IL GRANDE SCISMA ORTODOSSO. Insanabile Crepa tra i Patriarcati di Mosca e Costantinopoli per il Conflitto tra NATO e Russia in Ucraina

IL GRANDE SCISMA ORTODOSSO. Insanabile Crepa tra i Patriarcati di Mosca e Costantinopoli per il Conflitto tra NATO e Russia in Ucraina

4.568 Views

“Vi esorto, fratelli, nel nome del Signore nostro Gesù Cristo, a che siate tutti d’accordo e che non ci siano divisioni tra voi, ma che siate uniti nella stessa mente e nello stesso giudizio”.
Sacra Bibbia – Lettere di San Paolo – 1 Corinzi 1:10

di Georgii Tkachev, un giornalista russo concentrato su politica e religione – originariamente pubblicato su Russia Today

ENGLISH VERSION

Tutti i link ai precedenti articoli di Gospa News sono stati aggiunti successivamente

Il 2023 potrebbe passare alla storia come una pietra miliare di un altro grande scisma nel mondo cristiano. Il conflitto tra la Chiesa ortodossa russa e il Patriarcato ecumenico di Costantinopoli (Istanbul), in corso da diversi anni, è rapidamente passato da disaccordi gravi ma risolvibili ad aperte accuse di eresia. La causa di fondo è il conflitto politico tra Russia e Occidente, con l’Ucraina al centro.

Una svolta nella disputa si è verificata nel decennio precedente, nel 2018, quando il Patriarcato di Costantinopoli ha concesso a Kiev un tomos di autocefalia, sostenendone cioè l’indipendenza dal Patriarcato di Mosca. A quel tempo, la Chiesa ortodossa russa ruppe i legami con Costantinopoli. Tuttavia, nel 2022, in seguito all’inizio dell’offensiva militare russa, la situazione è naturalmente peggiorata.

CRISTIANI PERSEGUITATI DAI SIONISTI NWO IN UCRAINA E ISRAELE. Nuova Legge di Netanyahu simile a quella di Zelensky contro gli Ortodossi

I cristiani ortodossi sono stati costretti a scegliere la propria lealtà politica, volontariamente o per necessità, a scapito dell’unità religiosa.

Quanto è significativo questo scisma? La politica ha distrutto l’unità dei cristiani e “Cristo è stato davvero diviso”?

Punto di non ritorno

A luglio, l’alto clero della Chiesa ortodossa russa (ROC) si è riunito presso la Trinità Lavra di San Sergio nella città di Sergiev Posad, a nord di Mosca, per tenere una conferenza episcopale. Il motivo principale di questo incontro sono stati gli eventi accaduti in Ucraina negli ultimi anni.

Era da molto tempo che non si riunivano per un evento così significativo. Secondo lo Statuto della Chiesa ortodossa russa, il Consiglio episcopale – il più alto organo di governo gerarchico della Chiesa – è convocato dal Patriarca e dal Santo Sinodo almeno una volta ogni quattro anni, prima del concilio locale e in “casi eccezionali”. ”

Tuttavia, a causa degli avvenimenti mondiali, il Concilio non veniva convocato da sei anni: le sue date sono state inizialmente rinviate a causa della pandemia di Covid-19 e, nell’agosto 2022, il Sinodo ha rinviato a tempo indeterminato lo svolgimento degli eventi sinodali a causa della situazione internazionale.

Già nel 2015 si era svolta una conferenza episcopale – un incontro dei vescovi della Chiesa ortodossa per discutere la situazione nella Chiesa durante il periodo interconciliare. Tuttavia, la situazione nel mondo ortodosso non richiedeva alcun rinvio in quel momento. tempo.

L’OCCIDENTE OCCULTA I CRIMINI RELIGIOSI DEL SIONISTA ZELENSKY. 61 Casi Giudiziari contro Monaci Ortodossi in Ucraina – International Breakings by Gospa News

Questa volta il Concilio si è dedicato quasi interamente ai rapporti tra la Chiesa ortodossa russa e il Patriarcato di Costantinopoli e alla situazione dei credenti in Ucraina. La Chiesa russa ha dichiarato uno scontro diretto con il Patriarcato di Costantinopoli, accusando il Patriarcato ecumenico di distorcere la dottrina ortodossa.

Ciò è dimostrato dal rapporto del patriarca Kirill della Chiesa ortodossa russa e dal documento adottato dai vescovi riuniti, intitolato “Sulla distorsione della dottrina ortodossa sulla Chiesa nelle azioni della gerarchia del Patriarcato di Costantinopoli e nelle dichiarazioni dei suoi rappresentanti”.

Il tono delle dichiarazioni rilasciate dalla Repubblica ortodossa quest’estate indica un profondo scisma nel mondo ortodosso, secondo Roman Lunkin, vicedirettore dell’Istituto d’Europa presso l’Accademia russa delle scienze (RAN) e capo del Centro per lo studio della religione ortodossa. Problemi di religione e società all’Istituto d’Europa.

“Le decisioni della Conferenza possono essere paragonate agli scismi dell’XI secolo, ma solo all’interno del mondo ortodosso. Ora non c’è solo la mancanza di comunione eucaristica con Costantinopoli, ma anche l’accusa di violazione delle tradizioni ecclesiastiche”, ha detto al quotidiano russo Kommersant.

Mosca – Kiev – Costantinopoli

L’essenza dei disaccordi tra Costantinopoli e Mosca deriva dalla creazione di una Chiesa ortodossa indipendente in Ucraina. Nel 2018, le autorità ucraine hanno deciso di istituire una propria Chiesa ortodossa separata dalla Repubblica ortodossa. Con l’appoggio del Patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo è iniziato il processo per la sua istituzione. Nell’ottobre 2018, il Sinodo della Chiesa di Costantinopoli ha revocato un decreto del XVII secolo che poneva la metropoli di Kiev sotto la giurisdizione del Patriarcato di Mosca. La ROC considerò queste azioni come invasioni del suo territorio canonico e sospese la comunione canonica con Costantinopoli.

Nel dicembre dello stesso anno si tenne a Kiev il cosiddetto Concilio di unificazione delle chiese ortodosse in Ucraina, durante il quale fu eletto il metropolita Epifanio di Kiev a capo della nuova struttura ecclesiastica, la Chiesa ortodossa ucraina (OCU).

LA PROFANAZIONE DEL NATALE DI ZELENSKY. Ai Preti Ucraini Scismatici il Monastero di Kiev tolto agli Ortodossi Russi

All’inizio del 2019, il Patriarca ecumenico ha concesso alla Chiesa ortodossa dell’Ucraina il tomos di autocefalia. La ROC ha criticato le azioni di Costantinopoli definendole una grave violazione dei canoni della chiesa. Il Patriarca Kirill di Mosca ha suggerito che ci sia stato un tentativo deliberato di distruggere la Repubblica Cinese: “Questa non è solo una lotta per la giurisdizione; è una lotta per rimuovere l’unica potente forza ortodossa nel mondo. Vogliono escludere l’Ortodossia canonica dal campo religioso dell’Ucraina”.

Nel maggio 2022, la restante Chiesa ortodossa ucraina sotto la giurisdizione di Mosca, nota come Chiesa ortodossa ucraina (UOC-MP), ha tenuto un consiglio di emergenza a Kiev e ha adottato una risoluzione che dichiarava la sua completa indipendenza dalla ROC. Tuttavia, ciò non ha impedito al deputato della Chiesa ortodossa ucraina di subire persecuzioni da parte delle autorità ucraine, che hanno accusato i membri del clero di avere legami con il Patriarcato di Mosca.

Patriarca Kirill di Mosca e di tutte le Russie © Sputnik / Alexey Filippov

Il Patriarca Kirill, nel suo rapporto di luglio commentando questi eventi, ha sottolineato che le azioni di Costantinopoli in Ucraina hanno portato alla “distruzione dell’unità della Chiesa”. Ha affermato che i principali vescovi di Costantinopoli “si stavano preparando da tempo per una divisione all’interno dell’Ortodossia, con il sostegno di forze politiche esterne, impegnandosi in negoziati segreti e intrighi.

Il patriarca Kirill ha anche menzionato come nel 2018 aveva cercato di spiegare “la situazione oggettiva in Ucraina” al patriarca Bartolomeo, ma ha affermato che “ha scelto di non ascoltare e ha invece violato i sacri canoni intervenendo in Ucraina per ‘abolire’ la gerarchia dei la Chiesa ortodossa ucraina e legalizzare lo scisma concedendole una presunta autocefalia”.

IL PAPA INTERVIENE IN DIFESA DEI RELIGIOSI ORTODOSSI DI KIEV. Dopo l’Espulsione dal Monastero decisa da Zelensky

Secondo Kirill, “questo scisma ha ostacolato la comunione spirituale tra la Chiesa ortodossa ucraina e una parte significativa del mondo greco-ortodosso e ha provocato un’aperta persecuzione contro la Chiesa ortodossa ucraina da parte delle autorità”.

“Si sono moltiplicati i casi di arresti, aggressioni contro membri del clero, profanazione di luoghi santi, procedimenti legali contro diversi vescovi e l’espulsione di comunità ortodosse dalle loro chiese. L’antica Kiev Pechersk Lavra (Monastero delle Grotte – ndr) è sotto la minaccia di chiusura, poiché le sue principali cattedrali, la Cattedrale della Dormizione e la Chiesa del Refettorio, sono state sottratte alla Chiesa ortodossa ucraina e sono ora controllate dagli scismatici”, ha detto.

GUERRA RELIGIOSA DEL SATA-NAZISTA ZELENSKY. 200 Monaci Ortodossi Perseguitati e ora Cacciati entro 3 giorni dal Monastero di Kiev

Un tentativo di conquistare i territori della ROC

La politica estera di Costantinopoli, in particolare il riconoscimento dell’indipendenza della Chiesa ucraina, servì da esempio per altri paesi post-sovietici. Nel settembre 2022, le autorità lituane hanno fatto appello al Patriarca Kirill e hanno chiesto la piena indipendenza della Chiesa ortodossa lituana.

La Lituania ha espresso il desiderio di diventare indipendente dal Patriarcato di Mosca. Il primo ministro Ingrida Simonyte ha scritto una lettera al patriarca Bartolomeo chiedendogli di sostenere la Lituania nel suo desiderio di separarsi da Mosca. Il Patriarca di Costantinopoli aveva già preso una decisione importante al riguardo, reintegrando cinque sacerdoti lituani che Mosca aveva sancito per le loro dichiarazioni politiche e il sostegno all’Ucraina.

“RISCHIO GUERRA MONDIALE PER LE ARMI NATO A KIEV”. Appello alla Pace e contro la Russofobia del Metropolita della Chiesa Ortodossa Italiana

Nel marzo di quest’anno, in un incontro con Simonyte a Vilnius, il Patriarca Bartolomeo ha detto: “Oggi si apre davanti a noi una nuova prospettiva e abbiamo la possibilità di lavorare insieme per creare un esarcato del Patriarcato ecumenico in Lituania”.

Il Patriarca Kirill e i vescovi della ROC hanno condannato questa iniziativa e hanno affermato che avrebbe interferito nel territorio canonico della ROC. La Chiesa russa considera anticanoniche le intenzioni del Patriarcato di Costantinopoli.

Una situazione simile si sta verificando in Lettonia. Nell’ottobre dello scorso anno, anche la Chiesa ortodossa lettone (LOC) ha inviato una petizione alla Repubblica Democratica del Congo chiedendole di concederle l’indipendenza. Il motivo dell’appello era una legge adottata dal parlamento lettone a settembre, che obbligava la LOC a dichiarare l’indipendenza dalla ROC.

Patriarca ecumenico greco-ortodosso Bartolomeo I di Costantinopoli © Burak Kara

“Ispirate dai loro vicini, le autorità secolari della Lettonia hanno deciso di andare ancora oltre e hanno proclamato personalmente la falsa autocefalia della Chiesa lettone”, ha detto il Patriarca Kirill alla Conferenza episcopale.

Di conseguenza, Costantinopoli potrebbe assumere il controllo delle nuove chiese di Lituania e Lettonia e Mosca potrebbe perdere molti dei suoi territori, parrocchie e congregazioni. Ricordando la persecuzione dei parrocchiani dell’UOC-MP in Ucraina, il Patriarca Kirill ha affermato che il Patriarcato di Costantinopoli è diventato “uno strumento nelle mani di abili manipolatori” nella “guerra contro l’Ortodossia”.

Punto di vista di Costantinopoli

Anche Costantinopoli, dal canto suo, non è incline alla riconciliazione con la Chiesa ortodossa russa, il che non fa altro che esacerbare lo scisma nel mondo ortodosso. Lo scorso dicembre il patriarca Bartolomeo è intervenuto ad una conferenza sulla politica globale ad Abu Dhabi, dove ha criticato aspramente la Chiesa e ha tentato di invitare i politici occidentali e gli scienziati politici presenti al forum a confrontarsi non solo con la Russia ma anche con la Chiesa ortodossa russa come fondamento della il mondo russo.

Bartolomeo ha dedicato il suo discorso al conflitto in Ucraina, definendolo “la peggiore crisi geopolitica e umanitaria europea dalla fine della Seconda Guerra Mondiale”. E l’interesse per esso era giustificato dal fatto che «la fonte delle nostre disgrazie è la conseguenza di errori di giudizio su questioni relative alla fede».

ALLARMI DI APOCALISSE DAL PATRIARCA DI MOSCA. Musk contro l’Escalation in Ucraina – GOSPA NEWS International – Reportages dal Mondo

Il Patriarca di Costantinopoli ha visto tali “errori” esclusivamente nelle azioni della Russia e del Patriarcato di Mosca. “La Chiesa ortodossa russa si è schierata con il regime del presidente Vladimir Putin, soprattutto dopo l’elezione di Sua Beatitudine il Patriarca Kirill nel 2009“, ha detto Bartolomeo.

“Essa partecipa attivamente alla promozione dell’ideologia di Rousskii Mir, del mondo russo, secondo la quale lingua e religione permettono di definire un insieme coerente, che comprende Russia, Ucraina, Bielorussia, nonché gli altri territori dell’ex Unione Sovietica e diaspora. Mosca (sia nel potere politico che nel potere religioso) costituirebbe il centro di questo mondo, la cui missione sarebbe quella di combattere i valori decadenti dell’Occidente. Questa ideologia costituisce uno strumento di legittimazione dell’espansionismo russo e la base della sua strategia eurasiatica. Il legame con il passato dell’etnofiletismo e il presente del mondo russo è evidente. La fede diventa così la spina dorsale dell’ideologia del regime di Putin”.

Il Patriarca Kirill di Mosca e di tutte le Russie, a destra, e il Patriarca ecumenico Bartolomeo di Costantinopoli © Sputnik / Alexei Danichev

Dal punto di vista del Fanar, i principali “crimini” della Russia sono “l’eresia dell’etnofiletismo”, che egli intende come “l’idea che le chiese dovrebbero organizzarsi secondo il principio di etnicità, il cui indicatore centrale sarebbe la lingua”, e l’associata “ideologia del mondo russo”. In sostanza Bartolomeo accusò la Chiesa russa di eresia e di razzismo ecclesiastico.

In risposta alle accuse del Patriarcato di Costantinopoli, la Chiesa ortodossa russa ha affermato che “per vecchia abitudine” il mondo ortodosso di Bartolomeo è limitato ai confini dell’Impero Ottomano dei secoli XVIII e XIX. Gli ucraini non sono diventati vittime della guerra tra l’URSS e la Germania nazista, ma hanno vinto, fianco a fianco con i russi, il conflitto più sanguinoso della storia. La ROC ha considerato le accuse di etnofiletismo “assurde e volgari” e ha affermato che unisce milioni di credenti e centinaia di nazioni in preghiera, tenendo servizi religiosi in dozzine di lingue.

RUSSIA: ULTIMO VERO BALUARDO DEL CRISTIANESIMO. Propaganda LGBT vietata da Mosca per Proteggere i Minori da Gender e Pedofilia

Anche il Patriarcato di Mosca ha lanciato un “contrattacco” accusando Costantinopoli di tacere sulle repressioni del governo ucraino contro la Chiesa ortodossa ucraina del Patriarcato di Mosca. Ha inoltre affermato che parte del clero di Costantinopoli sostiene il movimento LGBTQ, l’aborto e il controllo delle nascite.

Le Tre Roma

L’ex capo del dipartimento missionario della diocesi di Kiev, l’arciprete Andrej Tkachev, ha dichiarato a RT che la situazione attuale ha aggravato alcuni dei maggiori problemi del cristianesimo mondiale.

“RISCHIO ARMAGEDDON NUCLEARE”. Il Presidente dei Vescovi Italiani fa Previsioni Apocalittiche come il Patriarca di Mosca

«Tutta questa situazione nel mondo cristiano ha dimostrato ancora una volta le tesi delle “Tre Roma”: l’antica, la seconda e la terza Roma, che è anche la Roma finale. La “vecchia Roma” segue completamente lo scenario neoliberista moderno, rinuncia essenzialmente a Gesù Cristo. La “seconda Roma” – Costantinopoli – si comporta allo stesso modo, se non peggio, e serve anche gli interessi dell’agenda liberale globale. E poi c’è la “terza Roma” – Mosca, che difende gli interessi della cristianità mondiale e assume la posizione più adeguata nella battaglia apocalittica”, ha detto l’arciprete.

Secondo padre Andrej, Costantinopoli è un “dipartimento politico che ha rivendicato la responsabilità dell’intero mondo ortodosso, responsabilità che nessuno gli ha delegato”.

“Ma”, ha detto, “Costantinopoli non è il luogo della predicazione apostolica. Per qualche ragione, il Patriarca locale ha acquisito il ruolo senza precedenti di arbitro supremo e capo del mondo ortodosso, che Dio non gli ha dato. Questo è sicuramente un peccato”.

PANDEMIA & GUERRA: COME LOTTARE CONTRO I COMPLOTTI NWO. Lezioni Bibliche di Re Davide, Papa Wojtyla e Marc Chagall

Inoltre, Tkachev ha espresso dubbi sul fatto che il clero occidentale possa portare la pace in Ucraina.

“Molti leader religiosi parlano della necessità di pace. Ma nessuno di loro, tranne Sua Santità Kirill, ha mai parlato di falsa pace e di vera pace. I profeti Geremia e Isaia parlano molto duramente dei falsi profeti che dicono: “Pace, pace, quando pace non c’è” [Geremia 6:14]. La pace, infatti, non è fine a se stessa: la pace è il frutto, ma la meta è la vicinanza a Dio.

La nostra malvagità incita alla guerra e, per poter fare veramente pace gli uni con gli altri, dobbiamo prima fare pace con Dio. Nessuno, né Bartolomeo né Francesco, ha mai detto questo. Tutti parlano della loro banale concezione della pace, senza nominare le ragioni principali della guerra: non ci sarà pace per i sodomiti, non ci sarà pace per chi uccide i bambini, non ci sarà pace per chi cambia sesso , non ci sarà pace per i ladri e per coloro che fanno cose malvagie, e per coloro che hanno smesso di pregare e sono immersi nel peccato fino alle narici, non ci sarà pace per loro, mai. Tutti i patriarchi, tutti i sacerdoti e i vescovi dovrebbero proclamarlo”.

CRISTO: L’ARMA PIU’ POTENTE DELLA CROCIATA DI PUTIN. Contro l’Occidente Corrotto da Lobby Armi-Big Pharma e Perverso da LGBTQ antiCristiani

“Abbiamo bisogno”, ha concluso l’arciprete, “di avviare un dialogo serio sulla pace, sulla genesi della guerra, sulla genesi del peccato, sulla connessione interna tra peccato e guerra, sulla profonda empietà delle civiltà moderne e sul fatto che , per l’umanità, tutto ciò si tradurrà inevitabilmente in uno spargimento di sangue. Questa è semplicemente la Legge di Dio”.

di Georgii Tkachev, un giornalista russo concentrato su politica e religione – originariamente pubblicato su Russia Today

Tutti i link ai precedenti articoli di Gospa News sono stati aggiunti successivamente


FONTI PRINCIPALI

GOSPA NEWS – CRISTIANI PERSEGUITATI

GOSPA NEWS – NWO – COSPIRAZIONI – MASSONERIA 

GOSPA NEWS – STORIA

GOSPA NEWS – DOSSIER UCRAINA

DEVIANZE GENDER LGBT, TORMENTI DI VACCINI, FURORI DI GUERRE, TIMORI DI APOCALISSE. Profezie Bibliche su Giusti ed Empi

L’UCRAINA VUOLE BANDIRE LA CHIESA ORTODOSSA RUSSA. Raid degli 007 SBU al Monastero di Kiev. Dopo la Legge di Discriminazione Linguistica

STATI UNITI D’AMERICA: LA CHIESA DEI DEMONI. Dai Puritani del Nuovo Ordine Mondiale agli Albori di una Nuova Umanità

(Visited 303 times, 4 visits today)

fonte selezionata da Gospa News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *