BIDEN OCCULTA SEGRETI SULL’ASSASSINIO DI JFK! Rinviata Desecretazione Atti. RFK jr: “Oltraggio alla Democrazia Americana”

BIDEN OCCULTA SEGRETI SULL’ASSASSINIO DI JFK! Rinviata Desecretazione Atti. RFK jr: “Oltraggio alla Democrazia Americana”

26.022 Views

In copertina John Fitzgerald Kennedy a Dallas prima dell’assassinio e suo nipote Robert Francis Kennedy jr.

ENGLISH VERSION HERE

Ancora una volta una Democrazia occidentale che dovrebbe risplendere per trasparenza e completezza dell’informazione sui grandi delitti della storia diventa complice dei cospiratori.

Proprio come nel caso di Dag Hammarskjold, il segretario generale dell’ONU morto in Africa nel 1961 in un incidente aereo che molte fonti investigative ritengono fosse un attentato, anche per il famoso JFK la verità rimane occultata da alcuni burattinai del Deep State.

Se nel caso del diplomatico svedese fu l’Intelligence britannica ad opporsi alla desecretazione totale dei documenti dell controspionaggio MI6, nel caso dell’ex presidente americano è l’attuale inquilino della Casa Bianca, Joseph Biden, a rimandare la pubblicazione di alcuni atti.

IL SEGRETARIO ONU HAMMARSKJOLD UCCISO PER LA SECONDA VOLTA DAL DEEP STATE. Il Regno Unito blocca l’inchiesta

Essi trattano i cittadini come bambini stupidi a cui potrebbe far male conoscere le trame dei complotti, soprattutto nel momento in cui il mondo sta affrontando una pandemia da SARS-Cov-2 che scienziati illustri ed esperti di intelligence ritengono sia stato creato in laboratorio.

Forse già a breve pubblicheremo un’importante inchiesta internazionale che mette in correlazione l’assassinio di Kennedy con gli attentati dell’11 settembre.

Nota del direttore di Gospa News Fabio G.C. Carisio


I nipoti di John F. Kennedy stanno criticando la decisione dell’amministrazione Biden di posticipare il rilascio programmato dei documenti sull’assassinio di JFK che rimangono secretati fino alla fine del 2022. I membri della famiglia Kennedy affermano che la segretezza deve finire.

La Casa Bianca ha pubblicato un memorandum venerdì annunciando che avrebbe ritardato le informazioni in alcuni documenti relativi all’assassinio del presidente John F. Kennedy nel 1963, una pubblicazione che doveva essere pubblicata questo martedì. La nota spiega il continuo rinvio secondo gli standard di legge e la possibilità di un rinvio più lungo se l’amministrazione Biden lo ritenesse necessario.

11 SETTEMBRE, L’EVITABILE STRAGE PERMESSA DALLA CIA. Aiutò Al Qaeda nei Balcani. Ostacolò l’agente FBI O’Neill, Morto nel WTC

“È un oltraggio. È un oltraggio alla democrazia americana. Non dovremmo avere governi segreti all’interno del governo”, avrebbe detto Robert F. Kennedy Jr. a POLITICO. “Come diavolo sono passati 58 anni, e cosa nel mondo potrebbe giustificare la mancata pubblicazione di questi documenti?”

Anche il cugino di Kennedy Jr., l’ex rappresentante degli Stati Uniti del Rhode Island Patrick Kennedy, ha criticato la decisione, affermando che i documenti dovrebbero essere rilasciati non a causa della sua famiglia, ma perché i cittadini americani hanno il diritto di sapere “qualcosa che ha lasciato un tale cicatrice nell’anima di questa nazione che ha perso non solo un presidente, ma anche la promessa di un futuro più luminoso”.

“Penso che per il bene del paese, tutto debba essere messo in campo in modo che ci sia una maggiore comprensione della nostra storia”, ha detto.

ATTACCHI 11 SETTEMBRE: DESECRETATA MEMORIA FBI, SOSPETTI SUI SAUDITI. Ma Silenzio su Israele e Coperture CIA

 

La decisione di Biden di trattenere i record che sarebbero stati declassificati nel 2017 e rinviati di quattro anni dall’ex presidente Donald Trump, crea una “tendenza a diffidare del governo in generale”, secondo Patrick Kennedy.

“Viviamo in un periodo di molte teorie del complotto… c’è un sacco di offuscamento burocratico. Ogni agenzia ha bisogno di esercitare il proprio diritto di oscurare alcune parti [dei registri], che come sai è ciò che alimenta l’intera teoria della cospirazione”. Kennedy Jr. avrebbe concordato con la convinzione del defunto padre che suo zio fosse stato assassinato come parte di una cospirazione più ampia.

KENNEDY CONTRO L’OK FDA AL VACCINO PFIZER: “Abolito il Processo Pubblico, Svelata la Corruzione”

L’amministrazione Biden ha raccontato l'”impatto significativo” della pandemia di COVID-19 come causa del rallentamento del processo di revisione se le revisioni continuano a soddisfare lo “standard di legge” – inducendo i nipoti Kennedy a commentare il rilascio prolungato dei documenti.

In una dichiarazione scritta come parte del memorandum, la Casa Bianca ha promesso che “il pubblico avrà accesso a una tranche di documenti precedentemente trattenuti e informazioni oscurate trattenute in documenti precedentemente rilasciati”, in poco più di un anno, il 15 dicembre 2022.

Pubblicato su Sputnik International il 25 ottobre 2021

(Visited 965 times, 8 visits today)

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *