WUHAN-GATES – 24. OMS IN MANO AL PUPAZZO DI GATES & CINA. Tedros leader TPLF: i ribelli Comunisti IslamicI accusati da Amnesty dell’ultimo massacro in Etiopia

WUHAN-GATES – 24. OMS IN MANO AL PUPAZZO DI GATES & CINA. Tedros leader TPLF: i ribelli Comunisti IslamicI accusati da Amnesty dell’ultimo massacro in Etiopia
Pubblicità

2.086 Views

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

WHOLE ENGLISH VERSION HERE

Colui che ha imposto al mondo la pandemia l’11 marzo 2020 ora rischia di vedere il suo paese dilaniato da un’incombente guerra civile in conseguenza della decisione presa dal governo dell’Etiopia di rinviare le elezioni regionali e locali proprio per l’emergenza Covid-19.

Il direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus, misteriosamente si dichiara Cristiano ortodosso su FB ma saluta dicendo Inshallah come se si fosse convertito segretamente all’Islam e infatti viene reputato musulmano da Wikipedia Italia, rimane comunque uno storico comunista.

Infatti, non è solo un evidente pupazzo nelle mani del più importante finanziatore privato dell’Oms, ovvero Bill Gates, in una ridda di conflitti d’interessi che lo vedono servile alleato della Cina e fan dei Democratici Usa, ma è anche stato fiero leader politico del Fronte di Liberazione del Popolo Tigray (TPLF) accusato nei giorni scorsi di un massacro che in Etiopia non si vedeva dai tempi della guerra civile.

Tedros Adhanom Ghebreyesus e Bill Gates nel 2014

Mentre il conflitto a fuoco tra governo federale e ribelli sta assumendo contorni tragici con migliaia di sfollati è importante ripercorrere l’itinerario dell’uomo che tiene le redini della dittatura sanitaria conseguente all’emergenza epidemica del SARS-Cov-2.

I “Tigrini” del TPLF sono un partito nato nella regione Tigrè da cui prendono il nome nel 1967 come movimento di guerriglia per l’imposizione del Marxismo-Leninismo. Fino al 1990 sono state una forza di estrema sinistra per la Democrazia Rivoluzionaria del Nazionalismo Tigray, poi hanno mitigato gli ideali comunisti in un orientamento più moderato, ma solo di facciata.

 

LA DEVOZIONE GHEBREYESUS AI TIGRINI TPLF

Alla stregua dei Khmer Rossi del dittatore cambogiano Pol Pot hanno fondato un partito ispirato ai valori Democratici, come oggi fanno molti esponenti del Nuovo Ordine Mondiale tra cui lo stesso Gates, principale donor del Democratic Party insieme a George Soros, plutarca dominante sull’Unione Europea e grande alleato del PD italiano.

Come gli Hezbollah libanesi, infatti, i Tigrini o Tigrè non sono solo un movimento politico ma una potente organizzazione para-militare che nello scorso agosto, in risposta alla decisione del governo federale etiope di rinviare le elezioni, ha mostrato i muscoli, insieme a kalashnikov e bazooka, riempiendo uno stadio intero tanto da meritarsi un ampio reportage in amarico, la lingua nazionale etiope, sulla BBC.

Il reportage di Addis Standard sulla parata militare TPLF e il messaggio si sostegno al TPLF pubblicato da Tedros Adanhom Ghebreyesus nel suo profilo Facebook nel 2015

Questo movimento che contempla la lotta armata e mantenne il controllo dell’Etiopia per circa trent’anni (dal 1991 al febbraio 2018, quando è stato cacciato dal potere da un’ondata di rivolta popolare), è particolarmente caro al direttore dell’Oms che avrebbe come compito internazionale quello di portare salute sulla terra più che ostentare venerazione della ribellione politica con le armi in pugno.

“TEDROS E’ UN CRIMINALE”. Dall’Etiopia accuse al direttore OMS che nega di procurare armi ai ribelli Comunisti-Islamici TPLF. Incubo Al Qaeda nel Corno d’Africa

«Il TPLF ha buone ragioni per pensare di poter attaccare le forze governative etiopi, e tuttavia non essere ritenuto responsabile dalle democrazie occidentali che esercitano così tanta influenza nel paese» scrive su Atlantic Council l’analista Bronwyn Bruton.

Tedros Adhanom Ghebreyesus, già Ministro della Sanità etiope dal 2005 al 2012 proprio grazie ai Tigrè comunisti TPLF, nel febbraio 2015 rammentó con un post su Facebook la sua devozione a tale schieramento.

 

TEDROS, USAID-CIA E IL SUPERVIRUS SARS

Lo fece con la stessa enfasi con cui pubblicò molteplici foto insieme a Gates, ringraziandolo per le sovvenzioni all’Oms, e a presidenti americani Democratici come Barack Obama e Bill Clinton oltre all’italiana Frederica Morgherini, quando era Alto Rappresentante dell’Unione Europea per gli affari esteri. Tra i primi ad incontrare il dr. Tedros appena nominato ai vertici dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ci fu proprio Clinton, come ricorda la data, 22 settembre 2017, dell’incontro immortaloto su Facebook.

L’incontro con Bill Clinton e la conferenza con Bill Gates: due momenti importanti per il nuovo direttore dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus

Questi stretti legami furono ostentati sempre su FB già nel 2014-2015, proprio negli anni in cui tra i laboratori di biosicurezza Bsl 4 del Wuhan Institute of Virology e quello di Chapel Hill della North Carolina University erano in corso gli studi sul SARS dei pipistrelli infettato con l’HIV per costruire dei supervirus ricombinanti potenziati con finalità “dual use”, ovvero con finalità di vaccino sanitario ma anche arma batteriologica.

WUHAN-GATES – 9. LE PROVE: HIV inserito in un virus SARS nel 2007. Grazie ai milioni UE della Commissione Prodi

Quelle ricerche furono finanziate dal progetto PREDICT 2 dell’amministrazione di Barack Obama grazie ai contributi dell’agenzia governativa americana USAID, strumento finanziario della Central Intelligence Agency sovente usata per i regime-change nel mondo, e dalla Bill & Melinda Gates Foundation. Oltrechè, fin dal 2004, anche dalla Commissione Europea allora presieduta dal democratico italiano Romano Prodi.

Le interconnessioni tra quelle pericolose ricerche e la pandemia da SARS-Cov-2 decretata da Ghebreyesus furono messe in evidenza da molteplici ricercatori esperti di biologia molecolare.

WUHAN-GATES – 4. “CoVid-19 Manipolato, Affare Nascosto CINA-USA”. Class-Action per Bio-Arma in Texas

«C’è una pressione enorme affinchè tutto quello che è all’origine del virus sia nascosto. Siamo arrivati alla conclusione che effettivamente c’è stata una manipolazione su questo virus. Una parte, io non dico la totalità. C’è un modello che è evidentemente il virus classico, un modello che veniva soprattutto dal pipistrello ma a questo modello hanno aggiunto delle sequenze di HIV, il virus dell’AIDS. Non è naturale. In biologia molecolare si possono fare attualmente tutte le costruzioni di virus che si vogliono. Gli Stati Uniti sono al corrente ma hanno finanziato una parte delle ricerche fatte nei laboratori di Wuhan e questo è pubblicato. Dunque è un affare non solo cinese».

Sentenziò il virologo francese Luc Montagnier, vincitore del Premio Nobel per la Medicina nel 1983 proprio per aver scoperto il virus HIV. Prima di lui anche l’avvocato americano Francis Boyle, esperto di armi biologiche per aver scritto la relativa Convenzione negli Usa, aveva dichiarato che il virus SARS-2 è una bio-arma costruita a Wuhan in «un laboratorio di ricerca designato dall’Organizzazione Mondiale della sanità (OMS)» che pertanto «sa perfettamente cosa sta succedendo».

Tedros Adhanom Ghebreyesus, Ministro degli Esteri dell’Etiopia in una conferenza USAID (2014) e in un incontro con il presidente Usa Barack Obama (2015), dal profilo FB

Quegli esperimenti avrebbero causato una fuga “per errore” dell’agente patogeno geneticamente modificato, secondo lo scienziato Montagnier e l’ex direttore del controspionaggio britannico MI 6, Richard Dearlove.

Invece, secondo l’avvocato Robert F. Kennedy, nipote di JFK, è frutto di una «pandemia pianificata da decenni da Bill Gates e Anthony Fauci». Quest’ultimo, direttore del NIAID, l’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive degli Usa, è infatti stato il coordinatore di molteplici delicati studi anche nei 28 laboratori militari americani, come dimostrato dal dossier esclusivo pubblicato da Gospa News Biological Weapons Convention del 2015.

WUHAN-GATES 21. “PANDEMIA PIANIFICATA DA DECENNI”. Kennedy accusa Gates e Fauci. Il Complotto in 200 righe: sunto di 30 Inchieste. Papa contro Big Pharma: “Troppi interessi”

È pertanto assai interessante vedere la foto di Ghebreyesus in un convegno internazionale di USAID nel settembre 2014, quando era diventato Ministro degli Affari Esteri dell’Etiopia (2012-2016), mentre ai vertici della CIA c’era Avril Haines, l’avvocatessa nominata vicedirettore da Obama in virtù della sua lunga collaborazione con Joe Biden e i Democratici nel campo delle bio-armi, che non solo predisse la pandemia in una conferenza del 2018 ma nell’ottobre 2019 fu protagonista dell’esercitazione “simulata” sull’emergenza da Coronavirus “Event 201” finanziata dalla fondazione Gates. Haines è stata riconfermata nello team di intelligence del candidato alla Casa Bianca Joseph Biden, acclamato da molti media come presidente eletto.

WUHAN-GATES – 22. EX 007 CIA, PROFETA DI PANDEMIA CON GATES, NEL TEAM DI BIDEN. Per gestire Intel Militare, AI e trading in Italia e UE col NWO

 

IL DIRETTORE OMS AMATO DA GATES E DAGLI ISLAMICI

Tre anni dopo, nel 2017, il dottor Tedros fu nominato direttore dell’Oms, grazie all’appoggio del suo mentore Bill Gates che di fatto è il vero padrone dell’ente internazionale come ben spiegato da Milena Gabanelli in un articolo sul Corriere della Sera.

«L’Oms è È finanziata dai 194 Paesi membri con contributi fissi in base al Pil, sostanzialmente congelati dal 1987, e da contributi volontari. Questi ultimi, che rappresentano la parte più consistente, provengono anche da una moltitudine di soggetti privati: parliamo di 4,6 miliardi di dollari su un budget complessivo di 5,6 (lista qui). Il primo contribuente sono gli Stati Uniti che versano in totale 893 milioni di dollarI» si legge sullo storico quotidiano milanese.

La classifica dei primi 20 finanziatori dell’OMS realizzata dal Corriere

«Al secondo posto troviamo Bill e Melinda Gates con oltre 600 milioni, al terzo il Regno Unito con quasi 400, al quarto Gavi Alliance (di Bill Gates) con 370, poi il Rotary Club, il National Philantropic Trust e la Cina è al 14esimo posto con 85,8 milioni. Di fatto l’Oms gestisce il 20% del suo budget, perché il resto sono progetti specifici decisi dai privati, e non tutti trasparenti. Un’organizzazione quindi indebolita dalla mancanza di soldi, e di personale con grande esperienza, liquidato per assumere giovani a contratto».

Chi comanda e decide nell’Oms è il direttore generale, che da statuto «non deve domandare né ricevere istruzioni da nessun governo od autorità straniera». Ciò non impedì all’ex Ministro della Sanità dell’Etiopia di diventare capo della struttura internazionale nonostante i suoi evidenti clamorosi conflitti di interesse.

Tedros Adhanom Ghebreyesus con Bill Gates prima della nomina a direttore OMS

Come ricorda Roberto Vivaldelli su InsideOver, rubrica del quotidiano Il Giornale, «Tedros era prima nel consiglio di amministrazione di due organizzazioni finanziate da Gates: Gavi e il Global Fund, nel quale ricopriva il ruolo di presidente del consiglio di amministrazione».

Nel 2017, per la prima volta nella storia dell’Oms, a scegliere non è un gruppo ristretto di 34 membri, ma i rappresentanti di tutti i 194 Paesi, e per la prima volta 186 di loro votano l’africano Ghebreyesus, sedicente cristiano ortodosso ma aperto sostenitore dei musulmani (forse convertito segretamente), facendo esultare non solo i “tigrini” dell’Etiopia ma anche la comunità islamica mondiale che celebra con toni trionfali la sua incoronazione.

La celebrazione del nuovo direttore OMS sui media musulmani

I tigrè sono un gruppo etnico residente fra Eritrea (dove costituisce circa il 30% della popolazione) ed il Sudan, con comunità emigrate in Italia, Regno Unito, Germania e negli altri paesi europei, in Etiopia, nel Medio Oriente, in Australia e negli Stati Uniti. Abitano prevalentemente l’area centro-settentrionale dell’Eritrea. Molti sono stati costretti a spostarsi in Sudan dalle repressioni operate dal regime etiope, durante la Guerra di indipendenza eritrea.

Gli attivisti comunisti TPLF sono in prevalenza musulmani sunniti (della stessa confessione islamica dei fondamentalisti terroristi di Al Qaeda e ISIS) e pertanto abituati al concetto di jihad quale lotta, anche armata, per il potere. Tra l’etnia Tigrayan loro c’è anche una percentuale di cristiani ortodossi (6 % della popolazione).

La scheda politica di Tedros Adhanom Ghebreyesus e un miliziano TPLF

«Il Dr. Tedros, nato ad Asmara (Eritrea), si è laureto in biologia nel 1986 presso l’Università dell’Asmara; nel 1992 ha conseguito un Master di Scienze (MSc), Immunologia delle Malattie infettive, rilasciato dall’Università di Londra e nel 2000 un Dottorato di Ricerca in Filosofia (Ph.D.), sul tema Community Health, presso l’Università di Nottingham» si precisa in uno dei suoi curriculum ufficiali.

Mentre Wikipedia e molteplice altre fonti mettono in rilievo la sua lunga militanza nel Tigray People’s Liberation Front grazie al governo del quale è stato ministro in Etiopia dal 2005 al 2016. Proprio in questi giorni la forza para-militare dei Tigrini è finita nel mirino di Amnesty International per un massacro che pare costruito ad arte per infiammare il conflitto nella nazione e far riprendere un annosa guerra civile.

 

IL MASSACRO DEI CIVILI IN ETIOPIA

«Dopo aver analizzato fotografie, video e immagini dal satellite e aver parlato con testimoni oculari, Amnesty International è in grado di confermare che la notte tra il 9 e il 10 novembre c’è stato uno spaventoso massacro di civili nella città di Mai-Kadra, nello stato del Tigrè. Numerose decine, ma probabilmente centinaia di civili, soprattutto lavoratori giornalieri, sono stati pugnalati o accoltellati a morte nel contesto dell’offensiva militare avviata il 4 novembre dal governo di Addis Abeba contro il Fronte popolare di liberazione del Tigrè (Tplf)» ha riferito AI ispirando vari articoli sui quotidiani.

L’esatta dimensione del massacro è ancora incerta a causa del totale blocco delle comunicazioni. L’agenzia di stampa del governo dello stato di Amhara ha parlato di circa 500 morti. Una fonte locale che sta collaborando con Amnesty International per accertare l’identità delle vittime ha dichiarato che la maggior parte aveva documenti d’identità ahmara.

«Amnesty International non è ancora in grado di confermare chi siano gli autori del massacro ma ha parlato con testimoni oculari che hanno chiamato in causa forze leali al Tplf, tra cui la Polizia speciale del Tigrè, che si sarebbero accanite sulla popolazione di Mai-Kadra dopo essere state sconfitte dalle forze armate federali» scrive l’organizzazione umanitaria.

Miliziani del TPLF in azione

«Secondo quanto ricostruito dall’organizzazione per i diritti umani, nella giornata del 9 novembre le forze armate federali e la Forza speciale amhara hanno lanciato un’offensiva contro la Polizia speciale del Tigrè, terminata la quale si sono accampate nottetempo fuori da Mai-Kadra.  Al mattino sono entrate di nuovo in città e hanno scoperto il massacro».

«Il 4 novembre il primo ministro dell’Etiopia, Abiy Ahmed, ha ordinato alle forze armate federali di lanciare un’offensiva militare contro la Polizia speciale e milizie locali alleate al Tplf, in risposta ad attacchi di queste ultime contro la base del Comando nord situata a Mekelle e altre strutture militari nel Tigrè. L’aviazione federale ha compiuto numerosi attacchi contro obiettivi militari del Tplf. Secondo l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, all’11 novembre 7000 civili si erano rifugiati nel vicino Sudan».

Secondo il premier, premio Nobel della Pace, sarebbe stata una ritorsione per le elezioni regionali di ottobre definite “illegali” da Addis Abeba che aveva posticipato le previste elezioni nazionali al 2021 a causa del Covid, scelta a sua volta definita incostituzionale dal Tigray pronto a dare battaglia nonostante l’emergenza da Covid-19 in corso.

 

SARS-2: I CINESI ELOGIATI DA GHEBREYESUS

L’immagine di Ghebreyesus, però, non è adombrata solo dal suo imbarazzante percorso politico ma soprattutto dal suo ruolo di fronte all’allarme sanitario mondiale.

Il primo ricovero all’ospedale di Wuhan di un malato di Covid-19 è dell’8 dicembre 2019, ma i funzionari cinesi riferiscono agli uffici Oms di Pechino dell’esistenza di casi atipici di polmonite il 31 dicembre (già con Sars la Cina aveva occultato i dati). Addirittura il primo medico ad accorgersene, Li Wenliang, prima viene arrestato per le sue rivelazioni pubbliche, poi muore per l’infezione.

CoronaVirus – 1. “E’ BIO-ARMA”. Esperto USA accusa la Cina ma il Pentagono ha 25 Laboratori Segreti per “Attacchi Etnici”

L’Oms, da Ginevra, informa il mondo con un tweet il 4 gennaio, e solo il 30 gennaio, quando i contagi ufficiali sono già 7.836 e 18 i paesi coinvolti, il direttore generale dichiara Pheic, «un’emergenza sanitaria internazionale». E nella stessa conferenza stampa si sente in dovere di elogiare la Cina.

«La velocità con cui ha rilevato l’epidemia, isolato il virus, sequenziato il genoma e condiviso con l’Oms e il mondo è molto impressionante e oltre le parole. La Cina sta definendo un nuovo standard per la risposta alle epidemie. Non è un’esagerazione». In realtà il ritardo nella comunicazione della Cina stava andando di pari passo con la sottostima dei contagi e il ridimensionamento della portata dell’allarme.

Prima di decretare la pandemia l’11 marzo, Tedros Adhanom Ghebreyesus, prese tempo e soprattutto non volle colpevolizzare il grande paese asiatico che aveva fatto investimenti colossali nel suo paese quando lui era ministro degli Esteri.

Il direttore generale OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus

«La Cina è il più grande partner commerciale dell’Etiopia: finanzia infrastrutture ferroviarie, di telecomunicazioni, autostrade, centrali idroelettriche. La precondizione è l’affido esclusivo di appalti ad aziende cinesi. Nel 2016 inaugura il gigantesco parco industriale di Hawassa, dove disloca la sua manifattura (costa meno che in Bangladesh). Sempre nel 2016 sono stati registrati dalla commissione etiope per gli investimenti più di 1.000 progetti cinesi: industria, costruzioni, immobiliare. Ad oggi gli investimenti ammontano a 24,5 miliardi dollari (fonte Aei). La Cina è anche il primo fornitore di armi all’esercito etiope» nota la giornalista d’inchiesta Gabanelli sul Corriere.

 

OMS: INCHIESTA IN RITARDO E CURE SBAGLIATE

«L’Oms ha fallito in modo clamoroso nel fornire le informazioni sulla pandemia Coronavirus, questo non può accadere di nuovo. L’Oms deve cambiare e diventare più trasparente», ha detto il ministro americano della Sanità Alex Azar che ha guidato la delegazione degli Stati Uniti alla 73° assemblea OMS dello scorso maggio.

Altri 100 Paesi hanno chiesto di fare chiarezza sulle origini del Coronavirus. Anche se non dichiarato apertamente, l’obiettivo dell’indagine è verificare le azioni della Cina, più volte accusata, in particolare dagli Stati Uniti, di aver nascosto la gravità del virus. Il direttore dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha assicurato che l’inchiesta ci sarà, ma «al momento opportuno».

WUHAN-GATES 19 – SARS-2 BIO-ARMA PER VACCINARE TUTTI CONTRO L’AIDS. Bill Gates pro Vaccini & Gay Pride. Test militari su HIV e Coronavirus

L’indagine internazionale, però, si è arenata perché fino allo scorso ottobre Pechino non aveva ancora dato il via libera alla missione internazionale di esperti da inviare in Cina per indagare sull’origine della pandemia da coronavirus. Mike Ryan, direttore del programma di emergenza dell’organismo Onu, ha affermato il 5 ottobre che le autorità cinesi devono ancora approvare la lista dei partecipanti, nonostante l’assemblea Oms avesse votato una risoluzione per investigare sull’origine del virus.

Molti governi hanno accusato Ghebreyesus di essersi sottomesso ai silenzi della Cina e di essere un pupazzo di Pechino. In realtà, come abbiamo evidenziato, risulta essere un burattino di Gates. Il guru di Microsoft, infatti, dopo aver finanziato gli esperimenti misteriosi sui supervirus SARS infettati con l’HIV come per cercare un vaccino contro l’AIDS, secondo quanto sostenuto dal bio-ingegnere Pierre Bricage, ex conferenziere NATO, sta investendo sui vaccini con enormi speculazioni finanziarie, come vedremo nel prossimo reportage.

Legittimo il sospetto che il tycoon dell’IT stia replicando sulla pelle dell’umanità le “falle” della piattaforma Windows che resero obbligatorie continui “aggiornamenti” per la rimozione dei virus informatici.

CORTISONE SCONFIGGE COVID-19: Ricerca di Oxford (pubblicata ora) conferma la Cura Italiana Ignorata da Ministro e OMS. Quanti Morti per Colpa loro?

 

Tra i tanti errori commessi dall’OMS non vanno sottovalutati quelli di ostacolo alle terapie di due dei più economici e semplici anti-infiammatori contro Covid-19: l’idrossiclorichina, al centro di un’inchiesta del parlamento francese per i presunti sabotaggi internazionali, e i cortisonici (come il desametasone), che il 16 marzo, 5 giorni dopo la dichiarazione della pandemia, l’Organizzazione Mondiale della Sanità sconsigliò mentre successivamente si rivelò miracoloso per evitare le formazioni di embolie massive da trombi nelle polmoniti causate dal virus SARS-Cov-2.

Di fatto è così avvenuta una strage in gran parte evitabile. Certamente una mortalità rivelatasi provvidenziale per promuovere sul mercato il costosissimo anti-infiammatorio Remdesivir, prodotto dalla Gilead, partner di USAID. CIA e DTRA, la Defence Threat Reduction Agency del Pentagono, su cui investì George Soros, donor dei Dem americani come Gates.

WUHAN-GATES 17. ANTIVIRALE D’ORO GILEAD. Profezia Gates-CIA, Affare Soros-OMS. Il Parlamento Francese Indaga su Conflitti d’Interessi

Il primo al mondo a richiedere il brevetto del Remdesivir fu proprio il Wuhan Insitute of Virology, accusato anche da un ricercatrice di Hong Kong (ora negli Usa sotto protezione Fbi) di aver costruito il supervirus ritenuto una bio-arma da molti esperti tra cui l’americano Francis Boyle, esperto di strumenti batteriologici bellici.

In considerazione della lunga affiliazione del dottor Tedros al forza politica e para-militare del TPLF, formata da estremisti comunisti filo-cinesi ed islamisti, diventa facile sospettare che “il fine giustifichi i mezzi”: dal virus da laboratorio alla dittatura sanitaria e finanziaria dei vaccini per coronare il sogno di Bill Gates, il Nuovo Ordine Mondiale. Come vedremo nella prossima inchiesta.

Fabio Giuseppe Carlo Carisio
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione


GOSPA NEWS – WUHAN.GATES REPORTAGE

GOSPA NEWS – INCHIESTE CORONA VIRUS

GOSPA NEWS – JIHADISTS REPORTS

GOSPA NEWS – WARZONES REPORTS

ATLANTIC COUNCIL – CONFLICT IN ETHIOPIA

CORRIERE – TEDROS ADHANOM E I LEGAMI CON GATES E LA CINA

AMNESTY INTERNATIONAL – MASSACRO IN TIGRE’

WUHAN-GATES – 20. “COVID-19 CREATO IN LABORATORIO”. Virologa di Hong Kong Protetta dal’FBI accusa la Cina. Ma scorda gli esperimenti USA

WUHAN-GATES – 23. DA CAMBRIDGE CARTELLO DI BIG PHARMA CONTROLLA TAMPONI, VACCINI E TRIALS CLINICI. Inquietanti conflitti d’interessi in Italia, UK, Belgio e Francia

 

 

(Visited 516 times, 171 visits today)
Pubblicità

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

2 pensieri su “WUHAN-GATES – 24. OMS IN MANO AL PUPAZZO DI GATES & CINA. Tedros leader TPLF: i ribelli Comunisti IslamicI accusati da Amnesty dell’ultimo massacro in Etiopia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *