“I VACCINI COVID mRNA SONO COME TERAPIE GENICHE”. Studio di Biologa Francese denuncia Omessi Controlli EMA sulla Genotossicità

“I VACCINI COVID mRNA SONO COME TERAPIE GENICHE”. Studio di Biologa Francese denuncia Omessi Controlli EMA sulla Genotossicità

58.237 Views

Nell’immagine di copertina la biologa Helene Banoun e la sua ricerca pubblicata sull’International Journal of Molecular Sciences

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

ENGLISH VERSION

Da circa due anni in Europa si sta affrontando il problema dell’esatta qualificazione dei cosiddetti vaccini Covid a RNA (o DNA messaggero) che tutti i medici e scienziati consapveoli della nuova e sperimentale biotecnologia farmacologica hanno definito “sieri genici” per distinguerli dai vaccini tradizionali.

Ebbene ora lo studio della ricercatrice francese indipendente, la biologa Helene Banoun di Marsiglia, pubblicato sull’International Journal of Molecular Sciences il 9 giugno 2023 e sottoposto a revisione paritaria il 19 giugno afferma che si tratta di prodotti di terapia genica (GTP) e pertanto avrebbero dovuto essere sottoposti a un notevole numero di ulteriori studi prima dell’immissione in commercio, secondo le regole dell’European Medicines Agency,

o studio di Helene Banoun pubblicato sull’International Journal of Molecular Sciences

«I vaccini COVID-19 sono stati sviluppati e approvati rapidamente in risposta all’urgenza creata dalla pandemia. Al momento della loro commercializzazione non esistevano normative specifiche. Le agenzie di regolamentazione li hanno quindi adattati con urgenza. Superata l’emergenza pandemica, è tempo di considerare i problemi di sicurezza legati a questa rapida approvazione. La modalità di azione dei vaccini mRNA COVID-19 avrebbe dovuto classificarli come prodotti di terapia genica (GTP), ma sono stati esclusi dalle agenzie di regolamentazione. Alcuni dei test a cui sono stati sottoposti come vaccini hanno prodotto risultati non conformi in termini di purezza, qualità e omogeneità dei lotti».

La scienziata francese evidenzia gli stessi punti critici rimarcati dalla ricerca del biochimico italiano Gabriele Segalla sulla tossicità pericolosa e non studiata delle nanoforme contenute dal vaccino Comirnaty prodotto dall’azienda farmaceutica americana Pfizer insieme alla tedesca Biontech, il “vaccino” più diffuso contro il Covid in Occidente.

«L’ampia e persistente biodistribuzione degli mRNA e dei loro prodotti proteici, studiati in modo incompleto a causa della loro classificazione come vaccini, solleva problemi di sicurezza. Studi post-marketing hanno dimostrato che l’mRNA passa nel latte materno e potrebbe avere effetti negativi sui bambini allattati al seno – scrive Banoun nell’abstract – L’espressione a lungo termine, l’integrazione nel genoma, la trasmissione alla linea germinale, il passaggio nello sperma, la tossicità embrio/fetale e perinatale, la genotossicità e la tumorigenicità dovrebbero essere studiate alla luce degli eventi avversi riportati nei database di farmacovigilanza. Dovrebbe essere valutata anche la potenziale trasmissione orizzontale (cioè lo spargimento). Dovrebbe essere effettuata una vaccinovigilanza approfondita. Ci aspetteremmo che questi controlli siano necessari per i futuri vaccini a mRNA sviluppati al di fuori del contesto di una pandemia».

“NANOFORME TOSSICHE NEL VACCINO PFIZER-BIONTECH”. Studio “Esplosivo’ in ESPOSTO della POLIZIA. Pubblicato dal biochimico Segalla in Italia e USA

La dottoressa Banoun quindi conclude il suo studio mettendo in luce l’ormai nota tossicità della proteina Spike inoculata nel corpo umano dai vettori a RNA messaggero che ne determina la riproduzione nei plasmidi di DNA ben oltre al breve tempo preventivato dalle Big Pharma.

«Sebbene il principio di azione dei vaccini mRNA COVID-19 corrisponda alla definizione di prodotti di terapia genica (GTP), essi sono stati esclusi dalla regolamentazione dei GTP da parte delle agenzie di regolamentazione (US-FDA ed EMA) e sottoposti alla regolamentazione di vaccini contro le malattie infettive. Non viene fornita alcuna giustificazione scientifica o etica per questa esclusione e permangono incongruenze nei regolamenti. Ad esempio, secondo le normative europee e francesi, un vaccino deve contenere un antigene, cosa che non accade per i vaccini a mRNA».

VACCINI COVID PRODUCONO SPIKE TOSSICA NEL DNA ANCHE DOPO 2 ANNI! Clamorosa Scoperta dI Microbiologo nel Sangue di Banchiere Svizzero Danneggiato

«Questi prodotti potrebbero essere considerati “pro-vaccino”. Infatti i vaccini a mRNA non contengono un antigene, ma lo fanno produrre al vaccinato. Possono quindi essere classificati come pro-farmaci o “pro-vaccini”. Dovrebbero essere redatti regolamenti speciali per questo tipo di prodotto, insistendo sui controlli di potenza, vale a dire la qualità, la quantità, la durata e i siti di espressione dell’antigene di interesse, nonché la tossicità di questo antigene. Come proposto all’inizio del 2020, la proteina spike SARS-CoV-2 interagisce con il sistema renina-angiotensina [101,102,103] e ha una tossicità riconosciuta che era nota da prima del COVID-19 [104] ed è stata confermata da [105,106,107,108]» ha concluso Banoun.

Questa ricerca, che cita ben 119 riferimenti scientifici, non ha ricevuto finanziamenti esterni, ma le spese di pubblicazione sono state pagate dall’ONG francese AIMSIB Association Internationale pour une Médecine Scientifique Indépendante et Bienveillante.

Di seguito un’analisi dettagliata dello studio condotta dalla giornalista investigativa americana Megan Redshaw.

Fabio Giuseppe Carlo Carisio
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione
segui Gospa News su Telegram


FONTI PRINCIPALI

MDIP – IJMS – mRNA: Vaccine or Gene Therapy? The Safety Regulatory Issues

GOSPA NEWS – COVID-19 DOSSIER

GOSPA NEWS – WUHAN.GATES REPORTAGE


I vaccini mRNA COVID-19 dovrebbero essere etichettati come prodotti di terapia genica: documento sottoposto a revisione paritaria

Originariamente pubblicato da Megan Redshaw su The Epoch Times

Tutti i link alle inchieste di Gospa News ei titoli sono stati aggiunti a posteriori per le molteplici correlazioni con gli argomenti trattati.

Ora che la pandemia è finita, i ricercatori stanno esortando le agenzie di regolamentazione a considerare i problemi di sicurezza associati alla rapida approvazione dei vaccini COVID-19 e a classificare correttamente i vaccini a RNA messaggero (mRNA) come prodotti di terapia genica (GTP) per impedire alle aziende farmaceutiche di aggirando gli standard normativi.

Secondo un articolo pubblicato sull’International Journal of Molecular Sciences il 22 giugno, i vaccini mRNA COVID-19, per modalità e azione, sono prodotti di terapia genica e dovrebbero aderire a diversi standard normativi. Tuttavia, le agenzie di regolamentazione statunitensi ed europee non hanno classificato i vaccini mRNA COVID-19 come prodotti di terapia genica, il che ha consentito loro di essere regolamentati come vaccini contro le malattie infettive invece di essere soggetti alla regolamentazione più rigorosa dei GTP.

ANCHE AI BIMBI ITALIANI BOOSTER BIVALENTI PERICOLOSI: AUTORIZZATI DOPO TEST SUI TOPI. Ministero della Salute recepisce Indicazioni AIFA, EMA dopo Ok FDA

Poiché le attuali linee guida normative o non si applicano, non menzionano le terapie a base di RNA o non hanno una definizione ampiamente accettata per questi prodotti, le agenzie di regolamentazione hanno adottato un processo di approvazione modificato e accelerato per i vaccini COVID-19 sotto forma di “revisione continua”. ”

Una revisione progressiva è uno strumento normativo tipicamente utilizzato durante un’emergenza sanitaria pubblica per accelerare la valutazione dei dati per farmaci o vaccini. Consente la revisione dei dati non appena diventano disponibili, senza il pacchetto dati completo o controlli specifici.

Questo processo ha portato a un’ampia e continua biodistribuzione dei vaccini mRNA COVID-19 che non sono stati studiati a fondo e hanno prodotto test con risultati non conformi per quanto riguarda purezza, qualità e omogeneità del lotto. I produttori stanno ora pianificando di sostituire i vaccini classici con vaccini a mRNA utilizzando lo stesso processo, a partire dai vaccini antinfluenzali.

I vaccini con tecnologia mRNA sono terapie geniche

I Centers for Disease Control and Prevention definiscono attualmente un “vaccino” come una preparazione utilizzata per stimolare la risposta immunitaria dell’organismo contro le malattie. Tuttavia, la definizione dell’agenzia è stata modificata nel 2021 per timore che non si applicasse ai vaccini COVID-19.

VACCINI & GRAFENE – 3. MISTERIOSE E PERICOLOSE NANOPARTICELLE NEL SIERO MRNA. Pfizer: “Tossicologia non Studiata a Fondo”

Un vaccino deve contenere un antigene per innescare la risposta immunitaria naturale del corpo. I vaccini mRNA di Pfizer e Moderna non contengono antigeni. Il principio attivo utilizzato per suscitare una risposta immunitaria in questi vaccini è l’mRNA, una forma di acido nucleico e il materiale genetico del virus SARS-CoV-2 che fornisce istruzioni all’organismo per la produzione di antigeni, le proteine spike.

In altre parole, l’mRNA non è la sostanza che causa l’immunizzazione attiva. Invece, l’mRNA deve essere tradotto in proteine dalle cellule della persona vaccinata e il sistema immunitario di quella persona deve produrre i propri antigeni per innescare una risposta immunitaria.

NEI VACCINI COVID MILIARDI DI MOLECOLE DI DNA SPIKE. Riproducono la Proteina Tossica del SARS-Cov-2 a Lungo Termine

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense afferma che la terapia genica cerca di “modificare o manipolare l’espressione di un gene o di alterare le proprietà biologiche delle cellule viventi per uso terapeutico”. Il deposito del secondo trimestre 2020 di Moderna presso la Securities and Exchange Commission ha riconosciuto che l’mRNA è “considerato un prodotto di terapia genica dalla FDA”. Inoltre, il fondatore di BioNTech Ugur Sahin, in un articolo del 2014 ha affermato: “Ci si aspetterebbe che la classificazione di un farmaco mRNA sia una terapia biologica, genica o cellulare somatica”.

Secondo la FDA, i vaccini a mRNA sono paragonabili al TypeIA dei profarmaci, sostanze che, dopo la somministrazione, vengono convertite nell’organismo in farmaci farmacologicamente attivi.

WUHAN-GATES – 48. VACCINO COVID MODERNA BREVETTATO 9 MESI PRIMA DELLA PANDEMIA. Grazie ai SARS da Laboratorio di Fauci e Gates

Questa “proprietà del profarmaco” potrebbe suggerire che dovrebbero essere applicati controlli aggiuntivi oltre a quelli richiesti per i vaccini. Tuttavia, né la FDA né l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) hanno fatto riferimento a queste qualifiche per i vaccini mRNA COVID-19.

“Con un vaccino convenzionale, hai l’antigene e lo inietti in una persona, e questa è la cosa che il tuo sistema immunitario guarda e dice, ‘ah ah’, dobbiamo produrre anticorpi, cellule T e altri componenti del sistema immunitario a ciò che viene iniettato“, ha affermato il dottor David Wiseman, ricercatore con esperienza in farmacia, farmacologia e patologia sperimentale, in un’intervista a The Epoch Times.

TROPPI COVID LETALI DOPO I VACCINI. Allarme Infezioni-Breccia da Biologa Canadese e Decessi AIFA. 5 Studi su Anticorpi Aberranti da Spike

“La prima reazione di un vaccino a mRNA è che istruisce il corpo su come produrre l’antigene di interesse. Quindi, è simile a un profarmaco, che viene convertito all’interno del corpo attraverso il metabolismo e gli enzimi nell’effetto farmaco desiderato. La sostanza che stai iniettando non sta compiendo l’azione finale; conduce alla cosa che compie l’azione finale. Con un profarmaco, la molecola che si inietta non si trasforma nella molecola finale dell’antigene, fornisce semplicemente istruzioni perché è una terapia genica”.

Wiseman ha affermato che le linee guida e i regolamenti della FDA e dell’EMA che discutono della terapia genica definiscono tutte le terapie geniche “più o meno” allo stesso modo. Tuttavia, alcuni anni fa, la FDA ha deciso di escludere i vaccini per le malattie infettive dalle sue varie linee guida per ragioni sconosciute, compresi i vaccini realizzati con la tecnologia della terapia genica. Ai vaccini, in sostanza, è stato dato il loro “insieme di regole”.

Tuttavia, la FDA può “cambiare o escludere tutto ciò che vuole dalla guida normativa, ma non cambia la definizione biologica del prodotto”, ha affermato Wiseman. “Poiché i vaccini Pfizer e Moderna COVID-19 soddisfano la definizione di terapia genica, dovrebbero essere gestiti secondo le linee guida della terapia genica”.

I vaccini mRNA COVID-19 hanno aggirato gli studi essenziali

Secondo il documento, poiché i vaccini mRNA COVID-19 non sono stati classificati come terapia genica, i test necessari richiesti per i GTP non sono stati eseguiti per quanto segue:

  • Genotossicità.
  • Integrazione del genoma.
  • Trasmissione per linea germinale.
  • Mutagenesi inserzionale.
  • Tumorigenicità.
  • Tossicità embrio/fetale e perinatale.
  • Espressione a lungo termine.
  • Tossicità ripetuta.
  • Escrezione nell’ambiente, come lo spargimento attraverso il liquido seminale o il latte materno.

“Il monitoraggio della sicurezza a lungo termine dei GTP è richiesto per diversi anni mentre, per i vaccini, viene generalmente effettuato solo per poche settimane”, ha scritto la dottoressa Helene Banoun dell’Istituto francese di salute e ricerca medica nel documento. “Questo non dovrebbe essere accettabile, data la persistenza del prodotto farmaceutico e la proteina espressa”.

Inoltre, i risultati noti delle terapie antitumorali che utilizzano la tecnologia della terapia genica e i vaccini mRNA potrebbero portarci ad anticipare problemi di sicurezza ed efficacia, ha aggiunto.

VACCINI COVID: SCIENCE MAGAZINE AMMETTE GRAVI EFFETTI INDESIDERATI. Sieri Genici correlati a Long Covid, Danni Neurologici e Cardiovascolari (POTS)

Nell’UE, i medicinali di terapia genica devono essere sottoposti a “test o sperimentazioni per valutare il rischio di integrazione genomica e trasmissione germinale, anche se tale integrazione è improbabile” e test e sperimentazioni cliniche per valutare il rischio di “mutagenesi inserzionale , tumorigenicità, tossicità embrio/fetale e perinatale ed espressione a lungo termine.

L’EMA richiede “studi approfonditi sia sull’acido nucleico che sul vettore particella/sistema di consegna che includa la biodistribuzione, lo studio della dose, la potenziale tossicità del bersaglio, l’identificazione dell’organo bersaglio per ottenere attività biologica, la tossicità legata all’espressione di proteine strutturalmente alterate”.

MADRI, GIOVANI E VIP UCCISI DA TURBO-CANCRO DOPO VACCINI COVID. 8 Casi di Linfomi: Studio del Primario di Oncologia di Piacenza

È necessario insistere affinché vengano eseguiti studi farmacocinetici per determinare come il corpo interagisce con la sostanza somministrata durante l’intera durata dell’esposizione, anche se generalmente non sono richiesti per i vaccini a meno che non ci sia una nuova formulazione o un vaccino contenga nuovi adiuvanti o eccipienti (inattivi sostanze come i conservanti).

Per i GTP, sono necessari anche studi sulla diffusione per determinare l’escrezione e la disseminazione nel corpo, e sono necessari studi sulla biodistribuzione per valutare dove i composti iniettati, come le nanoparticelle lipidiche, il sistema di rilascio utilizzato per fornire l’mRNA, viaggiano nel corpo e quali tessuti o organi si accumulano dentro.

Dopo aver valutato i documenti sui vaccini COVID-19 di Pfizer e Moderna ottenuti dall’avvocato Aaron Siri attraverso il Freedom of Information Act, Wiseman ha notato molti studi elencati in riepiloghi non clinici che avrebbero dovuto essere eseguiti ma non lo sono stati.

COVID: “STOP VACCINI GENICI mRNA E mDNA! CAUSANO MIOCARDITI, DANNI IMMUNITARI E TUMORI”. Allarmante Studio dall’Istituto Superiore della Sanità

“Diversi studi avrebbero dovuto essere fatti ma non sono stati fatti perché cadevano sotto gli auspici dei vaccini. Ma se leggi le linee guida, non dice che questi studi non sono necessari, solo che le circostanze potrebbero ritenerli inutili “, ha detto Wiseman.

“Abbiamo bisogno di leggi per i prodotti che dicano che non puoi semplicemente escluderli dai regolamenti perché ne hai voglia, perché sono ancora terapie geniche”, ha detto, “Stiamo dirottando le macchine dei nostri corpi per produrre proteine ​​spike in modo incontrollato e indefinito: ci sono troppe cose che non sappiamo”.

Originariamente pubblicato da Megan Redshaw su The Epoch Times

Megan Redshaw J.D. è un’avvocatessa e giornalista investigativo con un background in scienze politiche. È anche una naturopata tradizionale con certificazioni aggiuntive in nutrizione e scienze motorie.


VACCINI COVID KILLER: CONFERMA DA 325 AUTOPSIE. 74% di Correlazioni in uno Studio Lancet poi Censurato

EMA: “SANGUINAMENTO MESTRUALE ALTERATO DOPO VACCINI COVID”. Ignorato SOS sugli Aborti Occultati da Pfizer ma Svelati da Medico Canadese

WUHAN-GATES – 73. BILL III A CACCIA DI CAVIE UMANE PER VACCINO COVID COREANO. “Genotossicità non Studiata” ma OMS & UK danno OK a SkyCovione con Spike Tossica e Adiuvante GSK da Pericoloso Squalene

(Visited 1.823 times, 13 visits today)

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

2 pensieri su ““I VACCINI COVID mRNA SONO COME TERAPIE GENICHE”. Studio di Biologa Francese denuncia Omessi Controlli EMA sulla Genotossicità

  1. It is not for the Common people to get involved in scientific and pseudo-scientific bickering. All the Common people needed to know was whether the PANDEMIC was real or fake, planned and staged for reasons that would not solve the problem, but make the Deadly Big Pharma richer, and allow the Government to lock down the country, killing the most vulnerable among us and traumatise an entire nation, and in particular the small ones that State and Media Terrorism were attacking as well, and cut down on Health Care and Social Services. The Common people needed to know whether the so-called vaccine was the solution to successfully neutralise the cause of the Pandemic for which we already have all the evidence necessary that it was planned well in advance.

    I just saw that even Hélène Banoun playing up, and minimising the seriousness of that deadly experimental Big Pharmaco-Biotechncal Engineered MESSENGER DNA (mRNA) Weapon destined to be used against 8 billion people worldwide, except the Élite, obviously.

    “COVID-19 vaccines were developed and approved rapidly in response to the urgency created by the pandemic. At the time of their marketing there were no specific regulations. Regulatory agencies therefore adapted them as a matter of urgency. With the pandemic over, it’s time to consider the safety issues associated with this speedy approval. The mode of action of COVID-19 mRNA vaccines should have classified them as gene therapy products (GTPs), but they have been barred by regulatory agencies. Some of the tests they have been subjected to as vaccines have produced non-compliant results in terms of purity, quality and homogeneity of the batches ».

    THIS IS NOT SCIENCE: “developed and approved rapidly”:???
    The scientifically UNPROVEN PANDEMIC where ZERO VIRUS WAS ISOLATED created an “urgency”? This is State BS, not SCIENCE!

    “With the pandemic over”? Which pandemic? When? Where? Kary Mullis was murdered in 2019 for saying the test he invented could not be used to diagnose any infection! Dr. Rashid Buttar was murdered for saying the pandemic was planned long in advance, which it was, and the vaccines were bogus and deadly, which they proved to be!

    It was not SCIENCE that decided the ” experimental Big Pharmaco-Biotechncal Engineered MESSENGER DNA (mRNA) Weapon” was not a Gene Therapy Product, but the profiting manufacturers with their State and W.H.O.’s accomplices.

    BAFS
    Former Head of Biology (1970s)
    Trinity Colleges (Mauritius)

    MUHAMMAD ALI BEN MARCUS
    Thursday, 19 March 2020
    BILL GATES, THE CROWN, CORPORATIONS, AND GOVERNMENTS BEHIND THE CORONA SARS COV2 COVID19 VIRUS SCARE!
    https://muhammad-ali-ben-marcus.blogspot.com/2020/03/bill-gates-crown-corporations-and.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *