siteId=76639&formatId=24">

INCUBO GAS & PETROLIO PER UE E USA. Dopo l’Invasione Russa in Ucraina Mercato Energetico in Tilt

INCUBO GAS & PETROLIO PER UE E USA. Dopo l’Invasione Russa in Ucraina Mercato Energetico in Tilt

57.043 Views

Introduzione di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

ENGLISH VERSION

Per riassumere un lungo video su Rumble (solo in italiano) nei giorni scorsi ho pubblicato una rapida riflessione sullo scenario in cinque fasi che può portare alla rovina l’Italia, l’Europa e l’umanità: Pandemia, guerra locale in Ucraina, carestia, terza guerra mondiale e Apocalisse.

Sono queste le tappe imminenti dei prossimi anni se tutti gli uomini di buona volontà e in particolare i buoni cristiani non potranno opporsi al potentato massonico-militare del Nuovo Ordine Mondiale che, sfruttando antiche alleanze ed entità governative come la NATO, gli USA, l’Unione Europea, puntano a conquistare il dominio dell’intero pianeta.

Ieri abbiamo pubblicato nella sezione in inglese di Gospa News l’articolo scientifico dell’esperta Cinthya Chung sulla politica “criminale” dell’Unione Europea in materia di risorse energetiche che ha favorito la crisi del gas e dell’elettricità con una folle impennata dei prezzi iniziata già nel 2020 ed esplosa nel 2021.

L’ORSO RUSSO CRISTIANO CONTRO I DRAGHI ATLANTISTI CATTO-MASSONI. Da Pandemia e Donbass all’Apocalisse

 

Ne riporto alcune frasi emblematiche: «Lo zar del clima dell’UE Frans Timmermans ha dichiarato nelle sue osservazioni di apertura alla discussione “Fit for 55” il 6 ottobre 2021:“Voglio dire chiaramente che se avessimo avuto il Green Deal 5 anni fa, non saremmo in questa posizione. Quindi avremmo molta più energia rinnovabile i cui prezzi sono costantemente bassi e non diventeremmo così dipendenti dai combustibili fossili al di fuori dell’Unione Europea”».

«O Timmermans è deluso perché le energie rinnovabili non hanno la capacità di compensare nucleare, gas naturale e carbone o è criminalmente incompetente poiché nel mezzo di una crisi energetica, non ammette il suo ruolo di zar del clima dell’UE per aver messo gli europei in una posizione così pericolosa» ha commentato Chung.

EU’s Criminal Energy Politics & Freezing of Nord Stream 2: A Mass Sacrifice to the Gods?

Oggi attingiamo all’argomento con l’analisi dettagliata del problema del The Soufan Center (TSC), il sito di geopolitica e intelligence creato dall’omonimo agente dell’FBI che indagò sugli attentati dell’11 settembre 2001 a New York. Le paure che ho espresso nel mio video sono assolutamente confermate.

Il TSC è fortemente critico nei confronti dell’operazione militare speciale della Russia in Ucraina, motivato dalla reale protezione delle repubbliche filo-russe del Donbass e da un piano di “smilitarizzazione” e “denazificazione” studiato da Putin in risposta al colpo di stato avvenuto a Kiev nel 2014 con il sostegno finanziario di George Soros e delle ambasciate occidentali e nei successivi 6 anni di guerra civile con 10mila morti.

GOLPE NATO IN UCRAINA: LA GENESI – 2. Obama, Soros, 007 MI6 & Kyiv Security Forum

Va inoltre ricordato che il territorio conteso del Donbass è ricco di gas naturale e petrolio ed è stato uno dei principali bersagli dell’industria energetica ucraina Burisma di cui è stato l’amministratore Hunt Biden, figlio del presidente Joseph che come vice di Barack Obama è stato nascosto dal finanziamento della riforma della polizia e dell’esercito di Kiev.


a cura di The Soufan Center

L’inaspettato fallimento dell’intensa diplomazia statunitense ed europea nel scoraggiare l’invasione russa dell’Ucraina ha convinto i leader europei a ridurre la loro dipendenza dalle esportazioni russe di gas naturale, la principale fonte di energia per il continente. Tuttavia, le soluzioni non sono né semplici né rapide. La Russia produce il 17% di tutto il gas naturale e il 12% del petrolio mondiale. Fornisce circa il 40% del gas naturale dei paesi dell’Unione Europea, parte del quale scorre attraverso gasdotti che attraversano l’Ucraina.

UKRAINEGATE: SCOTTANTE “MEMO” ACCUSA BIDEN E KERRY, già vice e segretario di Obama. Kiev riavvia l’inchiesta

Il colosso del gas russo Gazprom ha rifiutato negli ultimi mesi di fornire importi superiori a quelli specificati nei contratti a lungo termine, provocando un aumento significativo dei prezzi del gas naturale in Europa. L’invasione non provocata dell’Ucraina da parte della Russia ha causato un ulteriore aumento dei prezzi del gas e del petrolio; il prezzo del greggio è inizialmente aumentato a oltre $ 100 al barile dopo l’inizio dell’assalto russo, un livello non raggiunto dal 2014. Nel novembre 2021, secondo l’Energy Information Administration (EIA), gli Stati Uniti hanno importato circa 600.000 barili al giorno di il petrolio.

L’invasione ha rappresentato una sfida abbastanza grave per la sicurezza europea che i leader della Germania, nonostante l’iniziale esitazione, hanno sospeso le approvazioni finali per attivare il gasdotto Nord Stream 2 dalla Russia in risposta. Tuttavia, la dipendenza dall’energia russa ha contribuito alla decisione dell’amministrazione Biden e dei partner statunitensi in Europa di non imporre sanzioni alle infrastrutture e alle forniture attualmente attive dalla Russia. Trattenere l’imposizione di sanzioni energetiche paralizzanti alla Russia priva i leader occidentali di una leva fondamentale.

CENSURA AI MEDIA RUSSI COME AI NO VAX SUI VACCINI. Dittatura UE-NWO & Armi al Regime filo-Nazista

I ricavi delle esportazioni di petrolio e gas forniscono più di un terzo del bilancio del governo russo e la Russia ha in gran parte fallito nel diversificare la sua economia lontano dalla dipendenza dalle esportazioni di idrocarburi. Sanzioni energetiche globali alla Russia, secondo alcuni esperti, imporrebbero costi all’economia russa sufficienti da indurre il presidente russo Vladimir Putin a limitare gli obiettivi della sua offensiva in Ucraina e scoraggiare un’ulteriore aggressione russa oltre l’Ucraina.

Lo scoppio del conflitto vero e proprio ha intensificato le discussioni occidentali per organizzare fonti di energia alternative, in particolare di gas naturale, anche se la Russia non ha, ad oggi, tagliato o ridotto le sue esportazioni di energia. I leader occidentali sembrano convinti di dover garantire forniture di gas che potrebbero compensare le esportazioni russe, se il conflitto in Ucraina si espandesse o il presidente Putin decidesse di tagliare o ridurre drasticamente le esportazioni di energia della Russia.

UCRAINA: ROMPERE LA CORNICE MAINSTREAM. Per Ricordare le Guerre NATO-USA in Bosnia, Libia e Siria

Soluzioni facili e rapide potrebbero essere sfuggenti, sebbene alcuni paesi siano in grado di aiutare ad alleviare, ma non a risolvere del tutto, una crisi energetica in Europa. A parte le importazioni dalla Russia, i paesi europei importano gas naturale dagli Stati Uniti. L’Australia, alleato degli Stati Uniti e importante fornitore di gas naturale, ha accettato di aumentare le forniture all’Europa, se necessario.

Gli Stati Uniti hanno considerato il Medio Oriente e il Nord Africa (MENA) ricchi di energia come una potenziale fonte di nuove forniture di gas naturale. Alla fine di gennaio, il presidente Biden ha tenuto un vertice a breve termine con l’emiro (governante) del Qatar, uno dei maggiori fornitori mondiali di gas naturale, incentrato sulla possibilità che il Qatar sia in grado di compensare eventuali perdite di forniture di gas russe all’Europa. Tuttavia, le risposte del Qatar hanno illustrato la difficoltà di riorientare il mercato energetico globale, in particolare in risposta a una crisi che si manifesta rapidamente.

MATTARELLA AMBASCIATORE NWO: ANNUNCIA CRISI GAS E VENTI DI GUERRA. Biden & NATO già in Azione in Ucraina e Siria contro la Russia

Il 22 febbraio il ministro dell’Energia del Qatar, Saad al-Kaabi, ha spiegato che sarebbe “quasi impossibile” per l’Europa sostituire le sue importazioni di gas nel caso in cui la Russia decidesse di limitare le forniture nel mezzo di un peggioramento della crisi ucraina. Pur non escludendo ulteriori forniture del Qatar all’Europa, il ministro ha aggiunto: “Non esiste un solo Paese che possa sostituire quel tipo di volume, non c’è la capacità di farlo dal GNL (gas naturale liquefatto)… La maggior parte dei Il GNL è legato a contratti a lungo termine e destinazioni molto chiare. Quindi, sostituire quella somma di volume che rapidamente è quasi impossibile”.

LOBBY ARMI – 4. Italia e UK nelle mani dei Fratelli Musulmani del Qatar: soci Rothschild e finanziatori di Jihadisti

I commenti del ministro hanno indicato che, affinché un fornitore come il Qatar fornisca ulteriore gas naturale all’Europa, alcuni dei suoi clienti esistenti, come India, Corea del Sud e Giappone, dovrebbero accettare di accettare una riduzione delle loro importazioni di gas dal Qatar con contratti esistenti. Ciò creerebbe carenze e aumenti dei prezzi in quei paesi, facendo esitare i loro leader a cooperare in un reindirizzamento delle esportazioni di gas del Qatar.

ITALIA IN LIBIA ALLEATA DI TURCHIA & QATAR. In nome di Fratellanza Musulmana e Lobby delle Armi

 

Tra gli altri paesi della regione, l’Algeria è già il terzo fornitore di gas dell’Unione europea (dopo Russia e Norvegia), fornendo circa l’8% delle forniture di gas dell’UE nel 2021 tramite gasdotti attraverso il Mar Mediterraneo. Tuttavia, la politica algerina e le sue politiche regionali potrebbero ostacolare la sua capacità di aumentare le sue esportazioni. Allo stesso modo, alcuni esperti considerano la Libia potenzialmente in grado di contribuire ad alleviare una carenza, data la sua forte produzione di gas e la vicinanza al continente. Tuttavia, l’instabilità politica della Libia la rende un partner energetico problematico e la sua capacità di aumentare le esportazioni di gas è limitata.

Anche se le soluzioni alla dipendenza europea dalle forniture energetiche russe non sono prontamente disponibili, la crisi ucraina ha dato slancio allo sforzo a lungo discusso, ma finora in stallo, di diversificare le forniture energetiche dell’Europa. Nel tempo, i leader europei saranno probabilmente in grado di assicurarsi forniture alternative attraverso contratti a lungo termine. La crisi ucraina rafforzerà anche gli impegni già chiari dei leader europei di investire nelle energie rinnovabili e in altre soluzioni energetiche rispettose del clima.

CLIMA, TELENOVELA COP26: ANCHE I RICCHI PIANGONO! Per Derubare i Paesi Poveri dei Fondi di Emergenza… Greta: “Solo Bla, Bla”

Le decisioni delle principali società energetiche come British Petroleum e Shell, che stanno annullando le joint venture con società energetiche russe come Gazprom, avranno anche un ulteriore impatto sulle forniture globali e danneggeranno il ruolo della Russia come fornitore chiave di energia. Tuttavia, è certo che la valutazione del presidente Putin sulla dipendenza energetica europea dalla Russia ha tenuto conto nei suoi calcoli delle probabili conseguenze dell’invasione dell’Ucraina.

Originariamente pubblicato da The Soufan Center


I links agli articoli di Gospa News sono stati aggiunti dalla nostra redazione

UCRAINA: INCUBO NUCLEARE E BIOCHIMICO. Allerta Attentato 007 con NeoNazisti in Centrale Donbass per Incolpare i Russi

MIGRANTI PROTETTI IN ITALIA, ARRESTATI IN POLONIA. Bieca Ipocrisia UE & Guerra Fredda NATO. Improvvisa Interruzione di Oleodotto Bielorusso

KIEV: BIMBO MORTO(?) “IN POSA” DOPO FINTO ATTACCO ALL’OSPEDALE. Fake-News dall’Italia alla Nuova Zelanda

(Visited 576 times, 2 visits today)

fonte selezionata da Gospa News

Un pensiero su “INCUBO GAS & PETROLIO PER UE E USA. Dopo l’Invasione Russa in Ucraina Mercato Energetico in Tilt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.