INCUBI DA VACCINI COVID. Aumentano Rischi di Tumori, Sindromi Coronariche, Trombi Venosi Cerebrali e Disturbi alla Tiroide. 4 Studi Shock!

INCUBI DA VACCINI COVID. Aumentano Rischi di Tumori, Sindromi Coronariche, Trombi Venosi Cerebrali e Disturbi alla Tiroide. 4 Studi Shock!

75.561 Views

Tre studi pubblicati su ricerche mediche specializzate e uno diffuso da un ente istituzionale non hanno dubbi. Un medico dell’Idaho ospitato da una piattaforma informativa del governo statale avverte sui rischi di cancro (come già anticipato dal virologo Luc Montagnier e dal medico italiano Pasquale Bacco) dei vaccini a base di RNA messaggero (come Pfizer e Moderna), mentre un cardiologo lancia l’allarme sul drastico aumento di Sindromi Coronarie Acute rilevati dopo la somministrazione degli stessi prodotti di immunizzazione antiCovid.

WUHAN-GATES 43. OMICRON: VARIANTE PER LA QUARTA DOSE DI VACCINI. Altra Mutazione o Nuovo Genotipo di SARS-Cov-2 da Laboratorio?

Un’altra ricerca conferma invece i già noti rischi di trombosi venosi cerebrali associate ai vaccini a base di vettori adenovirus (come AstraZeneca e Johnson&Johnson). Infine uno studio pubblicato sul Journal of Endocrinological Investigation da otto ricercatori evidenzia il pericolo che i sieri genici mRNA possano scatenare la Sindrome Autoimmune/Infiammatoria indotta dagli Adiuvanti (ASIA). All’interno dell’articolo i link a precedenti allarmanti ricerche scientifiche sulle incognite connesse ai vaccini antoCovid. Nonostante ciò l’EMA (European Medicines Agency), proprio oggi, giovedì 25 novembre, ha approvato l’uso di emergenza del vaccino Comirnaty anche per i bambini di 5 anni… 

RISCHI CANCRO: ALLERTA DEL MEDICO CHE COLLABORA COL GOVERNO DELL’IDAHO

Il 18 marzo, il dottor Ryan Cole, un patologo certificato dal consiglio di amministrazione e proprietario e operatore di un laboratorio di diagnostica, ha riferito al pubblico in un video prodotto dal progetto “Capitol Clarity” del governo dello stato dell’Idaho, che sta assistendo a un enorme “aumento” in varie malattie autoimmuni e tumori in pazienti che sono stati vaccinati.

Questo medico, chirurgo specializzato in cardiologia, si è formato presso la Mayo Clinic e gestisce il più grande laboratorio di analisi indipendente dell’Idaho.

VACCINO COVID A 5 ANNI: EMA DA’ OK MA CELA RISCHI MIOCARDITI. L’Agenzia UE del Farmaco agevola la tedesca Biontech ignorando il Dossier Pfizer

“Dal 1 gennaio, in laboratorio, vedo un aumento di 20 volte dei tumori dell’endometrio rispetto a quello che vedo su base annuale”, ha riferito il dott. Cole nel video clip condiviso su Twitter. “Non sto affatto esagerando perché guardo i miei numeri anno dopo anno, sono tipo ‘Accidenti, non ho mai visto così tanti tumori dell’endometrio prima'”, ha continuato.

Spiegando le sue scoperte all’evento del 18 marzo, Cole ha detto ai residenti dell’Idaho che i vaccini sembrano causare gravi problemi autoimmuni, in un modo che ha descritto come una risposta “inversa all’HIV”.

Cole ha spiegato che sono necessari due tipi di cellule per un’adeguata funzione del sistema immunitario: “cellule T helper”, chiamate anche “cellule CD4” e “cellule T killer”, spesso note come “cellule CD8”.

“RISCHIO ATTACCHI DI CUORE PER PILOTI VACCINATI COVID: NON DEVONO VOLARE”. Ufficiale Medico US Air Force “Whistleblower” denuncia anche Sostanze Tossiche nei Vaccini

Secondo Cole, nei pazienti con HIV, c’è una massiccia soppressione delle “cellule T helper” che causano il crollo delle funzioni del sistema immunitario e lasciano il paziente suscettibile a una varietà di malattie. Allo stesso modo, Cole descrive, “post-vaccino, quello che stiamo vedendo è un calo nelle tue cellule T killer, nelle tue cellule CD8″, “E cosa fanno le cellule CD8? Tengono sotto controllo tutti gli altri virus”, ha continuato.

Proprio come l’HIV provoca l’interruzione del sistema immunitario sopprimendo le cellule “helper” CD4, la stessa cosa accade quando le cellule “killer” CD8 vengono soppresse. Secondo l’opinione degli esperti del Dr. Cole, questo è ciò che sembra essere il caso dei colpi COVID-19.

“RISCHI ABORTI SPONTANEI DA VACCINI mRNA”. Scienziate Neozelandesi: “Stop Sieri Genici per Donne in Gravidanza e Bimbi”

Cole prosegue affermando che come risultato di questa soppressione delle “cellule T killer” indotta dal vaccino, sta assistendo a un “aumento” non solo del cancro dell’endometrio, ma anche dei melanomi, nonché dell’herpes, dell’herpes zoster, della mononucleosi e di un “enorme aumento” dell’HPV quando “si osservano le biopsie cervicali delle donne”.

Secondo uno studio di ricerca tedesco, è stato scoperto che il glicole polietilenico, un ingrediente presente nei colpi Pfizer e Moderna, rappresenta un “potenziale rischio di tossicità” per le ovaie delle donne. Il dottor Michael Yeadon, ex vicepresidente di Pfizer, ha citato lo studio tedesco come una possibile spiegazione per il gran numero di irregolarità mestruali e aborti segnalati dalle donne vaccinate.

Il Dr. Cole afferma nel suo video che, non solo i melanomi si manifestano più frequentemente, come i tumori dell’endometrio, i melanomi si sviluppano anche più rapidamente e sono più gravi nelle persone più giovani, di quanto non abbia mai visto in precedenza.

“SARS-COV-2 E VACCINI MODIFICANO IL DNA UMANO. Enorme Esperimento sulla Popolazione”. Studio Incubo di Genetista Tedesco su Science Direct

“La cosa più preoccupante è che c’è un modello di questi tipi di cellule immunitarie nel corpo che tiene sotto controllo il cancro”, ha affermato il medico. “Vedo melanomi invasivi nei pazienti più giovani; normalmente li prendiamo presto, e sono melanomi sottili, [ma] sto vedendo melanomi spessi salire alle stelle negli ultimi mesi o due “, ha aggiunto.

Cole è diventato famoso nel gennaio del 2021 quando il governo dell’Idaho ha messo in atto un impegno chiamato “Capitol Clarity”, con l’obiettivo dichiarato di tenere gli abitanti dell’Idaho informati sui fatti che circondano il COVID-19. Da allora Capitol Clarity ha ospitato più volte il Dr. Ryan Cole per fornire informazioni al pubblico sulla sicurezza dei vaccini e sulle misure COVID-19 più in generale.

I video del Dr. Cole a questi eventi, che sono stati originariamente pubblicati su YouTube, da allora sono stati eliminati dalla piattaforma video di proprietà di Google in un continuo sforzo di censura da parte di Big Tech.

AUMENTO DEI RISCHI DELLA SINDROME CORONARICA ACUTA

“I vaccini mRNA COVID aumentano drasticamente i marcatori infiammatori endoteliali e il rischio di ACS misurato dal test cardiaco PULS: un avvertimento” è il titolo dello studio diffuso da Steven R. Gundry nelle sessioni scientifiche 2021 dell’American Heart Association (AHA), tenutesi dal 13 al 15 novembre 2021 e poi pubblicato sul relativo AHA Journal.

Utilizzando il test cardiaco PULS, che misura più biomarcatori proteici, i ricercatori sono stati in grado di generare un punteggio che predice il rischio a 5 anni di sviluppare la sindrome coronarica acuta. Il rischio di sviluppare la sindrome coronarica acuta (ACS) è aumentato significativamente nei pazienti dopo aver ricevuto vaccini mRNA COVID-19.

VACCINATI M-RNA COME CAVIE UMANE! Persino lo “Studio Ogata” pagato da Gates conferma Reazioni Ignote e Pericolose. Rischi di Tempesta di Citochine già segnalati da Ricerca Cinese

Lo studio ha incluso 566 uomini e donne (1:1) di età compresa tra 28 e 97 anni, che erano pazienti in una pratica di cardiologia preventiva. Tutti i pazienti hanno ricevuto un nuovo test cardiaco PULS 2-10 settimane dopo il secondo vaccino COVID-19. Questo risultato del test è stato confrontato con un punteggio PULS di 3-5 mesi di prevaccinazione. Il test cardiaco PULS misura più biomarcatori proteici, tra cui il fattore di crescita degli epatociti [HGF], Fas solubile e IL-16, e utilizza i risultati per calcolare un punteggio di rischio a 5 anni per la nuova SCA. Il punteggio PULS aumenta con un’elevazione superiore al normale. Tutti i partecipanti hanno ricevuto questo test ogni 3-6 mesi per 8 anni.

DOSSIER PFIZER CONFERMA ESPERIMENTI GENICI SU BIMBI DI 5 ANNI: “Rischi Miocarditi da Vaccini, Pochi Dati: Studieremo poi…”

«Dalla prevaccinazione alla postvaccinazione, i livelli di IL-16 sono aumentati da 35=/-20 a 82=/-75 al di sopra della norma. Solubile Fas ha mostrato un aumento da 22±15 a 46=/-24 sopra la norma. L’HGF è passato da 42±12 a 86±31 al di sopra della norma. Di conseguenza, il punteggio di rischio ACS PULS a 5 anni è aumentato dall’11% al 25%. Al momento della pubblicazione del rapporto, i cambiamenti erano persistiti per 2,5 mesi o più dopo la seconda dose di vaccino» scrive Gundry.

L’autore dello studio ha concluso che “l’mRNA [i vaccini] aumentano notevolmente l’infiammazione sull’endotelio e l’infiltrazione di cellule T del muscolo cardiaco e possono spiegare le osservazioni di aumento della trombosi, cardiomiopatia e altri eventi vascolari dopo la vaccinazione”.

 

VACCINO COVID-19 CON VETTORI ADENOVIRUS ASSOCIATO ALLA TROMBOSI VENOSA CEREBRALE

Secondo i risultati di uno studio pubblicato su The Journal of Headache and Pain, l’insorgenza ritardata del mal di testa a seguito della vaccinazione con un vaccino COVID-19 a base di vettore di adenovirus è associata allo sviluppo di trombosi venosa cerebrale (CVT).

«I vaccini COVID-19 basati su vettori di adenovirus (Oxford-AstraZeneca ChAdOx1-S e Johnson & Johnson Janssen Ad26.COV2S) sono stati associati a CVT. Dato che il mal di testa è il sintomo più frequente della CVT, i ricercatori hanno condotto uno studio osservazionale con un disegno caso-controllo in individui vaccinati con vaccini COVID-19 basati su vettori di adenovirus non replicanti» ha spiegato Lauren Dembeck su Hematology Advisor.

OMICIDIO DI STATO! “CAMILLA UCCISA A 18 ANNI DAL VACCINO”. La Perizia Giudiziaria conferma gli Atroci Sospetti

Il team ha cercato tutti i casi pubblicati e le serie di casi relativi alla CVT a seguito di vaccini basati su vettori di adenovirus non replicanti COVID-19 tra il 1 marzo e il 30 aprile 2021. Hanno anche valutato i rapporti specifici dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie e dell’Unione europea Medicines Agency e da tutte le pubblicazioni e i rapporti hanno estratto le variabili demografiche e cliniche e l’intervallo tra la vaccinazione e l’insorgenza del mal di testa.

PERICOLO DI SINDROME AUTOIMMUNE DELLA TIROIDE

“La tiroide come bersaglio della sindrome adiuvante autoimmunità/infiammatoria dovuta alla vaccinazione SARS-CoV2 basata su mRNA: dal morbo di Graves alla tiroidite silente” è il titolo della ricerca pubblicata sul Journal of Endocrinological Investigation dai ricercatori A. Pujol, L.-A. Gomez, C. Gallegos, J. Nicolau, P. Sanchis, M. González-Freire, K. Dotres & L. Masmiquel.

«Poiché il COVID-19 è diventato una pandemia, l’urgente necessità di trovare un vaccino terapeutico efficace è stato uno degli obiettivi principali. I vaccini contengono adiuvanti che non sono esenti da effetti avversi e possono scatenare la Sindrome Autoimmune/Infiammatoria indotta dagli Adiuvanti (ASIA). Ci sono pochissime informazioni sulla malattia endocrina autoimmune e sull’ASIA dopo l’uso della vaccinazione SARS-CoV2 basata su mRNA» si legge nell’abstract della ricerca.

“DAI VACCINI COVID RISCHI DI GRAVI DANNI POLMONARI”. Ricerca Shock su Nature: ignorata da Comunità Scientifica, Big Pharma e Media

Riportiamo tre casi e rivediamo anche la letteratura che mostra che la ghiandola tiroidea può essere coinvolta nell’ASIA indotta dalla vaccinazione SARS-CoV2 a base di mRNA. Presentiamo il primo caso ad oggi di tiroidite silente descritto nel contesto della vaccinazione SARS-CoV2 con Pfizer/BioNTech. Inoltre, discutiamo della prima tiroidite subacuta nel contesto della vaccinazione SARS-CoV2 con il vaccino di Moderna. Infine, forniamo un altro caso da aggiungere alle prove esistenti sulla malattia di Graves che si verifica dopo la vaccinazione con il vaccino Pfizer/BioNTech.

“IO, STAR DI SUCCESSO, ROVINATA DAL VACCINO PFIZER”. Tragica Testimonianza dell’attrice Monique Morley colpita da Pericardite

 

«Gli adiuvanti svolgono un ruolo importante nei vaccini. La loro capacità di aumentare l’immunogenicità del principio attivo è necessaria per ottenere la risposta immunitaria desiderata. Sia il vaccino Moderna che quello Pfizer/BioNTech utilizzano la codifica dell’mRNA per la proteina SARS-CoV2 S potenziata dagli adiuvanti. Inoltre, è stata segnalata la cross-reattività tra SARS-CoV2 e antigeni tiroidei. Ciò spiegherebbe, almeno, alcune delle reazioni autoimmuni/infiammatorie prodotte durante e dopo l’infezione e la vaccinazione da SARS-CoV2» aggiungono gli scienziati.

«La sindrome autoimmune/infiammatoria indotta da adiuvanti che coinvolgono la tiroide potrebbe essere un effetto avverso della vaccinazione SARS-CoV2 e potrebbe essere sottodiagnosticata» conclude la ricerca.

Per conoscere tutti i retroscena sulla pandemia da SARS-Cov-2 creato in laboratorio acquista il libro WuhanGates…

Redazione Gospa News
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione
segui Gospa News su Telegram


MAIN SOURCES

GOSPA NEWS – WUHAN.GATES REPORTAGE

GOSPA NEWS – INCHIESTE CORONA VIRUS

LIFE SITE NEWS – Idaho doctor reports a ‘20 times increase’ of cancer in vaccinated patients 

AH JOURNAL – Mrna COVID Vaccines Dramatically Increase Endothelial Inflammatory Markers and ACS Risk as Measured by the PULS Cardiac Test: a Warning

HEMATOLOGY ADVISOR – Cerebral Venous Thrombosis

JOURNAL OF ENDOCRONILOGICAL INVESTIGATION – Thyroid

RAPPORTO EUDRAVIGILANCE: QUASI 30MILA MORTI DOPO I VACCINI. Oltre 1 Milione di Sospette Reazioni Avverse Gravi

VACCINI COVID, CRONACHE DI FLOP ANNUNCIATO: Più Morti in UE. Più Ricoveri in Irlanda. Più Contagi in UK. Dosi e Restrizioni Extra in Italia

 

(Visited 21.043 times, 1.783 visits today)

Redazione Gospa News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *