Breaking: l’Iran chiede all’Interpol di arrestare Trump per l’assassinio di Soleimani

Breaking: l’Iran chiede all’Interpol di arrestare Trump per l’assassinio di Soleimani
Pubblicità

545 Views

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

English version here

Nello stesso modo in cui ritengo che Joseph Biden sia responsabile di “crimini di guerra” per aver fomentato la guerra del Donbass in Ucraina con il golpe a Kiev ordito da CIA e ambasciata USA, considero più che legittima la richiesta di un mandato di arresto per Donald Trump in relazione al premeditato assassinio di Qasem Soleimani, comandante del reparto speciale Forza Quds dei Pasdaran. Russia Today ha comunicato nelle ultime ore la richiesta formale inoltrata dall’Iran in tal senso per ottenere un “red notice”, ovvero un mandato di cattura internazionale.

La vendetta dell’Iran comincia da Qom. Grazie al bunker nucleare di Fordow

Da quell’evento scaturirono due tremende conseguenze: l’incremento del processo di arricchimento dell’uranio nella centrale nucreale sotterranea di Qom, vicina alla moschea dove Guardie delle Rivoluzione Islamica dell’Iran esposero la bandiera rossa della vendetta; e la probabile uccisione di Mike D’Andrea, il comandante della Central Intelligence Agency nelle operazioni in Medio Oriente che gestì l’esecuzione di Soleimani ma rimase ucciso nelll’incidente aereo in Afghanistan poche settimane dopo.

Capo CIA in Medio Oriente ucciso nell’aereo Usa caduto in Afghanistan

Pertanto condivido la richiesta dell’Iran di un mandato di arresto internazionale per Trump ma al tempo stesso vorrei che la Russia ne chiedesse una per Biden per le 10mila vittime causate dalla guerra civile del Donbass, ricco del petrolio desiderato da Burisma, la società energetica ucraina di cui fu ben pagato consulente Hun Biden nello stesso periodo in cui il padre decideva i finanziamenti per la riforma della polizia in Ucraina.

UKRAINEGATE: SCOTTANTE “MEMO” ACCUSA BIDEN E KERRY, già vice e segretario di Obama. Kiev riavvia l’inchiesta

reportage di Russia Today

L’Iran ha chiesto che l’Interpol emetta un “avviso rosso” per Donald Trump e altri 47 funzionari, sul loro “ruolo” nell’assassinio di Qassem Soleimani lo scorso gennaio, ha detto il portavoce della magistratura Gholam Hossein Esmaeili. L’Iran ha chiesto che l’Interpol emetta un “avviso rosso” per Donald Trump e altri 47 funzionari, sul loro “ruolo” nell’assassinio di Qassem Soleimani lo scorso gennaio, ha detto il portavoce della magistratura Gholam Hossein Esmaeili.

“La richiesta di emettere un ‘avviso rosso’ per 48 persone coinvolte nell’assassinio del martire Soleimani, tra cui il presidente degli Stati Uniti, nonché comandanti e funzionari del Pentagono e le forze nella regione, è stata consegnata all’Interpol”, ha detto Esmaeili in una conferenza stampa a Teheran martedì. “La Repubblica islamica dell’Iran sta seguendo molto seriamente il perseguimento e la punizione di coloro che hanno ordinato ed eseguito questo crimine”, ha aggiunto.

Hackers contro le sporche menzogne Usa: sui complotti in Iraq e Venezuela

Secondo l’Organizzazione internazionale della polizia criminale, il suo “Avviso rosso” è una “richiesta alle forze dell’ordine di tutto il mondo di localizzare e arrestare provvisoriamente una persona in attesa di estradizione, consegna o azione legale simile”. L’Interpol osserva che non è un mandato d’arresto. Martedì è intervenuto anche il ministro dell’intelligence iraniano Mahmoud Alavi, affermando che l’Iran aveva preparato 1.000 pagine di documenti per fare riferimento alla Corte penale internazionale per dimostrare che il terrorismo di stato era stato usato contro il generale Soleimani. Ha anche promesso “una dura vendetta al momento giusto”.

Il massimo generale iraniano, Qassem Soleimani, è stato ucciso in un attacco di droni statunitensi il 3 gennaio 2020, mentre era in visita a Baghdad. Agnes Callamard, relatore speciale delle Nazioni Unite per le esecuzioni extragiudiziali, sommarie o arbitrarie, ha descritto l’assassinio come “illegale” e un “chiodo nella bara del diritto internazionale”, quando ha parlato su Twitter nell’anniversario dell’assassinio.

UkraineGate: reporter islamico finanziato da Soros e Usa nel golpe 2014 ora ai vertici dell’industria di armi

L’Iran ha già richiesto l’aiuto dell’Interpol per arrestare Donald Trump e altri 35 funzionari con l’accusa di “omicidio e terrorismo” nel giugno dello scorso anno. Tuttavia, l’Interpol ha respinto la richiesta, citando la sua costituzione che le vietava di intraprendere “qualsiasi intervento o attività di carattere politico, militare, religioso o razziale”. Alti funzionari iraniani, compreso il presidente Hassan Rouhani, si sono ripetutamente impegnati a vendicare l’assassinio del generale Soleimani.

Donald Trump lascerà l’incarico il 20 gennaio e l’Iran ha espresso la speranza che la fine della sua presidenza possa significare che potrebbe essere assicurato alla giustizia.

 

(Visited 97 times, 16 visits today)
Pubblicità

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *