ITALIA, GERMANIA E USA CONTRO LA CONDANNA ONU DEL NAZISMO. Per Proteggere i Fans Ucraini delle SS del Battaglione Azov di Zelensky

ITALIA, GERMANIA E USA CONTRO LA CONDANNA ONU DEL NAZISMO. Per Proteggere i Fans Ucraini delle SS del Battaglione Azov di Zelensky

156.574 Views

di Carlo Domenico Cristofori

ENGLISH VERSION

Ancora una volta alcune nazioni della NATO hanno votato contro una risoluzione delle Nazioni Unite che è stata comunque approvata – con 118 voti a favore – volta a condannare la glorificazione del Nazismo.

Tra queste ci sono proprio quegli stati come la Germania, l’Italia e la Spagna che hanno visto la loro storia segnata dalla dittatura del NaziFascismo e quelli come l’Ucraina e gli USA che sono stati complici di Adolph Hitler: il paese dell’Europa dell’Est facendo una strage di 1,6 milioni di ebrei, quello nordamericano attraverso il finanziamento dei Rockefeller alle industrie chimiche del Fuhrer.

L’Occidente protegge le Truppe NeoNaziste di Zelensky

Tre sono i motivi per cui dei paesi apparentemente democratici hanno assunto questa drastica e anacronistica posizione. In primo luogo perché la risoluzione è stata presentata dalla Russia che ha ripetutamente denunciato, senza successo, i crimini commessi nel Donbass filorusso ai neonazisti del Battaglione Azov, il famigerato gruppo di paramilitari ufficialmente inquadrato nella Guardia Nazionale Ucraina diretta dal Ministero dell’Interno di Kiev, ma designato come organizzazione terroristica dalla Corte Suprema di Mosca.

CRIMINI DI GUERRA & INGANNI. Corte Penale contro Putin! Impuniti Alleati NATO: Nazisti Ucraini e Macellaio Bosniaco Generale di Jihadisti

Proprio per questo, la seconda motivazione, è la volontà dell’Ucraina di negare le violazioni dei diritti umani e dei crimini di guerra per cui gli estremisti di destra dell’Azov sono stati denunciati anche da Amnesty International alla Corte Criminale Internazionale (ICC) senza che alcun provvedimento sia mai stato preso da quest’ultima.

Gli USA e la Germania, tra i primi fornitori di aiuti militari al regime filo-nazista del presidente Volodymyr Zelensky, non possono quindi correre il rischio che una risoluzione dell’ONU possa mettere in discussione le ideologie di una delle più leggendarie forze militari ucraine.

KIEV: L’ABBRACCIO DELLA VERGOGNA. Procuratore della Corte Penale de L’Aja da Zelensky prima del Mandato di Arresto a Putin. Indaga Mosca

Ma anche l’Italia, a sua volta finanziatrice del materiale bellico all’Ucraina per un colossale business della Lobby delle Armi di cui l’attuale Ministro della Difesa Guido Crosetto è stato rappresentante, nutre il medesimo timore in quanto l’ideologo della premier Giorgia Meloni e del suo partito Fratelli d’Italia, il sottosegretario Giovanbattista Fazzolari, in più di un’occasione ha osannato come eroi i militanti del Battaglione Azov, tatuati con simboli nazisti e satanisti.

NEONAZISTI UCRAINI “EROI” PER IL ‘GURU” DELLA MELONI. Il Sottosegretario Fazzolari Elogia i Feroci Paramilitari di Estrema Destra

Il Battaglione Azov addestrato dalla CIA

Infine, la ragione forze più profonda, è che il controspionaggio americano della Central Intelligence Agency da decenni alimenta le formazioni dell’estrema destra di Stephan Bandera, tra cui la meno nota C-14, e dopo il sanguinario golpe del 2014 a Kiev finanziato da George Soros e da alcune ambasciate di paesi NATO e preparato dall’intelligence anglo-americana (CIA e MI6 britannico) ha addestrato il Battaglione Azov attraverso il reparto speciale Ground Branch.

Tutto ciò è talmente noto da essere stato oggetto di un dossier dell’arcivescovo Carlo Mario Viganò, Nunzio Apostolico Emerito della Santa Sede negli USA.

UCRAINA, DOSSIER VIGANO’ – 2: “ZELENSKY tra World Economic Forum, NWO & NeoNazisti Addestrati dalla CIA”

Tutto ciò è avvenuto nonostante la gravità storica delL’Olocausto in Ucraina, verificatosi tra il 1941 e il 1944, con lo sterminio di massa di circa 1,6 milioni di ebrei che vivevano in Unione Sovietica ad opera della Germania nazista e con la forte partecipazione dei collaborazionisti ucraini.

C-14, IL GERME DEL NEO-NAZISMO IN UCRAINA. Organizzazioni Nazionaliste e Russofobe tra gli 007 SBU svelate da un Italiano a Mariupol

L’Olocausto in Ucraina

Le uccisioni avvennero in Ucraina perché la maggior parte degli ebrei sovietici prima della seconda guerra mondiale viveva nella cosiddetta “Zona di residenza”, di cui l’Ucraina era la parte più grande. Lo sterminio ebbe luogo nel Reichskommissariat Ukraine, nel Governatorato Generale, nel Governorato Generale della Crimea e in alcune aree sotto controllo militare ad est del Reichskommissariat Ukraine, anch’esse sottomesse alla Germania nazista, e anche nel Governatorato della Transnistria e nella Bucovina settentrionale (entrambe occupate e quest’ultima annessa alla Romania) e la Rutenia subcarpatica (allora parte dell’Ungheria) nella seconda guerra mondiale. Le aree elencate fanno oggi parte dell’Ucraina.

Ukrainian Nationalist Movement Post-WWII Bought and Paid for by the CIA. From SS Galician to Azov Neo-Nazis

Gli ucraini che collaborarono con i nazisti lo fecero in vari modi: tramite la partecipazione nell’amministrazione locale, nella polizia ausiliaria sotto la supervisione tedesca, nella Schutzmannschaft, nell’esercito tedesco e in servizio come guardie dei campi di concentramento. Gli ausiliari della polizia ucraina “erano stati coinvolti nei preparativi per il massacro di Babij Yar”.

E’ il nome di un fossato nei pressi della città ucraina di Kiev. Il luogo è tristemente noto per essere stato, durante la seconda guerra mondiale, un sito di massacri ad opera dei nazisti e collaborazionisti ucraini ai danni della popolazione locale. Particolarmente documentato e noto fra tali massacri fu quello compiuto tra il 29 e il 30 settembre 1941, in cui trovarono la morte 33.771 ebrei di Kiev.

Tutto ciò spiega la volontà della Russia di ottenere una condanna unanime del Nazismo e della sua nuova glorificazione che sta avvenendo con la guerra in Ucraina.

Quasi 50 paesi hanno votato contro il testo proposto dalla Russia

Martedì l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione redatta dalla Russia sulla lotta all’esaltazione del nazismo con un voto di 118 a 49 e con l’astensione di 14 Stati membri. La risoluzione invita i membri delle Nazioni Unite ad adottare misure adeguate per contrastare il revisionismo storico e la negazione dei crimini contro l’umanità commessi durante la Seconda Guerra Mondiale.

ECCO COME ROCKEFELLER AIUTO’ HITLER E I NAZISTI. Il Patto Standard Oil e IG Farben – Gospa News International

Mosca propone la risoluzione ogni anno da quasi due decenni, esortando le Nazioni Unite a combattere la “glorificazione del nazismo, del neonazismo e di altre pratiche che contribuiscono all’escalation delle forme contemporanee di razzismo, discriminazione razziale, xenofobia e relativa intolleranza”.

Martedì, in una votazione, dozzine di stati membri delle Nazioni Unite hanno espresso opposizione alla proposta, tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Francia, Spagna, Germania, Italia e Giappone, così come Ucraina, Georgia, Lettonia, Lituania e una manciata di altri.

LOBBY ARMI – 13. Piano “Schengen Militare” per l’Europa. NATO rilancia Pericolosa Strategia del think-tank CEPA Finanziato dai Signori della Guerra

Secondo quanto riportato dai media, il voto finale di martedì pomeriggio è stato di 118 favorevoli, 49 contrari e 14 astenuti. L’ONU deve ancora pubblicare i dettagli completi della sessione.

“Un gruppo di paesi occidentali ha tentato di trasformare l’iniziativa russa in un documento politico specifico per paese”, ha detto la vice rappresentante permanente della Russia, Maria Zabolotskaya. “Se i problemi si riflettono nella risoluzione, allora è importante lavorare con questi problemi e non cercare di indebolire la cooperazione nel campo della lotta al neonazismo, al razzismo e alla xenofobia”.

STUDENTI USA A LEZIONE DI NEO-NAZISMO. La Stanford University ospita Intervento di un Capo del Battaglione Azov

Tuttavia, i risultati del voto “parlano da soli”, ha aggiunto Zabolotskaya, esprimendo gratitudine alle delegazioni che hanno votato a sostegno, tra cui Cina, Brasile, Israele e decine di altri.

Nel 2021, alla risoluzione si opposero solo due Stati, Stati Uniti e Ucraina, mentre altri 49 si astennero, principalmente alleati di Washington. Tuttavia, nel 2022, invece di astenersi, l’Occidente collettivo, comprese le ex potenze dell’Asse Germania, Italia, Austria e Giappone, ha votato per la prima volta contro il testo proposto dalla Russia.

Carlo Domenico Cristofori
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione
segui Fabio Carisio su Twitter
Gospa News su Telegram


FONTI PRINCIPALI

GOSPA NEWS – LOBBY DELLE ARMI

GOSPA NEWS – DOSSIER UCRAINA

GOSPA NEWS – INCHIESTE OSINT – INTELLIGENCE

ZELENSKY VUOLE ARRESTARE IL PATRIARCA DI MOSCA. Un altro Atto NaziSionista del NWO di Soros contro i Cristiani

LA FILO-NAZISTA MELONI STA CON CHI UCCIDE I BIMBI IN CHIESA. Appoggia Netanyahu e Crimini di Guerra Sionisti

GUERRIGLIERI DI SATANA IN UCRAINA AL SERVIZIO DI ZELENSKY, CIA E NATO. NeoNazista USA Ammette Crimini Disumani del Battaglione Azov

USA, ITALIA E GERMANIA DIFENDONO IL NAZISMO INSIEME ALL’UCRAINA. 50 Paesi Votano contro la Risoluzione della Russia all’ONU

GOLPE NATO IN UCRAINA: LA GENESI – 3. Corte di Kiev Condanna i Poliziotti ma Ignora i Misteriosi Cecchini

Russian Supreme Court designates Azov Nationalist Battalion as Terrorist Organization

CIA’s Ground Branch is Training Ukrainian Paramilitaries against Russia.

(Visited 694 times, 6 visits today)

Carlo Domenico Cristofori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *