ELMETTI BIANCHI DENUNCIATI PER TRAFFICO D’ORGANI

ELMETTI BIANCHI DENUNCIATI PER TRAFFICO D’ORGANI
Pubblicità
1.974 Views

FONDAZIONE ANTITERRORISMO ALL’ONU
“ECCO LE PROVE DEGLI ORRORI IN SIRIA:
WHITE HELMETS ALLEATI DEI JIHADISTI
CON PROPAGANDA ISIS E AZIONI MILITARI”

Premessa. Riportiamo un articolo di Russia Today tradotto integralmente sui White Helmets che, come svelato da questo sito nei mesi scorsi, sono stati costituiti dal’ex ufficiale degli 007 britannici James Le Mesurier (link qui e a fondo pagina I cospiratori contro Assad). L’articolo fa riferimento ad un dossier degli orrori presentato all’Onu dalla Fondazione per gli Studi sulla Democrazia che fa parte del Global Counter-Terrorism Research Network (rete globale di ricerca antiterrorismo) istituita nel 2013 dalla direzione del Comitato antiterrorismo dell’ONU

Il post sulla presentazione all’Onu del dossier degli orrori sugli Elmetti Bianchi

I ‘White Helmets’ non sono un gruppo di soccorso ma un’estensione dei militanti jihadisti, e dovrebbero essere designati un’organizzazione terroristica, lo ha dichiarato l’inviato della Russia alle Nazioni Unite nella presentazione di prove sui reati dell’organizzazione. Lodati in Occidente come volontari di soccorso umanitario, in realtà gli “elmetti bianchi”, secondo Maxim Grigoriev, direttore della Fondazione per lo Studio della Democrazia con sede in Russia, lavorano con i militanti islamici in Siria, raccolgono organi dalle vittime che fingono di “soccorrere”, mettono in scena armi chimiche false e altri attacchi per telecamere e saccheggiano i corpi e case di siriani uccisi e feriti nella guerra

“WHITE ELMETS DA INSERIRE NELLA LISTA DEI TERRORISTI”

La divisa e le dotazioni dei White Helmets

Grigoriev ha presentato giovedì i risultati della ricerca della Fondazione sui caschi bianchi presso la sede delle Nazioni Unite a New York. L’inviato della Russia presso l’ONU, Vassily Nebenzia, ha detto che le prove mostrano che il gruppo è pericoloso. «I White Helmets meritano di essere nella lista dei terroristi segnalati dalle Nazioni Unite», ha detto Nebenzia. Piuttosto che volontari, quasi tutti i membri dei White Helmets erano pagati come personale, ha spiegato Grigoriev. Ci sono anche “prove innegabili” che il gruppo ha preso ordini scritti da Jaysh al-Islam, un gruppo militante islamista più noto per la sua occupazione di Douma. Fu in questo sobborgo di Damasco che i White Helmets inscenarono l’attacco chimico che servì come pretesto per attacchi missilistici francesi, britannici e statunitensi contro il governo siriano nell’aprile di quest’anno. «La falsificazione degli attacchi chimici era una parte essenziale delle attività dei White Helmets», ha affermato Grigoriev, aggiungendo che il gruppo si è anche impegnato regolarmente a «creare fake-news e organizzare architettati salvataggi». Ha citato un esempio particolare di un luogo chiamato Jisr al-Haj ad Aleppo, dove i militanti avevano incendiato la spazzatura, portato corpi dall’obitorio locale e fatto in modo che gli elmetti bianchi filmassero un inscenato salvataggio. Grigoriev ha citato una testimonianza di un membro dei White Helmets, che ha anche affermato che tutti gli interessati hanno ricevuto «un extra di $ 50 per lo sforzo».

I TESTIMONI SIRIANI E IL TRAFFICO DI ORGANI UMANI

Alcuni Elmetti Bianchi mentre spostano il cadavere di un uomo giustiziato dalla Corte Islamica

Molti residenti locali intervistati per la ricerca hanno parlato di persone “salvate” dagli elmetti bianchi che finivano morti, con i loro organi interni mancanti. Uno dei testimoni intervistati era un ex membro di Ahrar al-Sham, che ha testimoniato che il suo comandante Shadi Kadik, noto anche come Abu Adel Al-Halabi (di Aleppo), ha riconosciuto il prelievo di organi. Il numero totale di casi riguardanti il furto di organi è di «almeno parecchie centinaia» solo ad Aleppo, ha testimoniato Grigoriev. Invece di salvare civili e bambini, i White Helmets hanno saccheggiato le case danneggiate nei combattimenti e nei cadaveri dei morti, costringendo i bambini a uscire da scuole e asili per istituire uffici lì. «A una stima approssimativa, su 26 centri operativi nella Ghouta orientale, dieci erano situati in scuole e uno in un asilo nido» ha citato Grigoriev dalla testimonianza di un giornalista siriano della zona.

PIU’ DI CENTO ELMETTI BIANCHI MILITANTI IN GRUPPI TERRORISTICI

Elmetti bianchi in azione in Siria

Solo nella Ghouta Orientale, tra 100 e 150 membri dei White Helmets erano anche membri di gruppi terroristici e militanti. Si sono impegnati a costruire trincee, tunnel e fortificazioni per i militanti, vantandosi apertamente della loro appartenenza ai social media, ma negando ogni volta che venivano intervistati dai giornalisti occidentali. «I racconti di Facebook dei membri dei White Helmets sono zeppi di materiale propagandistico di gruppi terroristici, tra cui Stato Islamico e al-Qaeda, in cui si lodano Osama bin Laden e altri individui elencati dalle Nazioni Unite come terroristi» ha detto Grigoriev, aggiungendo che il i cosiddetti soccorritori hanno anche pubblicato «centinaia di foto con le armi nelle loro mani». La Fondazione sugli Studi della Democrazia con sede in Russia è membro della Global Counter-Terrorism Research Network (rete globale di ricerca antiterrorismo) istituita nel 2013 dalla direzione esecutiva del Comitato antiterrorismo dell’ONU. Il suo rapporto si basa su interviste con oltre 100 testimoni oculari, tra cui 40 membri dei White Helmets, 50 residenti locali e 15 ex combattenti terroristi e militanti. Più di 500 residenti locali sono stati intervistati ad Aleppo e Deraa. Un certo numero di paesi occidentali, come il Regno Unito e il Canada, ha annunciato con orgoglio che avrebbero accolto gli Elmetti Bianchi come rifugiati, dopo che diverse centinaia di membri del gruppo sono state evacuate da un’enclave occupata da jihadisti nel sud della Siria prima dell’avanzata delle truppe governative. Il governo di Damasco ritiene che i White Helmets siano nella stessa categoria delle milizie e dei terroristi illegali.

by Russia Today
original english version qui

traduzione Gospa News
N.B. le opinioni espresse nell’articolo possono non coincidere con quelle del direttore e e delle editore

I COSPIRATORI CONTRO ASSAD

L’INTERVENTO DI PRESENTAZIONE DEL DOSSIER ALL’ONU

 

(Visited 177 times, 1 visits today)
Pubblicità

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *