siteId=76639&formatId=24">

WUHAN-GATES – 61. NEL SARS-Cov-2 “IMPRONTE DIGITALI” DI VIRUS DA LABORATORIO. Origine Artificiale confermata da Studio di Scienziato Tedesco e due Americani

WUHAN-GATES – 61. NEL SARS-Cov-2 “IMPRONTE DIGITALI” DI VIRUS DA LABORATORIO. Origine Artificiale confermata da Studio di Scienziato Tedesco e due Americani

49.824 Views

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

ENGLISH VERSION

Si allunga l’elenco dei ricercatori che sostengono l’origine artificiale del SARs-Cov-2!

Ora anche la ricerca di uno scienziato tedesco e di due americani si aggiunge all’ormai lunghissimo elenco che conferma che l’agente patogeno del Covid-19, molto letale soprattutto nel primo genotipo di Wuhan, è un organismo geneticamente modificato, che ha provocato un allarmante pandemia aggravata da risposte sanitarie scorrette e dalla disinformazione imposta dai governi, anche per nascondere la provenienza di laboratorio del virus.

Judge Orders Fauci, Psaki, FBI Top Official Be Deposed in Big Tech Censorship Case on the Covid-19 Info

I primi a sostenerlo furono i biologi indiani, evidenziando anche tracce inspiegabili di HIV all’interno del SARS-Cov-2, poi confermate da una ricerca del compianto virologo Luc Montagnier, premio Nobel per la Medicina proprio per la scoperta del virus dell’immunodeficienza umana. La sua pubblicazione è stata ulteriormente accreditata da quella del bioingegnere Pierre Bricage.

Gospa News fu tra i primi media al mondo ad analizzare nel dettaglio la ricerca dei nove scienziati della Kusuma School Of Biological Sciences di New Delhi in quanto era stata ritirata 24 dopo la sua presentazione e, pertanto, risultava difficile da reperire sulle riviste scientifiche internazionali. Il nostro sito online fu anche l’unico a scoprire e analizzare quella di Bricace, esperto di bio-armi ed ex consulente NATO.

Quindi arrivò il documento di una ricercatrice cinese, whistleblower protetta dall’FBI, e poi lo studio di un americano.

WUHAN-GATES – 41. “SARS-2 E’ BIO-ARMA”. Denuncia alla Corte dell’Aja con Perizia di Montagnier. Intelligence USA “Divisa” tra Virus Naturale o da Laboratorio

Successivamente si scoprì che anche un altro scienziato USA aveva segnalato l’origine articiale al direttore del NIAID Anthony Fauci che aveva però occultato le e-mail, portate poi alla luce da alcuni legislatori americani del Congresso.

L’ex colonnello dell’Esercito USA Lawrence Sellin, specializzato in armi batteriologiche durante il suo lavoro nel centro biologico militare di Fort Detrick, ne spiegò poi i dettagli esattamente come il bio-ingegnere francese Bricage.

WUHAN-GATES 45. FAUCI OCCULTO’ STUDIO SU SARS-2 DA LABORATORIO. Microbiologo USA: “Alterazioni Artificiali Spike”. Scoperte da Indiani e Montagnier

In ultimo una ricerca internazionale firmata anche dal virologo italiano Giorgio Palù, presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) svelò l’identità genetica di alcune parti del SARS-Cov-2 con un gene umano costruito in laboratorio nel 2016 da Moderna, accusata da vari medici di aver brevettato il vaccino antiCovid 9 mesi prima della scoperta della pandemia.

Inoltre anche alcuni esperti di genomica russi hanno segnalato l’origine artificiale non solo del SARS-cov-2 del 2019 ma anche del suo antenato SARS del 2003.

WUHAN-GATES – 55. “SARS DEL 2003 E DEL 2019 BIOARMI”. Esperti Russi di Genomica e Biologia Accusano gli USA

IL SOMMARIO DELLA RICERCA PUBBLICATA SU BIORXIV IN PREPRINT

«Per prevenire future pandemie, è importante capire se SARS-CoV-2 si è riversato direttamente dagli animali alle persone o indirettamente in un incidente di laboratorio. Il genoma di SARS-COV-2 contiene un modello peculiare di siti di riconoscimento dell’endonucleasi di restrizione unici che consentono un disassemblaggio e un riassemblaggio efficienti del genoma virale caratteristico dei virus sintetici».

Si legge nell’Abstract della ricerca pubblicata su Biorxiv in preprint (ancora soggetta a revisione) col titolo inequivocabile “L’impronta digitale dell’endonucleasi indica un’origine sintetica di SARS-CoV-2” (Endonuclease fingerprint indicates a synthetic origin of SARS-CoV-2).

WUHAN-GATES – 46. COLONNELLO USA: “SARS-2 BIOARMA: Spike ‘costruita‘ Tossica può Replicarsi nei Vaccini”

«Qui, riportiamo la probabilità di osservare un tale schema nei coronavirus senza storia di bioingegneria. Scopriamo che SARS-CoV-2 è un’anomalia, più probabilmente un prodotto dell’assemblaggio del genoma sintetico che dell’evoluzione naturale. La mappa di restrizione di SARS-CoV-2 è coerente con molti genomi di coronavirus sintetici precedentemente riportati, soddisfa tutti i criteri richiesti per un sistema genetico inverso efficiente, differisce dai parenti più stretti per un tasso significativamente più alto di mutazioni sinonimi in questi siti di riconoscimento dall’aspetto sintetico , e ha un’impronta digitale sintetica che è improbabile che si sia evoluta dai suoi parenti stretti. Riportiamo un’alta probabilità che SARS-CoV-2 possa aver avuto origine come un clone infettivo assemblato in vitro»

E’ quanto scrivono gli scienziati Valentin Bruttel dell’Università tedesca di Wuerzburg, Alex Washburne del centro di ricerca Selva Analytics con sede negli Stati Uniti e Antonius VanDongen della Duke University, sempre negli USA. 

Il sommario della nuova ricerca pubblicata su BioRxiv – in fondo all’articolo il link al testo originale

Ecco l’ulteriore sintesi dello studio fatta dai ricercatori:

«Per costruire varianti sintetiche dei coronavirus naturali in laboratorio, i ricercatori usano spesso un metodo chiamato assemblaggio del genoma in vitro. Questo metodo utilizza enzimi speciali chiamati enzimi di restrizione per generare blocchi costitutivi del DNA che possono quindi essere “cuciti” insieme nell’ordine corretto del genoma virale. Per creare un virus in laboratorio, i ricercatori di solito progettano il genoma virale per aggiungere e rimuovere i siti di cucitura, chiamati siti di restrizione. I modi in cui i ricercatori modificano questi siti possono fungere da impronte digitali dell’assemblaggio del genoma in vitro».

https://www.gospanews.net/2022/03/18/sars-cov-2-da-laboratorio-presidente-aifa-conferma-ma-depista-i-media-insinua-su-wuhan-occulta-ruolo-moderna-gates/

Quindi viene fornita l’identica spiegazione sulle mutazioni anomale evidenziate nel dettaglio prima dalle ricerche del bioignegnere francese Bricage, poi del colonnello americano Sellin e infine del virologo Palù.

«Abbiamo scoperto che SARS-CoV ha l’impronta digitale del sito di restrizione tipica dei virus sintetici. L’impronta digitale sintetica di SARS-CoV-2 è anomala nei coronavirus selvatici e comune nei virus assemblati in laboratorio. Il tipo di mutazioni (mutazioni sinonimiche o silenziose) che differenziano i siti di restrizione in SARS-CoV-2 sono caratteristiche dell’ingegneria ed è estremamente improbabile che la concentrazione di queste mutazioni silenziose nei siti di restrizione sia derivata da un’evoluzione casuale. Sia l’impronta digitale del sito di restrizione che il modello di mutazioni che le generano sono estremamente improbabili nei coronavirus selvatici e quasi universali nei virus sintetici. I nostri risultati suggeriscono fortemente un’origine sintetica di SARS-CoV2».

Le parole sono adombrate dalla prudenza ma il messaggio è chiaro. Proprio come quello delle altre ricerche di cui, ormai, stiamo quasi perdendo il conto. Pertanto gli indizi probatori sull’origine artificiale del virus della pandemia stanno diventando monumentali. Ma nessuna autorità giudiziaria sembra porvi attenzione…

WUHAN-GATES – 47. SARS-2 DA LABORATORIO: ENIGMA REGNO UNITO. DARPA bocciò Pericolose Ricerche USA ma le Finanziò in UK con Gates

Il ciclo Wuhan-Gates, avviato da Gospa News per fare luce non solo sugli aspetti scientifici ma anche sugli intrighi politici dietro questa folle e criminale cospirazione sanitaria, è giunto oggi all’inchiesta n. 61, ma nonostante questa pandemia abbia sconvolto il pianeta, soprattutto nelle democrazie occidentali trasformate in dittature, ancora non sembra essere spuntato un magistrato temerario intenzionato a svelare le trame del complotto che inizia negli Usa, passa per la Cina con l’aiuto dell’Unione Europea, coinvolgendo anche l’Australia, il Canada e il Regno Unito. Seguendo la rete dei paesi anglosassoni dell’Intelligence Five-Eyes, dove fanno la parte dei leoni il controspionaggio americano della CIA e quello britannico dell’MI6.

Sotto pubblichiamo la traduzione dell’articolo di Russia Today sulla nuova ricerca e le reazioni suscitate.

Per leggere in sintesi tutti i retroscena del SARS-Cov-2 da laboratorio acquista il libro WuhanGates…

Fabio Giuseppe Carlo Carisio
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione
segui Gospa News su Telegram


MAIN SOURCES

BIORXIV – Endonuclease fingerprint indicates a synthetic origin of SARS-CoV-2

GOSPA NEWS – WUHAN.GATES REPORTAGE

GOSPA NEWS – INCHIESTE CORONA VIRUS


Un nuovo studio afferma di aver determinato l’origine del Covid-19

di Russia Today

Il virus che ha causato la pandemia di Covid-19 è stato molto probabilmente creato in un laboratorio, ha affermato uno studio di scienziati tedeschi e americani.

Un team di tre ricercatori ha concluso che Sars-CoV-2 era un virus geneticamente modificato, dopo aver confrontato la sua struttura con quella di equivalenti “selvatici” e di laboratorio.

Sars-CoV-2 ha letteralmente “impronte digitali” di manipolazioni genetiche, secondo un preprint rilasciato da Valentin Bruttel dell’Università tedesca di Wuerzburg, Alex Washburne del centro di ricerca Selva Analytics con sede negli Stati Uniti e Antonius VanDongen della Duke University, sempre negli Stati Uniti. Il documento pubblicato questa settimana riportava che i tre scienziati avevano trovato un elemento della struttura genetica ricorrente chiamato sito di restrizione, che descrivono come un segno del genoma del virus che è stato “cucito” insieme.

WUHAN-GATES – 8. “SARS-2: virus OGM costruito con HIV”. Bio-ingegnere ex relatore NATO distrugge tesi “origine naturale”

“Per creare un virus in laboratorio, i ricercatori di solito progettano il genoma virale per aggiungere e rimuovere i siti di cucitura, chiamati siti di restrizione. I modi in cui i ricercatori modificano questi siti possono fungere da impronte digitali dell’assemblaggio del genoma in vitro”, afferma il documento, che non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria.

La struttura di Sars-CoV-2 è “anomala nei coronavirus selvatici” ma “comune nei virus assemblati in laboratorio”, aggiunge, indicando alcune “mutazioni sinonime o silenziose” che differenziano i siti di restrizione. La concentrazione di tali mutazioni “è estremamente improbabile che sia derivata da un’evoluzione casuale”, afferma il preprint.

WUHAN-GATES – 58. TROPPI SEGRETI SU SARS DA LABORATORIO. Gli USA Tolgono Contributi all’ONG di New York finanziata da Fauci & Gates in Cina

I risultati dello studio mostrano che “questo virus è per il 99,9% una copia artificiale, probabilmente manipolata, di un virus naturale”, ha detto Bruttel all’emittente televisiva tedesca NTV. Il ricercatore ha affermato che, durante il suo studio, ha trovato i segni di manipolazioni simili che effettua quotidianamente per creare farmaci a base di proteine ​​per le malattie autoimmuni.

Bruttel, che ha conseguito un dottorato nel campo dell’immunologia e ha ricevuto il Premio per l’innovazione di quest’anno ai German Biotechnology Days – il forum nazionale dell’industria biotecnologica – ha detto a ntv di aver lavorato allo studio dall’estate 2021, quando ha notato per la prima volta delle anomalie nel genoma del virus.

WUHAN-GATES 60 – NUOVO SARS-COV-2 ASSAI LETALE CREATO IN LABORATORIO DA FAUCI. “Folle Esperimento” a Boston con Virus Chimera Omicron

Lo studio, tuttavia, è stato prontamente criticato da altri immunologi, tra cui Kristian Andersen dello Scripps Research Institute di La Jolla, in California.

Il virologo tedesco Friedemann Weber, che dirige l’Istituto di Virologia dell’Università di Giessen, ha affermato che le “impronte digitali” trovate da Bruttel e dai suoi colleghi non indicano necessariamente l’origine artificiale del virus, poiché le manipolazioni genetiche con esso sono possibili anche senza le tecniche a cui puntava lo studio. Allo stesso tempo, ha ammesso che “si può effettivamente fare così” lo studio suggerisce che è stato fatto, ma ha definito tale metodo “non necessario e in realtà più complicato”.

VERSIONE ORIGINALE DI RUSSIA TODAY


WUHAN-GATES – 2. HIV NEL CORONAVIRUS “BIO-ARMA”: le prove dallo studio indiano occultato misteriosamente

RECORD DI MORTI COVID IN ITALIA! “PER COLPA DI TACHIPIRINA E VIGILE ATTESA”. La Virologa Gismondo Affossa il “Procollo Speranza” sulla Pandemia

WUHAN-GATES – 20. “COVID-19 CREATO IN LABORATORIO”. Virologa di Hong Kong Protetta dal’FBI accusa la Cina. Ma scorda gli esperimenti USA

WUHAN-GATES – 39. “SARS-2 COSTRUITO IN LABORATORIO”. Due nuove Ricerche accusano Cina e Fauci. Ma ignorano Intrighi Gates-Biden e Tracce di HIV

STRATEGIA DEL TERRORE GLOBALE DA 007 NATO & “14 EYES”. Pandemia da Laboratorio, Crisi Gas, Attentati di Kiev per la III Guerra Mondiale

(Visited 520 times, 32 visits today)

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Un pensiero su “WUHAN-GATES – 61. NEL SARS-Cov-2 “IMPRONTE DIGITALI” DI VIRUS DA LABORATORIO. Origine Artificiale confermata da Studio di Scienziato Tedesco e due Americani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.