LOBBY ARMI – 15. Inchiesta UE sui Missili all’Ucraina. Giallo su quelli Italiani Secretati da Crosetto, Amico dei Signori della Guerra

LOBBY ARMI – 15. Inchiesta UE sui Missili all’Ucraina. Giallo su quelli Italiani Secretati da Crosetto, Amico dei Signori della Guerra

91.886 Views

Nell’immagine di copertina il sistema anti-missile SkyGuard Aspide costruito dal consorzio MBDA partecipato dall’italiana Leonardo spa e il ministro Crosetto mentre accoglie a Palazzo Chigi il presidente ucraino Zelensky nella sua visita del 13 maggio 2023

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

ENGLISH VERSION

L’Unione europea sta conducendo un’indagine sulle forniture di armamenti fornite a Kiev dagli Stati membri: l’audit si svolge sullo sfondo delle dichiarazioni secondo cui diversi Paesi avrebbero inviato meno di quanto avrebbero potuto. Lo riferisce il quotidiano britannico “Financial Times”, citando fonti informate dell’Ue proprio mentre il Congresso USA ha congelato la proposta di un ulteriore pacchetto di aiuti militari.

SE IL TERRORISMO NATO-KIEV DIVENTA NUCLEARE NON PUO’ LASCIARE INDIFFERENTI. Dopo le Bombe anche i Droni Ucraini contro la Centrale Atomica di Zaporizhzhia

Washington, il principale sponsor di quella che alcuni politici statunitensi hanno definito una “guerra per procura” in Ucraina (vedi tabella sotto – ndr), ha finito i soldi per Kiev dopo aver bruciato 113 miliardi di dollari in pacchetti di aiuti approvati dal Congresso. L’ultima richiesta di finanziamento del presidente Joe Biden, che comprende 61,4 miliardi di dollari in ulteriore assistenza militare e finanziaria per l’Ucraina, è bloccata a causa della crescente opposizione dei legislatori repubblicani” scrive RT (Russia Today).

Invece “Bruxelles sta conducendo una verifica sugli armamenti forniti all’Ucraina dagli Stati membri dell’Ue dopo l’inizio dell’invasione della Federazione Russa, in risposta alle dichiarazioni secondo cui alcune Paesi non hanno inviato quante armi avrebbero potuto”, si legge sul quotidiano.

LOSCHI TRAFFICI DI ARMI DEL PENTAGONO. Spariti Missili per 1 Miliardo di Dollari. Nuove Forniture in Kosovo per Infiammare i Balcani

Secondo le fonti del giornale britannico, l’analisi viene effettuata dal Servizio europeo per l’azione esterna (Eeas), che intende presentare i suoi risultati ai Paesi membri prima del vertice straordinario dei leader dell’Ue del primo febbraio.

Questa verifica avviene mentre il Pentagono ha scoperto di aver “perso” missili, droni e altri armamenti destinati a Kiev per l’astronomico valore di un miliardi di dollari proprio mentre lanciarazzi di fabbricazione USA sono stati trovati nelle mani dei terroristi palestinesi di Hamas…

Uno degli ultimi rilevamenti del valore delle azioni dell’industria tedesca Rheinmetall, divenuta tristemente famosa nel 2019 per le bombe prodotte in Italia e trovate nello Yemen nonostante l’embargo ONU sull’importazione di armi

Ma anche il quotidiano tedesco Der Spiegel ha segnalato che le autorità tedesche sono state in grado di effettuare solo due verifiche sulle numerose forniture avvenute dal 2022 ad oggi sebbene la Germania sia uno dei paesi che ha garantito il maggior supporto militare al presidente Volodymyr Zelensky facendo registrare alla più importante industria degli armamenti, la Rheinmetall, un incremento del 53 % del valore delle azioni in un solo anno!

https://www.gospanews.net/en/2023/12/11/thanks-to-ukrainian-weapons-hamas-resists-vs-israels-massacre-in-gaza-which-goes-on-due-to-us-veto-at-un/

Armi Italiane “Sparite” ancor prima di Partire…

Qual è la situazione in Italia?

Non è errato affermare che sono sparite ancor prima di partire. Infatti, mentre il Pentagono pubblica regolarmente ad uso del Congresso l’elenco di tutte le armi fornite a Kiev ed analoghi elenchi sono rintracciabili per il Regno Unito e la Germania, in Italia i pacchetti delle forniture militari vengono secretati e pertanto non possibile verificare quali e quante esse sono state inviate e, di conseguenza, quante sono arrivate regolarmente a destinazione.

“PIU’ ARMI A KIEV”. NATO ORDINA, IL PARLAMENTO ITALIANO ESEGUE! In Festa i Signori della Guerra Amici del Ministro Crosetto

La questione rimane tenuta nascosta anche alla maggior parte dei parlamentari in quanto soltanto la cerchia ristretta del COPASIR (Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica) ne viene a conoscenza in quanto deve autorizzare i decreti predisposti dal Ministro della Difesa, Guido Crosetto, nominato dalla premier Giorgia Meloni in tale incarico sebbene ex presidente della Confindustria delle Armi ed ex consulente dell’industria nazionale dei sistemi di difesa Leonardo spa.

TIM A SIONISTI AMERICANI KKR: partner di ROCKEFELLER, LOBBY ARMI ed ex DIRETTORE CIA. Meloni cede la Società di Telecomunicazioni. Attenti ai Dati…

Tale incarico suscitò lo sdegno anche dei media di mainstream ma l’alleanza tra Meloni e il vero mentore di Fratelli d’Italia, siglata nel segno dell’affiliazione ai think tank finanziati dalla dinastia americana dei Rockefeller (noti signori delle guerre che finanziarono anche Adolf Hitler), andò oltre alle fondate polemiche e con la segretazione delle forniture di armi all’Ucraina si garantì la libertà di ogni azione senza nemmeno un approfondito controllo parlamentare.

“AFFARI DI FAMIGLIA” SULLE ARMI DI LEONARDO: GIORGETTI SI DIMETTA! Suo Fratello Manager degli Elicotteri. Lui assunse figlio di Tangentista della Multinazionale

Tale questione assume ancor più rilevanza se si pensa che il fratello del Ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti, al quale spetta il controllo della partecipazione statale del 30 % in Leonardo spa, è direttore commerciale del ramo elicotteri di tale industria…

Ha scritto il 5 ottobre 2023 il quotidiano online Affari Italiani:

«Per la prima volta dal governo italiano arriva una brusca frenata sulle armi per l’Ucraina. Il ministro della Difesa Crosetto lo dice chiaramente: “Non possiamo più permettercelo, c’è il rischio di non averne più per noi poi. Quando si parla di forniture all’Ucraina ci sono due aspetti”, puntualizza Crosetto, “uno politico e poi quello tecnico, per vedere cosa si è in grado di dare senza mettere in pericolo la necessità di preservare la Difesa italiana sempre. C’è una continua richiesta da parte ucraina di aiuti, bisogna verificare ciò che noi siamo in grado di dare rispetto a ciò che a loro servirebbe: la disponibilità dell’ottavo pacchetto c’è”».

Natale Ipocrita! L’ONU CONDANNA LA PERSECUZIONE NAZI-SIONISTA DEI CRISTIANI IN UCRAINA. Ma la Premier Meloni la Finanzia con le Tasse degli Italiani

Infatti a dicembre fu decretata tale ulteriore aiuto approvato dal Parlamento all’inizio dell’anno con l’usuale occultamento dell’entità e tipologia degli armamenti.

Su iniziativa del Ministro della Difesa, Guido Crosetto, del Ministro agli Affari esteri, Antonio Tajani, e del ministro all’Economia, Giancarlo Giorgetti, e con il consenso dell’intero governo, è stata decisa la proroga, dal 1 gennaio al 31 dicembre 2024, dell’autorizzazione alla “cessione di mezzi, materiali ed equipaggiamenti alle Autorità governative dell’Ucraina”.

La Camera dei Deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato le risoluzioni di maggioranza che impegnano il governo – in linea con quanto stabilito in ambito NATO e Ue nonché nei consessi internazionali di cui l’Italia fa parte – a continuare a sostenere l’Ucraina. La risoluzione alla Camera è stata approvata con 195 favorevoli, 50 contrari e 55 astenuti; quella al Senato con 103 favorevoli, 24 contrari e 27 astenuti.

LOBBY ARMI – 11. SIGNORI DELLA GUERRA PIU’ RICCHI GRAZIE A NATO & KIEV CONTRO LA PACE. Enormi Profitti delle Industrie Militari Occidentali

Secondo una lista non verificabile e certamente parziale pubblicata da Wikipedia sulla base di fonti incrociate soltanto nel 2023 l’Italia avrebbe fornito all’ucraina i seguenti materiali bellici:

Sistemi di difesa aerea (3 batterie), Batteria SkyGuard Aspide [febbraio 2023], Batteria Spada [febbraio 2023]. 1 batteria SAMP/T MAMBA [maggio 2023] (in collaborazione con la Francia), Lanciarazzi multipli (2), 2 227mm M270A1 MLRS-Is [ottobre 2022], Artiglieria semovente (106+).

I sistemi difensivi sono costruiti da MBDA che è il principale consorzio europeo costruttore di missili e tecnologie per la difesa, controllato dalle corporations Airbus Group (37,5%), BAE Systems (37,5%), e Leonardo (25%).

Indagine UE per il Controllo delle Forniture all’Ucraina

Secondo fonti diplomatiche, l’audit di verifica dell’UE si baserà sui materiali presentati dagli Stati membri in risposta alle richieste dell’Eeas.

«Secondo una delle fonti, l’audit in corso ha già incontrato la resistenza di diversi Paesi che non vorrebbero fornire i dati completi. Come riporta il “Financial Times”, la decisione di avviare un’indagine è avvenuta in seguito alla richiesta del cancelliere tedesco Olaf Scholz di contare e confrontare le forniture militari dai Paesi dell’Ue a Kiev» scrive l’Agenzia NOVA, esperta sul tema in quanto sponsorizzata da Leonardo, sintetizzando l’articolo del Financial Times (link a fondo pagina).

Scholz aveva affermato che i Paesi dell’Ue dovranno aumentare la spesa per l’assistenza militare all’Ucraina quando adotteranno un nuovo bilancio per il 2024, come ha già fatto la Germania.

Uno dei pochi dossier sulla fornitura di armi all’Ucraina realizzato dal Kiel Institute The World economy è aggiornato solo fino al gennaio 2023 – clicca sull’immagine per vedere il dossier completo in Inglese

«Il cancelliere tedesco ha ricordato che l’attuale progetto di bilancio della Germania prevede 8 miliardi di euro per il sostegno militare a Kiev. Allo stesso tempo, Scholz ha aggiunto che i volumi di forniture di armi previste dalla maggior parte dei Paesi membri dell’Ue per l’Ucraina sono “troppo bassi”» aggiunge Agenzia NOVA che, essendo sponsorizzata da Leonardo spa, ha tutto l’interesse in un incremento delle forniture…

Scholz ha chiarito che Berlino ha chiesto a Bruxelles informazioni sui bilanci dei Paesi Ue per avere dati più concreti in vista della prossima riunione del Consiglio europeo.

L’espansione del Fondo europeo per la pace (EPF) per fare la Guerra in Ucraina

Alcuni paesi dell’UE diversi dalla Germania, in particolare nell’est del blocco, stanno anche spingendo per l’espansione del Fondo europeo per la pace (EPF), un’iniziativa congiunta fondo che finanzia in parte le spedizioni di armi in Ucraina, per aumentare le forniture e condividere l’onere dei costi.

L’EPF, che finanzia progetti legati alla difesa nei paesi terzi, non è stato rafforzato dal giugno 2023, e i 27 Stati membri del blocco non sono riusciti a trovare un accordo su una mossa per creare una quota di 5 miliardi di euro all’anno dedicata all’Ucraina.

SFREGIO DI ZELENSKY & NWO ALLA PACE. Rifiuta la Mediazione del Papa grazie alle Armi Promesse da Mattarella per il Nuovo Ordine Mondiale

Grazie a questi aiuti militari il presidente ucraino Zelensky è stato incentivato, anche dal Presidente della Repubblica iTaliana Sergio Mattarella, a rifiutare ogni trattativa per un accordo di pace con la Russia portando allo stremo la sua popolazione anche con reclutamenti forzati di donne e anziani. 

Financial Times ha evidenziato le preoccupazione di Bruxelles:

“Dobbiamo assicurarci che [l’EPF] sia di nuovo sulla buona strada e possiamo utilizzarlo nuovamente per ulteriori tranche di sostegno all’Ucraina”, ha affermato un alto diplomatico dell’UE. Senza l’EPF, “alcuni Stati membri . . . non fornirà alcun sostegno militare”. La maggior parte degli Stati membri è “molto preoccupata di fornire quanto più [aiuto militare] possibile all’Ucraina in questi mesi critici, [al] fronte dove si vedono sviluppi critici”, ha aggiunto il diplomatico.

LOBBY ARMI – 14. BUSINESS SULLE GUERRE IN PIEMONTE . Festa e Fiera di Aerospazio & Difesa a Torino: Città dell’AI di Gates e dei Progetto Militari NATO

In questa ottica proprio il Piemonte, dove fu coordinatore regionale di Forza Italia l’attuale ministro Crosetto, ha deciso di investire massivamente sul Distretto dell’Aerospazio di cui è capitale Torino dove la NATO ha avviato il progetto DIANA sull’uso militare dell’intelligence artificiale in partnership con la Microsoft di Bill Gates che ha “coltivato” nella sua Ong GAVI per l’immunizzazione globale il suo pupazzo Jens Stoltenberg, attuale segretario generale dell’alleanza Atlantica…

Fabio Giuseppe Carlo Carisio
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione
segui Fabio Carisio su Twitter
Gospa News su Telegram


FONTI PRINCIPALI

GOSPA NEWS – DOSSIER UCRAINA

GOSPA NEWS – LOBBY ARMI

FINANCIAL TIMES – Brussels audits EU states’ arms supplies to Ukraine

LOBBY ARMI – 13. Piano “Schengen Militare” per l’Europa. NATO rilancia Pericolosa Strategia del think-tank CEPA Finanziato dai Signori della Guerra

MELONI E CROSETTO NELLA CORTE DEI ROCKEFELLER. Lei nell’Aspen, lui nello IAI: partner di Think-Tank USA Covo di Lobby Armi & Big Pharma

SUICIDIO DELL’UCRAINA PER “DISTRUGGERE IL RUSSO”. Strazio del Popolo in Mobilitazione Generale e Reclutamento Forzato (video)

LOBBY ARMI – 9. BANCA DI NORVEGIA: AFFARI DI GUERRA TRA STOLTENBERG, GATES, NATO & ITALIA. Oslo Lucrerà sui Carri Armati tedeschi in Ucraina

ECCO COME ROCKEFELLER AIUTO’ HITLER E I NAZISTI. Il Patto Standard Oil e IG Farben – Gospa News International

STOP ALLE BOMBE ITALIANE USATE NELLO YEMEN. L’azienda annuncia ricorso contro il governo che è però partner degli azionisti BlackRock

https://www.gospanews.net/en/2023/07/02/weapons-lobby-10-german-arms-making-giant-flourishing-amid-ukraine-crisis/

(Visited 521 times, 9 visits today)

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *