immunitario della popolazione a quello di una popolazione naïve al Sars-CoV-2, cioè simile a quello che era all’inizio di questa pandemia. La differenza è, tuttavia, che la popolazione immunologicamente naïve al Sars-CoV-2 dovrà ora fare i conti con varianti virali che hanno un livello di infettività molto più alto rispetto al ceppo originale di Wuhan. Ciò rappresenta una sfida formidabile per il nostro sistema immunitario innato poiché non è stato concepito per affrontare un’elevata carica virale (1, 2, 3).

COVID-19, MUTAZIONE EPSILON, PERCHE’ RESISTE AI VACCINI. Incubo Previsto da Bolgan e Nature

Nell’era “post-resistenza”, è probabile che la circolazione di varianti altamente infettive, combinata con un’immunità della popolazione sottodimensionata, porti a epidemie con tassi di morbilità e mortalità più elevati negli insediamenti umani ad alta densità di popolazione (ad es. aree urbane), mentre le aree rurali zone sarebbero meno frequentemente e meno gravemente colpite. Al contrario, l’HI si accumulerebbe molto più velocemente nelle aree urbane, mentre le persone che vivono in aree a bassa densità di popolazione avrebbero meno probabilità di beneficiare dell’HI in tempi brevi. Affinché questi ultimi riducano al minimo il rischio di esposizione ripetuta, probabilmente dovrebbero fare affidamento su misure di prevenzione delle infezioni per molto più tempo. Potrebbero volerci diversi anni prima che le disparità epidemiologiche tra aree rurali e urbane si fondono in una distribuzione più omogenea e Sars-CoV-2 diventa veramente endemico.

L’intervento immunitario artificiale (umano) in una pandemia di Coronavirus (CoV) potrebbe fornire protezione immunitaria rapida e duratura di individui vulnerabili se e solo se viene indotta l’immunità sterilizzante. Ciò significa che la risposta immunitaria indotta è mirata all’eliminazione delle cellule infettate da virus. A condizione che ciò possa essere ottenuto in una fase iniziale dell’infezione, la trasmissione virale e la fuga immunitaria possono essere prevenute insieme. Di conseguenza, gli interventi immunitari che generano l’immunità sterilizzante non corrono il rischio di esercitare una pressione immunitaria sul virus e di allevare varianti virali più infettive, anche se implementati durante una pandemia di varianti altamente infettive e anche se la copertura vaccinale dovrebbe essere estesa a più grandi (vulnerabili) parti della popolazione. La prima ondata di una pandemia colpisce tipicamente la parte più vulnerabile della popolazione. Come risultato della crescente pressione infettiva, un certo numero di individui giovani e sani può vedere il loro sistema immunitario innato temporaneamente soppresso. Durante questo breve periodo di soppressione naturale degli Ab (circa 6-8 settimane; 15), questi individui diventano suscettibili alla malattia da Covid-19.

Coloro che guariscono dalla malattia scambieranno la loro difesa immunitaria innata con un’immunità acquisita durevole. Ciò significa che il tasso complessivo di immunizzazione attiva durante una pandemia è semplicemente determinato dal livello di pressione virale infettiva esercitata dall’ondata precedente, ma non riflette il livello di immunizzazione attiva che sarebbe necessario per domare la pandemia in caso di aumento nella pressione infettiva potrebbe essere evitato. Poiché un intervento immunitario sterilizzante potrebbe facilmente abrogare un’ondata crescente di casi infettivi, l’immunizzazione solo della parte vulnerabile della popolazione sarebbe già sufficiente per controllare efficacemente e durevolmente una pandemia di una malattia virale acuta autolimitante e, quindi, ovviare alla necessità di massa vaccinazione.

VACCINATI M-RNA COME CAVIE UMANE! Persino lo “Studio Ogata” pagato da Gates conferma Reazioni Ignote e Pericolose. Rischi di Tempesta di Citochine già segnalati da Ricerca Cinese

Inoltre, l’immunità sterilizzante garantirebbe una protezione completa e di lunga durata ai vaccinati, anche se i serbatoi asintomatici del virus servirebbero ancora come fonte di trasmissione virale continua. Infine, l’uso di sterilizzatori immunologici universali (UIS) potrebbe abrogare ed eliminare qualsiasi pandemia di CoV, indipendentemente dal livello di infettività della linea circolante e senza la necessità di eradicare (*17) il virus. Nessuno degli attuali vaccini C-19 induce l’immunità sterilizzante. Non devono essere usati durante una pandemia perché semplicemente guideranno la fuga immunitaria ed eroderanno sia l’immunità innata (cioè, allevando più varianti infettive che esercitano una maggiore pressione infettiva, e quindi rendono i gruppi di età più giovani più suscettibili alla malattia) che l’immunità acquisita (cioè, guidando la resistenza virale agli Abs neutralizzanti).

Se arriviamo a riconoscere che siamo tutti parte di una razza umana, un’unica umanità, noi, umani moderni, dovremmo essere in grado di sfruttare e coordinare le nostre straordinarie e uniche capacità di “uomo saggio” (Homo sapiens) per invertire la tendenza e correggere i nostri errori. Tuttavia, la “saggezza” può prevalere solo se permettiamo alle nostre capacità di intelligenza (misurate dal QI) di sinergizzare con le nostre capacità emotive (misurate dall’EQ). Negli ultimi mesi, abbiamo assistito sempre di più a quanto profondamente questa sinergia sia stata disturbata. Rinnoviamo il nostro approccio generale a questa crisi e troviamo una soluzione che possa ripristinare la normalità molto più velocemente e ridurre il tasso di mortalità molto al di sotto del tributo che Madre Natura reclamerà se lasciamo a lei il compito di rimediare. Possiamo solo invertire la tendenza a condizione che lavoriamo mano nella mano per fermare la vaccinazione di massa per cominciare e prevenire che gli alti tassi di infezione virale infliggano ulteriori danni alla popolazione. Nel frattempo dovremmo potenziare le opzioni di trattamento precoce e accelerare lo sviluppo di interventi immunitari molto più razionali e orientati alla pandemia. Quest’ultimo può essere fatto se impariamo come educare il nostro sistema immunitario innato a mettere a punto la sua capacità immunologica e ad acquisire memoria immunologica in modi che consentano, rispettivamente, una maggiore specificità del patogeno e durata della risposta immunitaria.

Geert Vanden Bossche (DVM, PhD)

L’ARTICOLO ORIGINALE C-19, PANDEMIA: QUO VADIS HOMO SAPIENS?


 

 

(Visited 15.957 times, 122 visits today)

fonte selezionata da Gospa News

Un pensiero su ““LA VACCINAZIONE DI MASSA IN PANDEMIA CREA VARIANTI MOLTO INFETTIVE”. Articolo Shock del Virologo di Big Pharma e Bill Gates

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *