siteId=76639&formatId=24">

“COSI’ I VACCINI COVID UCCIDONO E DANNEGGIANO L’UOMO”. Scienziata del MIT spiega Meccanismi di Morti Improvvise, Coaguli di Sangue, Mucca Pazza e Malattie Autoimmuni

“COSI’ I VACCINI COVID UCCIDONO E DANNEGGIANO L’UOMO”. Scienziata del MIT spiega Meccanismi di Morti Improvvise, Coaguli di Sangue, Mucca Pazza e Malattie Autoimmuni

32.134 Views

Nell’immagine di copertina la professoressa Stephanie Seneff, scienziata del MIT (Massachusetts Institute of Technology – Cambridge, USA) 

Introduzione di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

ORIGINAL ENGLISH VERSION

In questo articolo il medico americano Josep Mercola spiega il ruolo degli anticorpi nella malattia da prioni, che possono causare la mucca pazza umana, come rivelato per la prima volta dal compianto virologo Luc Montagnier nel suo studio pubblicato postumo.

Il Dr. Joseph Mercola è il fondatore di Mercola.com. Medico osteopatico, autore di best seller e vincitore di numerosi premi per la salute naturale, la sua visione principale è quella di cambiare il moderno paradigma sanitario fornendo alle persone una risorsa preziosa per aiutarle a prendere il controllo della propria salute.

L’analisi Mercola è incentrata su una ricerca realizzata da Stephanie Seneff, Ph.D., ricercatrice senior presso il MIT da oltre cinque decenni, che ha anche pubblicato lo studio “Worse Than the Disease? Reviewing Some Possible Unintend Consequences of the mRNA Vaccines Against COVID-19” su cui Gospa News ha pubblicato un inquietante articolo a giugno.

Questi sono i motivi per cui il nuovo articolo di Mercola è molto importante per comprendere il meccanismo della “soppressione immunitaria innata da parte delle vaccinazioni mRNA SARS-CoV-2” in molte reazioni avverse come morte improvvisa e malattie autoimmuni.

VACCINI COVID: STUDIO TERRIFICANTE DAL MIT DI CAMBRIDGE! Alterazione DNA & Non Vaccinati a Rischio Contagio da SPIKE tossica dei Sieri mRNA

Stephanie Seneff è ricercatrice senior presso il MIT Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory. Ha ricevuto il B.S. laureato in Biofisica nel 1968, il M.S. e lauree EE in Ingegneria Elettrica nel 1980 e il dottorato di ricerca in Ingegneria Elettrica e Informatica nel 1985, tutte conseguite al MIT.

Per oltre tre decenni, i suoi interessi di ricerca sono sempre stati all’intersezione tra biologia e computazione: sviluppare un modello computazionale per il sistema uditivo umano, comprendere il linguaggio umano in modo da sviluppare algoritmi e sistemi per le interazioni uomo-computer, nonché applicare il linguaggio naturale tecniche di elaborazione (NLP) per la predizione dei geni.

Ha pubblicato oltre 170 articoli con referee su questi argomenti ed è stata invitata a tenere discorsi chiave in diverse conferenze internazionali. Ha inoltre supervisionato numerose tesi di Master e PhD al MIT. Nel 2012, il Dr. Seneff è stato eletto Fellow dell’International Speech and Communication Association (ISCA).

OLOCAUSTO DOPO I VACCINI: 49MILA DECESSI NELL’UE. 2 Milioni di Gravi Reazioni Avverse. Dati EudraVigilance confermano gli Studi Shock

Negli ultimi anni, la dott.ssa Seneff ha concentrato i suoi interessi di ricerca sulla biologia. Si sta concentrando principalmente sul rapporto tra alimentazione e salute. Dal 2011 ha pubblicato oltre due dozzine di articoli su varie riviste mediche e sanitarie su argomenti come le malattie moderne (ad es. Alzheimer, autismo, malattie cardiovascolari), analisi e ricerca di database di effetti collaterali di farmaci utilizzando tecniche di PNL (programmazione neurolinguistica) e l’impatto delle carenze nutrizionali e delle tossine ambientali sulla salute umana.

La sintesi della ricerca che state per leggere conferma tutti gli articoli scientifici pubblicati da Gospa News, basati su molteplici studi pubblicati da autorevoli riviste mediche, in relazione alle reazioni avverse neurocerebrali o autoimmuni causate da sieri genici mRNA (ma anche mDNA come AstraZeneca). 

Il documento della dottoressa Seneff e di altri medici è stato ovviamente contestato dalla comunità scientifica di mainstream che sta seguendo le indicazioni del progetto di immunizzazione globale lanciato dal Nuovo Ordine Mondiale tramite i suoi più potenti registi: Bill Gates e Fondazione Rockefeller, come evidenziato nell’inchiesta n. 62 del ciclo WuhanGates sugli intrighi tra politici e scienziati nel complotto criminale tra vaccini d’oro e SARS-Cov-2 da laboratorio.

WUHAN-GATES – 62. Vaccini d’Oro & SARS-Cov-2 da Laboratorio: Complotto NWO-Gates-CIA nel Covo dei Rockefeller a Bellagio


I meccanismi di lesione di COVID Jabs

di dott. Joseph Mercola

Tutti i link agli articoli di Gospa News sono stati aggiunti successivamente per la loro attinenza con gli argomenti trattati. I numeri nel testo corrispondono alle note rintracciabili al fondo del testo. La locuzione inglese COVID jab o shot, letteralmente traducibile in “colpo, iniezione” Covid, è stata tradotta a senso come iniezione antiCovid o siero antiCovid.


STORIA IN BREVE

  • In “Innate Immune Suppression by SARS-CoV-2 mRNA Vaccinations: The Role of G-quadruplexes, Exosomes and MicroRNAs”, Stephanie Seneff, Ph.D. e Drs. Peter McCullough, Greg Nigh e Anthony Kyriakopoulos spiegano come i sieri antiCOVID sopprimono la tua funzione immunitaria innata e come possono causare malattie neurologiche
  • Il loro importante documento è stato fonte di grandi controversie in quanto l’importante rivista in cui è stato pubblicato ha ricevuto molti feedback negativi e l’editore del giornale è stato costretto a dimettersi sebbene il documento non sia stato ritirato in questo momento
  • I G4 sono bersagli a livello del genoma della regolazione trascrizionale. La “G” sta per guanina. G4 è una sequenza di DNA di quattro guanine, che svolge un ruolo importante in malattie come tumori e disturbi neurologici. La proteina della punta del vaccino COVID produce molti più quadruplex G (G4) rispetto al virus. Il
  • G4 causa un ripiegamento errato della proteina prionica, che può provocare malattie da prioni come la malattia di Creutzfeldt-Jakob e l’Alzheimer
  • Nelle persone che hanno ricevuto il siero sono stati trovati due microRNA specifici e questi microRNA interferiscono con la risposta all’interferone di tipo 1, che è una parte fondamentale del sistema immunitario. Quando l’interferone di tipo 1 viene soppresso, diventi più incline alle infezioni e alle malattie croniche
  • Il vaccino COVID produce alti livelli di anticorpi immunoglobuline (IgG), che sono associati a malattie autoimmuni. Non produce anticorpi della mucosa
  • Gli anticorpi contro la proteina spike possono essere responsabili di casi in cui i pazienti hanno sviluppato una malattia da prioni altamente aggressiva dopo il loro secondo vaccino
  • In questa intervista (link all’intervista a fondo pagina), l’ospite Stephanie Seneff, Ph.D., ricercatrice senior al MIT da oltre cinque decenni,1 discute il suo articolo,2 “Innate Immune Suppression by SARS-CoV-2 Vaccinazioni mRNA: il ruolo dei quadruplex G, esosomi e microRNA”, pubblicato nel numero di giugno 2022 di Food and Chemical Toxicology.

Il paper è stato scritto in collaborazione con i dottori Peter McCullough, Greg Nigh e Anthony Kyriakopoulos. Nel maggio 2021, Nigh e Seneff hanno pubblicato un paper3 che descrive in dettaglio le differenze tra la proteina spike e la proteina spike del vaccino COVID.

Nel documento “Innate Immune Suppression”, loro e gli altri coautori approfondiscono i meccanismi dei sieri di COVID, mostrando come sopprimono il tuo sistema immunitario innato.

Il giornale ha suscitato molto scalpore quando è stato pubblicato per la prima volta, prima della pubblicazione. È stata lanciata una campagna per ritirarla con la premessa che avrebbe scoraggiato le persone dall’ottenere questi colpi salvavita, indipendentemente dal fatto che i meccanismi descritti fossero veri o meno.

In definitiva, la polemica ha portato alle dimissioni del direttore della rivista. Molti hanno anche cercato di screditare Seneff, e da allora McCullough è stato privato delle sue credenziali mediche.4

Dr McCullough Sues Medical Journal for Refusing to Publish Study Highlighting Risks of Covid-19 Vaccine in Children

Comprensione dei quadruplex G

I quadruplex G (G4) sono bersagli dell’intero genoma della regolazione trascrizionale e come tali un nuovo bersaglio per la progettazione di farmaci. La “G” in G4 sta per guanina, quindi G4 è una sequenza di DNA di quattro guanine. È uno dei quattro nucleotidi – il codice di base – nel DNA ed è noto per svolgere un ruolo importante in malattie come tumori e disturbi neurologici.5

Come spiegato da Seneff, i prioni, se piegati male, formano fogli beta e precipitano fuori dal citoplasma, causando la formazione di placca. Questa placca è un segno distintivo di diverse malattie neurodegenerative negli animali e nell’uomo, come il morbo della mucca pazza, il morbo di Creutzfeldt-Jakob, la scrapie (che colpisce le pecore) e la malattia del deperimento cronico nei cervi.

“Quindi, ci sono tutte queste malattie neurodegenerative debilitanti che escono dalla proteina prionica e la proteina prionica si lega effettivamente ai suoi G4, che sono nel suo stesso RNA”, spiega Seneff. “In tal modo, promuove [la proteina prionica] a ripiegarsi in modo errato nella forma sbagliata … [che] provoca la malattia da prioni.

“PRIONI KILLER NELLA SPIKE DEI VACCINI COVID”. Prove nello Studio Shock di Montagnier Pubblicato Postumo da Perez

I [jab COVID] producono una versione dell’RNA messaggero (mRNA) che codifica per la proteina spike. La loro versione è arricchita in guanine – produce molti più G4 rispetto all’mRNA originale prodotto dal virus – quindi è una forma diversa.

E c’è molto mRNA nel [jab COVID]. È una grande dose di questo mRNA che viene arricchito in G4s… che poi… induce la cellula a produrre la proteina prionica. Quindi, la cellula sta producendo la proteina prionica nel contesto di una situazione con molti G4 in giro dall’mRNA del vaccino. Questa è una situazione davvero pericolosa per il fatto che la proteina prionica si ripiega in modo errato e causa la malattia da prioni”.

Come l’iniezione del siero COVID può indurre malattie autoimmuni

Come spiegato da Seneff, l’mRNA nel siero viene portato nel sistema linfatico e nella milza, centri germinali in cui vengono prodotti gli anticorpi e, per produrre gli anticorpi, questi centri germinali rilasciano esosomi. Questo può aiutare a spiegare il fenomeno dello “spargimento”, ma aiuta anche a spiegare la distruzione immunitaria che vediamo verificarsi. Seneff spiega:

“Gli esosomi fanno parte del processo mediante il quale le cellule comunicano per indurre la produzione di anticorpi, che è l’obiettivo del [colpo COVID]. Il [jab] fa un lavoro fantastico nel produrre alti livelli di anticorpi IgG [immunoglobuline], che sono quelli associati alle malattie autoimmuni.

EPATITI AUTOIMMUNI PER VACCINI COVID. Allarme da 12 Studi (2 italiani). Il Ministero di Speranza li Ignora: “Nessun Legame col Boom di Casi tra Bimbi”

Non produce gli anticorpi della mucosa. Produce IgG, che in realtà è molto più pericoloso se ci sono troppi anticorpi. Possono causare malattie autoimmuni attraverso il mimetismo molecolare, e questo è un altro aspetto che penso stia succedendo.

Ecco perché stai riscontrando questo problema piastrinico in cui la conta piastrinica scende a zero, perché ottieni anticorpi contro le piastrine per mimetismo molecolare o anche perché la proteina spike si lega alle piastrine. Stanno assumendo anticorpi contro il complesso e tu stai spazzando via le piastrine.

Alcune persone soffrono di trombocitopenia e VITT [trombocitopenia trombotica immunitaria indotta da vaccino], condizioni che possono essere pericolose per la vita. E c’è un segnale enorme per la trombosi. L’articolo parla di trombosi. Abbiamo… sette tabelle per diversi aspetti dei sintomi del vaccino.

CONGIURA GATES-PD: VACCINI CONTRO L’HERPES PER DANNI DA QUELLI COVID. Propaganda GSK sul Fuoco di S. Antonio Esploso dopo i Sieri mRNA

 

C’è una tabella sul fegato, c’è una tabella sulla trombosi, c’è una tabella sul cancro, c’è una tabella sul nervo vago e tutte le infiammazioni dei nervi perché quegli esosomi stanno risalendo il nervo vago, dirigendosi verso il nervo vago. cuore, cervello e fegato.

Stanno causando malattie in tutti quegli organi e lo si vede molto chiaramente nei vari database: il 98%, il 99% dei rapporti [di eventi avversi] nel 2021 per queste condizioni erano [dai] colpi di COVID e l’1% era tutti gli altri vaccini messi insieme”.

Meccanismo di azione

I ricercatori svizzeri hanno recentemente riferito di aver trovato livelli elevati di troponina nel 100% degli individui vaccinati per COVID, indicando che tutti stanno soffrendo di un certo grado di danno cardiaco, anche se sono asintomatici.6,7 Seneff spiega il meccanismo con cui il siero antiCOVID danneggia il tuo cuore.

“IL 100 % DEI VACCINATI HA PROBLEMI DI CUORE”. Il Medico Americano J. Mercola svela Studio Svizzero e Metodi per Curare Long Covid

“Penso che l’intero problema sia la proteina spike rilasciata dalle cellule immunitarie nei centri germinali: il sistema linfatico e la milza che rilasciano questi esosomi che poi viaggiano lungo le loro fibre e raggiungono tutti questi organi critici.

La milza ha un’ottima connettività con il fegato, cuore, cervello e intestino attraverso il sistema nervoso, iniziando con il nervo splancnico e poi collegandosi al nervo vago … Quindi, questi esosomi stanno migrando lungo il nervo vago e loro ‘ arrivano a questi organi e vengono assorbiti dalle cellule lì. E ovunque vadano, causano infiammazioni.

La proteina spike è molto efficace nel causare infiammazioni. Questo è stato dimostrato in diversi studi… Fa migrare le cellule immunitarie verso il cuore, ed è così che si ottiene la miocardite, questa infiammazione nel cuore.

Hai anche un’infiammazione nei muscoli. Stavo guardando la miosite, che è un’infiammazione muscolare, e questo è un altro problema. Sono stato in contatto con più persone che hanno subito gravi danni muscolari a causa della proteina spike, fino al punto di essere debilitati a causa di [infiammazione nei] muscoli.

VACCINI COVID: BOOM DI MIOCARDITI TRA I GIOVANI ED EMBOLIE TRA LE DONNE. Studio Shock dell’Ospedale Universitario di Nimes. E Prove di Danni Cardiaci dal Mondo Intero

Quindi, non solo il cuore, ma anche i muscoli scheletrici sono colpiti in modo davvero negativo. L’infiammazione nel cervello provoca anche il danneggiamento dei neuroni e questo sta causando disturbi cognitivi.

Quindi, penso che il lungo COVID sia causato dalla proteina spike che raggiunge il cervello. Molti articoli hanno parlato del lungo COVID e pensano che sia la proteina spike, non il virus, ma la stessa proteina spike [che lo sta causando]”.

Il ruolo dei microRNA

Un altro pezzo del puzzle è legato al ruolo dei microRNA, che sono incorporati negli esosomi che viaggiano verso i tessuti. I microRNA non devono essere confusi con l’mRNA. Sono due cose diverse. I microRNA sono brevi pezzi di RNA, lunghi circa 22 nucleotidi. A differenza dell’mRNA, il microRNA non codifica per le proteine.

VACCINI COVID: MIGLIAIA DI MORTI PER DANNI NEUROLOGICI E CEREBRALI. Dati e Studi Shock: Spike, Patogena come Bio-Arma, nel Cervello di Trivaccinato Morto

L’mRNA nei sieri genici è progettato per essere estremamente resiliente. Normalmente, l’mRNA dura alcune ore, ma l’mRNA nei jab rimane a produrre proteine ​​​​nelle cellule per diversi mesi, almeno principalmente a causa della sostituzione del nucleotide uridina con pseudouridina.

Poiché l’mRNA è così resiliente, le cellule della milza devono cercare di far fronte a tutta la proteina spike che non riescono a smettere di produrre, e un modo per farlo è espellere la proteina spike sotto forma di esosomi. Questi esosomi contengono anche microRNA. Ricercatori indiani hanno trovato due microRNA specifici nelle persone che hanno ricevuto il jab e questi microRNA interferiscono con la risposta dell’interferone di tipo 1.

“Questo è un grande argomento del nostro articolo”, afferma Seneff. “Parliamo di soppressione immunitaria innata… a causa dell’effetto di questi microRNA che sono impacchettati con la proteina spike.

Ovunque [gli esosomi] vadano, forniscono questi microRNA, che interrompono la capacità delle cellule immunitarie di rispondere all’interferone di tipo 1. Questi microRNA in realtà hanno un ruolo di controllo di altissimo livello nel processo normativo della biologia. Controllano quali geni vengono espressi”.

“DAI BOOSTER DANNI AL SISTEMA IMMUNITARIO”. Dietrofront di Esperto EMA e Crisanti: Parlano come Montagnier. 4a Dose Flop in Israele

Ipotesi per spiegare la morte improvvisa post-iniezioni

Seneff prosegue citando la ricerca sugli animali del 2005, in cui i topi sono stati esposti a un virus che causa la miocardite. Volevano vedere cosa sarebbe successo se i topi avessero sofferto di miocardite e poi si fossero fatti una scarica di adrenalina. Quindi, i topi sono stati infettati dal virus che induce la miocardite e poi, 120 giorni dopo, gli hanno iniettato adrenalina.

La dose somministrata ha ucciso il 70% di loro. Nel frattempo, i topi di controllo che non avevano miocardite non hanno subito alcun effetto negativo se iniettati con la stessa dose di adrenalina. I topi che sono morti, sono morti per insufficienza cardiaca. Fondamentalmente, i loro cuori erano troppo danneggiati per resistere alla scarica di adrenalina. Oggi stiamo vedendo un effetto simile negli atleti, che muoiono mentre si esercitano.

Cercando altri articoli, Seneff ne trovò uno che descriveva in dettaglio la risposta dell’interferone di tipo 1 nelle cellule cromaffini, le cellule che producono l’adrenalina. L’interferone di tipo 1 inibisce e riduce la loro produzione di adrenalina.

GIOVANI CUORI DI ATLETI IN FIAMME. I Rischi di Miocarditi dopo i Vaccini AntiCovid anche per gli Sportivi

La teoria di Seneff è che i jab COVID interferiscano con la capacità del tuo corpo di rispondere all’interferone di tipo 1, consentendo così il rilascio di troppa adrenalina. Se il tuo cuore è stato danneggiato dalla proteina spike, il risultato potrebbe essere letale, come abbiamo visto.

“Penso che potrebbe essere quello che sta succedendo con il problema della morte improvvisa, perché stiamo sicuramente vedendo molti giovani morire improvvisamente di problemi cardiaci”, dice.

Allo stesso tempo, i microtrombi (micro coaguli di sangue) vengono attivati ​​dalla proteina spike, che potrebbe avere effetti letali, e anche le cellule endoteliali (le cellule che rivestono i vasi sanguigni) sono infiammate. Quindi, non c’è solo un meccanismo con cui i jab potrebbero ucciderti.

BIMBI CAVIE DEI SIERI GENICI DI GATES! In Italia solo 57 Decessi per Covid tra Under 19 in 2 anni. Ma 231 Malori Fatali dopo i Vaccini in 6 mesi

La proteina Spike crea coaguli di sangue incredibilmente resistenti

Secondo Seneff, anche i coaguli di sangue sono legati all’aspetto prionico. Molte proteine ​​​​diverse sono amiloidogeniche e possono ripiegarsi in modo errato, facendole precipitare, comprese le proteine ​​​​nel sangue. I coaguli di sangue sono difficili da scomporre e quando si aggiungono proteine ​​spike, diventano ancora più resistenti.

Seneff sospetta che la proteina spike si leghi alla fibrina, causandone un ripiegamento errato in un modo che la rende molto resistente alla rottura. La stessa cosa accade con le proteine ​​prioniche. Quando si piegano male, creano un gel che diventa più denso nel tempo, diventando infine completamente inaccessibile alla base d’acqua.

“Precipita fuori come questa cosa che sta lì per il resto della tua vita”, dice Seneff. “Niente può arrivarci. Le cellule immunitarie non possono scomporlo. Rimane solo lì. Non può essere cancellato”.

CUORE DEVASTATO DAI VACCINI COVID PFIZER. Strani e Letali Coaguli di Sangue, Pericardite e Infiammazioni Autoimmuni confermate da Autopsie Giapponesi

Questo è il motivo per cui consiglio di assumere enzimi fibrinolitici come la lumbrochinasi (che è la più efficace), la serrapeptasi e la nattokinasi, più volte al giorno un’ora prima o due ore dopo un pasto, se stai lottando con il COVID lungo, poiché aiutano ad abbattere la fibrina. Per funzionare, devi prenderli lontano dai pasti, a stomaco vuoto, altrimenti agiranno solo come un enzima digestivo per scomporre il cibo.

 

Un’altra tecnica consiste nell’utilizzare una sauna nel vicino infrarosso, che aiuterà ad affrontare il ripiegamento errato delle proteine ​​incoraggiando l’autofagia, il naturale processo di pulizia del tuo corpo.

Il ruolo degli anticorpi nella malattia da prioni

Gli anticorpi possono anche svolgere un ruolo nei devastanti effetti collaterali del vaccino COVID. Sappiamo che la proteina prionica è sovraregolata nelle cellule che la producono sotto stress e la proteina del picco del colpo COVID ha dimostrato di indurre le cellule a produrre più proteine ​​​​prioniche. Una possibilità è che gli anticorpi contro una parte particolare della proteina spike finiscano per legarsi alla proteina prionica attraverso il mimetismo molecolare.

Come spiegato da Seneff, i ricercatori hanno scoperto che se si producono anticorpi contro l’estremità C-terminale della proteina prionica, può causare una malattia che assomiglia molto alla malattia da prione ma si sviluppa molto più velocemente.

A quanto pare, gli anticorpi all’estremità C-terminale della proteina prionica impediscono alla proteina prionica di entrare nel reticolo endoplasmatico (ER), dove deve andare per svolgere il suo lavoro. Invece, gli anticorpi mantengono il prione nel citoplasma.

Successivamente, la cellula si ammala a causa di questi anticorpi. Il defunto Luc Montagnier ha pubblicato un caso di studio con 26 persone che hanno sviluppato sintomi di malattia da prioni entro il primo mese dopo il loro secondo vaccino. Tutti morirono, molti entro tre mesi dalla diagnosi. Tutti erano morti entro un anno, a causa di quella che era fondamentalmente una forma estremamente aggressiva del morbo di Creutzfeldt-Jakob (l’equivalente del morbo della mucca pazza umana).

VACCINI: ALLARME PRIONI “MUCCA PAZZA”. Montagnier “21 Morti dopo Dosi mRNA”. 5 Studi su Spike-SARS2 e Degenerazione Cerebrale

Seneff crede che la colpa sia degli anticorpi contro la proteina spike, perché non è successo fino a quando non hanno ricevuto la loro seconda dose. Gli anticorpi si sono sviluppati dopo quella prima dose, che ha innescato le cellule. Quindi, dopo la seconda dose, le cellule hanno ricominciato a produrre carichi di proteine ​​spike, a cui gli anticorpi si legavano.

Questo pacchetto esosomico ha quindi viaggiato lungo il nervo vago fino al cervello, dove i neuroni li hanno prelevati. Seneff sospetta che questo spieghi il processo della malattia su quei 26 pazienti.

“Sarebbe spiegato completamente da questo modello di anticorpi della proteina spike che si legano al dominio C-terminale e impediscono alla proteina prionica di entrare nel pronto soccorso”, dice, “e quindi provoca la rottura [della proteina prionica].

Viene scomposto dal proteasoma e scompare. Quindi, sta causando un problema di perdita di funzione per la proteina prionica nel neurone a una velocità molto accelerata, molto più veloce di quanto accade con la normale malattia da prioni …

GIUDICI TEDESCHI “VACCINI ANTI-COVID: OMICIDI DI STATO”. Draghi ne Dona al Piano COVAX di Gates per €2 Miliardi degli Italiani

Montagnier e il suo team hanno identificato un segmento della proteina spike che pensavano avesse caratteristiche caratteristiche simili ai prioni. All’interno di quel segmento c’è un pezzo che ha cinque aminoacidi, YQRGS.

La proteina prionica ha [lo stesso] pezzo … Fatta eccezione per quello centrale, gli altri quattro [aminoacidi] sono tutti identici a questo pezzo vicino all’estremità C-terminale della proteina prionica. Quindi, è davvero perfetto. È un luogo in cui, se si ottengono gli anticorpi, è fondamentalmente una condanna a morte”.

Le dosi anti-COVID compromettono la tua funzione immunitaria

Per tornare al punto di partenza, sembra che il motivo per cui così tante persone colpite stanno ora contraendo COVID e altre infezioni e muoiono a causa di esse, è perché l’interferone di tipo 1 è soppresso. Ciò sopprime la tua funzione immunitaria, rendendoti più incline a contrarre infezioni.

NANOPARTICELLE INFIAMMATORIE NEI SIERI GENICI mRNA. “Riducono Risposta Immunitaria con Danni Ereditari”, Studio Thomas Jefferson University

Nell’intervista, Seneff esamina anche come l’esposizione cronica al glifosato sia una condizione predisponente a cattivi esiti di COVID-19, poiché il glifosato interrompe il sistema immunitario. Per maggiori dettagli in merito, si prega di ascoltare l’intervista nella sua interezza. Esaminiamo anche come l’integrazione di glicina può aiutare a soppiantare il glifosato nel tuo corpo, limitando così la sua influenza dannosa.

Originariamente pubblicato dal dott. Giuseppe Mercola

VERSIONE ORIGINALE IN INGLESE CON LINK VIDEO E NOTE QUI

DANNI VACCINI COVID: BOMBA DEL BRITISH MEDICAL JOURNAL: “FDA Occulta Dati su Reazioni Avverse Gravi: nel 2021 fino al 91 % di Vaccinati”

AL G20 MELONI TACE SUI VACCINI MA SOTTOSCRIVE IL “GREEN PASS ETERNO”. E gli Hub su Terapie mRNA Promosse dal ministro Schillaci

VACCINI & GRAFENE – 6. “NANOPARTICELLE TOSSICHE NEL SANGUE DEL 94 % DI 1.006 VACCINATI”. Studio Shock di 3 Chirurghi Italiani

VACCINI COVID: ALTRO STUDIO TREMENDO! Gravi Danni ai Vasi Sanguigni, Modifica DNA e probabile Causa di LONG-COVID

WUHAN-GATES – 61. NEL SARS-Cov-2 “IMPRONTE DIGITALI” DI VIRUS DA LABORATORIO. Origine Artificiale confermata da Studio di Scienziato Tedesco e due Americani

(Visited 3.726 times, 1.012 visits today)

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Un pensiero su ““COSI’ I VACCINI COVID UCCIDONO E DANNEGGIANO L’UOMO”. Scienziata del MIT spiega Meccanismi di Morti Improvvise, Coaguli di Sangue, Mucca Pazza e Malattie Autoimmuni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.