TRUMP ARRESTATO… MA NON E’ VERO! Ex Presidente Libero dopo l’Udienza e la Vergognosa Speculazione CNN. Per l’Accusa pagare una Pornostar è Cospirazione!

TRUMP ARRESTATO… MA NON E’ VERO! Ex Presidente Libero dopo l’Udienza e la Vergognosa Speculazione CNN. Per l’Accusa pagare una Pornostar è Cospirazione!

4.733 Views

di Redazione Gospa News

ENGLISH VERSION

AGGIORNAMENTO DEL 4 APRILE 2023

L’udienza del secolo è finita come l’avvocato di Donald Trump aveva previsto. Il primo ex presidente degli Stati Uniti incriminato nella storia della nazione è entrato libero ed è uscito libero.

All’inizio del procedimento di incriminazione formale la CNN ha montato una vergognosa speculazione mediatica, seguito a ruota dai quotidiani di mainstream italiani, con il titolo “Sotto arresto” spiegando poi solo nell’articolo che tecnicamente rischiava quello…

Mentre la pubblica accusa ha dato il meglio di una visione fanta-giuridica ipotizzando addirittura un’incriminazione per cospirazione per il presunto pagamento del silenzio di una pornostar!!!

Biden, che in Ucraina ha usato molto della sua influenza politica consentendo al figlio Hunter di incassare da una società energetica lauti guadagni con un’azienda americana (e pertanto commettendo l’eventuale reato negli USA) dorme invece sonni tranquilli.

UKRAINEGATE: SCOTTANTE “MEMO” ACCUSA BIDEN E KERRY, già vice e segretario di Obama. Kiev riavvia l’inchiesta

“Non possiamo normalizzare e non normalizzeremo una condotta criminale”. Lo ha detto il procuratore di Manhattan, Alvin Bragg, illustrando alla stampa le accuse contro Donald Trump. L’ex presidente avrebbe fornito “34 false dichiarazioni per coprire altri reati. Questi sono reati penali nello Stato di New York. A prescindere da chi li abbia commessi”, ha detto Bragg che ora deve però preoccuparsi del rischio di un’inchiesta su di lui per persecuzione giudiziaria…

https://www.gospanews.net/en/2023/03/29/trump-looming-arrest-manhattan-district-attorney-blames-house-judiciary-republicans-inquiry-unlawful-incursion/

L’atto di incriminazione nei confronti  di Donald Trump, che dopo l’udienza è stato reso pubblico, sostiene  che l’ex presidente è stato coinvolto in una cospirazione per minare  l’integrità delle elezioni del 2016. I procuratori sostengono che Trump abbia fatto parte di un piano illegale per sopprimere le  informazioni negative e in questo piano è compreso un pagamento  illegale di 130.000 dollari ordinato dall’imputato per eliminare le  informazioni che avrebbero danneggiato la sua campagna elettorale.

Trump Rammaricato. Processo rinviato al 4 dicembre

L’accusa sostiene che il motivo per cui ha commesso il reato di  falsificazione dei registri delle società è stato in parte quello di “promuovere la sua candidatura”.

Dopo la sua formale incriminazione da parte del tribunale di Manhattan Donald Trump è “rammaricato” e “turbato”: lo ha dichiarato alla Cnn uno dei legali dell’ex Presidente, Todd Blanche, al termine dell’udienza.”Non è stata una bella giornata, non mi aspettavo che potesse succedere una cosa simile in questo Paese. Non ti aspetti che questo possa capitare a qualcuno che è stato Presidente degli Stati Uniti” ha concluso.

La prossima udienza nella quale Donald Trump dovrà comparire di persona nell’aula del tribunale di Manhattan è stata al momento fissata per il 4 dicembre. Lo riporta la Cnn

L’avvocato di Trump: “Non verrà messo in manette”

AGGIORNAMENTO DEL 1° APRILE 2023

Trump, 76 anni, probabilmente comparirà davanti al procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg martedì dopo aver annunciato la sua resa. Potrebbe affrontare fino a 30 accuse relative a frode aziendale.

Trump verrà fotografato e gli verranno prese le impronte digitali dopo essersi consegnato. Sarà affiancato da agenti dei servizi segreti armati che devono proteggerlo in ogni momento, secondo The New York Times.

Venerdì l’avvocato di Trump, Joe Tacopina, ha dichiarato alla ABC News che l’ex presidente “non sarà messo in manette”.

ARTICOLO DEL 31 MARZO 2023

Un gran giurì di New York ha votato per incriminare Donald Trump a seguito di una lunga indagine sui presunti pagamenti in denaro all’attrice di film per adulti Stormy Daniels. La decisione segna la prima volta che un ex presidente degli Stati Uniti deve affrontare accuse penali, mandando i tribunali in un territorio legale inesplorato.

Nel frattempo, il governatore della Florida, Ron DeSantis, ha accusato il procuratore di New York City “sostenuto da Soros” dietro l’accusa penale dell’ex presidente e ha dichiarato che “la Florida non lo estrada”.

Infatti la scorsa settimana Trump ha annunciato il suo imminente arresto…

Dopo questo, l’America First Legal (AFL) ha avviato un’indagine sull’inseguimento “abusivo e partigiano” dell’ex presidente Donald Trump da parte dell’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan, con la fondazione alla ricerca di documenti che dovrebbero smascherare l’indagine contro Trump come politicamente motivata.

Di cosa si tratta?

Avviata dal procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg, l’indagine su Trump si è concentrata su un presunto pagamento di $ 130.000 a Daniels tramite il suo allora avvocato Michael Cohen, che in precedenza si era dichiarato colpevole di accuse federali legate al piano. Il denaro avrebbe dovuto impedire all’attrice di rendere pubblico un incontro sessuale che affermava di aver avuto con Trump anni prima.

Secondo l’ufficio del procuratore distrettuale, Trump in seguito ha rimborsato Cohen in più pagamenti e li ha registrati come spese legali, aprendolo alle accuse di aver falsificato i documenti aziendali

Quali sono le accuse effettive?

I funzionari di New York devono ancora specificare le accuse contro Trump e il suo atto d’accusa rimane sotto sigillo. La CNN ha affermato di dover affrontare “più di 30 conteggi relativi a frodi commerciali”, citando due fonti anonime che hanno familiarità con il caso.

La falsificazione di documenti aziendali può essere un crimine o un reato ai sensi della legge di New York. Per condannare Trump per un reato, i pubblici ministeri dovrebbero dimostrare che i documenti sono stati intenzionalmente falsificati per coprire un crimine separato.

DAL COMPLOTTO RUSSIA-GATE AI MANDATI D’ARRESTO PER PUTIN E TRUMP. Diabolica Strategia del Nuovo Ordine Mondiale di Soros nel Venerdì 17

Come ha reagito Trump?

L’ex presidente ha denunciato l’accusa come “persecuzione politica” e ha accusato i pubblici ministeri di “intento puramente doloso”, rilasciando giovedì una lunga dichiarazione in cui nega le accuse contro di lui. Trump in precedenza ha esortato i suoi sostenitori a protestare contro qualsiasi accusa e ha insistito sul fatto che “non può ottenere un processo equo a New York”. L’avvocato di Trump, Joe Tacopina, ha detto che avrebbe “combattuto vigorosamente” le accuse.

Trump può ancora candidarsi alla presidenza?

Data la natura senza precedenti del caso, resta da vedere in che modo un atto d’accusa penale influenzerà le possibilità di Trump di tornare alla Casa Bianca nel 2024. Le accuse, e persino una condanna, non lo squalificano da una corsa presidenziale, e finora il i procedimenti legali sembrano aver solo dato energia ai sostenitori di Trump. Alcuni dei suoi alleati repubblicani hanno condannato l’ufficio del procuratore distrettuale di New York per esagerazione, mentre il presidente della Camera Kevin McCarthy ha promesso di avviare un’indagine sulla questione.

Cosa succede dopo?

Trump dovrebbe arrendersi volontariamente alle autorità, con il suo avvocato che afferma che è stato chiamato a comparire a New York per l’accusa entro martedì prossimo. Sebbene i pubblici ministeri di New York abbiano suggerito di sperare di prenderlo in custodia prima, il governatore dell’attuale stato di residenza di Trump, la Florida, Ron DeSantis, ha affermato che non collaborerà a nessun procedimento di estradizione.

De Santis: “Florida non estrada Trump”

Il potenziale principale rivale di Donald Trump per la nomina presidenziale del Partito Repubblicano nel 2024, il governatore della Florida Ron DeSantis, ha strappato al procuratore di New York City l’accusa penale dell’ex presidente.

“La Florida non assisterà in una richiesta di estradizione date le circostanze discutibili in questione con questo procuratore di Manhattan sostenuto da Soros e la sua agenda politica”, ha detto giovedì DeSantis in un tweet.

PROCURATORI USA FINANZIATI DA SOROS PER LIBERARE CRIMINALI. Il Caso di Manhattan

Finora non ci sono state segnalazioni di potenziali richieste di estradizione, poiché un portavoce dell’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan ha detto ad AP che i pubblici ministeri avevano contattato il team legale di Trump per “organizzare una resa” e un’udienza in tribunale, prevista per la prossima settimana.

DeSantis in precedenza aveva affermato che non sarebbe stato coinvolto nel caso “in alcun modo”, indicando che non avrebbe cercato di aiutare a bloccare l’estradizione del residente in Florida a New York, ma ora ha fatto eco alla convinzione di Trump che il procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg “forza la legge per prendere di mira un avversario politico”.

“L’armamento del sistema legale per far avanzare un’agenda politica capovolge lo stato di diritto. Non è americano”, ha aggiunto DeSantis.

FONTE

GOSPA NEWS INTERNATIONAL

https://www.gospanews.net/en/2023/02/26/poll-reveals-republicans-preferences-for-2024-race-desantis-over-trump/

(Visited 645 times, 6 visits today)

Redazione Gospa News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *