BIBBIANO: VITTORIA DELLA GANG LGBT CONTRO I CARABINIERI. Assolto il “Rapitore” di Bambini grazie ai Giudici Malvagi

BIBBIANO: VITTORIA DELLA GANG LGBT CONTRO I CARABINIERI. Assolto il “Rapitore” di Bambini grazie ai Giudici Malvagi

2.252 Views

di Redazione Gospa News

«Ora che la vicenda giudiziaria di Claudio Foti si è conclusa con la sua assoluzione anche in Cassazione, sono in tanti a cantare vittoria e a gridare a gran voce che il sistema Bibbiano non è mai esistito, che era una invenzione becera della Lega, di Fratelli d’Italia e dei Cinque Stelle per mettere in difficoltà il Pd».

La Nuova Bussola Quotidiana segnala la clamorosa aberrazione giudiziaria ma lo fa con il suo solito stile politico, come se fosse più animata dalla volontà di una propaganda ideologica che da una reale difesa della verità e della giustizia.

L’Assoluzione per gli Affidi Illeciti del Principale Indagato

«Sicuramente l’assoluzione di Foti da ogni accusa, in particolare da quella di aver partecipato agli affidi illeciti emersi dall’Inchiesta della Procura Angeli e Demoni, lo riabilita professionalmente e umanamente, andando a incrinare il castello accusatorio dei magistrati. Ma che il sistema Bibbiano non sia mai esistito, in realtà, lo si potrà dire soltanto alla fine del processo ordinario che vede coinvolti con vari reati tra cui lesioni, truffa e violenza, ben 17 imputati, tra cui amministratori, assistenti sociali e dirigenti».

SENZA GIUSTIZIA I BIMBI RAPITI DALLO STATO A BIBBIANO. Assolto il “Maestro” della Lupa Cattiva e Promoter della Cultura LGBTQ

Aria fritta! L’assoluzione da parte di giudici, malvagi nel cuore verso i bambini rapiti a Bibbiano e costretti a sottostare alla rieducazione della “lupa cattiva“ o delle copie gay invischiate nel procedimento burocratico, è qualcosa che grida vendetta a Dio prima che agli uomini.

La sentenza di tante toghe sporche che hanno assecondato il sistema PALAMARA-GATE gestito dal PD fondamentalmente per far assolvere tutti gli indagati del Giglio Magico di Matteo Renzi potrà essere di assoluzione ma nell’Alto dei Cieli la loro stessa condanna, fino alla quarta generazione come sentenzia la Bibbia, è già scritta.

Le Coppie Lesbiche sconfiggono i Carabinieri

Perché dovrebbe esistere un limite nel negare l’evidenza pur di mandare assolto un professionista intrigato tanto con il PD che con il Movimento 5 Stelle a Torino che gli erogò molteplici contributi. 

BIMBI “RAPITI” DALLO STATO A BIBBIANO: Chiesto Processo per Sindaco PD, dirigente LGBT e “lupa cattiva”. L’avvocato: “Angeli e Demoni in tutta Italia”

Ridurre lo scandalo di Bibbiano a una questione di affari giuridici opinabili sulla pelle di bimbi strappati ai genitori, e affidati a coppie lesbiche che giocavano coi vibratori ,va oltre ogni dignità della capacità di un giudice di cogliere l’essenza di un reato.

E’ la palese umiliazione dei Carabinieri che, come tante altre volte in Sicilia e nelle zone di Mafia, hanno fatto il loro onestissimo e verace lavoro smentito poi da magistrati troppo spesso spesso beccati a mungere dalla Casta Politica per la loro infame carriera.

Mentre la stessa Casta Politica mungeva dalla Mafia… 

YLENIA, BIMBA RAPITA E DROGATA DALLO STATO! Peggio di Bibbiano: Tremenda Storia di Ordinaria Persecuzione Minorile Ignorata anche da Mattarella

I dettagli dell’ennesima porcata di Stato agevolata da magistrati malvagi e da politici degni della Geenna la descrive sotto l’articolo de La Nuova Bussola Quotidiana.

Nel frattempo giorno bambine indifese subiscono la stessa sorte ad opera di giudici senza cuore che sono pronti a tutto pur di difendere le vergognose azioni di assistenti sociali e psichiatre che lucrano sulla pelle dei bambini… 

Una sentenza di condanna è già stata emessa anche dalla Corte Europea che ha condannato la giustizia italiana – ovvero giudici malefici – a risarcire il danno per aver lasciato nel mani di conclamati pedofili persino dei neonati (Orco del Forteto).

Va rammentato che il Procuratore Generale della Corte di Cassazione si è rivelato invece estremamente attivo nel perseguire la giudice Susanna Zanda che ha denunciato i danneggiati e morti da vaccino.

E il suo predecessore è stato assolto per una “spiata tenue” nel vergognoso caso del Palamara-Gate.

Ma chi è quel cittadino Italiano che può fidarsi di cotale gente che veste la toga solo per essere complice di criminali del sistema politico???


Quello che la Cassazione dice su Bibbiano e il Pd non ha letto

pubblicato in origine da Andrea Zambrano per la Nuova Bussola Quotidiana

Tutti i link a precedenti articoli di Gospa News sono stati aggiunti a posteriori

Ora che la vicenda giudiziaria di Claudio Foti si è conclusa con la sua assoluzione anche in Cassazione, sono in tanti a cantare vittoria e a gridare a gran voce che il sistema Bibbiano non è mai esistito, che era una invenzione becera della Lega, di Fratelli d’Italia e dei Cinque Stelle per mettere in difficoltà il Pd.

Sicuramente l’assoluzione di Foti da ogni accusa, in particolare da quella di aver partecipato agli affidi illeciti emersi dall’Inchiesta della Procura Angeli e Demoni, lo riabilita professionalmente e umanamente, andando a incrinare il castello accusatorio dei magistrati. Ma che il sistema Bibbiano non sia mai esistito, in realtà, lo si potrà dire soltanto alla fine del processo ordinario che vede coinvolti con vari reati tra cui lesioni, truffa e violenza, ben 17 imputati, tra cui amministratori, assistenti sociali e dirigenti.

PALAMARA-GATE – 13. ULTIMA VERGOGNA DI STATO SULLE TOGHE INTOCCABILI! Assolto anche Il Giudice-Deputato grazie alla Copertura del Parlamento

Il processo di primo grado, infatti, è ancora in corso di svolgimento a Reggio Emilia e mercoledì ha vissuto un’altra udienza con l’ascolto di una dirigente, Nadia Campani, già prosciolta durante il rito abbreviato, che ha negato che i pagamenti per gli affidi fossero illeciti.

L’argomento è di capitale importanza, perché è da questi elementi che il giudice dovrà decidere se a Bibbiano si siano verificati o no gli illeciti contestati in merito agli affidamenti dei minori tolti alle loro famiglie. Intanto, però, la sentenza della Cassazione del 16 aprile, pur arrivando a prosciogliere da ogni accusa Foti, contemporaneamente, afferma che almeno un illecito, quello di abuso d’ufficio, c’è stato a Bibbiano, ma non è stato Foti a commetterlo.  

DENUNCIO’ LE MORTI DOPO VACCINI COVID: GIUDICE ZANDA NEL MIRINO. Nordio Istiga Azione Disciplinare al PG voluto da Mattarella

L’affermazione della Corte Suprema si è resa necessaria per ribadire il giudizio di secondo grado nel quale la Corte d’Appello aveva parlato dell’esistenza di abusi di natura amministrativa. Però non era stato Foti a commetterli. La formula utilizzata dal giudice di secondo grado, per la sua assoluzione, infatti era quella di “non aver commesso il fatto”. Secondo il giudice, dunque, gli illeciti erano stati commessi, ma non da Foti.  

Le motivazioni dell’Appello, che portano la data del 6 giugno 2023, portavano appunto gli elementi per affermare – si legge nel dispositivo – “l’evidente illegittimità della procedura adottata” e anche: «Nel caso di specie, la condotta consistita nell’affidamento di fatto alla Hansel e Gretel del servizio di psicoterapia da svolgersi presso “la Cura” in violazione della normativa in tema di affidamenti, rientra senz’altro nell’ambito di tipizzazione della fattispecie di cui all’articolo 323 cp (l’abuso d’ufficio ndr».

BAMBINI RAPITI DALLA LEGGE: a soli 3 anni nelle mani dell’orco. Fiesoli Portato in Carcere. Ma ci è Rimasto ben Poco…

E ancora: «Alla luce della documentazione analizzata, in piena aderenza con quanto rilevato dal giudice di primo grado, deve pervenirsi alla conclusione che nel caso di specie il servizio di psicoterapia sia stato affidato di fatto a Hansel e Gretel in violazione delle specifiche regole di condotta contenute nella normativa di settore».

Con queste motivazioni, il giudice aveva prosciolto Foti “per non aver commesso il fatto”. L’avvocato di Foti, però, aveva fatto ricorso solo nel passaggio relativo alla formula assolutoria, intendendola cambiare in “assolto perché il fatto non sussiste”. Una formula assolutoria piena che avrebbe avuto un riverbero positivo anche sul processo in corso a Reggio.

Con la sua sentenza, invece, la Cassazione ha rigettato tutti i ricorsi – come ha raccontato Alessandra Codeluppi sul Resto del Carlino -, quello della Procura di Reggio, ma anche quello presentato dall’avvocato di Foti, Claudio Bauccio. In questo modo la sentenza di secondo grado è diventata così definitiva e inappellabile e per la prima volta abbiamo un pronunciamento definitivo (oltre a quelli dei riti abbreviati già svolti) circa il fatto che a Bibbiano sono stati commessi degli illeciti in ordine al reato di abuso d’ufficio.

SCANDALO BIBBIANO: 4 ANNI ALLO PSICOTERAPEUTA FOTI. Per Alterazione Psichica di una Bimba. A giudizio Sindaco e “Lupa Cattiva”

A questo punto, se il reato di abuso d’ufficio è stato commesso, ma non da Foti, chi dovrebbe averlo commesso? Ovviamente la Cassazione non entra nel merito di questo giudizio, perché questo è un giudizio che spetta primariamente ai giudici di primo grado che dovranno pronunciarsi. E a dover rispondere di questo reato sono cinque imputati: il sindaco di Bibbiano Andrea Carletti (Pd), l’ex sindaco di Montecchio Paolo Colli (Pd), che allora era il presidente dell’Unione dei Comuni, Nadia Bolognini (ex compagna di Foti), Federica Anghinolfi, ex responsabile dei servizi sociali e Francesco Monopoli, suo braccio destro.

Questi ultimi due, inoltre, devono rispondere anche di altri reati nella gestione degli affidi ed è la parte che più ha fatto scalpore in questi anni.

Dunque, se da un lato Foti può cantare vittoria, non hanno alcun senso le grida di giubilo di quei politici, soprattutto di area Pd, che affermano la fine di ogni persecuzione giudiziaria e di ogni teorema infamante sui servizi gestiti dal Comune piddino, per il semplice motivo che un giudizio su quei fatti c’è già. E non è favorevole a loro, anche se poi bisognerà vedere cosa deciderà il giudice di primo grado.

PALAMARA-GATE – 12. A GIUDIZIO L’EX PM. Assolto l’ex PG di Cassazione Fuzio: “Spiata Tenue”. Patteggia il Corruttore: ex ufficiale EI-NATO premiato dal Quirinale

Sul reato di abuso d’ufficio, poi, c’è un curioso cortocircuito che riguarda anche il Governo attuale, retto da una maggioranza in passato molto presente sul caso Bibbiano con toni accesi e polemiche. Ebbene: proprio il Governo ha depenalizzato l’abuso d’ufficio recentemente, mentre l’avvocato della Anghinolfi dice che è prescritto dal 31 marzo 2024. Dal punto di vista giudiziario si possono aprire diverse strade, perché, tolto l’abuso d’ufficio non è ben chiaro come si potranno riconfigurare i reati e di conseguenza la prossima sentenza, che potrebbe essere a favore degli imputati anche a fronte dell’intervenuta cancellazione del reato da parte del governo.

Tutti i link a precedenti articoli di Gospa News sono stati aggiunti a posteriori

pubblicato in origine da Andrea Zambrano per la Nuova Bussola Quotidiana


GOVERNANTI COMPLICI POLITICI DI BIG PHARMA, LOBBY ARMI & MAFIOSI. “Balle” Mondiali di Mattarella su Migranti da Guerre NATO e di Meloni su Scienza e Intelligenza Artificiale di Gates

TORINO: SINDACA APPENDINO CONDANNATA PER FALSO. Ma fu anche Sponsor dei “Lupi” di Bibbiano e dell’Asilo No Gender

(Visited 507 times, 36 visits today)

Redazione Gospa News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *