POLMONITE SOSPETTA PER IL VACCINATO SASSOLI. Dopo Pfizer 1.414 Decessi per Malattie Respiratorie in UE. Incubo Immunopatologia

POLMONITE SOSPETTA PER IL VACCINATO SASSOLI. Dopo Pfizer 1.414 Decessi per Malattie Respiratorie in UE. Incubo Immunopatologia

32.558 Views

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

ENGLISH VERSION HERE

L’improvvisa polmonite in stagione estiva del presidente del Parlamento Europeo David Sassoli ha innescato una valanga di sospetti che ci pare opportuno analizzare alla luce dei dati di farmacovigilanza sulle reazioni avverse da vaccino, che hanno rilevato più di 2mila decessi per patologie respiratorie (1.414 solo dopo Pfizer), e degli studi scientifici che avevano lanciato l’allarme sui rischi di malattie autoimmuni in particolare per i polmoni, i più bersagliati dalla micidiale proteina Spike del SARS-COV-2.

Com’è ben noto ai lettori di Gospa News dopo le molteplici inchieste del ciclo WuhanGates, autorevoli esperti di virologia e intelligence ritengono tale virus costruito in laboratorio con innesti di HIV/AIDS per renderlo altamente letale e pertanto utilizzabile come arma batteriologica.

Il presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, 65 anni

“Mercoledì 15 settembre il presidente del Parlamento europeo David Sassoli è stato portato all’Hôpital Civil di Strasburgo. Dopo le necessarie visite mediche, gli è stata diagnosticata una polmonite ed è stato immediatamente curato. È in buone condizioni”. Così il suo portavoce Roberto Cuillo. Secondo quanto si apprende Sassoli è tuttora ricoverato in ospedale. Il presidente del Parlamento europeo è vaccinato contro il Covid-19 (con Pfizer) e nei giorni scorsi era risultato negativo al tampone. Tutti gli appuntamenti in agenda sono al momento annullati.

WUHAN-GATES – 41. “SARS-2 E’ BIO-ARMA”. Denuncia alla Corte dell’Aja con Perizia di Montagnier. Intelligence USA “Divisa” tra Virus Naturale o da Laboratorio

IL PRESUNTO CASO DI COVID MASCHERATO

La rete dei social è impazzita nell’insinuare che non fosse una semplice polmonite ma un caso di Covid-19 “mascherato” onde non svelare la tanto contestata inefficacia delle dosi di terapie geniche Pfizer che hanno indotto vari paesi tra cui Usa ed Italia a somministrare la terza per le persone più fragili e hanno spinto Israele a valutare già l’inizio della quarta.

MATTARELLA: “VACCINI PER VITA NORMALE“. MA DATI DI ISRAELE LO SMENTISCONO. Boom di Contagi e 15 morti di Covid in 5 giorni dopo 3a Dose. Si pensa alla 4a…

Al momento le fonti ufficiali riferiscono di un tampone negativo per Sassoli e pertanto queste insinuazioni non possono essere ritenute fondate, anche se la valenza dei tamponi molecolari PCR è stata messa in discussione dai CDC americani (Centers of Disease Control and Prevention) che ha disposto il prossimo ritiro dell’autorizzazione all’uso di emergenza dei test Real-Time in quanto ritenuti inaffidabili e persino incapaci di distinguere il virus SARS-Cov-2 da quelli influenzali della grande famiglia dei Coronavirus.

La teoria dei tamponi inaffidabili, oggetto di tre ricerche scientifiche e una sentenza della Corte d’Appello di Lisbona, già denunciata dal professor Giorgio Palù (presidente Agenzia Italiana del Farmaco) a causa dei cicli di amplificazione in laboratorio che possono rilevare molteplici batteri, soprattutto perché vincolati per praticità ad un solo gene della proteina Spike, è stata di fatto ribadita l’altra sera durante la trasmissione LA7 dal professor Guido Rasi, consigliere scientifico del Commissario all’Emergenza Covid generale Francesco Paolo Figliuolo: “Ci sono casi di tampone negativo la mattina e positivo la sera, lo toglierei dal Green pass”.

BOMBA SULLA PANDEMIA: CDC USA RITIRA TAMPONI PCR. “Non distinguono Sars-Cov-2 da Influenza”. Contagi COVID-19 Falsati!

La sua affermazione mette in luce l’aleatorietà dei test che hanno ripetutamente rilevato non solo “falsi negativi” ma soprattutto  “falsi positivi“ classificando il 95 % di essi come “asintomatici” e pertanto pone in discussione anche tutti i dati sui contagi, basati proprio sui tamponi PCR inaffidabili secondo la massima autorità sanitaria USA. Da già si inferisce che il livello di emergenza Covid-19, di fronte ad un’occupazione delle terapie intensive negli ospedali ampiamente al di sotto del 10 % in Italia, potrebbe non essere più tale da giustificare l’esistenza stessa di una pandemia e di conseguenza i vaccini sperimentali autorizzati da AIFA ed EMA solo con approvazione “rapida” per uso di emergenza.

UE, 428 MORTI DI COVID TRA 4.390 VACCINATI CONTAGIATI (perlopiù dopo Pfizer). Ma di 2.217 non si conosce la Sorte! Allarme anche negli USA: 77 decessi

Seguendo il ragionamento di Rasi, lo stesso presidente del Parlamento Europeo potrebbe risultare positivo al Covid-19 da un istante all’altro, legittimando così i sospetti circolati sui social per cui la polmonite estiva di Sassoli potrebbe rappresentare l’ennesimo caso di fallimento della vaccinazione.

Le preoccupazioni per la salute del deputato europeo del Partito Democratico giungono a poche ore dal lutto che ha colpito il mondo della cultura piemontese. Venerdì 17 settembre è infatti morto per aver contratto il Covid, anche se si era sottoposto alla doppia vaccinazione, Piero Ghia, 74 anni, presidente del Premio Asti d’Appello. Era ricoverato dal 10 settembre in terapia intensiva.

I dati EudraVigilance sui decessi per Covid-19 tra i vaccinati con Pfizer-Biontech

La sua sorte è purtroppo analoga a quella di 676 persone decedute dopo il vaccino Pfizer (512 per Covid e 164 per polmonite da Covid) tra quelle vaccinatesi negli ultimi mesi nell’Unione Europea. Ad esse si aggiungono 5.955 casi segnalati alla banca dati di farmacovigilanza dell’EMA (European. Medicines Agency) per aver contratto il Sars-Cov-2 in modo sintomatico dopo l’antiCovid genico con RNA messaggero Comirnaty e di cui è ignoto il decorso nella piattaforma EudraVigilance.

Citiamo a titolo esemplificativo i dati sul “siero” OGM Pfizer-Biontech perché sono i più rilevanti anche se esiti fatali si sono registrati anche dopo Moderna, AstraZeneca e Jannsen come già evidenziato in precedenti reportages.

STRAGE DA MALATTIE RESPIRATORIE DOPO I VACCINI

«Tre anni fa ho segnalato al sottosegretario del Ministro della Salute uno studio dell’Istituto Superiore della Sanità, in cui si dimostrava che l’incidenza di polmoniti gravi aumentava del 50% nei vaccinati con l’antinfluenzale. Lo studio riportava inoltre il  12% in più di mortalità nei vaccinati, per potenziamento della malattia».

Dichiarò alcuni mesi fa la dottoressa Loretta Bolgan, laurea in chimica e tecnologia farmaceutiche con dottorato in scienze farmaceutiche e research fellow al Massachussets General Hospital, di cui abbiamo sovente parlato nelle inchieste sui rischi di varianti di Covid create dalla vaccino-resistenza.

«Può trattarsi anche di una coincidenza ma varie città in cui hanno anticipato di due mesi l’antinfluenzale, dopo sono diventate zone rosse. Ho portato l’evidenza tre anni fa, ho segnalato il pericolo di potenziamento della malattia e non l’hanno considerato. Anzi, dopo due mesi sono partiti con la campagna vaccinale senza tener conto di questo grave rischio. Come per il vaccino antinfluenzale, anche per il vaccino anti-Covid, oltre i rischi noti e potenziali, non sappiamo quanto dura la sua azione» aggiunse l’esperta in un’intervista con Affari Italiani.

COVID-19, MUTAZIONE EPSILON, PERCHE’ RESISTE AI VACCINI. Incubo Previsto da Bolgan e Nature

Ebbene i dati sulle sospette reazioni avverse da vaccini genici sembrano confermare quanto da lei ipotizzato e segnalato anche in due ricerche accademiche (una cinese e una americana) in relazione a problematiche autoimmuni ed in particolare all’immunopatologia polmonare.

Sui circa 23mila decessi registrati dalla piattaforma Eudravigilance per conto dell’European Medicines Agency (EMA) dall’inizio della campagna vaccinale almeno il 10 % sono attribuiti a malattie respiratorie. Quelli connessi alla classica polmonite sono un numero basso ma nelle tipologie delle segnalazioni ci sono varie voci afferenti svariate patologie polmonari che rendono preossochè impossibile un rapido calcolo preciso.

I dati EudraVigilance sulle sospette reazioni avverse del vaccino Pfizer con patologie respiratorie

Su 47.149 sospette reazioni avverse da vaccini per malattie respiratorie segnalate per Pfizer ben 1.414 sono risultate fatali, circa 14mila sono state guarite, 10mila sono in fase di guarigione, ma 11.531 non sono ancora state curate, 736 persone hanno riportato conseguenze all’apparato respiratorio dopo la guarigione e ben 8.920 sono dall’esito sconosciuto: un numero talmente elevato che potrebbe ingigantire quello dei decessi.

I dati EudraVigilance sulle sospette reazioni avverse del vaccino Moderna con patologie respiratorie

Nel caso dell’analogo vaccino genico Moderna (meno utilizzato dell’altro nell’Unione Europea) la piattaforma EudraVigilance al 18 settembre aveva raccolto 13.092 segnalazioni di sospette reazioni avverse da vaccini per malattie respiratorie di cui 648 fatali, 3.650 sono state guarite, 1.455 sono in fase di guarigione, ma 3.892 non sono ancora state curate, 82 persone hanno riportato conseguenze all’apparato respiratorio dopo la guarigione e ben 3.365 sono dall’esito sconosciuto: un numero talmente elevato che potrebbe ingigantire quello dei decessi. Proprio mentre continuano a verificarsi casi di misteriosi morti tra adolescenti appena vaccinati su cui grava il sospetto di una correlazione.  

TRE ADOLESCENTI MORTI DOPO IL VACCINO IN POCHI GIORNI. Ma Pfizer chiede di Usarlo anche sui Bimbi di 5 anni

 

L’ALLARME SULL’IMMUNOPATOLOGIA POLMONARE DA VACCINO

Gospa News è stato uno dei primi webmedia al mondo a riportare una clamorosa ricerca scientifica pubblicata nell’ottobre 2020 da sei scienziati di due università cinesi in relazione all’incognita sui rischi di immunopatologia polmonare derivanti dai vaccini a base di RNA messaggero mai sperimentati prima nella storia della farmacologia.

«In questa recensione, forniamo una panoramica dei dati sperimentali e clinici ottenuti da recenti studi sui vaccini SARS-CoV-2 ed evidenziamo alcuni potenziali problemi di sicurezza che richiedono considerazione durante lo sviluppo di vaccini» scrissero i ricercatori Yetian Dong, Tong Dai, Yujun Wei, Long Zhang, Min Zheng e Fangfang Zhou di vari prestigiosi centri di ricerca (School of Medicine, Zhejiang University, Hangzhou; Life Sciences Institute and Innovation Center for Cell Signaling Network, Institutes of Biology and Medical Science, Soochow University – Suzhou, e Anhui Anlong Gene Technology Co., Ltd, Hefei) dopo un lavoro colossale basato su 144 precedenti ricerche scientifiche degli ultimi 15 anni tra cui quella di Tseng, C. T. et al. dal titolo immediatamente inquietante “L’immunizzazione con i vaccini contro il coronavirus della SARS porta alla immunopatologia polmonare nella sfida con il virus della SARS”.

“DAI VACCINI COVID RISCHI DI GRAVI DANNI POLMONARI”. Ricerca Shock su Nature: ignorata da Comunità Scientifica, Big Pharma e Media

«Studi recenti sui cambiamenti delle citochine in pazienti infetti da SARS-CoV-2 hanno anche osservato una maggiore secrezione di citochine Th2, che potrebbe contribuire all’immunopatologia polmonare. Pertanto, il controllo della risposta delle cellule T deve essere considerato quando si progettano vaccini contro SARS-CoV-2» sosteneva la ricerca delle due università della Cina evidenziando che i maggiori rischi derivavano proprio dai vaccini a RNA messaggero.

Una tesi confermata da un altro studio americano condotto dalla ricercatrice Alana F. Ogata del Dipartimento di Patologia e della Divisione delle malattie infettive del Brigham and Women’s Hospital di Boston (Massachussets, USA), del Wyss Institute for Biologically Inspired Engineering dell’Harvard University della stessa città all’Harvard Medical School.

VACCINATI M-RNA COME CAVIE UMANE! Persino lo “Studio Ogata” pagato da Gates conferma Reazioni Ignote e Pericolose. Rischi di Tempesta di Citochine già segnalati da Ricerca Cinese

«Ipotizziamo che le risposte immunitarie cellulari innescate dall’attivazione delle cellule T, che si verificherebbero giorni dopo la vaccinazione, portino all’uccisione diretta delle cellule che presentano la proteina spike e un ulteriore rilascio di spike nel flusso sanguigno. I meccanismi alla base del rilascio di S1 ​​libero e il successivo rilevamento della proteina spike intatta rimangono poco chiari e richiedono ulteriori studi» è la seconda lapidaria frase della ricerca intitolata “Antigene del vaccino SARS-CoV-2 circolante rilevato nel plasma dei destinatari del vaccino mRNA-1273”.

Tradotta dal linguaggio strettamente scientifico a quello giornalistico ha un senso inequivocabile: è ignoto il modo in cui i vaccini a RNA messaggero interagiscono con la proteina S del SArs-Cov-2 proprio in relazione alle cellule T. 

Le stesse ritenute il “punto critico” dei vaccini dello studio cinese che, nell’autunno 2020, invitava le Big Pharma alla cautela ed a maggiori ricerche sulla questione, ma fu di fatto nascosto dalla comunità scientifica internazionale che fece quadrato intorno agli antidoti contro il Covid-19 ormai in avanzata fase di trials clinici. Per farla breve, come sostenuto dallo stesso Montagnier e da altri esperti, l’intera popolazione mondiale è diventata un’involontaria cavia umana di questi vaccini di cui non si conosce il funzionamento.

LO STUDIO DEL KING’S COLLEGE LONDON SUI DANNI POLMONARI

Uno studio, pubblicato su Lancet e BioMedicine e realizzato da un gruppo di ricercatori italiani di King’s College London, Università di Trieste e Centro di Ingegneria Genetica e Biotecnologie (Icgeb) di Trieste – prima firma Rossana Bussani -, mostra le caratteristiche che contraddistinguono la polmonite da Covid-19 e potrebbero essere responsabili della difficoltà che diversi pazienti sperimentano nel ritorno alla normalità.

Come riportato il 4 novembre 2020 dal Gazzettino, il team, guidato da Mauro Giacca, ha analizzato i polmoni di 41 pazienti morti per Covid-19 da febbraio ad aprile. I reperti autoptici hanno mostrato un danno polmonare molto esteso nella maggior parte dei casi, con diversi pazienti che mostravano una sostituzione del tessuto respiratorio del polmone con un tessuto cicatriziale e fibroso.

“COVID-19: SPIKE-TOSSINA INOCULATA COI VACCINI”. L’allarme di un Immunologo Canadese

Due – spiegano i ricercatori – gli altri aspetti inattesi e specifici dei polmoni dei pazienti con Covid-19. Il primo è rappresentato da una vasta presenza di trombi nelle grandi e piccole arterie e vene polmonari, trovati in quasi il 90% dei pazienti e causati dall’attivazione anomala del sistema della coagulazione nei polmoni. Il secondo reperto è stata la presenza di una serie di cellule anormali, molto grandi e con molti nuclei, infettate dal virus anche dopo 30-40 giorni dal ricovero in ospedale.

Queste cellule derivano dalla capacità della proteina Spike del virus di stimolare la fusione delle cellule infettate con le cellule vicine. «Siamo molto stimolati da queste osservazioni – afferma Giacca – perché la persistenza del virus per tempi molto lunghi dopo l’infezione e la presenza di queste cellule fuse, sincizi, possono spiegare perché il virus causi tanta infiammazione e trombosi».

La pericolosità della Spike, e quindi della sua inoculazione tramite i vaccini, fu segnalata anche dall’immunologo canadese Bimar Bridle, professore associato dell’Università di Guelph (Ontario, Canada), che la definì una vera e propria tossina per il corpo umano, confermando l’importanza dello studio della dottoressa Ogata.

Per Serena Zacchigna (Università di Trieste e Icgeb) queste osservazioni indicano che «Covid-19 non è soltanto una malattia causata dalla morte delle cellule infettate dal virus, come per altre polmoniti, ma anche dalla persistenza di queste cellule anormali infettate nei polmoni».

“VACCINARE IN PANDEMIA E’ ARMA DI DISTRUZIONE DI MASSA” SOS Varianti del Biologo Trinca e del Virologo Montagnier

Nei laboratori del King’s College a Londra iniziò la ricerca di una nuova classe di farmaci in grado di impedire la formazione di questi sincizi, stimolare l’eliminazione del virus e bloccare la trombosi.

Nell’aprile 2021 fu finalmente raggiunto il primo traguardo. Il professor Mauro Giacca, autore principale dello studio presso il King’s College London BHF Centre of Research Excellence, ha dichiarato: “Anche se ora abbiamo un vaccino, è ancora fondamentale trovare nuovi trattamenti per prevenire e invertire la devastazione a lungo termine causata da queste cellule infette. Bloccando TMEM16, la niclosamide (farmaco usato per le infezioni da tenia) sembra avere il potere di fare proprio questo. Ora abbiamo in programma di iniziare una sperimentazione clinica in modo che la niclosamide possa essere rapidamente riproposta come trattamento per il Covid-19″.

CURE COVID IGNORATE, DENUNCIA-BOMBA DI TRINCA E FUSILLO AI PM: “Farmaco antiSARS finanziato UE ma Inutilizzato in Pandemia” (video)

Ma i governi dell’evoluto occidente scelsero di proseguire ad imporre la vaccinazione di massa che proprio a causa dei pericolosi comportamenti della proteina Spike, equiparata ad una tossina inoculata nel corpo secondo molteplici esperti di virologia e di vaccini (tra cui Luc Montagnier e Geert Vanden Bossche) possono causare varianti del Covid-19 ancora più infettive e resistenti.

Ma anche problemi di patologie autoimmuni negli anni a venire. Mentre continuano ad essere ignorate, soprattutto dal governo italiano, le terapie domiciliari efficaci contro il Covid-19, persino un farmaco sperimentato con successo contro la SARS del 2003 grazie ai finanziamenti dell’Unione Europea segnalato nella denuncia per strage di stato da parte del biologo Franco Trinca e dell’avvocato Alessandro Fusillo.

Per conoscere tutti i retroscena nei dettagli acquista il libro WuhanGates…

Fabio Giuseppe Carlo Carisio
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione
segui Gospa News su Telegram


MAIN SOURCES

GOSPA NEWS – WUHAN.GATES REPORTAGE

GOSPA NEWS – INCHIESTE CORONA VIRUS

RAI NEWS – SASSOLI RICOVERATO PER POLMONITE

LA7 – CONSULENTE FIGLUOLO: “NO AI TAMPONI PER IL GREEN PASS”

EUDRAVIGILANCE – DATI REAZIONI AVVERSE AI VACCINI 

UNICO – MALATTIE AUTOIMMUNI: I RISCHI DEI VACCINI SECONDO BOLGAN

IL GAZZETTINO – LE CELLULE ANOMALE COSTRUITE DALLA PROTEINA SPIKE

KING’S COLLEGE LONDON – ANTIPARASITIC DRUG COUL PREVENT COVID-19 LUNG DAMAGE

 

 

(Visited 12.385 times, 85 visits today)

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Un pensiero su “POLMONITE SOSPETTA PER IL VACCINATO SASSOLI. Dopo Pfizer 1.414 Decessi per Malattie Respiratorie in UE. Incubo Immunopatologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *