ATTACCHI 11 SETTEMBRE: DESECRETATA MEMORIA FBI, SOSPETTI SUI SAUDITI. Ma Silenzio su Israele e Coperture CIA

ATTACCHI 11 SETTEMBRE: DESECRETATA MEMORIA FBI, SOSPETTI SUI SAUDITI. Ma Silenzio su Israele e Coperture CIA

1.569 Views

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

ENGLISH VERSION HERE

Alcune settimane fa abbiamo pubblicato un’inchiesta in cui non solo veniva ribadito il presunto ruolo del Regno di Arabia Saudita nell’attentato dell’11 settembre al World Trade Center, come sostenuto già da alcuni anni dal Senior Editor di Veterans Today Gordon Duff nel suo reportage “The Secret History of 9/11”, ma anche una probabile connessione con l’omicidio del giornalista del Washington Post, Jamal Khashoggi.

Oggi dagli Usa arriva la conferma che la pista saudita è assolutamente fondata. A portare nuovi indizi a tale tesi è un documento desecretato dal Federal Bureau of Investigation su ordine del presidente Joseph Biden come promesso ai familiari delle 2996 vittime rimaste uccise nel crollo delle Twin Towers.

E sono proprio loro a ribadire che a questo punto ogni dubbio sul coinvolgimento dell’intelligence saudita viene cancellato. Perciò anche l’ipotesi che Khashoggi sia stato ucciso nel Consolato Saudita di Istanbul perché sapeva troppo sui registi dell’11 settembre viene ulteriormente accreditata.

DELITTO KHASHOGGI: “SAPEVA TROPPI SEGRETI SAUDITI SULL’11 SETTEMBRE”. La pista celata dall’intelligence USA mentre accusa il principe ereditario Mohammed bin Salman

Tutto ciò contribuisce sicuramente a fare un po’ di luce sulla verità ma lascia aperti altri interrogativi grossi almeno quanto la voragine del Ground Zero.

Se ci sono voluti 20 anni per confermare l’ipotetico coinvolgimento dei Sauditi negli attacchi aerei del 2001 quanto ci vorrà perché venga a galla anche il coinvolgimento degli israeliani, ben evidenziato sempre dall’inchiesta di Gordon Duff?

Quanto ci vorrà perché la tesi degli aerei killer sia affiancata da quella degli ordigni esplosivi, nucleari secondo l’inchiesta di Veterans Today, piazzati alle basi delle torri e del World Trade Center Building 7, quello misteriosamente crollato con fantasiose motivazioni che fanno ridere, per non piangere, ingegneri ed architetti?

11 SETTEMBRE – WORLD TRADE CENTER. Avvocati e Architetti in causa per Esplosioni Occultate. Esperti di Intelligence al loro fianco

Ma non è tutto. Il documento dell’FBI, come ben spiegato dall’articolo di Russia Today che riportiamo qui sotto, fa riferimento alle relazioni dei sauditi con i due dirottatori del volo 777 dell’America Airlines, Nawaf al-Hazmi and Khalid al-Mihdhar.

Proprio di loro abbiamo parlato nella nostra ultima inchiesta che ha messo in luce le informazioni occultate dalla Central Intelligence Agency agli agenti dell’anti-terrorismo dell’FBI guidati dall’esperto John O’Neill, morto proprio nell’attentato alle torri perché diventato pochi giorni prima dell’attacco responsabile della sicurezza del WTC.

11 SETTEMBRE, L’EVITABILE STRAGE PERMESSA DALLA CIA. Aiutò Al Qaeda nei Balcani. Ostacolò l’agente FBI O’Neill, Morto nel WTC

A questo punto un altro dubbio è legittimo: incolpare i Sauditi, con prove probabilmente insufficienti per un’azione legale davanti a qualsiasi Tribunale del mondo, non è un’abile manovra di intelligence per scagionare una volta per tutte la CIA che ha tenuto nascosti i movimenti dei due dirottatori all’FBI nelle settimane prima degli attentati?

LOBBY ARMI – 3: TYCOON SIONISTA DEI DRONI SPIA-KILLER PREMIATO DAI MASSONI USA E DALLA REGINA UK

Se fosse vera, come pare credibile, la teoria delle demolizioni controllate del WTC quegli aerei erano fondamentali per coprire la vera natura di un’esplosione finalizzata ad innescare una nuova stagione di strategia del terrore e guerre in Medio Oriente, per il predominio geopolitico americano, il furto di petrolio e l’arricchimento della spietata Lobby delle Armi che specula sulle bombe come i suoi stessi azionisti lucrano sui vaccini delle Big Pharma in una pandemia causata da un virus SARS-Cov-2 costruito in laboratorio. Un agente patogeno ingegnerizzato proprio come le demolizioni del WTC.


PROMEMORIA FBI SULLA COMPLICITÀ SAUDITA

di Russia Today

L’FBI ha declassificato un memorandum a lungo cercato che dettaglia la sua indagine sul sostegno ricevuto dai dirottatori dell’11 settembre. Le famiglie delle vittime degli attentati ritengono che basti trarre conclusioni sul coinvolgimento saudita.

Il documento pubblicato sabato risale al 2016, quando l’indagine dell’FBI, ora chiusa, sui collegamenti sauditi con gli attacchi terroristici era ancora attiva. Le famiglie delle vittime dell’11 settembre hanno chiesto a più amministrazioni il suo rilascio, aspettandosi che fornisca prove che coinvolgano il governo saudita oi funzionari sauditi. Riyadh ha negato qualsiasi collegamento con il complotto.

La prima pagina della memoria FBI – clicca sull’immagine per leggere l’intero dossier originale

Il documento di 16 pagine, pesantemente redatto, delinea i legami tra i soci sauditi, alcuni dei dirottatori dell’11 settembre e varie persone simpatizzanti della causa di Al-Qaeda. Non ha fornito la pistola fumante che alcuni critici del governo saudita speravano, ma ha offerto maggiori dettagli sui collegamenti.

Una delle persone interessate alle indagini era Omar al-Bayoumi, che l’FBI sospettava da tempo essere un agente dell’intelligence saudita. Bayoumi ha fornito supporto a Nawaf al-Hazmi e Khalid al-Mihdhar, due dei dirottatori, dopo il loro arrivo negli Stati Uniti nel gennaio

Secondo il memorandum, una fonte ha detto all’FBI che Bayoumi deteneva uno “status molto elevato” nel consolato saudita a Los Angeles. Era considerato “più alto di molti dei responsabili sauditi” della missione diplomatica, affermava il promemoria, il che era strano considerando la sua posizione aperta di semplice studente.

Una delle persone con cui era in “contatto quasi quotidiano” durante la permanenza dei dirottatori a Los Angeles e San Diego era Osama Bassnan, cittadino saudita e sospetto agente.

LOBBY SIONISTE – 1. Fink (BlackRock) & Singer (Elliott) con Soros & Gates nelle Big Pharma antiCovid (Gilead e GSK)

Secondo il memorandum, Bassnan ha espresso un aperto sostegno al terrorismo. Nel 1992, ha ospitato una festa nella sua casa di Washington per la mente dell’attentato al World Trade Center del 1993, “Blind Sheik” Omar Abdel-Rahman. Ha anche “espresso entusiastico sostegno” a Osama bin Laden e ha approvato attentati suicidi in nome dell’Islam.

Nell’aprile 2001, le mogli di Bassnan e Bayoumi furono arrestate insieme a San Diego per taccheggio in una gioielleria.

Un altro cittadino saudita citato più volte nella nota è Fahad al-Thumairy, un funzionario del consolato, che ha anche fornito assistenza logistica ai due dirottatori. Fonti hanno detto all’FBI che i funzionari sauditi avevano “credenze estremiste”.

Thumairy è stato collegato tramite comunicazioni a varie persone con simpatie per Al-Qaeda. Uno di questi collegamenti, che la nota descriveva come “preoccupante”, ha portato gli investigatori dell’FBI ad Ahmed Ressam, condannato per il complotto di Al-Qaeda del 2000 per bombardare l’aeroporto internazionale di Los Angeles.

JIHAD SAUDITA, TOP SECRET FILES: DAI DETENUTI INVIATI IN SIRIA ALLE BOMBE IN SRI LANKA

Il gruppo 9/11 Families United, che cerca di ritenere l’Arabia Saudita responsabile del suo presunto ruolo nel complotto terroristico, ha accolto con favore la declassificazione del memorandum, affermando che “mette a tacere ogni dubbio sulla complicità saudita negli attacchi”.

Ha aggiunto che il rilascio è stato “il primo passo dell’amministrazione Biden, sulla scia del recente ordine esecutivo del presidente, verso la declassificazione e il rilascio di documenti governativi” relativi agli attacchi.

WUHAN-GATES – 41. “SARS-2 E’ BIO-ARMA”. Denuncia alla Corte dell’Aja con Perizia di Montagnier. Intelligence USA “Divisa” tra Virus Naturale o da Laboratorio

All’inizio di questo mese, il presidente Joe Biden ha ordinato al Dipartimento di Giustizia di rivedere e possibilmente rilasciare i documenti entro il 20° anniversario degli attacchi dell’11 settembre. È in corso uno sforzo più ampio per declassificare documenti simili. Le precedenti amministrazioni hanno rifiutato le richieste di pubblicare tali materiali, citando la sicurezza nazionale.

Gli attacchi del 2001 hanno ucciso oltre 3.000 persone, diventando il complotto terroristico più mortale nella storia del paese e innescando un cambiamento che ha cambiato il mondo nella politica estera degli Stati Uniti, provocando la cosiddetta guerra globale al terrorismo. La maggior parte dei 19 dirottatori erano cittadini sauditi.

 

(Visited 683 times, 683 visits today)

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Un pensiero su “ATTACCHI 11 SETTEMBRE: DESECRETATA MEMORIA FBI, SOSPETTI SUI SAUDITI. Ma Silenzio su Israele e Coperture CIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *