“POTS”: NUOVO INCUBO DOPO VACCINI COVID. Impennata nei Casi di Disturbo Debilitante del Sistema Nervoso Autonomo

“POTS”: NUOVO INCUBO DOPO VACCINI COVID. Impennata nei Casi di Disturbo Debilitante del Sistema Nervoso Autonomo

22.462 Views

Originale pubblicato da Sheramy Tsai su The Epoch Times

Titolo originale: The Rise of POTS in the COVID-19 and Vaccine Era

Tutti i link ai precedenti articoli scientifici di Gospa News sono stati aggiunti a seguito dei collegamenti con gli argomenti sotto evidenziati

ORIGINAL ENGLISH VERSION

La pandemia di COVID-19 getta un’ombra preoccupante sotto forma di sindrome da tachicardia ortostatica posturale (POTS). Questo sconcertante problema di salute (segnalato anche dalla famosa rivista scientifica Science in un recente articolo – nota di Gospa News), caratterizzato da un significativo aumento della frequenza cardiaca quando si è in piedi, sta guadagnando una crescente attenzione nella comunità medica a causa di un aumento dei casi.

2 viaggi, 1 diagnosi

Phoebe Eaton e Aubrey George, due donne attive sulla ventina, hanno scoperto che le loro vite sono state improvvisamente sconvolte dagli sconcertanti sintomi della POTS.

La signora Eaton, un’insegnante di 25 anni in formazione, ha notato l’insorgenza dei sintomi dopo il suo primo vaccino COVID-19. Ha riportato infezioni ricorrenti del tratto urinario, affaticamento persistente, emicrania, perdita di peso e livelli di zucchero nel sangue irregolari. La sua salute è peggiorata dopo la sua ultima dose di vaccino.

“Ho iniziato a svenire, che si è trasformato in convulsioni, costringendomi ad abbandonare la mia formazione da insegnante”, ha detto.

Per la signora George, i suoi sintomi sono emersi dopo aver subito tre commozioni cerebrali entro sei mesi. Mal di testa cronici, vertigini e stanchezza divennero le sue sgradite costanti.

VACCINI COVID: SCIENCE MAGAZINE AMMETTE GRAVI EFFETTI INDESIDERATI. Sieri Genici correlati a Long Covid, Danni Neurologici e Cardiovascolari (POTS)

Precedentemente soprannominata “Coniglietta Energizzante”, la signora George ora è alle prese con molti sintomi che abbracciano i sistemi cardiovascolare e digestivo. “Ogni singola attività richiede pensiero e preparazione extra, che possono essere estenuanti”, ha detto la signora George.

POTS rappresenta una sfida unica poiché viene spesso trascurata. “Molte persone mi dicono, ‘ma hai un bell’aspetto’, il che è bello da sentire, ma quando ti senti spazzatura, ti fa sentire come se stessi mentendo o inventando”, ha detto la signora Eaton.

Smascherare il disturbo nascosto chiamato POTS

POTS rientra nella più ampia categoria di disturbi chiamati disautonomia. Significa un malfunzionamento del sistema nervoso autonomo, che controlla silenziosamente funzioni cruciali come la respirazione, la digestione e la frequenza cardiaca. Quando questo sistema vacilla, come nella POTS, può minare la salute e la qualità della vita quotidiana.

La POTS si manifesta principalmente come un sostanziale aumento della frequenza cardiaca quando ci si sposta da una posizione seduta o sdraiata a quella in piedi. In genere viene diagnosticato quando la frequenza cardiaca di una persona aumenta di oltre 30 battiti al minuto in soli 10 minuti in piedi. Ad esempio, se la frequenza cardiaca di qualcuno salta da 70 mentre è seduto a 100 o più in piedi, è una forte indicazione di POTS.

Per bambini e adolescenti, la soglia diagnostica è più alta, richiedendo un aumento di 40 battiti al minuto o più. La frequenza cardiaca accelerata non coincide con un calo della pressione sanguigna.

LONG COVID NEUROLOGICO (come da SARS-2 BIO-ARMA)! “27 Milioni di Contagiati senza Gusto e Olfatto da Mesi”. Studi e Cure dal British Medical Journal

POTS presenta una vasta gamma di sintomi, tra cui affaticamento, mal di testa, vertigini, palpitazioni cardiache, nausea e disturbi cognitivi come la nebbia del cervello. La combinazione e l’intensità di questi sintomi, che devono essere presenti per almeno tre mesi, possono variare notevolmente tra i pazienti.

Storicamente, la POTS è stata vista come una malattia rara. Dysautonomia International, una delle principali organizzazioni senza scopo di lucro dedicata alla ricerca e alla consapevolezza della disautonomia, stima che la POTS colpisca circa 6 milioni di americani. Questo numero è raddoppiato dall’inizio della pandemia di COVID-19, hanno riferito. Tuttavia, a causa della natura sfuggente della malattia e della limitata consapevolezza nella comunità sanitaria, la prevalenza effettiva potrebbe essere significativamente più alta.

La variabilità dei sintomi POTS è pari solo al loro impatto sulla vita quotidiana dei pazienti. Mentre alcuni individui con sintomi lievi riescono a tenere il passo con le normali attività lavorative, scolastiche e sociali, altri possono trovare le attività di routine come fare il bagno, le faccende domestiche, mangiare, stare seduti e persino stare in piedi o camminare significativamente impegnativi a causa di sintomi gravi.

“Non so guidare. Mi stanco molto velocemente e ho dolori al cuore e mancanza di respiro quando svolgo compiti. Non posso fare cose semplici come svuotare la spesa o la lavastoviglie senza svenire. Ho perso gran parte della mia indipendenza”. ha detto la signora Eaton.

Gli specialisti che trattano la POTS spesso confrontano la compromissione funzionale osservata in questi pazienti con quelli con condizioni come il cancro o l’insufficienza cardiaca congestizia. Uno studio cardine con oltre 5.500 partecipanti ha scoperto gli impatti economici e occupazionali della convivenza con la POTS.

La ricerca, condotta in collaborazione con Dysautonomia International, ha rivelato che solo il 48% dei pazienti POTS era impiegato. Tra questi, il 67% desiderava lavorare più ore ma era ostacolato dalla propria condizione.

DANNI DA VACCINI DURATURI COME LONG-COVID. Inchiesta Shock della rivista “Science” sul Dramma Occultato dai Medici

Quasi tre quarti dei partecipanti hanno riportato perdite di reddito attribuite a POTS, con un terzo che ha perso più di $ 10.000 nell’anno precedente il sondaggio. La ricerca ha anche evidenziato effetti sociali più ampi, poiché il 28,5% dei caregiver ha subito una perdita di reddito a causa dei propri doveri di custodia.

Gli autori hanno affermato: “La POTS rappresenta un rischio significativo per la riduzione dell’occupazione e l’aumento della perdita economica nelle persone con questo disturbo e nei loro caregiver”.

Il dottor Tae Chung, che guida il programma POTS presso la Johns Hopkins University School of Medicine, osserva quotidianamente la cruda realtà di queste statistiche nella sua clinica.

“Molti pazienti POTS che rimangono occupati devono modificare il loro stile di vita a causa dei loro sintomi”, ha detto a The Epoch Times. “Ad esempio, un numero significativo riesce a mantenere i propri ruoli a tempo pieno principalmente perché ha la flessibilità di lavorare in remoto. Questa condizione colpisce particolarmente duramente i giovani, che spesso devono lavorare per mantenere la loro assicurazione medica”.

Attingendo alla sua esperienza in prima linea, il dottor Chung ha sottolineato la situazione critica.

“Per questi motivi, c’è un urgente bisogno di sviluppare un trattamento che modifichi la malattia per POTS, insieme a un migliore riconoscimento, diagnosi e trattamento”, ha affermato.

COVID-19 e aumento inaspettato dei POTS

POTS continua a porre domande impegnative, con una causa chiara che ancora sfugge agli scienziati. Tuttavia, la comunità scientifica sta scoprendo sempre più connessioni con COVID-19 e i suoi vaccini associati.

Mentre la causa precisa dei POTS post-COVID è ancora sotto esame, le potenziali teorie includono la produzione di autoanticorpi, effetti tossici diretti del virus o una risposta stimolata del sistema nervoso simpatico.

LESIONI CEREBRALI DA VACCINI COVID: PFIZER SAPEVA DI 44MILA CASI DAL 2020! Studio conferma l’Allarme Lanciato da Gospa News prima di CDC e FDA

“C’è stato un aumento significativo di segnalazioni POTS alla nostra clinica dalla pandemia di COVID”, ha affermato il dott. Chung. Ha suggerito che COVID-19 può predisporre le persone a POTS, una teoria che secondo lui è supportata da ricerche emergenti.

Facendo eco a questo, il dottor Jordan Pastorek, medico supervisore presso il POTS Treatment Center, ha osservato questo cambiamento.

“Una parte significativamente ampia dei nostri pazienti ora riferisce che i sintomi della POTS iniziano dopo un’infezione da COVID o una dose del vaccino. Questo è un notevole cambiamento rispetto ai tempi pre-pandemici, quando vedevamo comunemente casi di POTS derivanti da infezioni come influenza, malattia di Lyme e mononucleosi, nonché commozioni cerebrali”, ha affermato il dott. Pastorek.

Le sue intuizioni sono in linea con l’aumento dei casi clinici globali che suggeriscono una tendenza di individui precedentemente sani che sviluppano POTS dopo le vaccinazioni mRNA COVID-19. Un rapporto descrive in dettaglio un maschio di 42 anni senza precedenti sintomi POTS che ha sviluppato la condizione dopo la sua prima dose di vaccino mRNA COVID-19.

Una delle ricerche pubblicate su PubMed sul fenomeno POTS correlato ai vaccini Covid

I risultati possono essere associati al funzionamento dei vaccini a mRNA. Questi vaccini utilizzano un frammento del codice genetico del virus per creare una proteina nelle nostre cellule, spingendo il sistema immunitario a generare anticorpi.

“La formazione di anticorpi innesca una risposta autoimmune che stimola la malattia POTS”, hanno scritto gli autori del rapporto.

NEI VACCINI COVID MILIARDI DI MOLECOLE DI DNA SPIKE. Riproducono la Proteina Tossica del SARS-Cov-2 a Lungo Termine

Uno studio dettagliato su Nature Cardiovascular Research, pubblicato nel dicembre 2022, ha anche identificato una potenziale correlazione tra POTS e vaccinazione COVID-19, ma ha evidenziato un legame più forte tra POTS e gli effetti residui di un’infezione da SARS-CoV-2.

Utilizzando un set di dati di 284.592 individui vaccinati, il 93% dei quali ha ricevuto il vaccino mRNA, lo studio ha rilevato un aumento del 33% nella probabilità di sviluppare POTS. Più della metà delle 4.526 diagnosi totali di POTS si sono verificate dopo la vaccinazione.

VACCINI COVID PRODUCONO SPIKE TOSSICA NEL DNA ANCHE DOPO 2 ANNI! Clamorosa Scoperta dI Microbiologo nel Sangue di Banchiere Svizzero Danneggiato

“Le diagnosi correlate alla POTS sembrano essere acquisite con maggiore frequenza dopo, rispetto a prima, la vaccinazione COVID-19, in particolare se confrontata con le condizioni più comunemente diagnosticate, ma a un tasso circa cinque volte inferiore rispetto a dopo l’infezione da SARS-CoV-2”, hanno concluso gli autori.

Gli autori hanno messo in guardia contro l’utilizzo dei risultati dello studio per evitare la vaccinazione.

“Questi risultati dello studio non hanno lo scopo di scoraggiare l’uso del vaccino COVID-19, soprattutto dato il rischio relativamente più elevato di sviluppare POTS dopo l’infezione da SARS-CoV-2″, hanno scritto.

Gli ostacoli all’assistenza sanitaria che devono affrontare i pazienti POTS

L’INTERO ARTICOLO PROSEGUE QUI SU THE EPOCH TIMES

Originale pubblicato da Sheramy Tsai su The Epoch Times

Sheramy Tsai, BSN, RN, è un’infermiera esperta con una carriera di scrittrice decennale. Ex alunna del Middlebury College e della Johns Hopkins, Sheramy combina la sua esperienza di scrittura e infermieristica per fornire contenuti di grande impatto. Vivendo nel Vermont, bilancia la sua vita professionale con una vita sostenibile e crescendo tre figli.


GOSPA NEWS – DOSSIER BIG PHARMA, VACCINI E COVID

GOSPA NEWS – INCHIESTE WUHAN-GATES

COVID LETALE CAUSATO DAI VACCINI. Allarme Infezioni-Breccia da Virologa USA J. Rose e Decessi AIFA. 5 Studi su Anticorpi Aberranti da Spike

PRIONI KILLER: 25 MORTI DI NUOVA MUCCA PAZZA DA VACCINI. Studio Shock (Postumo) di Montagnier con Perez e Moret-Chalmin: “Autopsie Bloccate sui Danni Neurocerebrali MCJ”

POTS’ new NIGHTMARE! Surge in Cases of Debilitating Autonomic Nervous System Disorder after COVID Vaccines

 

 

(Visited 1.788 times, 2 visits today)

fonte selezionata da Gospa News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *