siteId=76639&formatId=24">

GOLPE NATO IN UCRAINA: LA GENESI – 2. Obama, Soros, 007 MI6 & Kyiv Security Forum

GOLPE NATO IN UCRAINA: LA GENESI – 2. Obama, Soros, 007 MI6 & Kyiv Security Forum

206.714 Views

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

ENGLISH VERSION

Alla fine il pavido presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelens’kyj, nei giorni più tesi della crisi geopolitica internazionale che vedeva il suo paese al centro del braccio di ferro tra NATO e Russia, ha vestito i panni che gli erano più consoni: ha fatto il comico istrione come nella sua carriera televisiva ed ha inscenato un teatrino di pagliacciate sulla pelle e sull’economia di Kiev e del Donbass.

Prima il suo ambasciatore a Londra e poi lui stesso hanno smentito che l’ingresso dell’Ucraina nella NATO fosse un’ambizione del suo governo rispondendo picche a Jens Stoltenberg, segretario della North Atlantic Treaty Organization, che aveva già dato per “certo” l’ingresso nell’alleanza atlantica di Georgia ed Ucraina, senza peraltro tracciare un minimo piano temporale che rendesse credibile il capzioso annuncio.

INGANNI NATO & CRIMINI DI GUERRA. Corte Penale contro Putin! Impuniti Macellaio Bosniaco Generale di Jihadisti e Nazisti Ucraini

Zelens’kyj lo ha fatto quando la tensione dei media e dei governi USA e UE stava salendo alle stelle per una “imminente invasione Russa”, fomentata da Bloomberg su fantomatici dossier della Central Intelligence Agency (CIA, controspionaggio americano), e lui ha “osato” chiederne le prove al presidente Joseph Biden,

Come ben sanno i lettori di Gospa News dietro al POTUS (President of the United States) si muove quel potentato di finanzieri, massoni e 007 militari denominato Deep State, di cui è stata confermata l’esistenza dall’ex direttore CIA dell’amministrazione Obama-Biden, John Brennan, proprio in relazione all’UkraineGate costato una fallita proceduta d’Impeachment a Donald Trump.

UKRAINEGATE, COMPLOTTO DEEP STATE CONTRO TRUMP: tra i due informatori CIA spunta anche Renzi

Qualche giorno dopo deve essere arrivato un messaggio chiaro da Washington e il  capo di Stato di Kiev si è messo sull’attenti.

Anzi: a dire il vero si è messo in ginocchio (o a novanta gradi se preferite) ed è stato costretto a prendere sul serio la macroscopica “false-flag” montata da intelligence, militari e/o paramilitari della Guardia Nazionale Ucraina, dove c’è ampia scelta del peggio dei guerriglieri mondiali, dai filo-nazisti ai jihadisti, tanto da ricordare la parodia di Mel Brooks “Mezzogiorno e mezzo di fuoco”. Purtroppo diventato torva realtà.

BOMBA(?) SULL’ASILO IN UCRAINA, FALSE-FLAG NATO & JIHADISTI. Battaglione Sheikh Mansur Difeso da Media di Soros, UE e USA

Zelens’kyj ha creduto – o da bravo attore fatto finta di credere – al bombardamento dell’asilo sventrato probabilmente a picconate ed ha autorizzato le azioni di artiglieria contro il Donbass che hanno ucciso nella giornata del 21 febbraio 2022 almeno due civili filo-russi.

Niente male per un comico: inventarsi una sceneggiata letale sotto i riflettori mondiali! Solo a quel punto, probabilmente disgustato per la scarsa serietà nella dialettica diplomatica dinnanzi al destino di milioni di persone, il presidente della Russia Vladimir Putin ha detto “BASTA!”.

Nel rammentare che un personaggio così mediocre è l’attuale presidente ucraino non dobbiamo scordare che è circondato da ministri scafati come il Ministro dell’Interno Arsen Avakov, già arrestato a Frosinone per un mandato di cattura internazionale dell’Interpol e capace di far arrivare fucili automatici Tavor di fabbricazione sionista ai suoi fedelissimi criminali del Battaglione Azov, divenuti famosi non solo per i simboli neonazisti ma anche le denunce di Amnesty International.

PUTIN TUONA DA MOSCA: “IL BAGNO DI SANGUE SULLA COSCIENZA DI KIEV”. Riconoscimento e Invio Militari alle Repubbliche del Donbass

 

Nel rammentarlo ci viene in mente il guappo napoletano “Giggino l’Abbronzato”, ovvero il Ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio passato dalla vendita di bibite allo stadio San Paolo ai vertici internazionali.

Ma in fondo anch’egli non è che un pagliaccio piazzato lì dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che, invirtù della sua esperienza ministeriale con deleghe alla Difesa e all’intelligence, è l’unico vero regista della geopolitica di Roma ma anche l’unico ambasciatore-garante del Nuovo Ordine Mondiale davanti a quella CIA che nel lontanissimo 1943 in Sicilia (allora si chiamava OSS) contribuì a dare l’abbrivio alla carriera politica di suo padre Bernardo.

MATTARELLA AMBASCIATORE NWO: ANNUNCIA CRISI GAS E VENTI DI GUERRA. Biden & NATO già in Azione in Ucraina e Siria contro la Russia

Fatte queste premesse vediamo i retroscena del Deep State o NWO nei quali maturò nel 2014 il golpe NATO in Ucraina, attuato sulla pelle delle vittime uccise il 20 febbraio di 8 anni fa in piazza Maidan da alcuni cecchini mercenari come quelli che agirono all’ombra della CIA nel 2002 a Caracas nel tentativo di regime-change contro la Repubblica Bolivariana del Venezuela del presidente Hugo Chavez.

GOLPE NATO IN UCRAINA: LA GENESI – 1. Strage di Cecchini in piazza Maidan a Kiev 2014 come quella con Regia CIA a Caracas 2002

L’inchiesta è stata pubblicata circa due anni fa all’interno di un altro articolo più lungo e complesso sull’abbattimento del volo Malaysian Airlines, ovviamente attribuito anch’essa ai russi come qualsiasi cosa avvenga di malvagio sulla nuova Cortina di Ferro del confine tra UE e nazioni filo-russe.

L’ORSO RUSSO CRISTIANO CONTRO I DRAGHI ATLANTISTI CATTO-MASSONI. Da Pandemia e Donbass all’Apocalisse

OPEN UKRAINE ED IL FORUM SULLA SICUREZZA DI KIEV

Open Ukraine è una fondazione costituita dall’ex premier di Kiev, l’economista ed avvocato Arseniy Yatsenyuk, che ebbe un ruolo fondamentale nella propaganda della rivoluzione arancione di piazza Euromaidan e nel successivo golpe contro il presidente della Repubblica Viktor Janukovych, costretto alla fuga il 22 febbraio 2014 per la sua politica filorussa.

Tra i partner dell’Open Ukrain anche il Centro Ricerca della Nato e il Dipartimento di Stato Usa

Open Ukraine può vantare oggi dei partner di eccezione tra cui spiccano Il Dipartimento di Stato Usa, il Centro di Documentazione e Ricerca Nato, e International Renaissance, braccio ucraino, con ben 4 sedi, della Open Society di New York del magnate ungherese-americano George Soros. Ad esse si aggiunge la fondazione dell’oligarca e politico Viktor Pinchuk, che collabora direttamente con l’ong newyorkese di Soros e con la fondazione Clinton Global Initiative.

I partner della Victor Pinchuk Foundation dell’oligarca ed ex parlamentare ucraino che sostiene il Kiev Security Forum

L’Open Ukraine ha tra le sue mission il Forum di Sicurezza di Kiev, giunto alla 12a edizione con la convention dell’11-12 aprile 2019, ed inaugurato nel 2007 quando Arseniy Yatsenyuk era ministro degli esteri dell’Ucraina e presidente della Verkhovna Rada, il parlamento di Kiev. Anche grazie all’influenza internazionale di Open Ukraine, sostenuta da Soros, Yatsenyuk riuscì a diventare premier dal 2014 al 2016, e a fondare il Narodnij Front, il Fronte Popolare, che accolse nel Consiglio militare del partito alcuni membri dei battaglioni di difesa nazionale.

L’ex premier Arseny Yatsenyuk in ospedale in visita ai combattenti feriti dei battaglioni governativi in Donbass, 1-9-2014

Tale schieramento politico consentì la rapida ascesa politica di Arsen Avakov , ministro dell’Interno dal 2014 ad oggi, nonostante le accuse di abuso d’ufficio che nel 2012 avevano portato al suo arresto nel carcere di Frosinone.

Fu rilasciato per l’immunità parlamentare ottenuta dalle successive elezioni ed è diventato poi responsabile della Guardia Nazionale Ucraina di cui fanno parte anche gli ultranazionalisti del Battaglione d’Azov, accusati da Amnesty International di efferati crimini di guerra.

LOBBY ARMI – 2: LOSCHI AFFARI SIONISTI CON NEONAZISTI, ISLAMISTI E L’INDIA NUCLEARE

In questo contesto l’ex premier Yatsenyuk si è defilato dalla politica attiva per emulare il suo mentore Soros, e restare così dietro le quinte di ogni manovra internazionale grazie alla collaborazione con la Nato, il Dipartimento di Stato Usa ma anche personaggi di spicco dell’intelligence mondiale.

Arseny Yatsenyuk con il presidente americano Barack Obama nella stanza Ovale della Casa Bianca il 12 marzo 2014

«Il Kyiv Security Forum di quest’anno ha raccolto un numero record di partecipanti: oltre 1.000. Tra questi vi sono alti funzionari di Stato dell’Ucraina, funzionari di leadership e diplomatici dello stato e dello stato ucraini e rappresentanti di comunità di esperti provenienti da oltre 20 paesi – ha detto il suo fondatore Yatsenyuk a conclusione del vertice – Vinceremo questa lotta, dovremo seguire la nostra strada e il nostro percorso è democratico, efficace, professionale e filo-occidentale».

UkraineGate: reporter islamico finanziato da Soros e Usa nel golpe 2014 ora ai vertici dell’industria di armi

Quando si trattò di fare sul serio entrò in azione Mustafa Masi Nayyem (ucraino: Мустафа Найєм, Pashto: مصطفی نعیم), il giornalista afghano-ucraino che fu il primo ad aizzare la gente su Facebook a scendere in piazza per la Rivoluzione Arancione nel novembre 2013 e, a golpe compiuto ed acque chetate, nel 2019, diventato vicedirettore della più importante industria ucraina di armi. La Tv del reporter Nayyem fu finanziata da George Soros e da alcune ambasciate occidentali di paesi Nato a Kiev.

GIOVANI UCRAINI A LEZIONE DAL CAPO DELL’INTELLIGENCE UK

Come ben evidenzia il sito Open Ukraine il 5 giugno 2019 alcuni giovani ucraini desiderosi di approfondire le questioni di sicurezza nazionale a Kiev hanno avuto un relatore di eccezione: uno dei grandi capi dell’intelligence del Regno Unito nonché importante stratega nelle politiche Nato, Sir Malcolm Leslie Rifkind.

E’ un politico britannico di lungo corso, nato il 21 giugno 1946 a Edimburgo dove è diventato deputato nei Conservatori, ed ha ricoperto vari ruoli come ministro con i premier Margaret Thatcher e John Major, tra cui gli incarichi di Segretario di Stato per la Scozia (1986-1990), Segretario alla Difesa (1992 -1995) e Segretario agli Esteri (1995-1997).

Sir Malcolm Rifkind, già capo dell’intelligence britannica, durante una conferenza organizzata da Open Ukraine

La conferenza del mastermind degli 007 di Sua Maestà si è potuta realizzare grazie al progetto giovanile Open World sostenuto dalla fondazione Open Ukraine che da 7 anni organizza anche il Forum Sicurezza per i ragazzi ucraini. Rifkind, discendente da una famiglia di ebrei lituani profughi in Sozia per sfuggire ai Progrom russi, fu rieletto nel Parlamento britannico nel seggio di Kensington e fu quindi scelto il 6 luglio 2010 come Presidente del Comitato per l’Intelligence e la Sicurezza (ISC) dal Primo Ministro, David Cameron.

SRI LANKA: JIHADISTI NASCOSTI E INTRIGHI DELL’AFFARISTA ISLAMICO

Nel gennaio 2015 è stato nominato dall’OSCE come membro del suo gruppo di personalità eminenti sulla sicurezza europea. Nel dicembre 2015 è divenuto Visiting Professor dal King’s College di Londra nel loro Department of War Studies.

IL SEGRETARIO ONU HAMMARSKJOLD UCCISO PER LA SECONDA VOLTA DAL DEEP STATE. Il Regno Unito blocca l’inchiesta

Come presidente dell’ISC Rifkind ha progettato la trasformazione dei poteri del Comitato per assicurare una supervisione efficace di MI5, MI6 e GCHQ. Convinse il governo a introdurre una legislazione che consentisse all’ISC, per la prima volta, di essere in grado di richiedere alle agenzie di intelligence di fornire qualsiasi materiale altamente classificato richiesto. Rifkind fu favorevole all’intervento militare della NATO in Libia nel 2011 e fu tra coloro che sostennero la necessità di fornire armi ai ribelli libici, roferì The Times.

Ma lo stesso “baronetto” fu anche regista del controspionaggio britannico in due questioni cruciali proprio nello scontro internazionale tra Patto Atlantico e Russia: Siria ed Ucraina. Fu tra coloro che invocarono un intervento contro il governo di Damasco in risposta all’uso di armi chimiche.

LOBBY ARMI – 3: TYCOON SIONISTA DEI DRONI SPIA-KILLER PREMIATO DAI MASSONI USA E DALLA REGINA UK

Rifkind, scrivendo su The Guardian, accusò il governo del presidente siriano Bashar al-Assad di «fare tutto ciò perchè pensano di poter farla franca per rimanere al potere», quindi sostenne che la Gran Bretagna, a fronte del vasto consenso internazionale contro l’uso di armi chimiche da parte del governo siriano, «non aveva altra scelta che intraprendere un’azione militare con o senza un mandato delle Nazioni Unite».

14MILA JIHADISTI IN LIBIA grazie a Turchia, Deep State NATO e Lobby Armi USA. Col plauso dell’ex consigliere di Napolitano, ora ambasciatore a Tripoli

Così fu. E, senza risoluzione del Consiglio di Sicurezza Onu, sulla Siria grandinarono missili della Coalizione Nato guidata da Usa, Francia e Inghilterra, lasciando centinaia di cadaveri tra la popolazione civile.

L’accusa di utilizzo di armi chimiche da parte di Damasco, però, non solo non venne mai provata ma almeno nell’ultimo eccidio di Douma dell’aprile 2018 si sarebbe trattato di un attacco false-flag organizzato dai terroristi di Al Nusra in complicità con gli operatori del Syria Civil Defense, ovvero gli Elmetti Bianchi costituiti ed addestrati proprio da un ex agente segreto militare britannico. Un’ipotesi avanzata da due docenti del Regno Unito sulla base del dossier di un ingegnere e già oggetto di un reportage di Gospa News.

DOUMA: MASSACRO JIHADISTA CON ARMI CHIMICHE SU 35 VITTIME LEGATE

Nel marzo 2014, durante un’intervista con CBC Radio News, Rifkind ha contestato l’annessione russa della Crimea dall’Ucraina, affermando che questo rischiava di destabilizzare l’intera area e la politica europea in generale. A suo parere, le forze ucraine avevano dimostrato “notevole freno” contro l'”umiliazione” russa, e avevano trasformato il loro svantaggio militare in un sostanziale “vantaggio morale”. Pur dichiarando “le concrete sanzioni economiche” come la migliore risposta alla situazione della Crimea ha tuttavia definito l’attuazione occidentale “patetica”, sostenendo che le misure riguardavano solo 23 individui ed era la ragione per cui la Russia sembrava non essere intimidita dalla minaccia sanzionatoria.

CRIMEA-SIRIA: SERVI DI SOROS IN GUERRA CON PUTIN

A causa delle sue critiche all’azione russa in Crimea e nell’Ucraina orientale, Rifkind è stato incluso in un elenco di alti esponenti politici europei e ex ministri banditi dalla visita in Russia. Il politico britannico ha risposto dicendo che se ci doveva essere una tale lista era orgoglioso di esserci. Oggi, grazie ad Open Ukraine, insegna ai giovani di Kiev le strategie della sicurezza internazionale ovviamente con una fortissima matrice russofoba.

LA COORDINATRICE DELLA NATO IN UCRAINA

Ecco qual è oggi il mainstream dominante in Ucraina. Ecco qual è lo spirito con cui Kiev ha collaborato con il Joint Investigation Team nelle indagini sull’abbattimento del volo MH17 Malaysian Airlines. Tra i componenti, oltre agli ucraini ed i malesi, c’erano anche quelli dell’Australia, i cui servizi segreti Asis possono partecipare alle riunioni del Joint Intelligence Committee (JIC) di Londra nell’ambito della collaborazione internazionale degli 007 di Usa, Canada, Nuova Zelanda e Australia.

Il JIC è un organismo inter-agenzie responsabile della valutazione dell’intelligence, del coordinamento Servizio di sicurezza, GCHQ (Government Communications Headquarters) e Intelligence della difesa del Regno Unito, ed è soggetto alla supervisione da parte del Comitato per l’Intelligence e la Sicurezza (ISC), già presieduto dallo stesso Rifkind.

La sede centrale della Nato a Bruxelles

Nella speciale commissione JIT sul disastro aereo c’è anche la componente del Belgio che ospita nella sua capitale Bruxelles la sede centrale della NATO. Proprio in Belgio ha lavorato Barbora Maronkova, dal primo marzo 2017 direttore del Centro di informazione e documentazione della NATO in Ucraina: l’ente che ha il compito di guidare il paese dell’ex Unione Sovietica nell’ingresso nel Patto Atlantico.

Maronkova, laureatasi in Economia a Bratislava e con un master nel Regno Unito, è entrata a far parte della NATO nel 2006, come coordinatrice della Divisione diplomazia pubblica nella sede centrale di Bruxelles dove ha progettato, pianificato e ha realizzato campagne di comunicazione in un certo numero di stati membri dell’Alleanza Atlantica. Prima di unirsi alla NATO, nel 2003 aveva fondato e diretto un Centro ONG slovacco per gli affari europei e del Nord Atlantico per contribuire al dibattito pubblico ed accademico sull’adesione della Slovacchia all’UE e alla NATO.

Barbora Maronkova, direttrice del Centro Documentazione e Ricerca NATO in Ucraina

«In Ucraina, stiamo cercando di dissipare i principali miti sulla NATO e rivelarne l’essenza – ha detto Mronkova al 12° Kiev Security Forum organizzato da Open Ukraine nel quale è protagonista ogni anno dal 2017 – Abbiamo bisogno di chiarire i principali concetti chiave: tutte le decisioni sono prese per consenso e che non c’è nessuno a Bruxelles con una bacchetta magica che rende magiche le trasformazioni»

STOLTENBERG: “UCRAINA E GEORGIA NELLA NATO”. Dopo Cruenti Golpe di Soros-UE-USA. E Test su Virus Letali

Invece il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg così commentò nel 2019 l’esito dell’inchiesta sull’aereo abbattuto in Ucraina: «Accolgo con favore l’annuncio odierna da parte della Joint Investigation Team che quattro sospetti saranno perseguiti per crimini in relazione all’abbattimento del volo MH17 della Malaysia Airlines nel luglio 2014. Si tratta di un’importante pietra miliare negli sforzi per scoprire verità e garantire che sia fatta giustizia per l’uccisione di 298 persone provenienti da 17 paesi».

STRAGE VOLO MALAYSIA: DEPISTAGGI A KIEV TRA NATO, 007 E ONG DI SOROS

Una pietra miliare che per la Russia è invece una lapide sulla verità: ancora nascosta in mezzo a tante «prove fabbricate da Kiev», supposizioni investigative, persuasioni occulte e un grande lavoro sotterraneo d’intelligence internazionale. Quei quasi 300 morti nel 2014 sono stati utili ai media del mainstream per incolpare i ribelli filo-russi.

Fabio Giuseppe Carlo Carisio
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione
segui Gospa News su Telegram


FONTI

GOSPA NEWS – DOSSIER LOBBY ARMI

GOSPA NEWS – REPORTAGES ZONE DI GUERRA

GOSPA NEWS – DOSSIER UCRAINA

WIKIPEDIA – MALCOLM RIFKIND INTELLIGENCE UK

OPEN UKRAINE E KIEV SECURITY FORUM

(Visited 5.185 times, 26 visits today)

Fabio Giuseppe Carlo Carisio