BIMBA MALATA DI CUORE “RAPITA” DALLO STATO, MATTARELLA SE NE FREGA! Rigettata la Supplica della Madre

BIMBA MALATA DI CUORE “RAPITA” DALLO STATO, MATTARELLA SE NE FREGA! Rigettata la Supplica della Madre
Pubblicità

14.297 Views
La fragile Ylenia di soli 10 anni
strappata alla mamma senza motivo
rischia l’affidamento a un’altra famiglia

In verità vi dico: ogni volta che non avete fatto queste cose a uno di questi miei fratelli più piccoli, non l’avete fatto a me. E se ne andranno, questi al supplizio eterno, e i giusti alla vita eterna”.
Gesù Cristo – Vangelo di Matteo (25, 45-46)

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

ENGLISH VERSION HERE

Il peggiore ministro della storia d’Italia dal Regno Sabaudo ad oggi, l’avvocato Alfonso Bonafede, principe del foro dell’ignoranza capace di affermare che un reato doloso può trasformarsi in colposo se viene a cadere il dolo, nei mesi scorsi è stato troppo impegnato a liberare mafiosi e terroristi assassini dalle carceri per l’emergenza Covid-19 per poter pensare ai bambini rinchiusi nelle strutture di affido, sebbene anch’essi esposti al pericolo di contagio ma pure al centro di uno scandalo al giorno.

Il Ministero di Grazia e Giustizia era troppo indaffarato sulle attività di rilascio del boss dei Casalesi Pasquale Zagaria e di altri detenuti malati, per occuparsi di Ylenia, la piccola cardiopatica di 9 anni strappata alla mamma dai giudici senza un motivo fondato e circostanziato (vedi terzo capitoletto) e, nonostante le sue precarie condizioni di salute, affidata ad una casa famiglia.

LOCKDOWN MASSONICO: Chiese vietate ai Cristiani. Piazze aperte ai comunisti. Mafiosi liberi… Mattarella Muto

Lì ha dovuto essere imbottita per mesi con il potente antipsicotico Risperidone per consentirle di sopportare il gravissimo trauma della separazione dall’unico genitore che l’ha cresciuta.

Ed ora lo stesso sistema cieco, bieco, torvo, protervo e perverso che consentì gli orrori dei Demoni della Bassa Modenese, del Forteto e di Bibbiano vuole procedere all’affidamento a un’altra famiglia…

«Vogliono dare ad altri la mia bambina calpestando la mia dignità di madre come se io fossi morta» si sfoga la madre. La piccola ha festeggiato i 10 anni in una struttura minorile mentre la mamma Sabrina Soster di Latina è passata da una piazza all’altra, da una tv all’altra per lanciare il suo appello.

Ha sfidato persino il lockdown del Covid-19 per manifestare per tre giorni sotto il Quirinale elevando la sua supplica di aiuto. E’ stata ricevuta con gentilezza dalla segreteria che l’ha invitata ad andare a casa perché il presidente Sergio Mattarella le avrebbe risposto. Dopo qualche giorno è giunta la laconica e burocratica lettera della Segreteria della Presidenza della Repubblica.

Uno dei momenti felici di Ylenia in mezzo ai regali nel Natale 2018. La madre non ha potuto festeggiare quello del 2019 con lei per la prima volta nelle loro vite

«Desidero esprimerLe la più sincera, umana comprensione per la Sua sofferenza di madre. Mi rincresce tuttavia informarLa che, in base al dettato costituzionale, il Capo dello Stato non è titolare di poteri di iniziativa o di intervento sulla vicenda da Lei lamentata. Non risulta quindi possbile venire incontro alla Sua richiesta e non posso che esortarLa ad avere fiducia nelle decisioni della magistratura, il cui compito è di operare nel rispetto delle norme di legge e nell’esclusivo interesse dei minori».

L’imbarazzato silenzio tenuto dal Quirinale per la manifestazione del comitato spontaneo Noi Sardi (novembre 2018) contro le bombe ritrovate nello Yemen e fabbricate da una multinazionale tedesca in Sardegna fu meno irritante. Perché queste poche frasi da Ponzio Pilato demandate alla segreteria, su un caso che centinaia di giornali e blogger d’Italia hanno seguito e seguono, fanno ancor più male.

«LA MIA BIMBA MALATA DI CUORE RAPITA DALLO STATO E IMBOTTITA DI PSICOFARMACI»

Perchè sono scritte su una carta intestata del Segretariato generale della Presidenza della Repubblica – Ufficio per gli Affari dell’Amministrazione della Giustizia, pertanto istituzionalmente vocato ad amministrare la giustizia sopperendo ad eventuali lacune della stessa nei casi urgenti, drammatici e particolari.

Ma soprattutto perché il Capo dello Stato per “dettato costituzionale” è anche presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, organo di autogoverno dei magistrati da cui dipende l’avvio di iniziative ispettive e disciplinari anche sui Tribunali dei Minorenni e i loro giudici.

La lettera della Segreteria della Presidenza Repubblica alla signora Soster

Sabrina ha avuto fiducia nella magistratura ed è rimasta buona buona in attesa di sviluppi, rispettando le prescrizioni della tutrice, nonostante i pianti della bimba al telefono. Il risultato è che l’8 di luglio ci sarà un’udienza presso il Tribunale dei Minori di Roma in cui sarà valutata la possibilità di dare la Ylenia in etero-affidamento ad un’altra famiglia. Il tutto si basa su una CTU (Consulenza Tecnica d’Ufficio) di quelle scritte ad arte per non ammettere madornali errori a monte di tutti i provvedimenti.

Ecco perchè solo ora, con alcuni mesi di ritardo, pubblichiamo questa lettera del Quirinale che attesta di non aver imparato nulla dagli scandali sulla gestione dei minori in Italia. Ma palesa anche una gravissima e preoccupante ignoranza sull’argomento…

 

“VALUTAZIONI ASSOLUTAMENTE GENERICHE”

«In materia di tutela dei minori e inadeguatezza genitoriale, tra le disfunzioni e contraddizioni presenti a livello normativo e applicativo, è stato segnalato l’eccessivo ricorso alla formula “dell’ inadeguatezza genitoriale”, che è presente in circa il 39% dei casi di allontanamento, a fronte dei casi di maltrattamento o abuso, pari solo al 4%».

Queste parole le ha scritte la Commissione bicamerale per l’Infanzia e l’Adolescenza presieduta dall’ex deputata azzurra Michela Vittoria Brambilla nella relazione finale approvata il 17 gennaio 2018 che aggiunge altre allarmanti considerazioni

BAMBINI RAPITI DALLA LEGGE: a soli 3 anni nelle mani dell’orco. Fiesoli portato in carcere, quanto ci resterà?

«In Italia la maggior parte degli allontanamenti dei minori dalle proprie famiglie avvenga sulla base di tale valutazione, che appare discrezionale e arbitraria, ma che rappresenta il criterio principale degli affidi etero-familiari. Vi è quindi una generalizzazione del rimedio dell’allontanamento a ipotesi che non costituiscono un presupposto normativo idoneo per giustificarlo; tanto più, dove la motivazione, riguardi una valutazione personologica o generica sull’idoneità o meno ad essere genitori».

La commissione parlamentare inoltre precisa: «nel 100% dei casi la motivazione dell’allontanamento si rinviene in valutazioni assolutamente generiche e addirittura in certi casi di “incidenti” sulle opinioni personali degli interessati: assistenti sociali-famiglia di origine».

LOBBY ARMI – 4. Italia e UK nelle mani dei Fratelli Musulmani del Qatar: soci Rothschild e finanziatori di Jihadisti

 

Se Mattarella si fosse concentrato sui bambini italiani quanto sulla Commissione parlamentare sulle banche, sulle emergenze dei migranti e sulle alleanze coi Fratelli Musulmani del Qatar, importanti partner dell’Italia nella lobby delle armi, forse qualcosa sarebbe già cambiato nel pianeta minori…

 

IL CALVARIO DEGLI ANGELI TRA I DEMONI

Non è bastato il Forteto degli orrori per il quale l’Italia è stata nel luglio 2000 dalla Corte Europea dei Diritti dell’uomo a pagare una multa di circa 150 milioni di lire come risarcimento dei danni morali alle madri di due bambini, tra cui uno di soli 3 anni, lasciati nelle mani dell’orco rosso Rodolfo Fiesoli già indagato per pedofilia nel 1997. Sono dovuti passare 22 perché le maglie della giustizia riuscissero a fare il suo dovere portandolo definitivamente in galera per una condanna a 14 anni di carcere.

BIMBI “RAPITI” DALLO STATO A BIBBIANO: Chiesto Processo per Sindaco PD, dirigente LGBT e “lupa cattiva”. L’avvocato: “Angeli e Demoni in tutta Italia”

Non è bastata la vicenda di Bibbiano per cui la Procura di Reggio Emilia ha appena chiesto il rinvio a giudizio per una sfilza di reati di 21 persone tra cui il sindaco Andrea Carletti che avrebbe commesso solo reati amministrativi nei presunti affidi illeciti di minori gestiti da una dirigente dell’ASL attivista LGBT, capace di affidare una bambina ad una coppia di sue amiche gay che giocavano in casa con falli artificiali. Ma anche disposta a tollerare le sedute di psicoterapia di una donna che si travestiva da lupo cattivo per spevantarli o usava la macchinetta dei ricordi con piccole scosse elettromagnetiche per estorcere loro confessioni fasulle su abusi sessuali inesistenti come accadde per i Demoni della Bassa.

“FORTETO E BIBBIANO: ORRORI ANNUNCIATI NEL SOLCO DELLA CULTURA DI SINISTRA”

 

Come spiegato dal deputato Stefano Mugnai in un’intervista, la cooperativa Il Forteto operante nella rossa toscana non prendeva soldi ma si accontentava di avere i bambini per divertimenti sessuali facendoli poi crescere come piccoli “servi della gleba” nei lavori comunitari. Mentre negli affidi della Val d’Enza i piccoli finivano in famiglie arcobaleno pronte a stravolgere la loro educazione secondo la cultura gender promossa da vari progressisti di sinistra e del Partito Democratico in particolare.

Non è bastato il dossier della Commissione Brambila in cui si certificava che il 30 % dei bambini vengono tolti alle famiglie solo perché povere sconsigliando ai genitori di rivolgersi alle assistenti sociali per non spalancare le porte di un inferno.

BAMBINI DI BIBBIANO: LE TERAPIE “HANSEL E GRETEL” PROMOSSE DALLA SUORA FAN PD

 

L’INCUBO VISSUTO DALLA PICCOLA YLENIA

Tra gli angeli prigionieri dallo Stato ormai da più di un anno c’è proprio Ylenia, strappata senza alcun motivo alla madre coraggio Sabrina Soster, apparsa anche su vari TG e da Mario Giordano. Lo sosteniamo non per faziosità ma perché il 10 novembre 2019 abbiamo narrato questa vicenda truce e agghiacciante in ogni minimo dettaglio leggendo il primo decreto con cui la bambina è stata tolta alla sua mamma, In esso non esistono né indizi né prove circostanziate di specifiche trascuratezze né tantomeno di presunte violenze. Solo “valutazioni generiche” proprio come sostiene la Commissione Brambilla.

Per farla breve Ylenia è stata portava via alla madre perché lanciava gli oggetti a scuola, quando una maestra evidentemente poco simpatica, non le lasciava finire i compiti da lei svolti con ritardo per un disturbo psicoemotivo. Ylenia è stata serenamente cresciuta ed accudita dalla mamma fino all’età di 9 anni affrontando insieme al personale scolastico e sanitario le difficoltà derivanti non solo dal disturbo da deficit di attenzione e iperattività A.D.H.D. accertato dal Dipartimento di Salute Mentale ma anche le sue patologie cardiache e fisiologiche.

Poi un giorno, una maestra che si fece vanto del marito in forza ai servizi segreti, litigò con la signora Soster, fece intervenire la Polizia aprendo alla bimba le porte dell’inferno.

Neonata Ferita e positiva alla Cocaina tolta ai Genitori Innocenti: Causa all’Ospedale per Sequestro di Persona

 

Il 7 maggio 2019 la bambina è stata prelevata con l’ausilio della forza pubblica dall’ospedale dove si trovava ricoverata ed è stata così rapita dallo Stato in fretta e furia, nel vero senso della parola, senza uno straccio di motivazione specifica. Per una generica trascuratezza che gli stupendi vestitini della bimba, la sua piscinetta di gomma sul terrazzo e la montagna di regali sotto l’albero smentiscono in modo inequivocabile! Più la madre ha cercato di dare battaglia, mostrando le lacune delle struuture di accoglienza e le criticità delle cure con psicofarmaci, più è intromessa e più le istituzioni hanno fatto quadrato fino a vietarle per alcuni mesi persino di incontrarla.

Poi, per giustificare, hanno iniziato ad essere prodotte montagne di carte basate sulle interpretazioni psicologiche che aleggiano nel mondo controverso e fallace dell’opinabile soggettivo per difendersi dalle quali servirebbe una costosissima armata di legali e consulenti che Sabrina non può permettersi dopo che il marito ha abbandonato il tetto coniugale privando pure la famiglia degli alimenti (come risulta dalle denunce presentate della donna).

GEMELLINI IN AFFIDO ISOLATI DALLA MAMMA PER COVID-19. Il Giudice dà torto alla Provincia di Trento

«Mia figlia è stata rapita dallo Stato ma non ho i soldi per pagare il riscatto» ripete come un mantra Sabrina confermando quanto sancito dalla Commissione parlamentare Brambilla sul destino dei bambini delle famiglie povere… Nel frattempo in 13 mesi la bimba è stata rimpallata tra varie strutture per minori da Latina a Caserta e poi di nuovo in provincia di Latina.

«Mia figlia Ylenia è sotto sequestro in una casa famiglia da 11 mesi e nonostante i suoi gravi problemi cardiologici ed epatici in tutto questo lungo periodo è stata sottoposta ad un’ecografia. E’ denutrita nonostante mangi regolarmente. Ha il volto scavato, il mento emunto come in una maschera di dolore: è quasi irriconoscibile persino a me che sono sua madre» dichiarava lo scorso a maggio la signora Soster.

«LA MIA BIMBA MALATA DI CUORE RAPITA DALLO STATO E IMBOTTITA DI PSICOFARMACI»

Ora però sul capo della piccola Ylenia incombe la terribile Spada di Damocle dell’etero-affidamento ad un’altra famiglia sebbene lei abbia una madre che per nove anni non le ha fatto mancare nulla sia in termini di coccole, regali, giochi e cure sanitarie. Mentre, come racconta la genitrice, nel periodo di “detenzione” la piccola è stata privata degli antistaminici indispensabili per la sua allergia al polline in quanto incompatibili con l’antipsicotico somministratole per non pensare alla mamma.

Per ripristinare quella cura la signora Soster ha dovuto «far intervenire i Carabinieri che hanno scortato un medico nella casa famiglia». Questa è l’Italia del presidente Mattarella che si arroga il diritto di strappare i bambini alle famiglie senza nemmeno poi essere capace di garantire loro le minime cure indispensabili per le loro patologie.

 

LA TREGENDA PAN-DEMONICA DELLA GIUSTIZIA

Non è bastato l’esposto dell’ex componente del Consiglio Superiore della Magistratura avvocato Celestina Tinelli che in qualità di presidente dell’Ordine degli Avvocati di Reggio Emilia ha denunciato gravissime anomalie nella gestione del Tribunale dei Minori di Bologna (quello competente per Bibbiano e Val d’Enza) segnalando anche i casi di fascicoli scomparsi dagli uffici giudiziari.

Al via la Commissione parlamentare sugli “orchi rossi” del Forteto. Fascicoli persi nel Tribunale Minori che seguì Bibbiano

Non è bastato un anno di scandalo nel Consiglio Superiore della Magistratura che ha portato alla luce un «verminaio nel CSM», come definito dall’ex pm antimafia e parlamentare Giuseppe Ayala in un’inquietante intervista a Il Riformista.

La giustizia italiana è rimasta tetragona. Arroccata nel superbo senso di impunità dei giudici che, anche quando complottano politicamente come nel caso PalamaraGate, se non ci sono prove di mazzette (ma la nomina per un incarico di prestigio dovrebbe rappresentare comunque un ingiusto vantaggio), rischiano al massimo di essere espulsi dalla magistratura.

PALAMARA-GATE – 4. NEL MIRINO 10 TOGHE ROSSE. Intrighi col “Cerchio Magico” Napolitano-Renzi e l’OBAMA-GATE su 007 e vaccini Gates-Soros

In questa tregenda ormai quasi pan-demonica si comincia dunque a sospettare che qualche oscuro mestatore operi ad arte per favorire il traffico internazionale dei minori: visto che centinaia di loro spariscono dalle Case Famiglie, alcuni in modo totalmente misterioso come appurato dalla Commissione Brambilla e confermato in un dossier dal Garante delle Persone Scomparse.

2.536 MINORI ITALIANI SPARITI, ANCHE DAI CENTRI DI AFFIDO. Ritrovata la 14enne Gemma nella Giornata degli Scomparsi

In questo vero proprio carnaio di piccole anime ancora innocenti appetite proprio per questo dai demoni delle gang pedofile finite nelle bolge infernali dal sistema avido del business miliardario degli affidi, ormai senza Dio e senza umanità, sono sferzanti le parole dell’avvocato Francesco Miraglia di Roma, specializzato in diritto minorile che difende le famiglie di tre bambini coinvolti nell’inchiesta di Bibbiano. «Dal 2001 mi occupo di vicende di questo genere e posso dire che ci sono casi di “Angeli e Demoni” in tutta Italia».

“MIA FIGLIA DEVASTATA DAGLI PSICOFARMACI, SEGREGATA E COSTRETTA AD ABORTIRE DALLO STATO”

Ad essi si aggiungono anche le storie altrettanto tremende di quelle ragazze maggiorenni rinchiuse in strutture protette o reparti di psichiatria con analoghe motivazioni di problematiche psicologiche totalmente opinabili. Tra loro c’è quella raccontata da Gospa News di Yaska, la 29enne di Firenze bombardata con pericolosi psicofarmaci e proprio per questo costretta ad abortire senza un minimo contraddittorio giuridico tra il giudice tutelare e l’avvocato della famiglia, a cui fu rigettata l’istanza per presentare una perizia di parte sulla capacità psicofisica a portare a termine la gravidanza.

Per cortesia commentate e condividete questo articolo con hastag #ylenialibera. Gospa News valuterà ulteriori iniziative in merito e terrà aggiornati coloro che commenteranno.

Fabio Giuseppe Carlo Carisio
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione


FONTI PRINCIPALI

GOSPA NEWS – INCHIESTE MINORI – PEDOFILIA

GOSPA NEWS – INCHIESTE GIUSTIZIA – MAFIA

(Visited 11.749 times, 3.533 visits today)
Pubblicità

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

8 pensieri su “BIMBA MALATA DI CUORE “RAPITA” DALLO STATO, MATTARELLA SE NE FREGA! Rigettata la Supplica della Madre

  1. Sono disgustata da governo e di Mattarella questo è peggio di Ponzio Pilato è veramente veramente un placido dormiente ma deve ricordarsi che anche i bambini sono cittadini italiani devo dire che il mio pensiero non è certo dolce nei suoi confronti se non dire il peggior presidente insieme a Napolitano che la Repubblica italiana abbia avuto

  2. Stamperò questo documento per leggermelo con calma. Spulciando qua e là mi è caduto l’occhio sulla parola Risperidone. Ho 46 anni e ho preso questo farmaco per 4 anni in versione “depot” (chi se ne intende sa cosa significa) ad un dosaggio peraltro piuttosto “basso”. Mi ha portato alla disperazione totale e all’annientamento fisico! Ho a tutt’oggi disturbi del sonno ad un anno della “dismissione”. In questo documento si parla di una bambina! Hanno un cuore questi impiegatucoli dell’assistenza pubblica?

    1. Legga l’articolo precedente dove ci sono tute le specifiche sul Risperidone e la diffida per la sospensione del trattamento. Se ritiene di rendere pubblica la sua testimonianza sono ben lieto di intervistarla perchè è ora che gli avvelenamenti pubblici cessini. Se vuole parlarne mi contatti per email redazione@gospanews.net

      1. il giochino del risperidone dato ai bambini avviene, e anche non poco, anche con gli anziani, seppure con disagi fisici e di salute NON SONO IN GRADO DI SOPPORTARLO, ma per tenerli calmi gli viene dato senza risparmio
        ho visto succedere la cosa varie volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *