siteId=76639&formatId=24">

“SANTISSIMA TRINITA’: RIVOLUZIONE DI VITA PER AMARE GLI ALTRI” Da Papa Francesco a Santa Faustina

“SANTISSIMA TRINITA’: RIVOLUZIONE DI VITA PER AMARE GLI ALTRI” Da Papa Francesco a Santa Faustina

1.707 Views

Nell’immagine di copertina Papa Francesco durante l’Angelus di oggi e una stupenda rappresentazione della Santissima Trinità ne La Coronazione della Vergine, di Diego Velázquez (1645), Museo del Prado

Pubblichiamo il discorso integrale di Papa Francesco I in occasione della Festa Solenne della Santissima Trinità di oggi, domenica 12 giugno 2022, seguito dalle invocazioni stupende di Santa Faustina Kowalska, che ebbe il dono di riceverela visione della Santissima Trinità e le sue locuzioni interiori.


Cari fratelli e sorelle, buongiorno e buona domenica!

Oggi è la solennità della Santissima Trinità, e nel Vangelo della celebrazione Gesù ci presenta le altre due Persone divine, il Padre e lo Spirito Santo. Dello Spirito dice: «Non parlerà da sé stesso, ma prenderà quel che è mio e ve lo annuncerà». E poi, a proposito del Padre, dice: «Tutto quello che il Padre possiede è mio» (Gv 16,14-15). Notiamo che lo Spirito Santo parla, ma non di sé stesso: annuncia Gesù e rivela il Padre.

E notiamo anche che il Padre, il quale tutto possiede, perché è l’origine di ogni cosa, dà al Figlio tutto quello che possiede: non trattiene nulla per sé e si dona interamente al Figlio. Ossia, lo Spirito Santo parla non di sé stesso, parla di Gesù, parla di altri. E il Padre, non dà sé stesso, dà il Figlio. È la generosità aperta, uno aperto all’altro.

SOLO LO SPIRITO SANTO PUO’ VINCERE I DEMONI DELLA PANDEMIA. Con Esorcismi e Guarigioni Taumaturgiche di Apostoli e Santi

E ora guardiamo a noi, a ciò di cui parliamo e a quello che possediamo. Quando parliamo, sempre vogliamo che si dica bene di noi e spesso parliamo solo di noi stessi e di quello che facciamo. Quante volte! “Io ho fatto questo, quell’altro…”, “Avevo questo problema…”. Sempre si parla così. Quanta differenza rispetto allo Spirito Santo, che parla annunciando gli altri, e il Padre il Figlio! E, circa quello che possediamo, quanto ne siamo gelosi e quanta fatica facciamo a condividerlo con gli altri, anche con chi manca del necessario! A parole è facile, ma poi in pratica è molto difficile.

LA SANTISSIMA TRINITA’ COME RIVOLUZIONE DI VIVERE

Ecco allora che festeggiare la Santissima Trinità non è tanto un esercizio teologico, ma una rivoluzione del nostro modo di vivere. Dio, nel quale ogni Persona vive per l’altra in continua relazione, in continuo rapporto, non per sé stessa, ci provoca a vivere con gli altri e per gli altri. Aperti. Oggi possiamo chiederci se la nostra vita riflette il Dio in cui crediamo: io, che professo la fede in Dio Padre e Figlio e Spirito Santo, credo davvero che per vivere ho bisogno degli altri, ho bisogno di donarmi agli altri, ho bisogno di servire gli altri? Lo affermo a parole o lo affermo con la vita?


Ulteriori dettagli
La Coronazione della Vergine, di Diego Velázquez (1645), Museo del Prado

Il Dio trino e unico, cari fratelli e sorelle, va mostrato così, con i fatti prima che con le parole. Dio, che è autore della vita, si trasmette meno attraverso i libri e più attraverso la testimonianza di vita. Egli che, come scrive l’evangelista Giovanni, «è amore» (1 Gv 4,16), si rivela attraverso l’amore. Pensiamo alle persone buone, generose, miti che abbiamo incontrato: ricordando il loro modo di pensare e di agire, possiamo avere un piccolo riflesso di Dio-Amore. E che cosa vuol dire amare? Non solo volere bene e fare del bene, ma prima ancora, alla radice, accogliere, essere aperto agli altri, fare posto agli altri, dare spazio agli altri. Questo significa amare, alla radice.

VIVERE A IMMAGINE DI DIO PER AIUTARE GLI ALTRI

Per capirlo meglio, pensiamo ai nomi delle Persone divine, che pronunciamo ogni volta che facciamo il segno della croce: in ciascun nome c’è la presenza dell’altro. Il Padre, ad esempio, non sarebbe tale senza il Figlio; così pure il Figlio non può essere pensato da solo, ma sempre come Figlio del Padre. E lo Spirito Santo, a sua volta, è Spirito del Padre e del Figlio. In breve, la Trinità ci insegna che non si può mai stare senza l’altro.

IL MISTERO DELLA DIVINA MISERICORDIA. Miracolo d’Amore nella Sofferenza di Gesù con Santa Faustina e San Giovanni Paolo II

Non siamo isole, siamo al mondo per vivere a immagine di Dio: aperti, bisognosi degli altri e bisognosi di aiutare gli altri. E allora, poniamoci quest’ultima domanda: nella vita di tutti i giorni sono anch’io un riflesso della Trinità? Il segno di croce che faccio ogni giorno – Padre e Figlio e Spirito Santo –, quel segno di croce che facciamo tutti i giorni, rimane un gesto fine a sé stesso o ispira il mio modo di parlare, di incontrare, di rispondere, di giudicare, di perdonare?

La Madonna, figlia del Padre, madre del Figlio e sposa dello Spirito, ci aiuti ad accogliere e testimoniare nella vita il mistero di Dio-Amore.

PAPA FRANCESCO – SOLENNITÀ DELLA SANTISSIMA TRINITÀ

ANGELUS Piazza San Pietro Domenica, 12 giugno 2022


Le le parole del Santo Padre evocano nella sostanza quella propensione all’amore e alla carità cristiana ben scolpita in una frase del Padre Nostro che troppo spesso scordiamo quando abbiamo anche solo un semplice battibecco con i nostri amici e fratelli in Gesù Cristo.

rimetti a noi i nostri debiti
come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori

In questo senso è di fulgido esempio la Preghiera alla Santissima Trinità di Santa Faustina Kowalska

Sii adorata, o Santissima Trinità, ora e in ogni tem­po. Sii adorata in tutte le tue opere e in tutte le tue creature. Ammirata ed esaltata la grandezza della tua misericordia, o Dio.

O Santissima Trinità, in cui è racchiusa la vita inte­riore di Dio Padre, Figlio e Spirito Santo; o gioia eter­na, inimmaginabile abisso d’amore, che ti espandi su tutte le creature e le rendi felici; onore e gloria al tuo nome per i secoli dei secoli. Amen.

Ma non mancano nel suo Diario continue invocazioni alla Santissima Trinità gravide di dolcissima poesia. Eccone una:

O Santissima Trinità, o Dio eterno, desidero risplendere nella corona della Tua Misericordia, come una minuscola pietra, la cui bellezza dipende dalla luce del Tuo raggio e della Tua inimmaginabile Misericordia. Tutto ciò che c’è di bello nella mia anima, è Tuo, o Dio, io, per quanto ho di mio, sono sempre una nullità. Diario di Suor Faustina(1 Marzo 1936)

LA VISIONE DELLA SANTISSIMA TRINITA’

Dal Diario di Santa Faustina;

Un certo momento la presenza di Dio penetrò in tutto il mio essere. La mia mente venne singolarmente illuminata in modo da conoscere la Sua Essenza; Dio mi fece conoscere la Sua vita interiore. Vidi in ispirito le Tre Persone Divine, ma la loro Essenza è unica. Egli è Solo, Uno, Unico, ma in Tre Persone, ognuna delle quali non è più piccola né più grande; non c’è fra Loro differenza né in bellezza né in santità, poiché sono Uno. Uno, sono assolutamente Uno. il Suo amore mi ha portato a questa conoscenza e mi ha unito a Sé.

Quando ero unita con una, ero unita anche con la seconda e con la terza, poiché quando ci uniamo con una, per ciò stesso ci uniamo anche con le altre due Persone, così come lo siamo con una. Una è la Loro volontà, Uno Dio, benché Trino nelle Persone.

Quando Una delle Tre Persone si dona ad un’anima, in forza dell’unica volontà, è unita con le Tre Persone ed è inondata di felicità, che proviene dalla Santissima Trinità. Di tale felicità si nutrono i Santi. La felicità che scaturisce dalla SS.ma Trinità rende felice tutto il creato, fa sgorgare la vita, che vivifica ed anima ogni essere che ha inizio da Lui. In quei momenti la mia anima ha provato delizie divine così intense, che mi è difficile esprimere.

MEDJUGORIE E I 10 SEGRETI – 3. La Veggente Mirijana, i Misteri di Fatima e la Devozione di Giovanni Paolo II al Cuore Immacolato di Maria

 

 

(Visited 168 times, 14 visits today)

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.