TURBO-CANCRO – 2. Molti Casi Gravi/Letali e Nuove Ricerche sui Rischi Vaccini COVID rRNA. Speranza Melatonina…

TURBO-CANCRO – 2. Molti Casi Gravi/Letali e Nuove Ricerche sui Rischi Vaccini COVID rRNA. Speranza Melatonina…

85.989 Views

Nell’immagine di copertina la giovane americana Analucia Cabanillas Cespedes a cui è stato diagnosticato un nuovo tumore al cervello dopo il vaccino anti-Covid obbligatorio

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

ENGLISH VERSION

«Come internista e specialista, è difficile per me credere che un nuovo prodotto biologico in grado di causare malattie cardiache, neurologiche, trombotiche e immunologiche possa anche svolgere un ruolo nell’avvio e nell’accelerazione dell’oncogenesi».

Questo è l’inizio di un articolo pubblicato da Peter A. McCullough, MD, MPH sul suo Substack Courageous Discourse (fonte 1). Non è l’unico in cui il famoso cardiologo e blogger americano rilancia un importante studio internazionale sul fenomeno del turbo-cancro su cui avevamo scritto una precedente inchiesta giornalistica incentrata su 4 diverse ricerche inquietanti.

Oggi ne vedremo altri accanto a tanti tragici casi di patologie tumorali che insorgono rapidamente nelle persone vaccinate.

MODERNA CONSAPEVOLE DEI RISCHI DI CANCRO NEI VACCINI mRNA. L’esperto Malone svela Brevetto sul Pericolo di Frammenti DNA Oncogeni

Il COVID-19 e/o alcuni vaccini COVID-19 potrebbero promuovere Forme Maligne?

«Nei paesi occidentali prima della pandemia, le principali cause di morte erano le malattie cardiache per il 40%, il cancro per il 40% e la morte per altre cause note (omicidio, suicidio, incidenti, ecc.). Se si dimostrasse che i vaccini mRNA contro il COVID-19 favoriscono il cancro, sarebbero quindi implicati nell’aumento della mortalità per tutte le cause osservato in tutto il mondo» ha scritto McCullough.

Il cardiologo americano Peter McCullough

Nel 1984, Sutherland e Bailer proposero l’ipotesi della “Carcinogenesi Multi-hit”: «Un nuovo modello Multi-colpo di carcinogenesi è stato sviluppato per essere utilizzato nella valutazione dei tassi di incidenza del cancro specifici per età nelle popolazioni umane. Il modello consente una certa eterogeneità sia nel rischio (forse genetico) che nel percorso (numero di risultati)».

Secondo il cardiologo, in sostanza hanno affermato che sono necessari molteplici colpi o aggressioni diverse alle cellule e al loro macchinario genetico per far sì che una cellula normale diventi cancerosa. «Quarant’anni dopo, Sutherland e Bailer non avrebbero potuto sognare l’applicazione della loro ipotesi alla vaccinazione genetica di massa globale somministrata ogni sei mesi a un’ampia popolazione, alcune delle quali ad alto rischio o addirittura con cancro incipiente» rileva McCullough.

La ricerca di Angues e Bustos

«Angues e Bustos hanno appena pubblicato un articolo sul server di prestampa di Authorea che raccoglie le prove fino ad oggi che sia l’mRNA che la proteina Spike lavorano all’interno delle cellule umane per causare cambiamenti che portano all’oncogenesi. Il dato mostrato è coerente con un’ipotesi multi-hit di oncogenesi dopo iniezione con Pfizer o Moderna» ha evidenziato McCullough citando lo studio di Raquel Valdes Angues (membro della Oregon Health & Science University) e Yolanda Perea Bustos intitolato “Navigating Uncharted Waters: Il COVID-19 e/o alcuni vaccini COVID-19 potrebbero promuovere la malignità?”. Autorea, 21 settembre 2023.

Aggiunge il cardiologo: «Rimangono molte domande, tra cui l’effetto della dose cumulativa, la predisposizione (ad esempio mutazioni con perdita di funzione in BRCA1/2 P53), esposizioni aggiuntive come radiazioni UV, fumo, alcol e infine catabolismo di mRNA e Spike. Indubbiamente saranno necessari decenni di ricerca per comprendere appieno la vaccinazione contro il COVID-19 e il cancro. Come sottolineiamo nel nostro libro Courage to Face COVID-19, ci sono voluti più di 40 anni da quando Sir Austin Bradford Hill associò causalmente il fumo al cancro ai polmoni fino alla capitolazione dell’ortodossia medica. Speriamo che la visibilità mondiale dell’mRNA e l’alacrità della ricerca moderna possano abbreviare questo lasso di tempo».

Il nuovo tumore al cervello in una giovane ragazza

L’oncologo canadese William Makis, medico, nel suo substack ha pubblicato la notizia e l’agghiacciante indagine “Glioblastoma del cancro al cervello: tumori di grandi dimensioni, non responsivi alle cure, recidiva più aggressiva. Caratteristiche PRINCIPALI del vaccino contro i tumori cerebrali turbo mRNA COVID-19. 16 nuovi casi tragici” (fonte 2).

Analucia Cabanillas Céspedes

Per brevità riportiamo la storia più agghiacciante.

«Analucia Cabanillas Cespedes è stato diagnosticato un astrocitoma gemistocitico di grado 3 il 15 giugno 2021 e un tumore di 7,5 cm è stato rimosso chirurgicamente. Ha continuato a frequentare la scuola per infermieri presso l’Università della Florida che le imponeva di prendere i vaccini COVID-19 – dice il dott. Makis – Nel maggio 2023 le è stato diagnosticato un nuovo tumore al cervello, un glioblastoma di grado 4 che è inoperabile, ha compromesso la sua mobilità e l’ha costretta su una sedia a rotelle. È “grande quanto una pera”».

PRIMATO MONDIALE TRANSUMANISTA: Primo a Vaccinarsi contro il Cancro per Curare TURBO-CANCRO da Sieri Genici mRNA Covid

Il caso di un cancro craniofacciale basaloide fatale

«Dall’avvento della vaccinazione di massa contro il Covid-19, i tassi di cancro sono saliti alle stelle nei sistemi di sorveglianza di tutto il mondo. Molti si chiedono: i vaccini causano davvero il cancro?» si chiede lo stesso McCullough, citando poi due studi diversi (fonte 3).

«Nel 2020, Singh et al hanno pubblicato uno studio di modellazione in silico che ha concluso che si potrebbe prevedere che il segmento S2 della proteina Spike SARS-CoV-2 inibisca i sistemi di sorveglianza del tumore p53 e BRCA1/2. È importante sottolineare che il segmento S2 non è stato trovato nel corpo dopo l’infezione, tuttavia, viene facilmente prodotto in grandi quantità dopo la vaccinazione con mRNA COVID-19, come pubblicato da Patterson et al nel 2022. Inoltre, vi è inibizione della riparazione del DNA, contaminazione con promotori dell’oncogene SV-40, come meccanismi aggiuntivi per spiegare la comparsa o l’accelerazione del cancro nei destinatari del vaccino mRNA».

TURBO-CANCRO DOPO VACCINI mRNA COVID. Tre Studi Internazionali sul Rischio di Linfomi come Gravissime Reazioni Avverse

«Possiamo solo prendere caso per caso ed esaminare le prove. Kyriakopoulos et al descrivono un singolo caso di cancro craniofacciale basaloide fatale verificatosi entro 5 mesi dalla vaccinazione. Vi lascerò leggere il rapporto e trarre le vostre conclusioni sulla causalità e sulla generalizzazione ad altri tumori in rapido sviluppo osservati dopo la sfortunata vaccinazione contro il COVID-19» aggiunge il cardiologo riferendo una ricerca a cui ha preso parte:

Kyriakopoulos, A. M., Nigh, G., McCullough, P. A., Olivier, M. D., & Seneff, S. (2023). “Paralisi di Bell o carcinoma basaloide infiltrante aggressivo post-vaccinazione con mRNA per COVID-19?: Un caso clinico e una revisione della letteratura”. Diario EXCLI, 22, 992–1011.

Un caso di cancro craniofacciale basaloide fatale

Ecco cosa hanno detto gli autori:

«Proponiamo che la disfunzione simultanea di entrambi i nervi facciali e trigeminali, probabilmente attraverso l’infiammazione e l’autoimmunità mediata dalle cellule T contro la mielina dei nervi periferici, abbia prodotto un deterioramento della risposta delle cellule T e abbia soppresso la risposta immunitaria antitumorale innata nel nostro paziente, facilitando il potenziale metastatico del carcinoma basocellulare».

«Ciò implica che l’mRNA e/o la proteina Spike compromette il sistema di sorveglianza naturale del corpo contro il cancro, quindi questo paziente con un cancro facciale incipiente o latente era condannato dopo aver fatto l’iniezione» ha sottolineato McCullough.

VACCINI COVID DANNEGGIANO IMMUNITA’ DEI BIMBI ANCHE PER ALTRI VIRUS. Agghiacciante Studio sul Siero Genico mRNA Pfizer-Biontech

Tumori turbo: un fenomeno della nuova era COVID

Il caso di cui sopra è stato evidenziato anche da Joseph Mercola, Medico Osteopatico (DO) e scrittore scientifico fondatore di Mercola.com, che ha pubblicato un lungo articolo sul fenomeno Tubo Cancers (fonte 4).

“Un altro caso clinico, pubblicato nel novembre 2021, ha descritto la progressione straordinariamente rapida del linfoma angioimmunoblastico a cellule T in un uomo di 66 anni, pochi giorni dopo aver ricevuto la sua terza iniezione Pfizer” ha scritto Mercola

«Ironicamente, gli è stata fatta l’iniezione per proteggerlo durante la chemioterapia e in otto giorni il cancro è esploso e si è diffuso a macchia d’olio. Secondo Makis un progresso del genere richiederebbe normalmente un paio d’anni, al massimo qualche mese».

Come notato da Makis, stiamo assistendo alla comparsa di tumori a crescita rapida del seno, del colon, dell’esofago, dei reni, del fegato, del pancreas, del dotto biliare, del cervello, dei polmoni e del sangue, compresi tipi di cancro estremamente rari.

«Ma non è tutto. Questi tumori si manifestano tra i giovani, molti dei quali sotto i 30 anni, senza alcuna storia familiare di cancro. Si manifestano nelle donne incinte e nei bambini piccoli. Altrettanto strano è il fatto che la maggior parte si trova allo stadio 3 o 4 al momento della diagnosi, eppure i sintomi sono comparsi solo giorni o settimane fa» ha aggiunto Mercola.

Uno dei medici morto e menzionato nelle indagini di Makis

I tumori crescono e si diffondono così rapidamente che molti di questi pazienti muoiono prima ancora che il trattamento possa iniziare. La maggior parte di essi è anche resistente al trattamento convenzionale e non risponde. “Non ho mai visto il cancro comportarsi in questo modo”, dice Makis, e dovrebbe saperlo, avendo finora diagnosticato 20.000 pazienti affetti da cancro nella sua carriera.

«Makis si è accorto per la prima volta di questo fenomeno quando ha iniziato a monitorare le morti improvvise dei medici canadesi, che hanno dovuto prendere l’intera batteria di vaccini COVID per mantenere il lavoro. Nel giro di pochi mesi, tra loro si verificò un’ondata di morti improvvise, molte dovute ad attacchi di cuore e morirono nel sonno. Ma c’è stato anche un folto gruppo di medici che svilupparono tumori aggressivi» ha ricordato Mercola.

«Il dottor Howard Charles Malpass III, 44 anni, pneumologo è morto improvvisamente il 14 settembre 2023 a causa della leucemia mieloide acuta AML» ha specificato Makis nella sua indagine (fonte 5)

Modifica pericolosa dell’mRNA utilizzato nei vaccini

«Alla domanda su come i vaccini COVID potrebbero causare questi tumori turbo, Makis descrive diversi possibili meccanismi che possono portare al cancro in individui predisposti. La primaria è la modificazione dell’mRNA utilizzato» scriveva Mercola nello stesso articolo (fonte 4).

I sieri COVID non contengono lo stesso mRNA trovato nel virus SARS-CoV-2. L’mRNA è stato manipolato geneticamente in un processo chiamato “ottimizzazione del codone”, in cui viene inserita la pseudouridina per stabilizzare l’RNA e prevenire una rapida disgregazione.

Il motivo per cui è stata utilizzata l’ottimizzazione del codone è perché è difficile convincere il corpo a produrre una determinata proteina iniettando mRNA. Non solo viene rapidamente distrutto, ma affinché l’iniezione funzioni, sono necessari anche livelli di espressione proteica più elevati di quanto sia naturalmente possibile.

VACCINI COVID: GRAVI RISCHI DA SPIKE TOSSICA PERSISTENTE. Per la Doppia Prolina nel mRNA Modificato. Alterazione Nascosta da Autorità Sanitarie USA

«Sebbene ci sia stato detto che il vaccino COVID-19 di Pfizer è prodotto con un innocuo RNAmessaggero (mRNA), l’etichetta del prodotto della Food and Drug Administration (FDA) statunitense mostra che contiene RNA modificato artificialmente, un ingrediente chiave che non è presente in natura e rappresenta un rischio sostanziale per la salute umana» è quanto la giornalista scientifica Megan Redshaw ha scritto alcuni giorni fa su The Epoch Times. 

Il bioimmunologo italiano Mauro Mantovani ha spiegato il motivo della pericolosa e dannosa persistenza della tossica proteina Spike nell’organismo dei vaccinati.

Il meccanismo era stato svelato dall’esperto di genomica americano Kevin McKernan che aveva rilevato la presenza di miliardi di plasmidi (molecole di RNA) della Spike in continua riproduzione.

NEI VACCINI COVID MILIARDI DI MOLECOLE DI DNA SPIKE. Riproducono la Proteina Tossica del SARS-Cov-2 a Lungo Termine

Il bioimmunologo Mantovani sottolinea però che questa glicoproteina spike è sensibilmente, ma sostanzialmente diversa da quella virale che definiamo wild type.

«Questa diversità è determinata fondamentalmente dalla presenza di un aminoacido ripetuto due volte in successione (doppia Prolina o P-P) e che determina quella che in gergo si chiama una Sequenza cerniera, rappresentata da un dodecapeptide (12 aminoacidi, tra cui la doppia Prolina)».

«12 aminoacidi all’interno dei quali c’è una doppia prolina, che è un aminoacido con struttura e funzione (rispettivamente agli altri 19 aminoacidi) diverse (infatti è un “imminoacido”). Questa sequenza particolare NON esiste in Natura. È come se fosse un “marchio di fabbrica”. Chi ha pensato al vaccino ha sostituito due aminoacidi (in una regione della proteina S “strategica”) con una doppia prolina».

“Gli sviluppatori delle aziende farmaceutiche hanno scambiato la lisina (posizione 986) e la valina in posizione 987 con la prolina nella subunità S2”, ha evidenziato anche il professor Hartmut Glossmann, professore universitario emerito di farmacologia biochimica presso l’Università di Medicina di Innsbruck.

VACCINI COVID: SCIENCE MAGAZINE AMMETTE GRAVI EFFETTI INDESIDERATI. Sieri Genici correlati a Long Covid, Danni Neurologici e Cardiovascolari (POTS)

Questa presenza  può essere usata”come “prova causale inconfutabile forense” della presenza della proteina spike codificata in modo univoco da modmRNA. tra l’altro come prova del danno vaccinale e, se necessario, per escludere il “Long-Covid”.

Potenziali meccanismi d’azione

Secondo Joseph Mercola esistono altri possibili meccanismi di cancerogenicità (mai studiati per ammissione della stessa Pfizer) dei sieri dei geni mRNA.

• Integrazione genomica dell’mRNA modificato attraverso la trascrizione inversa, che potrebbe alterare i geni soppressori del tumore.

• Integrazione genomica di contaminanti del DNA nelle iniezioni, che potrebbero alterare i geni oncosoppressori.

• I tumori possono quindi essere promossi dalla presenza di un promotore SV40 nei contaminanti del DNA.

TROVATO IL GENE DEI VACCINI COVID mRNA CHE CAUSA IL CANCRO. E’ una Sequenza di DNA del Virus della Scimmia SV40

• Le nanoparticelle liposomiali (LNP) diffondono l’mRNA a livello sistemico in tutti i tessuti, con gravi ripercussioni sulla funzione immunitaria. Ora sappiamo che alcuni individui continuano a produrre proteine ​​spike per almeno sei mesi (anche due anni secondo un altro studio) e quando il tuo corpo è ripetutamente (per non parlare continuamente) esposto allo stesso antigene, crea tolleranza.

Di conseguenza, diventi più incline alle infezioni perché il tuo sistema immunitario non combatte più contro l’antigene. Tuttavia, gli stessi anticorpi che prendono di mira le infezioni colpiscono anche le cellule tumorali, quindi aumenta anche il rischio di cancro.

• Il DNA plasmidico può anche essere assorbito dai batteri intestinali, trasformandoli in una fonte di produzione costante di antigeni (proteine ​​spike).

VACCINI COVID PRODUCONO SPIKE TOSSICA NEL DNA ANCHE DOPO 2 ANNI! Clamorosa Scoperta dI Microbiologo nel Sangue di Banchiere Svizzero Danneggiato

Sono i meccanismi simili a quelli descritti dall’esperto della St George’s University di Londra Angus Dalgleish nel suo recente articolo in cui ribadisce il suo allarme sul rischio di cancro associato ai vaccini a mRNA e invita le autorità sanitarie a rimuoverli immediatamente dal mercato.

“TROPPI RISCHI CANCRO, VACCINI COVID mRNA VIA DAL MERCATO”. Articolo Shock di Oncologo Britannico dell’Università di Londra

L’oncologo canadese Makes, però, non diffonde solo notizie allarmanti e negative sui turbo-tumori potenzialmente legati ai vaccini a mRNA.

In uno dei suoi ultimi articoli ha infatti segnalato una possibile cura per essa.

«La melatonina regola i micro RNA oncogenici o miRNA o Oncomir – Può contrastare il vaccino ComiRNAty di Pfizer?» si chiede il medico (fonte 6).

La sua risposta include ben 8 documenti scientifici revisionati.

«Secondo studi clinici, la melatonina (MLT) ha il potenziale per prevenire e curare il cancro. Non è tossico e ha numerose proprietà antitumorali tra cui meccanismi di apoptosi, antiangiogenici, antiproliferativi e inibitori delle metastasi. Aumenta la sensibilità terapeutica delle neoplasie se accoppiato con farmaci convenzionali» si legge nell’abstract dello studio di Putta et al.

NEGA TURBO-CANCRO DA VACCINI ma pubblica STUDI FALSATI! Fact-Checker LUISS è Pupillo d’Oro di Schillaci nello Scandalo Tor Vergata

«Le indagini che dimostrano come la MLT possieda caratteristiche antitumorali sono passate in rassegna in questo manoscritto – aggiungono gli scienziati – Abbiamo fornito una panoramica delle recenti ricerche sull’eziologia, sui fattori associati e sulle proprietà terapeutiche della MLT su vari tipi di cancro. Abbiamo discusso le implicazioni cliniche della MLT da sola o in combinazione con farmaci chemioterapici o radioterapia. Inoltre, abbiamo affrontato i meccanismi delle sue attività antitumorali contro diversi tipi di cancro insieme ai risultati della ricerca di varie indagini condotte da ricercatori e ai progressi nel campo della nanotecnologia per la somministrazione efficiente della MLT. Le recenti indagini cliniche della MLT in vari tipi di cancro sono riportate in questa recensione».

Fabio Giuseppe Carlo Carisio
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione
segui il Direttore di Gospa News Fabio Carisio su Twitter
Gospa News su Telegram


FONTI PRINCIPALI

Source 1 – MCCULLOUG -Multi-Hit Hypothesis for the Oncogenic Potential of mRNA COVID-19 Vaccines

Source 2 – MAKIS – Brain Cancer Glioblastoma: large tumors, not responding to treatments, recurrence that’s more aggressive. KEY features of COVID-19 mRNA Vaccine Turbo Brain Cancers. 16 new tragic cases

Source 3 – MCCULLOUGH – BREAKING–Fatal Craniofacial Cancer Five Months after COVID-19 Vaccination

Source 4 – MERCOLA – Wrong About the Vax: Doctors Attacked by Turbo Disease

Source 5 – MAKIS – TURBO CANCER in Doctors – Young COVID-19 Vaccinated Doctors are developing aggressive Turbo Cancers – 54 doctors and their tragic stories

Source – 6 – MAKIS – Cancer? Melatonin regulates oncogenic micro RNAs or miRNA or Oncomir – Can it counteract Pfizer’s Co-miRNA-ty vaccine? 8 papers reviewed

GOSPA NEWS – INCHIESTE CORONA VIRUS

GOSPA NEWS – WUHAN.GATES REPORTAGE

“GIOVANE ANESTESISTA SARDA UCCISA DA TURBO-CANCRO DOPO VACCINI COVID”. Allarme di Famoso Oncologo Canadese

MADRI, GIOVANI E VIP UCCISI DA TURBO-CANCRO DOPO VACCINI COVID. 8 Casi di Linfomi: Studio del Primario di Oncologia di Piacenza

“NANOFORME TOSSICHE NEL VACCINO PFIZER-BIONTECH”. Studio “Esplosivo’ in ESPOSTO della POLIZIA. Pubblicato dal biochimico Segalla in Italia e USA

(Visited 1.569 times, 4 visits today)

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *