IN PREGHIERA PER IL CREATO NELL’ANNO 7034 DELLA BIBBIA. Riflessione Religiosa e Storica del Metropolita della Chiesa Ortodossa Italiana

IN PREGHIERA PER IL CREATO NELL’ANNO 7034 DELLA BIBBIA. Riflessione Religiosa e Storica del Metropolita della Chiesa Ortodossa Italiana

2.156 Views

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una riflessione dell’arcivescovo Filippo Ortenzi, Metropolita della Chiesa Ortodossa d’Italia (entità cristiana autocefala che non fa riferimento ad alcun patriarcato storico ma si affida al suo capo religioso come unica guida). 

I link ai precedenti articoli di Gospa News sono stati aggiunti a posteriori dalla redazione per l’attinenza coi temi trattati

Nell’immagine di copertina l’arcivescovo Filippo I e la Fine del Diluvio – affresco del 1556 dell’artista lombardo Aurelio Luini conservato con altre due opere sul tema nella cappella della Chiesa di S. Maurizio al Monastero Maggiore di Milano.


di Filippo Ortenzi – Sua Beatitudine Filippo I

Il 1 settembre ricorre la Giornata Mondiale di Preghiera per la Custodia del Creato, istituita nel 1989 dalla Chiesa Ortodossa su proposta del Patriarca di Costantinopoli-Nuova Roma Demetrio I (al secolo Dimitrios Papadopoulos) che nel 1989, successivamente nel 2015, Papa Francesco ha deciso di far coincidere, in spirito ecumenico, analoga iniziativa promossa dalla Chiesa Cattolica nel 2005.

La giornata di preghiera per la cura del creato, nata in ambiente ortodosso è oggi universalmente accolta da tutte le chiese cristiane, dopo che a Gaz i responsabili delle varie chiese evangeliche, episcopali, riformate, ortodosse e cattoliche hanno raccomandato di considerare e promuovere la salvaguardia del creato quale parte integrante della vita della Chiesa a tutti i suoi livelli e di “di promuovere uno stile di vita orientato ai criteri della sostenibilità e della giustizia sociale e di dare supporto a ogni sforzo mirante a un’economia che risponda agli stessi criteri» nonché “di organizzare una rete europea di responsabili dell’ambiente e di riconoscerli come partner nelle loro attività» (cf. Regno-doc. 15,1997,484).

LAUDATA SIA LA BELLEZZA PER SALVARE IL PIANETA. Riflessioni di Paolo Maddalena, Vice Presidente emerito della Consulta, sull’Enciclica di Papa Francesco e la globalizzazione (parte 1)

Il tema del Tempo Ecumenico del Creato del 2023 è  “Che scorrano la giustizia e la pace”, ispirato dalle parole del profeta Amos: «Come le acque scorra il diritto e la giustizia come un torrente perenne» (5,24), tanto più attuale in quanto il nostro pianeta è afflitto da numerose guerre, quale quelle in Ucraina e nelle Yemen, alcuni popolazioni sono a rischio genocidio  nel più assordante silenzio da parte degli organismi internazionali e dei mass media, e mi riferisco alle popolazioni ortodosse del Nagorno Karabakh e del Tigré, alla devastazione del clima operata dall’uomo che soltanto ultimamente ha avuto attenzione da parte degli organismi internazionali soltanto negli ultimi anni del secolo scorso, come evidenziato dalla Conferenza sull’Ambiente e sullo Sviluppo delle Nazioni Unite (UNCED, United Nations Conference on Environment and Development), informalmente conosciuta come Summit della Terra, tenutasi a Rio de Janeiro nel 1992.

FAME TRA I BIMBI ARMENI ISOLATI SENZA CIBO E MEDICINE. “In Atto un nuovo Genocidio” SOS dal Patriarca Cattolico

Soltanto nel 1997 a Kyoto (Giappone) fu sottoscritto un Protocollo da quasi  tutte le nazioni del mondo per contrastare il cambiamento climatico, dal quale, a parte pochissime nazioni che non lo hanno firmato (la più grande della quale è la Turchia) non è stato ratificato dallo stato responsabile del maggior inquinamento al mondo che sono gli Stati Uniti d’America.

La tutela del Creato è un dovere per tutti noi che siamo di passaggio in questo mondo e dobbiamo preservarlo anche per rispetto alle generazioni future, poi in Italia la nostra Chiesa è impegnata nella lotta per la salvaguardia ambientale e ne è prova padre Giuseppe Marasco di Manfredonia (FG) comandante degli Ispettori Territoriali Ambientali Civilis che da anni lotta contro lo sversamento di rifiuti e l’abbandono di auto rubate e cannibalizzate nel foggiano, l’associazione animalista L’Arca di Santantonio Abate e le congregazioni dei Monaci Francescani Ortodossi e dei Monaci Antoniani, sempre in prima linea per la difesa della natura e degli animali.

STATI UNITI D’AMERICA: LA CHIESA DEI DEMONI. Dai Puritani del Nuovo Ordine Mondiale agli Albori di una Nuova Umanità

Le benedizioni degli animali promosse dalla nostra Chiesa in concomitanza della festa di Sant’Antonio hanno poi avuto risonanza mediatica nazionale anche grazie all’attenzione e ai servizi dell’emittente Oltremodo TV di Serena Pizzo. Vi invito, cari fratelli, a pregare e adoperarvi per la tutela e la cura del creato, che il Signore ci ha donato  e, riflettere anche sulla necessità di comprendere che Creazione e Redenzione sono inseparabili, perché, come ci ha insegnato Sua Santità Benedetto XVI, di venerata memoria: «Il Redentore è il Creatore e se noi non annunciamo Dio in questa sua totale grandezza – di Creatore e di Redentore – togliamo valore anche alla Redenzione».

PANDEMIA & GUERRA: COME LOTTARE CONTRO I COMPLOTTI NWO. Lezioni Bibliche di Re Davide, Papa Wojtyla e Marc Chagall

Per doverosa informazione il 1 settembre è il primo giorno dell’anno secondo il calendario imperiale romano stato scelto nel 312 da san Costantino il Grande, isapostolo e imperatore dei Romani e fu il calendario ufficiale dell’Impero Romano fino alla caduta di Costantinopoli del 1453 rimanendo in uso nell’Impero Russo fino al 1699, esso contava gli anni dalla creazione del mondo (A.M. Anno Mundi) che secondo la tradizione cristiana (basata sulla Bibbia dei Settanta) era avvenuta il 1 settembre del 5009 a.C., dal VII secolo l’A.M. fu gradualmente sostituito dall’A.D. (anno del Signore) oggi predominante in tutto il mondo e utilizzato anche dall’ONU e dalla maggioranza dei paesi non cristiani e solitamente si usa come d.C. (dopo Cristo) e a.C (avanti Cristo).

Pace e bene a tutti – 1 settembre 2023 A.D. – 1 settembre 7034 A.M.

Sua Beatitudine Filippo I
Arcivescovo Metropolita della Chiesa Ortodossa Italiana


“RISCHIO GUERRA MONDIALE PER LE ARMI NATO A KIEV”. Appello alla Pace e contro la Russofobia del Metropolita della Chiesa Ortodossa Italiana

BENEDETTO XVI E IL POSTO DI DIO NEL MONDO. L’Eredità del Pontefice Emerito secondo mons. Crepaldi, Arcivescovo di Trieste

IL GRANDE SCISMA ORTODOSSO. Insanabile Crepa tra i Patriarcati di Mosca e Costantinopoli per il Conflitto tra NATO e Russia in Ucraina

DISASTRO MAUI, Spettri Militari: nelle Hawaii Misterioso CyberAttacco, Laser Stellare e Test per Arma a Energia Diretta THOR

TRIVELLE, TERREMOTI, APOCALISSE. Scontro Uomo, Natura, Satana, Dio. Forte Sisma e 2 NUOVE SCOSSE nel Mar Adriatico dopo il Riavvio dI 8 Pozzi ENI

I MESSAGGI DELLA REGINA DELLA PACE DA MEDJUGORIE. Sei mesi di Moniti ai Cristiani donati ai Veggenti

USA: SCHEGGE DI APOCALISSE PER COLPA DELL’ANTICRISTO BIDEN. Tremenda Bufera di Natale Uccide 60 Americani dopo i “Doni” Malefici per la Guerra Ucraina

(Visited 283 times, 1 visits today)

fonte selezionata da Gospa News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *