DITTATURA BIDEN: GIUSTIZIA USA A CACCIA DI NO-VAX. Procuratore Ordina a Facebook di Svelare Utenti e Gruppi contro i Vaccini Covid

DITTATURA BIDEN: GIUSTIZIA USA A CACCIA DI NO-VAX. Procuratore Ordina a Facebook di Svelare Utenti e Gruppi contro i Vaccini Covid

2.647 Views

Imposto a Meta di identificare gli utenti che hanno violato la politica di Facebook sulla “disinformazione errata sul COVID”.

di Michael Nevradakis – originariamente pubblicato su The Defender – sito ufficiale di notizie dell’associazione Children’s Health Defense

Tutti i link alle precedenti inchieste di Gospa News sono stati aggiunti all’indomani dei collegamenti con i temi evidenziati.

In coda all’articolo riportiamo l’attività di censura attuata in Italia dall’Università di Roma Tor Vergata quando era rettore Orazio Schillaci attuale Ministro della Salute nonché partner e investitore delle Big Pharma dei vaccini

ENGLISH VERSION

La società madre di Facebook, Meta, deve identificare tutti i gruppi, le pagine e gli account individuali che hanno pubblicato contenuti sul vaccino COVID-19 che violavano la politica di disinformazione COVID-19 di Facebook, ha stabilito la scorsa settimana la Corte Superiore del Distretto di Columbia.

La sentenza del 14 settembre ha confermato un mandato di comparizione del governo di Washington, DC, originariamente notificato a Meta nel giugno 2021 dal procuratore generale della DC Karl Racine. Il mandato di comparizione aveva lo scopo di “determinare se l’azienda ha mantenuto la parola data riguardo alla riduzione della disinformazione sui vaccini sulla sua piattaforma”.

Secondo Politico (quotidiano americano ed europeo – NDR), il mandato di comparizione invitava anche Facebook “a fornire documenti che identifichino tutti i gruppi, pagine e account che hanno violato le sue politiche contro la disinformazione sul COVID-19 e documenti che descrivano in dettaglio quante risorse il colosso della tecnologia ha dedicato alla causa”.

“I POTENTI HANNO CHIESTO A FACEBOOK DI CENSURARE NOTIZIE COVID”. Clamorosa Confessione di Zuckerberg

Come notato nella decisione della corte d’appello di Washington nel caso Meta Platforms Inc. contro District of Columbia, il mandato di comparizione fa parte di un’indagine su “potenziali violazioni del Consumer Protection Procedures Act [CPPA]”.

La corte ha ritenuto che “Meta ha travisato ai consumatori del distretto il grado in cui controlla la disinformazione pubblicata sulla sua piattaforma sul vaccino COVID-19”.

Meta ha sostenuto che il mandato di comparizione violava i suoi diritti del Primo Emendamento “interrogando e penalizzando” la sua capacità di esercitare un controllo editoriale sui contenuti pubblicati sulle sue piattaforme, violando anche i diritti del Primo Emendamento dei suoi utenti sulla base del fatto che avrebbe dissuaso impedirgli di partecipare a future discussioni su argomenti controversi.

Meta ha inoltre sostenuto di essere protetto dallo Stored Communications Act (SCA). Secondo Reclaim The Net, la SCA fornisce per statuto “protezioni della privacy simili al Quarto Emendamento alle comunicazioni detenute da fornitori di servizi di terze parti”.

CENSURE COVID: GIUDICE FEDERALE CONFERMA DIVIETO A CASA BIANCA DI INCONTRARE I BOSS SOCIAL. Rigettato Ricorso di Biden

 

Tuttavia, la sentenza della corte d’appello di Washington con il giudice del processo Anthony C. Epstein ha respinto queste argomentazioni, ha riferito Bloomberg Law. Ha caratterizzato la richiesta del procuratore generale di Washington come “ragionevolmente rilevante” e “strettamente adattata all’interesse dichiarato del governo”.

Secondo la sentenza, Meta non ha dimostrato che la citazione in giudizio indebolirà i diritti costituzionali dell’azienda o dei suoi utenti, perché “gli utenti che hanno pubblicato questi post si sono già apertamente associati alle loro opinioni esposte pubblicandoli pubblicamente su Facebook”.

Il mandato di comparizione “non richiede a Meta di ‘smascherare’ alcun utente anonimo”, ha affermato la corte.

CARLSON SILURATO PER VACCINI E UCRAINA. Dalla Scalata in Fox News di BlackRock: Perno di Big Pharma, Lobby Armi e World Economic Forum

Greg Glaser, un avvocato californiano esperto in questioni di privacy, ha affermato che il caso è un esempio dell’influenza di Big Pharma sulla politica.

Glaser ha detto al Defender:

“Quando si legge tra le righe di questo caso, ciò che sta realmente accadendo è la politica sponsorizzata dal settore farmaceutico. Un ente governativo di estrema sinistra, troppo zelante, che impone i vaccini nel Distretto di Columbia, sta tentando di abusare delle leggi locali sulla protezione dei consumatori per ottenere le “identità” degli utenti di Meta che hanno criticato i vaccini su una piattaforma nota per la censura.

Secondo Glaser, “La SCA è una legge federale che riconosce il fatto ovvio che gli americani condividono abitualmente le loro informazioni private con le aziende online e si aspettano che le informazioni rimangano private”, ha affermato Glaser.

COSI’ FAUCI HA OCCULTATO LE VERITA’ SUL COVID. Testo dell’Interrogatorio coi Magistrati USA: “Lui Parlava, i Social Censuravano”

“Questa causa deciderà se ciò è ancora vero, o se e come Meta rivelerà la tua identità al governo in questa causa a strascico. Il governo ha ovviamente promesso che manterrà riservate le informazioni private degli utenti (cioè limitate al controllo degli avvocati e del tribunale)”, ha aggiunto.

CONTINUA A LEGGERE SU GOSPA NEWS INTERNATIONAL

Cliccando sulla Bandierina Italiana in Basso a sinistra dopo essere entrati negli articoli della Sezione in Inglese. Buona lettura


MINISTRO SCHILLACI FU “CECCHINO” NELLA CENSURA AI NO-VAX. Da Rettore dell’Ateneo Partner dei Piani UE col VIP Bilderberg Elkann, Big Pharma & Gates

MINISTRO SCHILLACI SPECULA SU BIG PHARMA FINANZIATA DA GATES. €700mila Investiti in Biomediche USA che Testano anche Vaccini DNA Covid

WUHAN-GATES – 71. “Verità & Censure sul SARS-Cov-2 da Laboratorio Scoperto con Montagnier”. Intervista Esclusiva allo Scienziato Perez, Fraterno Amico del Nobel

 

(Visited 1.082 times, 4 visits today)

fonte selezionata da Gospa News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *