Clamoroso! ATTACCHI 11 SETTEMBRE: 2 ATTENTATORI SOSPETTATI DI ESSERE AGENTI CIA. Declassificata Deposizione di Investigatore della Commissione Militare USA

Clamoroso! ATTACCHI 11 SETTEMBRE: 2 ATTENTATORI SOSPETTATI DI ESSERE AGENTI CIA. Declassificata Deposizione di Investigatore della Commissione Militare USA

16.909 Views

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

ENGLISH VERSION

Le informazioni emerse da documenti confidenziali durante un processo ai terroristi accusati della strage dell’11 settembre 2001 al World Trade Center davanti al Tribunale di Guantanamo confermano quando avevamo in parte dimostrato nella nostra inchiesta sul direttore dell’unità di antiterrorismo di New York del Federal Bureau of Investigation, John O’Neill.

O’Neill era sulla pista giusta per individuare e impedire gli attacchi ma fu ostacolato nelle sue indagini proprio dalla CIA.

Poi fu cacciato dall’FBI e fu assunto proprio al World Trade Center come responsabile della sicurezza dove trovò la morte portando con sè tutti i suoi segreti.

Com’è noto, senza la sospetta strage causata dal crollo degli edifici con ogni probabilità per alcuni esplosivi piazzati nei sotterranei, la guerra in Afghanistan contro Al Qaeda non avrebbe potuto cominciare.

E nemmeno la missione del Pentagono contro gli stati canaglia del Medio Oriente che culminò anni dopo con le Primavere Arabe.

“DOPO 12 ANNI DI GUERRA E IL TERREMOTO BASTA SANZIONI SULLA SIRIA”. Il Grido Straziante delle Monache Cistercensi Italiane ad Azeir

Ecco perché assume vitale importanza questa documentazione desecretata che è basata sulla deposizione di Donald C. Canestraro, ivestigatore assegnato all’Office of Military Commission ed ex agente federale della DEA (Drug Enforcement Administration).

Dalla sua testimonianza sotto giuramento emerge il ruolo occulto dell’Arabia Saudita nel favorire gli attentatori, come già sostenuto da documenti declassificati dell’FBI, che potrebbero essere stato uno dei moventi per la brutale uccisione del giornalista Jamal Khashoggi. 

Va ricordato che, come emerso da recenti documenti declassificati dal Canada, la triade maledetta dell’intrigo internazionale tra Al Qaeda, Sauditi e CIA era già stata collaudata negli anni Novanta nella guerra dei Balcani nell’ex Jugoslavia. Non a caso un poliziotto italiano comandante della Forza di Pace in Bosnia, poi divenuto agente dell’Interpol in Medio Oriente, ha scritto un libro intitolato “Califfato d’Europa”.

CALIFFATO D’EUROPA: LA JIHAD IN BOSNIA ARMATA DA SAUDITI E CIA

Tra gli indizi di questa indecente collaborazione c’è anche la storia del generale bosniaco Atif Dudakovic, prima comandante del V Corpo d’Armata formato da jihadisti musulmani, poi referente della forza NATO in Kosovo, infine arrestato per crimini di guerra dalla Corte Penale Internazionale ma da anni in attesa di un sentenza…


Archiviazione del Tribunale di Guantanamo suggerisce che alcuni dirottatori dell’11 settembre fossero agenti CIA

di Felix Livshitz – originariamente pubblicato da Russia Today

Tutti i link agli articoli di Gospa News sono stati aggiunti a posteriori in relazione agli argomenti evidenziati

Un esplosivo deposito giudiziario della Commissione militare di Guantanamo – un tribunale che esamina i casi di imputati accusati di aver compiuto gli attacchi terroristici dell’11 settembre a New York – ha apparentemente confermato l’impensabile.

Una delle pagine del documento declassificato che fa riferimento al reclutamento della CIA

Il documento è stato originariamente pubblicato tramite un registro del tribunale di Guantanamo Bay, ma mentre era pubblico, è stato completamente oscurato. Ricercatori indipendenti ne hanno ottenuto una copia non purgata. È un resoconto dell’investigatore capo della Commissione, il veterano della DEA Don Canestraro, della sua indagine personale sul potenziale coinvolgimento del governo saudita negli attacchi dell’11 settembre, condotta su richiesta degli avvocati degli imputati.

Due dei dirottatori erano strettamente monitorati dalla CIA e potrebbero, consapevolmente o no, essere stati reclutati da Langley molto prima che volassero contro gli edifici del World Trade Center.

La Storia dei due Uomini al Vertice di Al Qaeda

Dei tanti eterni misteri degli attacchi dell’11 settembre ancora irrisolti più di due decenni dopo, forse il più grande e il più grave riguardano le attività di Nawaf al-Hazmi e Khalid al-Mihdhar nei 18 mesi che hanno preceduto quel fatidico giorno. La coppia si è recata negli Stati Uniti con visti multi-ingresso nel gennaio 2000, nonostante fosse stata ripetutamente segnalata dalla CIA e dalla NSA come probabile terrorista di Al Qaeda.

I due sospetti jihadisti Nawaf al-Hazmi (sx) e Khalid al-Mihdhar (dx)

Pochi giorni prima del loro arrivo, hanno partecipato a un vertice di Al Qaeda a Kuala Lumpur, durante il quale è probabile che i dettagli chiave degli attacchi dell’11 settembre siano stati discussi e concordati. L’incontro è stato segretamente fotografato e filmato dalle autorità malesi su richiesta diretta della Alec Station della CIA, un’unità speciale istituita per rintracciare Osama bin Laden, anche se stranamente non è stato catturato alcun audio.

Tuttavia, questo background avrebbe dovuto essere sufficiente per impedire a Hazmi e Midhar di entrare negli Stati Uniti, o almeno abbastanza perché l’FBI fosse informato della loro presenza nel paese. Così com’era, furono ammessi per un periodo di sei mesi all’aeroporto internazionale di Los Angeles senza incidenti, e ai rappresentanti dell’ufficio all’interno della Alec Station fu impedito dalla CIA di condividere queste informazioni con i loro superiori.

11 SETTEMBRE, L’EVITABILE STRAGE PERMESSA DALLA CIA. Aiutò Al Qaeda nei Balcani. Ostacolò l’agente FBI O’Neill, Morto nel WTC

“Dobbiamo dirlo al Bureau. Questi ragazzi sono chiaramente cattivi. Uno di loro, almeno, ha un visto per ingressi multipli negli Stati Uniti. Dobbiamo dirlo all’FBI “, ha ricordato Mark Rossini, un membro di Alec Station, discutendo con i suoi colleghi. “[Ma la CIA] mi ha detto: ‘No, non è il caso dell’FBI, non è la giurisdizione dell’FBI.'”

Subito dopo l’arrivo, Hazmi e Midhar hanno incontrato un cittadino saudita residente in California di nome Omar al-Bayoumi in un ristorante dell’aeroporto. Nelle due settimane successive, li ha aiutati a trovare un appartamento a San Diego, ha co-firmato il contratto di locazione, ha dato loro 1.500 dollari per l’affitto e li ha presentati ad Anwar al-Awlaki, un imam in una moschea locale. Al-Awlaki è stato ucciso in un attacco di droni statunitensi nello Yemen nel 2011.

ATTACCHI 11 SETTEMBRE: DESECRETATA MEMORIA FBI, SOSPETTI SUI SAUDITI. Ma Silenzio su Israele e Coperture CIA

Sulla scia dell’11 settembre, Bayoumi divenne prevedibilmente oggetto di interesse in un’indagine dell’FBI sul potenziale coinvolgimento saudita negli attacchi, nota come Operazione Encore. In un’intervista del 2003 con gli investigatori a Riyadh, ha affermato che il suo incontro con Hazmi e Midhar è stato una coincidenza: li ha sentiti parlare arabo, si è reso conto che non sapevano parlare inglese e ha deciso di aiutarli per beneficenza.

L’Ufficio di presidenza è giunto a una conclusione molto diversa: Bayoumi era un agente dell’intelligence saudita e faceva parte di una più ampia rete militante wahhabita negli Stati Uniti, che gestiva una miriade di terroristi potenziali e reali e monitorava le attività dei dissidenti anti-Riyadh all’estero. Inoltre, Encore ha ritenuto che ci fosse una probabilità del 50% che avesse una conoscenza avanzata degli attacchi dell’11 settembre prima che avvenissero, e così anche il governo saudita.

La Fondamentale Deposizione del Veterano della DEA

Quei fatti bomba sono rimasti nascosti alla vista del pubblico fino a marzo 2022, quando un tesoro di documenti dell’FBI è stato declassificato su richiesta della Casa Bianca.

Il documento appena pubblicato della Commissione militare di Guantanamo getta ulteriore luce sui contatti di Bayoumi con Hazmi e Midhar e, a sua volta, sul vivo interesse della CIA per loro, sulle loro attività durante la loro permanenza negli Stati Uniti e sul rifiuto di rivelare la loro presenza all’FBI fino a tardi. agosto 2001.

DELITTO KHASHOGGI: “SAPEVA TROPPI SEGRETI SAUDITI SULL’11 SETTEMBRE”. La pista celata dall’intelligence USA mentre accusa il principe ereditario Mohammed bin Salman

Il deposito è un resoconto dell’investigatore capo della Commissione, il veterano della DEA Don Canestraro, della sua indagine personale sul potenziale coinvolgimento del governo saudita negli attacchi dell’11 settembre, condotta su richiesta degli avvocati degli imputati. Sulla base di una revisione delle informazioni classificate detenute da e delle interviste con i rappresentanti dell’FBI e del Pentagono, il contenuto suggerisce fortemente che la CIA abbia ostacolato le indagini ufficiali per nascondere la sua penetrazione in Al Qaeda.

Questo è il giudizio di quattro agenti dell’FBI separati e anonimi intervistati da Canestraro che hanno lavorato alle indagini sugli attacchi dell’11 settembre. Le accuse più incendiarie sono state mosse da un agente del Bureau indicato nel suo rapporto come “CS-23”, che aveva “una vasta conoscenza delle questioni relative all’antiterrorismo e al controspionaggio”.

CS-23 ha raccontato come la CIA abbia ripetutamente mentito e ostacolato l’FBI nelle sue indagini su Bayoumi. Ad esempio, mentre i funzionari dell’Agenzia affermavano di non possedere file su di lui quando richiesto dai rappresentanti dell’Operazione Encore, CS-23 sapeva per certo che si trattava di una “falsità” e la CIA manteneva diversi file operativi su Bayoumi, pari a un’ampia traccia cartacea .

Inoltre, CS-23 era certo che la CIA usasse il suo rapporto di collegamento con i servizi segreti sauditi per tentare di reclutare Hazmi e Midhar e aggirare le leggi che vietavano all’Agenzia di condurre operazioni di spionaggio sul suolo americano, usando Riyadh come intermediario.

L’ARTICOLO PROSEGUE SU GOSPA NEWS INTERNATIONAL

Testo in Inglese con possibilità di attivare la traduzione simultanea automatica in Italiano 

CRIMINI DI GUERRA & INGANNI. Corte Penale contro Putin! Impuniti Alleati NATO: Nazisti Ucraini e Macellaio Bosniaco Generale di Jihadisti

Declassified Canadian Intelligence Cables Show US-CIA Encouragement of 1990s Conflict in Yugoslavia and False Flag Operations

JIHAD SAUDITA, TOP SECRET FILES: DAI DETENUTI INVIATI IN SIRIA ALLE BOMBE IN SRI LANKA

 

(Visited 992 times, 9 visits today)

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *