AMMISSIONE SHOCK DI ISRAELE. CONNAZIONALI UCCISI DAI SUOI ELICOTTERI. Durante l’Attacco di Hamas al Rave Party del 7 Ottobre

AMMISSIONE SHOCK DI ISRAELE. CONNAZIONALI UCCISI DAI SUOI ELICOTTERI. Durante l’Attacco di Hamas al Rave Party del 7 Ottobre

9.962 Views

Rassegna di notizie dal mondo di Gospa News International

Israele ammette di aver ucciso i suoi stessi cittadini al Nova Music Festival

AGGIORNAMENTO AL 21 NOVEMBRE 2023

Alcuni ospiti sono stati uccisi da un elicottero d’assalto israeliano, secondo un’inchiesta della polizia israeliana sull’attacco di Hamas al festival musicale Nova vicino al confine di Gaza il 7 ottobre, come riportato da Haaretz il 18 novembre.

Secondo GreatGameIndia, un’indagine sull’incidente, secondo una fonte della polizia, ha rivelato che un elicottero da combattimento israeliano arrivato dalla base di Ramat David aveva sparato non solo su alcuni israeliani presenti al festival musicale ma anche su combattenti di Hamas e militanti di Hamas. altri palestinesi che avevano sfondato la recinzione di confine da Gaza a Israele. Le autorità affermano che lì sono morte 364 persone.

CONTINUA A LEGGERE SU GOSPA NEWS INTERNATIONAL

Traduzione simultanea dall’Inglese all’Italiano disponibile con un click sulle bandierine


Civili dei Kibbutz uccisi dall’Esercito el Regime Sionista

Zaka, un’agenzia di soccorso israeliana, ha rivelato che gli elicotteri israeliani hanno aperto il fuoco, uccidendo civili durante l’attacco di Hamas del 7 ottobre, uccidendo oltre 260 persone.

Secondo un articolo di RT del 6 novembre, i soldati israeliani sono sospettati di aver ucciso un gran numero di loro stessi quando lanciarono l’operazione Al-Aqsa Flood il 7 ottobre. Ciò è supportato dal rilascio di filmati di droni da parte dell’esercito israeliano che mostrano centinaia di persone, di auto danneggiate e carbonizzate rimosse dal festival musicale Nova.

“SOLDATI ISRAELIANI HANNO SPARATO SUI LORO CONNAZIONALI”. Rivelazione Shock di Superstite dei Kibbutz

L’evento Nova si è svolto nei pressi del Kibbutz Beeri, a circa cinque chilometri dal muro che divide Gaza. Quando i combattenti della resistenza palestinese sono emersi da Gaza alle 6:30, hanno attaccato basi militari e insediamenti, e questo era uno dei loro primi obiettivi.

I terroristi palestinesi hanno catturato circa 240 israeliani durante l’attacco, inclusi stranieri, coloni e truppe.

Il filmato recentemente rilasciato dai droni fornisce una prospettiva aerea di centinaia di auto distrutte e carbonizzate che sono state rimosse dall’area del festival e sistemate in una discarica improvvisata in un parcheggio sterrato.

Centinaia di auto distrutte e carbonizzate che sono state rimosse dall’area del festival e sistemate in una discarica improvvisata in un parcheggio sterrato.

Zaka, un’agenzia di soccorso israeliana, riferisce di aver portato via 260 morti dal luogo dell’evento. Israele sostiene che nelle ore successive all’attacco di Hamas, saccheggiatori civili palestinesi e combattenti di Hamas si sono precipitati attraverso la recinzione incustodita del confine di Gaza, massacrandoli.

Il video, tuttavia, sembra corroborare le precedenti affermazioni fatte dai media israeliani secondo cui i piloti israeliani che guidavano elicotteri Apache avrebbero aperto il fuoco sui combattenti israeliani e di Hamas in risposta agli attacchi.

Hamas Assault on the Kibbutz: Facts and Mystifications on the Starting of Zionist Genocide’s Plan

Secondo un articolo di Yedioth Ahronoth datato 15 ottobre, i primi elicotteri sono atterrati nella Striscia di Gaza circa un’ora dopo l’inizio delle ostilità.

Secondo il quotidiano in lingua ebraica, lo scopo dei droni armati Zik e degli elicotteri da combattimento era quello di fermare l’afflusso di combattenti e saccheggiatori di Hamas nel territorio israeliano attraverso le aperture nella recinzione di confine di Gaza.

CONTINUA A LEGGERE SU GOSPA NEWS INTERNATIONAL

Traduzione simultanea dall’Inglese all’Italiano disponibile con un click sulle bandierine

https://www.gospanews.net/en/2023/11/10/israeli-helicopters-opened-fire-killing-civilians-during-hamas-attack-on-7-october/


ISRAELE AMMAZZA I GIORNALISTI PER OCCULTARE L’OLOCAUSTO DI GAZA. Tremendo Reportage dalla Palestina

ENGLISH VERSION

I giornalisti a Gaza faticano a svolgere il proprio lavoro con un accesso a Internet fortemente limitato e una carenza di carburante che impedisce loro di spostarsi. Lavorano in costante pericolo a causa degli attacchi aerei, che finora hanno causato la morte di oltre 10.000 persone.

È passato più di un mese da quando i militanti di Hamas si sono infiltrati in Israele nell’attacco più letale contro lo Stato ebraico dalla sua nascita nel 1948.

LA VIOLENZA DI HAMAS CONTRO I CRIMINI DI GUERRA DI ISRAELE. Terroristi Amati da Gaza, Sionisti protetti da Corte de L’Aja e USA

Più di 1.400 israeliani furono brutalmente assassinati il 7 ottobre e oltre 7.000 furono feriti. Per ritorsione, Israele ha dichiarato guerra ad Hamas, promettendo di uccidere tutti i responsabili del massacro. Ha anche promesso di sradicare il movimento islamico, che governa Gaza dal 2007.

I giornalisti locali affermano che la guerra di Israele è “senza precedenti”, ma non impedirà loro di svolgere il proprio lavoro

Nelle ultime cinque settimane Israele ha bombardato Gaza, dove vivono 2,3 milioni di persone, con migliaia di bombe. Il bilancio delle vittime nell’enclave costiera palestinese ha superato le 10.000. Migliaia sono ancora sotto le macerie e risultano dispersi.

TERRA SANTA: L’INFERNO DELL’ANTICRISTO. Chi tifa per i Sionisti è Complice del Diabolico Olocausto di Bimbi

Tra le vittime ci sono giornalisti palestinesi. Secondo gli ultimi dati, almeno 40 persone hanno perso la vita nell’attuale ondata di violenza. RT ha parlato con due uomini provenienti da Gaza per valutare le loro opinioni sul conflitto e su cosa vuol dire lavorare sotto il fuoco nemico. Uno di loro, Rami Almughari, è un veterano del settore. L’altro, Mansour Shouman, è un nuovo arrivato nella professione, ma entrambi hanno descritto la paura e il costante odore di morte che accompagnano il loro lavoro.

RT: Prima di tutto raccontaci il tuo background.

Rami: Lavoro in questo settore da più di vent’anni e durante la mia carriera mi sono occupato di stampa, radio e TV. Ho scritto per Al Monitor e New Arab, per Channel News Asia e per RT. Ho anche insegnato nelle università di Gaza. Nel corso di quegli anni mi sono assicurato di non affiliarmi ad alcuna fazione politica. Sono un giornalista indipendente e rimarrò tale.

Mansour: Non vengo da questo campo. Ho una laurea in ingegneria e un master in business presso università canadesi. Negli ultimi 17 anni ho lavorato nel campo della produzione e gestione delle catene di fornitura, petrolio e gas, nonché nella consulenza. Ho conosciuto il giornalismo solo quattro settimane fa, quando è scoppiata la guerra e quando c’era bisogno di persone che parlassero inglese, che potessero aiutare a far conoscere al mondo la voce di 2,3 milioni di abitanti di Gaza.

GAZA: GENOCIDIO PREMEDITATO DA TEMPO. Svelato Piano Segreto Sionista per la Pulizia Etnica. Israele minaccia pure la Croce Rossa

RT: Raccontaci cosa vuol dire fare reporter in tempo di guerra. Quanto è difficile e quanto è pericoloso? Pensi che essere un reporter ti trasformi in un bersaglio immediato?

Rami: Posso dirti che lavorare come giornalista ti mette decisamente a rischio. Continui a spostarti da un oggetto all’altro, parli con le persone, visiti i luoghi di distruzione, quindi sei più esposto. Non credo che i giornalisti vengano individuati o presi di mira intenzionalmente. Tutti sono in pericolo, tutti devono prendere precauzioni, ma i giornalisti sono più vulnerabili perché, per la natura del loro lavoro, sono più esposti.

GAZA, L’OLOCAUSTO DI SATANA. Basta Parole, Parlino le Immagini. 1 Minuto di Silenzio per Pregare. VIDEO Shock! Attenzione

Mansour: È stato estremamente impegnativo lavorare come reporter, ed è anche molto pericoloso. Il semplice fatto che lavori come giornalista può mettere a rischio la tua vita e sappiamo che circa 46 giornalisti sono già stati uccisi nelle loro case e nei loro uffici. Inoltre, non dimenticare la giornalista di Al Jazeera Shereen Abu Aqleh, che è stata uccisa da loro a sangue freddo nel 2022. La mia sensazione è che Israele prenda di mira i giornalisti intenzionalmente, come parte delle loro tattiche intimidatorie per impedire la diffusione delle informazioni. Quindi tagliano i servizi di comunicazione e prendono di mira coloro che riferiscono della situazione. Ma credo fermamente in Dio e credo di dover continuare a fare la cosa giusta, ovvero diffondere la notizia al grande pubblico.

“US protecting Israel in Journalist Killing Case”. Easier to believe Palestine Official than Washington DOS

RT: Come giornalista hai visto molte scene terrificanti. Qual è stato il più memorabile finora?

Rami: Per me la cosa più spaventosa è stata nel 2021, quando sono andato a intervistare una famiglia che aveva perso la casa. Ero assolutamente sicuro che quella zona fosse sicura, poiché era già stata bombardata e non aveva nient’altro da distruggere. Ma mentre eravamo lì, la zona fu nuovamente colpita e solo per miracolo io e il mio equipaggio siamo rimasti vivi.

ORRENDO CRIMINE DI GUERRA SULL’OSPEDALE DI GAZA. Centinaia di Morti (video). Attacco Sionista per Colpire Musulmani e Cristiani Insieme

Mansour: Penso che l’esperienza più spaventosa finora sia stata quando i primi missili hanno iniziato a colpire Gaza. Hanno bombardato la nostra moschea locale, che si trova a soli 100 metri dalla casa. L’esplosione ha mandato in frantumi la casa. Le finestre tremavano. Fu il vero primo assaggio di guerra. Un’altra cosa che mi ha ferito è stato vedere un bambino che guardava i suoi genitori e diceva loro di svegliarsi, che era ora di tornare a casa. Non sapeva che entrambi erano morti da tempo.

CONTINUA A LEGGERE SU GOSPA NEWS INTERNATIONAL

Traduzione simultanea dall’Inglese all’Italiano disponibile con un click sulle bandierine

“Israel targets journalists intentionally”. Gaza reporters share their stories with RT


LE ULTIME INCHIESTE DI GOSPA NEWS INTERNATIONAL

Palestinian US Congresswoman Tlaib blames House Censorship amid the Gaza Genocide

Zionist Regime threatens Even the Red Cross with an Ultimatum in Gaza. WHO chief says 237 Attacks on Healthcare

Pro-Palestine Protesters Block US Military Supply Ship (VIDEO). Other Rallies In Europe

Middle East on Fire! At least 45 U.S. Service Members Injured in Iran-linked Attacks


PERCHE’ E’ NATA GOSPA NEWS INTERNATIONAL

Il 27 marzo 2019 Gospa News ha aperto il sotto-dominio in lingua inglese anche per la necessità di preparare gli articoli per la piattaforma americana Veterans Today con cui il direttore Fabio Giuseppe Carlo Carisio collabora.

Carisio, è stato anche intervistato di recente da Jeff Brown che è fondatore della Bioweapon Truth Commission e vanta collaborazioni con i siti internazionali The Intel Drop, Reseau International, South Front, Global Research e altri.

L’inizio della guerra in Ucraina ha reso estremamente difficoltoso, per ragioni di tempo di traduzione e impaginazione, tradurre tutti gli articoli dall’Inglese in Italiano e viceversa. Pertanto soltanto le notizie più importanti compaiono in entrambe le lingue.

UKRAINE BIOLABS – 4. ARMI BATTERIOLOGICHE NWO. Intervista di Jeff Brown per China Rising a Fabio Carisio direttore di Gospa News

La sezione International di Gospa News è diventata così il contenitore di molti articoli selezionati sulle piattaforme più importanti di geopolitica e intelligence del mondo, che a volte vengono rielaborate all’interno di vere e proprie inchieste, altre volte vengono ripubblicate integralmente con brevi commenti da parte della redazione di Gospa News o del direttore.

Da oggi abbiamo deciso di inserire le principali notizie pubblicate solo in Inglese anche in questo spazio fisso sulla copertina di Gospa News in Italiano (dove le più recenti sono peraltro già presenti nella barra laterale poco visibile su smartphone e tablet). Sono state inserite in ordine di attualità ma anche di importanza.

Questo consentirà ai lettori anche di comprendere grazie a quali importanti fonti Gospa News seleziona le proprie notizie.

Inchiesta Esclusiva! SARS-COV-2 DA LABORATORIO & ISIS. L’inquietante Legame all’ombra di USA, CIA, UE e NATO. WuhanGates – video 3

Alcuni link inseriti sono relativi a inchieste tradotte in Italiano ma basate su fonti originali in lnglese che pertanto possono essere lette in lingua originale. Purtroppo alcuni articoli in Inglese hanno subito una revisione veloce e pertanto ci scusiamo in anticipo per eventuali errori sintattici o grammaticali soprattutto nei reportages più ampi e dettagliati.

TUTTI GLI ARTICOLI IN INGLESE SONO LEGGIBILI CON LA TRADUZIONE AUTOMATICA

Cliccando sulla Bandierina Italiana in Basso a sinistra dopo essere entrati negli articoli della Sezione in Inglese. Buona lettura


I PRECEDENTI REPORTAGES DI GOSPA NEWS INTERNATIONAL QUI

(Visited 1.333 times, 8 visits today)

Redazione Gospa News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *