siteId=76639&formatId=24">

Esclusivo! VACCINI COVID: “BOOSTER BIVALENTI ASSAI PIU’ PERICOLOSI DEI MONOVALENTI”. Allarmante Studio di Università Tedesca: “Reazioni Avverse più Numerose e Gravi in 76 Sanitari”

Esclusivo! VACCINI COVID: “BOOSTER BIVALENTI ASSAI PIU’ PERICOLOSI DEI MONOVALENTI”. Allarmante Studio di Università Tedesca: “Reazioni Avverse più Numerose e Gravi in 76 Sanitari”

13.202 Views

Nell’immagine di copertina lo studio dell’Ospedale Universitario tedesco di Wuerzburg e la prima firmataria Isabelle Wagenhäuser

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Tra i primi ad accogliere con entusiasmo i vaccini antiCovid bivalenti in Italia c’è stata la Regione Piemonte, guidata dal presidente Alberto Cirio e legata a Bill Gates, imperatore mondiale delle Big Pharma dei sieri genici sperimentali e pericolosi, con molteplici progetti che vanno dalla promozione della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba all’uso dell’Intelligenza Artificiale nelle tecnologie militari in un progetto NATO accolto a Torino, epicentro del Distretto Aerospaziale Piemonte.

Il governatore piemontese insieme all’assessore regionale alla Salute Luigi Icardi si è infatti vantato di aver “bruciato i tempi” per l’inizio delle somministrazioni della quinta dose ai pazienti più fragili, anziani e immunodepressi, sebbene ultime ricerche abbiano svelato che sono proprio quelli più a rischio di letali “infezioni-breccia”, ovvero contagio da Covid-19 successivo all’inoculazione per cause ancora indeterminate che alcuni studi attribuiscono proprio ai vaccini… 

“TRIVACCINATI PIU’ A RISCHIO DI CONTRARRE COVID SINTOMATICO”. Nuovo Studio guidato da Medico CDC USA. Mentre il Piemonte parte con la Quinta Dose

Adesso l’Ospedale Universitario di Wuerzburg, in Germania, lancia un allarme molto preoccupante: i nuovi booster bivalenti causano maggiori e più gravi reazioni avverse rispetto a quelli non aggiornati per le due varianti Omicron. Si tratta di un avvertimento gravissimo per due ragioni.

In primis perché ancora non è stata accertata la reale pericolosità delle dosi primarie di sieri genici a RNA messaggero in quanto, come denunciato dal British Medical Journal e riportato in anteprima da Gospa News, la Food and Drug Administration da un anno non pubblica i dati sulle reazioni avverse gravi raccolti con la farmacovigilanza attiva (controlli follo-up dei casi) mentre la piattaforma EudraVigilance per la farmacovigilanza passiva (segnalazioni di effetti indesiderati) nell’Unione Europea, per misteriosi motivi, non viene aggiornata dal mese di settembre!

STRAGE DA COVID TRA VACCINATI. Ma AIFA ed EudraVigilance Celano i Morti da “Infezioni-Breccia”. Studi e Allarmi negli USA. Soprattutto per i Fragili

E’ lapalissiane che se non si conosce la gravità delle conseguenze prodotte dai vaccini antiCovid delle prime due dosi e dai booster monovalenti, che cumulativamente hanno già determinato milioni di segnalazioni per effetti indesiderati gravi tra cui decine di migliaia letali, la maggior pericolosità rilevata per quella dei bivalenti è assai più preoccupante ma di entità totalmente sconosciuta… 

In secondo luogo, questa ricerca di zelanti medici universitari tedeschi palesa una conseguenza che i più seri esperti di virologia e farmacologia peraltro si aspettavano in quanto i nuovi vaccini per la quarta dose sono stati testati soltanto sui topi ed approvati senza necessari ed approfonditi studi clinici, come segretamente “sollecitato/imposto” dai CDC americani, i Centers of Diseases Control and Prevention, alla Food and Drug Administration che deve autorizzare l’uso di ogni nuovo farmaco negli USA.

VACCINI COVID: LOSCA TRAMA SUI BOOSTER. I CDC Sollecitarono FDA ad Autorizzare le Dosi Extra senza Studi Clinici: “Ci fidiamo di Pfizer”

E siccome l’EMA, European Medicines Agency, e l’AIFA, l’Agenzia Italiana del Farmaco, ovvero gli enti regolatori che dovrebbero controllare il rispetto degli standard di sicurezza dei medicinali, agiscono facendo “copia e in colla” delle determinazioni FDA in virtù delle pressioni mondiali, esercitate dalle ONG di Gates anche con munifica attività di lobbying verso politici e funzionari pubblici delle varie nazioni, ogni tipologia di vaccino antiCovid approvata dagli USA finisce nei protocolli raccomandati dalle autorità sanitarie europee ed italiane senza la minima approfondita contro-verifica.

Il caso più clamoroso di questo atteggiamento avvenne per l’autorizzazione alla somministrazione ai minori di 5 anni delle prime dosi del siero genico antiCovid Comirnaty, prodotto dalla casa farmaceutica americana Pfizer insieme alla tedesca Biontech.

VACCINO COVID AI BIMBI: AIFA APPROVA OCCULTANDO RISCHI MIOCARDITI. Ignorato Allarme di Pfizer sui “Casi Previsti tra Over 5 anni”

Anche grazie al voto favorevole di un medico in clamorosi conflitti d’interesse per aver ricevuto finanziamenti dalla Big Pharma londinese GSK, partner di Pfizer, il Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione (Advisory Committee on Immunization Practices, ACIP) dei CDC lo raccomandò alla FDA, sebbene la stessa azienda produttrice avesse avvisato le autorità sanitarie che non esistevano studi sui rischi di miocardite, una delle più tremende reazioni avverse diffusa tra i giovani come evidenziato anche nei foglietti illustrativi del vaccino.

Ebbene EMA ed AIFA approvarono entrambi l’uso di emergenza sui minori occultando questa drammatica lacuna e nonostante il numero di casi gravi di covid nei bambini fosse bassissimo.

Nell’inchiesta precedente abbiamo visto come l’Ospedale Universitario di Nimes abbia rivelato un significativo incremento tra i giovani di casi di miocardite, un’infiammazione al cuore sovente anche letale. Adesso vediamo perché il booster bivalente di Comirnaty risulta essere assai più pericoloso del monovalente prodotto dalla stessa azienda.

VACCINI COVID: BOOM DI MIOCARDITI TRA I GIOVANI ED EMBOLIE TRA LE DONNE. Studio Shock dell’Ospedale Universitario di Nimes. E Prove di Danni Cardiaci dal Mondo Intero

LO STUDIO ALLARMANTE DELL’OSPEDALE UNIVERSITARIO DI WUERZBURG

Appare quindi subito inquietante l’esito del nuovo studio tedesco, per quanto circostanziato a un numero di persone limitato, non-randomizzato (ovvero senza contro-verifica al doppio cieco con individui con somministrazioni placebo) e non ancora revisionato da terze parti.

«Alla luce delle varianti emergenti SARS-CoV-2 preoccupanti (VOC), sono diventati disponibili vaccini bivalenti COVID-19 che combinano l’mRNA della punta di tipo selvaggio con un mRNA della punta Omicron VOC BA.1 o BA.4-5. Questo studio controllato non randomizzato ha esaminato le reazioni avverse, l’assunzione di farmaci PRN (pro re nata – ovvero farmaci prescritti quando la situazione lo richiede – ndr) e l’incapacità di lavorare dopo una quarta vaccinazione COVID-19 tra 76 operatori sanitari. Come quarta dose è stato somministrato il vaccino originale, monovalente BNT162b2mRNA (48,7%) o bivalente BNT162b2mRNA originale/Omicron BA.4-5 (51,3%)».

Si legge nel Sommario della ricerca intitolata “Bivalent BNT162b2mRNA original/Omicron BA.4-5 booster vaccination: adverse reactions and inability to work compared to the monovalent COVID-19 booster” e pubblicata su MedRxiv l’8 novembre scorso in pre-print (in attesa di revisione paritaria). Il codice identificativo farmacologico riportato è quello del vaccino Comirnaty prodotto da Pfizer e Biontech.

DANNI VACCINI COVID: BOMBA DEL BRITISH MEDICAL JOURNAL: “FDA Occulta Dati su Reazioni Avverse Gravi: nel 2021 fino al 91 % di Vaccinati”

L’hanno condotta gli accademici Isabell Wagenhäuser (prima firmataria) Manuel Krone (autore corrispondente), dell’Infection Control and Antimicrobial Stewardship Unit, University Hospital Wuerzburg, Julia Reusch e Nils PetriDepartment of Internal Medicine I, University Hospital Wuerzburg, Lukas B. Krone, Department of Physiology, Anatomy and Genetics, University of Oxford, UK, Oliver Kurzai, Institute for Hygiene and Microbiology, University of Wuerzburg,

«Il tasso di reazioni avverse per la seconda dose di richiamo è stato significativamente più alto tra i partecipanti che hanno ricevuto il bivalente: l’84,6%(IC 95% 70,3%-92,8%; 33/39) rispetto al 51,4% monovalente (IC 95% 35,9-66,6%; 19 /37) vaccino (p=0,0028). Inoltre, c’è stata una tendenza verso un aumento del tasso di incapacità al lavoro e assunzione di farmaci PRN dopo la vaccinazione bivalente».

«Alla luce dei preprint che riportano risultati inconcludenti nella neutralizzazione dei livelli di anticorpi tra i vaccini confrontati, i nostri risultati e ulteriori studi sulla sicurezza e sulla reattogenicità dei vaccini booster bivalenti COVID-19 sono estremamente importanti per aiutare il processo decisionale clinico nella scelta tra vaccinazioni bivalenti e monovalenti» si legge ancora nell’Abstract.

Figura 1: Reazioni avverse post-vaccinazione, farmaco PRN e incapacità di lavorare dopo la seconda somministrazione di richiamo COVID-19, separate dal vaccino. A) tasso di reazioni avverse per sottocategoria, B) tasso di farmaci PRN, C) limitazioni delle capacità lavorative. Monovalente: BNT162b2mRNA (n=37), bivalente: BNT162b2mRNA originale/Omicron BA.4-5 (n=39). **: p<0,01, *: p<0,05.

Questo studio è stato finanziato dal Ministero Federale dell’Istruzione e della Scienza (BMBF) attraverso una sovvenzione fornita all’Ospedale Universitario di Wuerzburg dal Network University Medicine on COVID-19 (B-FAST, grant-No 01KX2021) e dal Free Stato di Baviera con fondi per la ricerca COVID forniti all’Università di Wuerzburg, in Germania. Nils Petri è supportato dalla borsa di studio finanziata dalla Fondazione tedesca per la ricerca (DFG) UNION CVD.

Manuel Krone, vicedirettore dell’Unità di controllo delle infezioni e gestione antimicrobica dell’Ospedale Universitario di Wuerzburg

Ciò sarebbe sufficiente a far scattare subito un’indagine dell’EMA e dell’AIFA, ammesso che i medici addetti alla farmacovigilanza si prendano il mal di pancia di leggere i nuovi studi sui vaccini come fa nel suo piccolo Gospa News…

Ma un dettaglio rende ancora più significativa la ricerca della struttura sanitaria pubblica tedesca: l’autore corrispondente è Manuel Krone, vicedirettore dell’Unità di controllo delle infezioni e gestione antimicrobica dell’ospedale tedesco, che ha dovuto dichiarare un conflitto d’interessi avendo ricevuto «compensi da GSK e Pfizer al di fuori del lavoro presentato». 

VACCINI COVID: QUARTA DOSE “THRILLER”. Bivalenti Testati solo sui Topi e Fiale Uguali a quelle dei Sieri Genici Scaduti

Se un medico sulla lista paga della casa farmaceutica newyorkese produttrice di Comirnaty e un ateneo di nazionalità tedesca come la Biontech, partner della Big Pharma americana nella produzione di tale vaccino, arrivano a rendere pubblici questi dati c’è sicuramente da ritenerli affidabili ancor prima della revisione definitiva da parte degli altri scienziati della rivista medica specializzata MedRxiv.

C’è solo una lacuna in questo studio: non esiste la distinzione tra reazioni lievi e gravi che può essere peraltro intuibile dalla percentuale di operatori sanitari vaccinati con inabilità al lavoro. Ma anche in tal senso manca un elemento ulteriore: la durata del periodo di inabilità.

“IL 100 % DEI VACCINATI HA PROBLEMI DI CUORE”. Il Medico Americano J. Mercola svela Studio Svizzero e Metodi per Curare Long Covid

Ma esso conferma tutti le preoccupazioni esternate da autorevoli medici come il chirurgo milanese Andrea Stramezzi in merito alla pericolosità dei nuovi booster… 

Il campanello d’allarme è stato suonato.

Ma temiamo che il nuovo Ministro della Salute Orazio Schillaci, coinvolto in una partnership con la Pfizer attraverso l’Università di Roma Tor Vergata di cui è rettore, non osi fare le pulci a un siero genico bivalente testato solo sui topi proprio come non pare intenzionato ad avviare una Commissione d’inchiesta sulle reazioni avverse da vaccini e sulle morti causate da cure domiciliari precoci ignorate dalle autorità sanitarie italiane. 

Per leggere in sintesi tutti i retroscena del SARS-Cov-2 da laboratorio acquista il libro WuhanGates…

Fabio Giuseppe Carlo Carisio
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione
segui Gospa News su Telegram


MAIN SOURCES

MEDRXIV – Bivalent BNT162b2mRNA original/Omicron BA.4-5 booster vaccination: adverse reactions and inability to work compared to the monovalent COVID-19 booster

IL MINISTRO DELLA SALUTE SCHILLACI CON BIG PHARMA & UE SUI SIERI mRNA. Rettore di Università Partner di Pfizer e del Marito di Von der Leyen

Cari Lettori… GOSPA NEWS HA BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO. Perché sempre più CENSURATA dai Social di Mainstream. Bastano 10 euro…

WUHAN-GATES – 59. BILL III Imperatore di Virus & Vaccini: $8,3 Milioni per Lobbizzare Governi UE-USA con le sue ONG

BIMBI CAVIE DEI SIERI GENICI DI GATES! In Italia solo 57 Decessi per Covid tra Under 19 in 2 anni. Ma 231 Malori Fatali dopo i Vaccini in 6 mesi

USA: SCANDALO VACCINI COVID AI BIMBI! Da GSK (socia di PFIZER) $18mila a Medico CDC che ha dato OK. Ricercatore di Fauci

COVID, MATTARELLA RINGRAZIA LE BIG PHARMA SOTTO INCHIESTA E LODA I VACCINI. “Finta” Commissione Parlamentare “Legittimata” a Ignorare Morti e Danni da Reazioni Avverse

RECORD DI MORTI COVID IN ITALIA! “PER COLPA DI TACHIPIRINA E VIGILE ATTESA”. La Virologa Gismondo Affossa il “Procollo Speranza” sulla Pandemia

VACCINI COVID: OLOCAUSTO INFINITO! 76.789 Decessi e 6 Milioni di Danneggiati nei Database UE e USA

LOBBY ARMI – 7. ASSE NATO-GATES A TORINO. Tecnologie Militari IA nell’Intrigo Politico PD-FI-Lega-FdI tra Leonardo, Microsoft & Alleanza Atlantica

(Visited 1.123 times, 93 visits today)

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.